'Ndrangheta, Operazione “Faust": Colpita la cosca Pisano. Domiciliari per il sindaco e un consigliere comunale di Rosarno

È stata denominata 'Faust', l'operazione con la quale, questa mattina, i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 49 persone.

Gli arresti sono stati compiuti a Rosarno, Polistena ed Anoia, nonché nelle province di Vibo Valentia, Messina, Salerno, Matera, Brindisi, Taranto, Alessandria e Pavia.

Con l’ operazione, gli investigatori hanno fatto luce sulle modalità operative della cosca dei 'Pisano', conosciuti comi 'i diavoli di Rosarno', nonché, in un contesto che rivela cointeressenze di sodalizi operanti nel mandamento tirrenico, la pervasività dell’articolazione territoriale di ‘ndrangheta denominata società di Polistena -  capeggiata da esponenti della famiglia “Longo” - e della locale di ‘ndrangheta di Anoia.

Tra le persone finite ai domiciliari, anche il sindaco di Rosarno, Giuseppe Idà ed il consigliere comunale Domenico Scriva.

Per gli investigatori, i due amministratori avrebbero beneficiato dell’appoggio elettorale fornito dalla cosca 'Pisano', in cambio della promessa di incarichi nell’organigramma comunale a uomini di fiducia della consorteria criminale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.