Smantellata piazza di spaccio, sette arresti

All’alba di oggi, nelle province di Reggio Calabria e Messina, i Carabinieri del Comando provinciale reggino, con il supporto dei colleghi dello Squadrone eliportato Cacciatori e dei Comandi Arma competenti per territorio, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza d’applicazione di misura cautelare personale, emessa dal Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 7 persone (di cui 4 in carcere e 3 agli arresti domiciliari) ritenute responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, di detenzione, vendita, acquisto e cessione di sostanze stupefacenti, quali marijuana, hashish e cocaina. I destinatari della misura cautelare in carcere sono: Pietro  Gerace, 39 anni, di Varapodio; Giuseppe Ranieri (59) di Varapodio; Francesco Mangano (31), di Oppido Mamertina; Giovanni Maiorana (48), di Messina.

Domiciliari, invece, per: Rosaria Ranieri (22), di Varapodio; Pietro Mazza (26), di Messina e Antonio Spizzica ( 43), di Gioia Tauro.

L’operazione giunge al termine di un’attività investigativa avviata dai Carabinieri di Taurianova, in seguito ad una serie di danneggiamenti con arma da fuoco che hanno interessato il Comune di Varapodio negli ultimi mesi del 2018.

Dalle indagini è emersa la presenza di un gruppo criminale dedito alla compravendita di hashish, marijuana e cocaina.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.