Beccati con 200 grammi di marijuana in auto, arrestati

I carabinieri hanno arrestato S.M. e C.C., di 25 e 29 anni, originari di Palizzi, perchè trovati in possesso di 200 grammi di marijuana.

In particolare, i due sono stati fermati per un controllo, mentre percorrevano in auto la statale 106, nei pressi Bova Marina (Rc).

Constatati i precedenti di uno dei due, i militari hanno deciso di effettuare una perquisizione nel corso della quale, in auto, sotto il sedile anteriore del passeggero, hanno rinvenuto una busta di plastica con 200 grammi di marijuana.

Sono quindi scattate le manette per i due giovani, che dovranno ora rispondere del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Una volta finiti al carcere “Panzera” di Reggio Calabria, l’arresto è stato convalidato: il primo giovane è rimasto in carcere, mentre il secondo attenderà il processo agli arresti domiciliari.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Bloccato dopo un inseguimento viene trovato con 14 Kg di droga ed una pistola, arrestato

I carabinieri della Stazione di Palizzi Marina hanno arrestato P.M., 20 anni, di Africo.

Fermato al termine di un rocambolesco inseguimento, il giovane è stato trovato in auto con 14 chili di marijuana e una pistola clandestina, con il colpo in canna.

In particolare, i militari erano impegnati in un posto di blocco sul tratto della Ss106 che attraversa Marina di San Lorenzo (Rc) quando, intorno alle 2.40 di ieri notte, hanno intimato l’alt a una Fiat Tipo.

Il conducente, però, prima ha finto di accostare, poi è ripartito a folle velocità, cercando di sfuggire al controllo.

È scaturito quindi un inseguimento, conclusosi nei pressi di Bova Marina, dove il fuggitivo ha perso il controllo del mezzo ed ha sbattuto contro alcune auto in sosta.

Una volta raggiunto, i carabinieri hanno perquisito P.M. trovandolo in possesso di 14 chili di marijuana, ancora da essiccare, di una pistola con matricola abrasa, perfettamente funzionante e con il colpo in canna, 14 proiettili, un passamontagna, due cellulari e materiale vario, verosimilmente utilizzato per la raccolta dello stupefacente.

Il giovane, che dovrà ora rispondere, davanti al Tribunale di Reggio Calabria, dei reati di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto di arma clandestina, detenzione illecita di munizioni e resistenza a pubblico ufficiale, è stato associato alla casa circondariale “Arghillà” di Reggio Calabria.

Giallo in Calabria, amanti trovati morti in casa

 I cadaveri di un uomo di 27 anni e di una donna di 32 anni, entrambi di nazionalità indiana, sono stati rinvenuti in un'abitazione di Bova Marina, nel Reggino.

A trovare i corpi senza vita è stato il marito della vittima.

Alla vista dei cadaveri della moglie e del presunto amante della donna, l'uomo ha lanciato l’allarme.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Melito Porto Salvo che, vicino ai due corpi, hanno trovato una pistola di piccolo calibro.

I militari stanno cercando di ricostruire l'accaduto, anche se, allo stato, l'ipotesi più accreditata pare essere quella dell' omicidio-suicidio.

  • Pubblicato in Cronaca

Manomettevano sportelli bancomat e s'impossessavano del denaro, in manette 3 giovani romeni

Tre pregiudicati romeni, di età compresa tra i 20 ed i 27anni, sono stati arrestati, in flagranza di reato, dai carabinieri della Compagnia di Melito Porto Salvo, perché ritenuti responsabili di aver manomesso alcuni  sportelli bancomat a Bova Marina e Condofuri, nel reggino.

Le manette sono scattate attorno ai polsi di Claudio Adrian Punica di 27anni, Vladut Constantin Guinie e Viorel Costantin, entrambi 20enni.

 A partire dai giorni scorsi, i militari si erano messi sulle tracce di Costantin, il quale sarebbe riuscito ad impossessarsi di 200 euro, manomettendo lo sportello bancomat dell’ufficio postale di Bova Marina.

 In particolare, il 20enne, insieme a due complici che facevano da “palo”, avrebbe usato la sua carta bancomat per effettuare un prelievo di poche decine di euro. Al momento dell’erogazione, il giovane avrebbe inserito una “forchetta” all’interno del distributore di banconote, al fine di bloccarne lo sportellino.

Si tratta di un collaudato sistema che permette di bloccare le banconote prelevate dai clienti che usano lo sportello successivamente.

  Notata una persona che aveva infruttuosamente cercato di prelevare del denaro, Costantin si sarebbe avvicinato allo sportello  e, dopo aver estratto la “forchetta”, si sarebbe impossessato delle banconote.

 L’arresto è, quindi, scattato nel corso di un servizio durante al quale i militari dell’Arma hanno notato due giovani in prossimità dello sportello bancomat. Una volta sottoposti a controllo, uno di loro è stato trovato in possesso di un paio di forbici con la punta mozzata – probabilmente utilizzata per forzare gli sportelli automatici di erogazione delle banconote –  e di alcune banconote prelevate con analogo sistema da alcuni bancomat a Bova Marina e a Condofuri.

I tre, quindi, sono stati accompagnati presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Melito Porto Salo dove, una volta terminate le formalità di rito, sono stati dichiarati in stato di arresto e posti agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

  • Pubblicato in Cronaca

Furto di energia elettrica, in manette 51enne

I carabinieri della Stazione di Bova Marina, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, S. I., 51enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine.

L’arresto è scattato in seguito ad un controllo, nel corso del quale l’abitazione ed il laboratorio di falegnameria del 51enne sono risultati allacciati abusivamente alla rete elettrica pubblica.

Per lo stesso motivo S.I. era già stato denunciato nel 2016, pertanto a suo carico è stato disposto l’arresto.

Il 51enne, che avrebbe provocato un danno patrimoniale di circa 3mila euro, è stato posto ai domiciliari in attesa del rito per direttissima.

 

Furto di energia elettrica, arrestato 51enne

I carabinieri della Stazione di Bova Marina, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, S. I., 51enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine.

L’arresto è scattato in seguito ad un controllo, nel corso del quale l’abitazione ed il laboratorio di falegnameria del 51enne sono risultati allacciati abusivamente alla rete elettrica pubblica.

Per lo stesso motivo S.I. era già stato denunciato nel 2016, pertanto a suo carico è stato disposto l’arresto.

Il 51enne, che avrebbe provocato un danno patrimoniale di circa 3mila euro, è stato posto ai domiciliari in attesa del rito per direttissima.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, 'ndrangheta: sciolti tre Consigli comunali

"Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, ha deliberato lo scioglimento dei Consigli comunali di San Felice a Cancello (Caserta), Laureana di Borrello (Reggio Calabria), Bova Marina (Reggio Calabria) e Gioia Tauro (Reggio Calabria), per accertati condizionamenti dell’attività amministrativa da parte della criminalità organizzata.

La gestione degli enti, già sciolti per motivi amministrativi, viene pertanto affidata ad apposite Commissioni, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

È quanto si legge in un comunicato stampa della  presidenza del Consiglio dei ministri

 

  • Pubblicato in Cronaca

Balneazione: sfavorevoli le analisi suppletive a Bova Marina

Il Dipartimento di Reggio Calabria dell’Arpacal ha comunicato questa mattina al Commissario Straordinario del Comune di Bova Marina che “le analisi effettuate sul secondo campione suppletivo di acqua di mare prelevato in data 05/05/2017, ai sensi dell'art.6 comma 5 del D.lgs. n.116/08, presso la stazione di campionamento denominata "Centro 200m est Rada Azzurra", ha dato esito SFAVOREVOLE per i parametri Escherichia coli e Enterococco intestinalis con valore superiore a quello imposto dalla normativa vigente”. I valori di Escherichia coli, infatti, sono 3600 UFC/I00 ml, quando il valore limite è 500; i valori di Enterococco intestinalis sono 1400 UFC/I00 ml, quando il valore limite è 200.

Il Dipartimento reggino dell’Arpacal, nella nota trasmessa anche alla Regione ed al Ministero della Salute, ha avvisato il Comune di Bova Marina che “non saranno  eseguiti ulteriori campionamenti al di fuori di quelli previsti dal calendario di monitoraggio, salvo diversa comunicazione da parte di codesto Comune, in merito alle azioni intraprese per la rimozione delle cause di inquinamento”.

“Si precisa che – conclude la nota - come già comunicato alla Regione Calabria con nota prot. 18333 del 03.05.17, le coordinate del punto di prelievo effettivamente campionato (37"55'42.47"N - 15"54'43-13"E) non corrispondono al punto riportato sul portale acqua di balneazione per il tratto oggetto della presente comunicazione”.

Sottoscrivi questo feed RSS