Rapina una donna, ma rimane impigliato in un cancello durante la fuga: arrestato

Nella tarda serata di ieri, i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Cosenza hanno tratto in arresto un 22enne cosentino ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata.

Il giovane è accusato di essersi introdotto nell’auto di una ragazza e di essersi fatto consegnare, dietro la minaccia di un coltello, la borsa con all’interno il portafogli, il telefono cellulare ed i documenti personali.

Il 22enne si sarebbe, quindi, dato alla fuga, inseguito dalla vittima. Le grida della donna hanno richiamato l’attenzione di  un agente della polizia penitenziaria libero dal servizio che, si è messo all’inseguimento del fuggivo.  

Il  rapinatore, nel tentativo di sfuggire ai suoi inseguitori, si è lanciato in un dirupo che delimita un cantiere e dopo aver scavalcato la recinzione per entrare nell'istituto scolastico "A. Monaco", è rimasto impigliato nel cancello.

I militari della pattuglia della Sezione radiomobile, giunti sul posto in seguito ad una segnalazione hanno fermato il ragazzo e recuperato la borsa che è stata restituita alla proprietaria.

Il giovane, che durante la fuga era caduto da un’altezza di circa 4 metri, ha riportato gravi ferite al volto per le quali è stato trasportato in ospedale con un’ambulanza.

Infine, l’arrestato è stato posto ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.