Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 983

Dasà, il sindaco Corrado ed il vicesindaco Scaturchio rinunciano alle indennità

Nel mezzo di una tempesta amministrativa, con i componenti dell’esecutivo che si sono dimessi uno dietro l’altro, spunta una delibera – la n. 31 del 1* settembre, pubblicata ieri - che certifica un gesto concreto e meritorio. Il sindaco di Dasà, Giuseppe Corrado, ed il vicesindaco, Raffaele Scaturchio, rinunciano alle loro indennità. Il primo non incasserà parte dell’indennità 2015, per un ammontare di 3.000 euro, che saranno utilizzati per il completamento dei lavori del Parco delle Rimembranze; il secondo non avrà l’intero importo delle spettanze 2015, pari a 2.000 euro: 1.500 saranno devoluti alla parrocchia San Nicola e San Michele e 500 andranno alla Caritas parrocchiale. Ma questa scelta non è una novità. Perché l’operazione di non intascare le indennità è già stata effettuata per il 2013 ed il 2014, con circa 10.000 euro che gli amministratori hanno preferito mettere a disposizione della collettività. Un gesto che testimonia l’attaccamento alla propria comunità e che rappresenta un segnale di vicinanza alla popolazione in un momento di difficoltà economiche.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.