Spaghetti con ricci di mare

I ricci di mare sono una specie molto diffusa nel Mediterraneo. Si possono trovare a profondità medio basse accanto alle distese di posidonia. Ciò che li rende una specialità per molti buongustai sono le uova contenute negli esemplari “femmina”. Ci sono due modi per individuare in maniera pressoché infallibile la varietà che contiene le deliziosa uova. Il primo si basa su un dato cromatico. I ricci maschi, infatti, sono neri, mentre le femmine presentano sfumature che vanno dal nero chiaro al viola. Un altro sistema, invece, permette di individuare gli esemplari da pescare grazie alle alghe o alle conchiglie con le quali il riccio femmina si copre per mimetizzarsi. Una volta pescati bisogna dotarsi di un guanto piuttosto spesso ed aprirli con un coltello appuntito. Le uova possono essere gustate con il pane, facendo la scarpetta direttamente nel guscio, o in alternativa per preparate un condimento da usare con la pasta. In quest’ultimo caso gli ingredienti per quattro persone sono i seguenti: 400 grammi di spaghetti; 300 grammi di uova di riccio, 1 spicchio d'aglio, 1 limone, 1 ciuffo di prezzemolo olio extravergine d'oliva, sale q.b.

Preparazione:  Usare una ciotola per mantecare le uova di riccio con olio extravergine d'oliva fino a che il composto non monta leggermente. Nel frattempo, soffriggere in una padella uno spicchio d'aglio in camicia. Cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata e appena pronti saltarli in padella con il soffritto fuori dal fuoco, farli insaporire e versarli nella ciotola con le uova di riccio. Mescolare energicamente e prima di servire in tavola aggiungere il prezzemolo ed una spolverata di buccia di limone

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.