Al Musmi di Catanzaro il nuovo percorso immersivo interattivo "Memorie consivise"

Un presistente e pregevole ambiente immersivo, che riproduce una trincea della Prima guerra mondiale da cui emergono suggestivi scenari di vita quotidiana dei soldati che vi stazionavano, si trasforma in un ambiente esperienziale in cui prende corpo anche un’inedita narrazione creativa.
 
È questa la nuova sfida che la Provincia di Catanzaro e il Musmi si apprestano a intraprendere, per promuovere una nuova fruizione dei beni culturali emozionante e coinvolgente.
 
Una trincea che, grazie a un sistema tecnologico non invasivo, diventa interattiva e restituisce suoni e parole “strappate” a tre microstorie inedite e molto suggestive, recitate dagli attori di Makrós - Associazione culturale Contaminata di Petrizzi (CZ), che sarà possibile leggere per intero sui cartelloni posti all’entrata della stanza dedicata all’ambiente.
 
Un percorso immersivo fortemente voluto dal direttore del Musmi, Rosetta Alberto, e dal presidente delle Provincia Enzo Bruno, che invita a guardare oltre la divisa indossata dal soldato per scorgervi l’uomo che la indossa, con i suoi sentimenti, le sue paure e il suo coraggio. Un sonoro gestito in modo “intelligente” e funzionale dalle tecnologie immersive previste nell’ambiente invita ad intraprendere un viaggio esperienziale nella Prima guerra mondiale, scoprendo gli odori e le tensioni che impregnavano le trincee, immergendosi dentro i sentimenti di uomini soldati.
 
Nata da un’idea di Massimo Fotino e Antonio Pasquale, Memorie Condivise è stata realizzata dalla Novelty srls, e si sviluppa attraverso tre narrazioni in cui vengono rappresentati alcuni momenti, intimi ed introspettivi, di uomini soldati: l’amore per la donna amata, l’amicizia tra soldati e la voglia di perdersi nel cielo in un volo ricco di riflessioni e di speranze.
 
Un viaggio emozionale unico e se, solo per un attimo, il visitatore sarà riuscito ad immaginare le vere voci dei soldati, avrà veramente vissuto un’esperienza indimenticabile che porterà per sempre con sé.
 

Calabria: cadavere di un 33enne trovato in auto

Il cadavere di un uomo di 33 anni è stato trovato, questa mattina, nei pressi del passaggio a livello del quartiere Sala di Catanzaro.

A fare la scoperta è stato un anziano che, insospettito dal fatto che l'auto con a bordo l'uomo fosse ferma, nello stesso punto, da ieri sera, questa mattina si è avvincinato al veicolo, scorgendo il 33enne privo di sensi.

Secondo le prime indiscrezioni il decesso potrebbe essere messo in relazione con l’uso di qualche sostanza stupefacente. Sul corpo, infatti, pare non sia stata rilevata nessuna ferita, mentre in auto sarebbe stata rinvenuta una banconota arrotolata

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 ed i carabinieri, che stanno indagando sull’accaduto.

Auto travolge e uccide una donna di 60 anni

Una sessantenne è stata travolta ed uccisa da una Citroen C3, mentre attraversava la strada.

La donna si stava recando in un supermercato a Catanzaro Lido, quando è sopraggiunta l’auto che l’ha colpita in pieno.

Nonostante l’intervento dei sanitari del 118, la sfortunata signora è deceduta durante il trasferimento in ospedale.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la polizia, per i rilievi del caso.

  • Pubblicato in Cronaca

Nascondeva cocaina sulla mensola della camera da letto, 24enne finisce in manette

Un ventiquattrenne, E.M., già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai carabinieri a Catanzaro.

In particolare, durante una perquisizione eseguita a casa del giovane, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto 11 dosi di cocaina, appoggiate sulla mensola esterna della finestra della camera da letto.

Oltre allo stupefacente, i militari hanno sequestrato 528 euro in contanti.

Per il ragazzo è, quindi, scattato l’arresto con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio.

Al termine delle formalità di rito, il ventiquattrenne è stato posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Escavatore danneggiato da un incendio

Un escavatore, parcheggiato all'interno del piazzale dell'azienda Gts a Catanzaro, è stato danneggiato da un incendio sviluppatosi la notte scorsa.

Le fiamme, sulle cui cause sono in corso accertamenti, hanno avvolto completamente la cabina di guida del mezzo meccanico.

Sul luogo dell'accaduto, in viale Magna Grecia, sono intervenute alcune squadre di vigili del fuoco del comando provinciale di Catanzaro che hanno evitato il propagarsi del rogo.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Incidente stradale nella notte, un morto e tre feriti

Tragico incidente stradale a Catanzaro dove, poco dopo le tre della notte scorsa, per cause ancora in corso d'accertamento, una Ford Fiesta ha finito la sua corsa contro un guardrail.

Nel violento impatto, un ventunenne N.M., ha perso la vita sul colpo.

Altri tre giovani, che si trovavano a bordo dell'auto, sono rimasti feriti e sono stati trasportati in ospedale dai sanitari del 118. 

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e le forze dell’ordine.

La Centrale operativa del 118 di Catanzaro ha siglato un protocollo con il Soccorso alpino e speleologico della Calabria. 

La Centrale operativa provinciale del 118 di Catanzaro ha siglato un protocollo con il Soccorso alpino e speleologico della Calabria. 

L'importante accordo, prevede l'interazione tra la Centrale 118 e la struttura del Soccorso Alpino, in particolare con la Stazione di Catanzaro, per tutti gli interventi di carattere sanitario in ambiente montano ed impervio della provincia.

L'intesa è stata sottoscritta dal direttore del 118 di Catanzaro, Antonio Talesa, dal presidente regionale del Soccorso alpino, Luca Franzese e dal responsabile della Stazione Soccorso alpino di Catanzaro, Davide Muranelli.

L'accordo segue quelli già in vigore tra le centrali operative del 118 e il Soccorso alpino nelle province di Cosenza e Reggio Calabria, sinergie che hanno permesso il salvataggio di tante vite in pericolo, sia in montagna che in zone impervie.

Del resto, la legge regionale n. 1 del 2017 prevede il Soccorso alpino quale riferimento esclusivo per il servizio sanitario per il soccorso, recupero e trasporto sanitario in ambiente montano, impervio ed ipogeo anche in Calabria, così come in tutta Italia.

Dunque, da oggi, il numero 118 diventa numero di chiamata per le emergenze ed i soccorsi nella montagna catanzarese, un importante passo in avanti per la sicurezza dei frequentatori dei monti della Sila catanzarese.

 

 

Rogo nella notte, preso di mira un cantiere

Un incendio di probabile origine dolosa è divampato ieri sera, nel cantiere di uno stabile in costruzione a Catanzaro Lido.

Le fiamme hanno avvolto un container utilizzato come deposito di attrezzature e materiale.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno domato l’incendio e messo in sicurezza l'area.

 

 

Sottoscrivi questo feed RSS