Ex Lpu prorogati fino a maggio, Tassone: “Subito l’equiparazione con gli Lsu per consentire la stabilizzazione”

“La proroga in extremis dei contratti degli ex Lpu costituisce una primissima buona notizia per questi lavoratori precari. Ma è una atto parziale e da completare al più presto con la piena equiparazione agli ex Lsu”.

Il consigliere regionale Luigi Tassone interviene nel merito del decreto approvato in serata nel Consiglio dei ministri e sottolinea che “l’equiparazione è indispensabile per gli Enti locali che vogliono avvalersi delle deroghe di legge e dare un futuro a questi lavoratori che da oltre un ventennio contribuiscono allo svolgimento di servizi essenziali”.

“In assenza di questo passaggio – spiega Tassone – gli Enti in riequilibrio finanziario pluriennale e in dissesto non potranno procedere con la stabilizzazione pur in presenza delle risorse messe a disposizione dalla Regione Calabria”. Da qui nasce l’appello “a tutte le forze politiche” affinché “facciano quadrato per risolvere un problema che è anche di giustizia sociale”.

Tassone si sofferma inoltre sul percorso degli ex Lsu e invita la Regione a “raccordarsi con gli Enti, in quanto la diversa interpretazione della normativa sulla storicizzazione delle risorse ha spinto i Comuni a procedere ad una stabilizzazione con orario ridotto con conseguente penalizzazione per i lavoratori, che si trovano con stipendi esigui, e le comunità, che vedono riflettersi effetti a cascata sulla fornitura dei servizi”.

“Da sindaco – conclude - ho posto la massima attenzione sulle vicende dei lavoratori precari compiendo tempestivamente tutti gli atti propedeutici alla loro stabilizzazione e da consigliere regionale ho mantenuto inalterata questa attenzione sollecitando le Istituzioni a dare soluzioni adeguate e definitive”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.