Continuità assistenziale e Medicina territoriale, Tassone: “L’Asp faccia chiarezza sul caso di Arena e riorganizzi la presenza di specialisti sul territorio”

"Apprendo della denuncia del sindaco di Arena riguardante l’inefficacia del servizio di continuità assistenziale che si sarebbe concretizzata con mancati interventi a seguito di richieste di intervento domiciliare. Se fosse un fatto corrispondente alla realtà, si tratterebbe di un caso grave. Invito, pertanto, caldamente l’Asp ad andare fino in fondo per accertare la verità, per chiarire ogni eventuale forma di responsabilità e per verificare l’adeguata fornitura di dispositivi di sicurezza a coloro che operano sul territorio”.

Il consigliere regionale Luigi Tassone esprime le sue perplessità su quanto emerso per via della denuncia del primo cittadino Antonino Schinella e approfondisce diversi aspetti relativi alla tutela della salute.

“Soprattutto in questo momento di emergenza - sostiene – è necessario garantire la massima sicurezza alla popolazione. Arrivano, però, diverse segnalazioni secondo le quali alcune aree sarebbero sguarnite di alcuni servizi essenziali di Medicina territoriale. Carenze che si sarebbero manifestate ed amplificate dopo una rimodulazione della presenza degli specialisti distrettuali sul territorio. Chiedo all’Asp – conclude – di procedere con un’equa distribuzione di questi specialisti in modo da garantire i servizi in maniera certa ed uniforme nell’interesse dell’intera comunità, già alle prese con gli effetti del ritardo di sviluppo e di una devastante pandemia”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.