Coronavirus: 13 nuovi positivi nelle province di Cz-Vv-Kr

Sono 13 i nuovi nuovi tamponi positivi accertati nelle ultime ventiquattr'ore dall'Asp di Catanzaro. Il dato è contenuto nel bollettino giornaliero diffuso dell’azienda ospedaliera del capoluogo di regione. Complessivamente, i tamponi eseguiti nelle ultime ore nell’area centrale della Calabria sono 303, per un totale di 3.381.

I nuovi casi positivi sono sono stati riscontrati in provincia di Catanzaro (7), Crotone (3) e Vibo Valentia (3). Infine, 14 pazienti sono ricoverati nel reparto di malattie infettive e due in quello di terapia intensiva.

  • Pubblicato in Cronaca

Coronavirus: dieci positivi nelle province di Cz-Vv-Kr

Dieci tamponi positivi sui 210 eseguiti.

E’ quanto emerge dal report giornaliero (aggiornato alle 12 di oggi) dell’Asp di Catanzaro.

I dati, riferiti all’area centrale della Calabria, evidenziano sei casi di coronavirus nel Catanzarese e quattro nel Vibonese.

Nessun nuovo positivo, invece, in provincia di Crotone.

Allo stato, negli ospedali catanzaresi risultano ricoverati 16 pazienti nel reparto di malattie infettive e cinque in terapia intensiva.

Catanzaro, Chirillo (Confesercenti): "Commercianti e artigiani al collasso, occorre congelare le segnalazioni Cai"

“Stop immediato alle segnalazioni Cai. Tanti piccoli commercianti e artigiani calabresi molto presto si troveranno al collasso”.

Lo denuncia il presidente di Confesercenti Catanzaro. Francesco Chirillo.

“Emerge purtroppo - sottolinea Chirillo - l'impossibilità diffusa per tanti imprenditori di onorare, già a partire da questo mese, i titoli a garanzia anticipati, come da prassi, ai loro fornitori. Garanzia di un pagamento che avrebbero, come sempre, onorato con il proprio lavoro. Ma adesso, per il blocco delle attività causato dal Covid-19, quegli impegni rischiano per la prima volta di non essere rispettati, per cause di forza maggiore ovvero per inevitabile carenza di liquidità. Uno scenario dalle conseguenze drammatiche. Bisogna intervenire subito con un provvedimento finalizzato a congelare immediatamente, già a far data da questo mese di marzo e fino a fine emergenza Covid-19, quantomeno le segnalazioni alle varie black-list di allarme interbancarie per assegni e scadenze cambiarie”.

“Non dobbiamo nasconderci dietro un dito - afferma Chirillo. - Sappiamo tutti che cedere un assegno post-datato è una prassi non regolare, ma è pur vero che è molto diffusa e tollerata nel commercio e, in particolare, nel rapporto tra i clienti e i fornitori quando tra le parti si è instaurato un rapporto fiduciario. Spesso sono accettati dalle stesse banche come cessioni di credito. Ma ora, ai tempi del coronavirus, molti di questi titoli a garanzia, con il blocco delle attività per il Covid-19, rischiano di non essere onorati per carenza di liquidità”.

Gli imprenditori “scoperti” pagherebbero conseguenze gravi, oltre alle possibili sanzioni pecuniarie, ovvero l’impossibilità di emettere altri assegni e l’iscrizione Cai, la centrale di allarme interbancaria. Risulta, quindi, “indispensabile sospendere, almeno fino a fine emergenza, tutti i provvedimenti di segnalazione soprattutto a carico di commercianti o artigiani”. Peraltro, conclude Chirillo, non c'è solo “l'onta” del protesto, come problema e spada di Damocle, ma anche “il rischio di bloccare tutta la filiera dei pagamenti delle partite Iva, interrompendo quello che resta della catena distributiva nazionale”.

E' quindi “urgente e necessaria una sorta di sanatoria a termine perché si congelino le segnalazioni di questo tipo durante il periodo emergenziale”.

Maltempo, diversi interventi dei vigili del fuoco

Tanti disagi a causa dell'ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Calabria.

Nella giornata di ieri, infatti, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Catanzaro sono stati chiamati a fronteggiare numerose situazioni critiche.

In particolare, nel capoluogo di regione hanno soccorso un autobus rimasto bloccato con la ruota posteriore a causa del cedimento del manto stradale.

In un altro intervento, invece, è stata messa in sicurezza un'auto che una frana stava trascinando in un burrone.

A Marcellinara, invece, i vigili del fuoco hanno rimosso un albero d'alto fusto che, a causa del vento, si abbattuto sulla sede stradale finendo su un veicolo in transito.

Fortunatamente il conducente della vettura è rimasto illeso.

Numerosi altri interventi sono stati espletati, in tutto il territorio provinciale, per mettere in sicurezza insegne, alberi divelti ed aree allegate.

  • Pubblicato in Cronaca

Coronavirus: il plauso di Wanda Ferro (FdI) per la nuova struttura che ospiterà 80 posti di terapia intensiva 

«La realizzazione della nuova struttura modulare che ospiterà 80 ulteriori posti di terapia intensiva e sub-intensiva nell’area del policlinico di Catanzaro è la prova dello sforzo che il governo regionale guidato da Jole Santelli sta mettendo in campo per rafforzare la capacità del sistema sanitario regionale di affrontare un possibile aggravamento dell’emergenza coronavirus».

È quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro.

«Con l'attivazione di questa struttura – aggiunge Wanda Ferro – si prevede di riuscire a gestire un migliaio di casi di possibile contagio. Un grande risultato, che si aggiunge all'allestimento nei giorni scorsi di 141 nuovi posti letto in tutta la regione. Ora siamo fiduciosi che il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri e la struttura della Protezione civile recuperino i ritardi registrati fino ad oggi e rispettino gli impegni assunti rispetto all’invio in Calabria dei dispositivi di protezione individuale per il personale medico e sanitario e delle apparecchiature indispensabili per affrontare l’emergenza come i ventilatori e i respiratori».

«Rivolgo la mia gratitudine  – conclude Wanda Ferro -  ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, centro di riferimento regionale per l’emergenza Coronavirus, e a tutto il personale sanitario che negli ospedali calabresi sta lottando in prima linea per dare assistenza ai pazienti, senza tirarsi indietro davanti ai rischi e alla fatica, e a costo di grandi sacrifici personali e familiari. Sono un esempio di dedizione, coraggio e responsabilità, che non può essere offuscato dal comportamento di quei pochi che, se rimasti a casa senza reali motivazioni, dimostrano di non meritare l’onore di indossare il camice».

Coronavirus, Calabria: contagiati un medico e 5 infermieri

Un medico e cinque infermieri sono risultati positivi al Covid-19.

I sanitari, in servizio nel reparto Nefrologia dell'ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, nella giornata di ieri si sono sottoposti al tampone che ha dato esito positivo.

Da quanto appreso, il medico e gli infermieri contagiati, nei giorni scorsi sarebbero venuti a contatto con un paziente dializzato, successivamente risultato contagiato dal coronavirus.

Al momento i sanitari si trovano in isolamento domiciliare

Matrimoni combinati per ottenere il permesso di soggiorno, misure cautelari per 11 persone

Rilasciavano permessi di soggiorno falsi, principalmente a cittadini cinesi, organizzando matrimoni o finte convivenze con italiani che guadagnavano dai mille ai 2 mila euro.

Questo è il motivo che ha portato i poliziotti della Squadra mobile di Catanzaro a eseguire, stamattina, 11 misure cautelari.

Si tratta di 7 persone ritenute responsabili di appartenere a un’associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina attraverso l’organizzazione di matrimoni di comodo e la produzione di documentazione falsa; le altre 4 sono invece destinatarie di una seconda ordinanza cautelare perchè accusate di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini sono partite dopo la segnalazione di alcune pratiche sospette da parte dell’Ufficio immigrazione della questura che riguardava l’utilizzo di certificazioni che riportavano il medesimo protocollo e quindi ritenute false.

Attraverso le intercettazioni ambientali e telefoniche i poliziotti hanno scoperto tutta l’organizzazione criminale al cui vertice c’erano due coniugi italiani e una cittadina cinese. Quest’ultima reclutava i suoi connazionali che erano interessati a rinnovare il titolo di soggiorno attraverso questo meccanismo fraudolento, in mancanza di altri requisiti leciti. I coniugi, suoi stretti collaboratori, si occupavano di individuare le persone disposte a formalizzare matrimonio o convivenza con persone in realtà sconosciute, in cambio di somme di denaro che si aggiravano tra i mille e i 2mila euro.

I promotori dell’organizzazione, oltre che dell’assistenza logistica, si occupavano anche di organizzare il matrimonio e garantire così ai cittadini stranieri tutti i vantaggi che ne derivavano, con enormi profitti.

  • Pubblicato in Cronaca

Furgone va a fuoco, illeso il conducente

Vigili del fuoco al lavoro, su viale Europa, a Catanzaro, dove un furgone è andato a fuoco.

Il mezzo, dotato di cella frigorifera ed adibito a trasporto carni, si  è incendiato mentre era in transito.

Avvistate le fiamme fuoriuscire dal motore, il conducente ha arrestato la marcia ed ha abbandonato il mezzo.

Sul posto sono quindi intervenuti i vigili del fuoco del locale Comando provinciale che hanno domato l’incendio.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS