A Vibo il recital del pianista Alberto Capuano

Domani (martedì 15 settembre), presso l’auditorium dello Spirito Santo di Vibo Valentia avrà luogo, con inizio alle 19, il recital del giovane pianista Alberto Capuano.

La manifestazione, organizzata congiuntamente dal conservatorio di Vibo Valentia e da Ama Calabria, s’inserisce nell’ambio delle iniziative predisposte in sostituzione degli eventi in programma per la stagione “I Concerti del Giovedì” che non hanno avuto luogo a causa dell’emergenza covid 19.

Alberto Capuano ha ereditato l’amore per la musica dalla madre, Maria Vacca, ma soprattutto dalla nonna, Graziella Provedel, che lo ha avviato allo studio del pianoforte. Nonostante la sua giovane età ha al suo attivo svariati concerti come solista e ha partecipato a numerosi festival, rassegne e concorsi, classificandosi sempre ai primi posti.

 Nell’aprile 2015 ha vinto il primo premio assoluto al concorso Giovanissimi talenti di Trani.

 Ha partecipato come solista al Piano Napoli City 2016 e 2018 al Piano Milano City 2018. Recentemente ha vinto il primo premio al concorso Luciano Luciani di Cosenza. Frequenta il triennio al conservatorio di Vibo Valentia con il maestro Aurelio Pollice.

Di grande interesse il programma che prevede l’interpretazione della Vallée d’Obermann da Années de pèlerinage. Première Année, Suisse, S 160 di Franz Liszt, del Notturno in fa maggiore per pianoforte, op. 15 n. 1 di Federic Chopin, di Estampes di Claude Debussy, della Sonata per pianoforte n. 2 in re minore, op. 14 di Sergej Prokofiev

  • Pubblicato in Cultura

Vibo, domani il concerto del "Duo Dubois"

Domani (5 settembre), presso l’auditorium dello Spirito Santo di Vibo Valentia avrà luogo, con inizio alle 19, un concerto del "Duo Dubois" composto dal sassofonista Alberto Cavallaro e dal percussionista Federico Tramontana.

La manifestazione, organizzata congiuntamente dal conservatorio di Vibo Valentia e da Ama Calabria, s’inserisce nell’ambito delle iniziative che sostituiscono quelle previste la la rassegna "I Concerti del giovedì" che non hanno potuto avere luogo a causa dell’emergenza covid 19.

Il "Duo Dubois" nato dalla passione condivisa da due strumentisti per la musica contemporanea, è formato da Alberto Cavallaro (sassofono) e Federico Tramontana (percussioni). Nati entrambi nel 1995 seguono, fino al compimento degli studi al conservatorio di musica Torrefranca di Vibo Valentia, lo stesso percorso musicale per poi continuare, Alberto in Francia presso il conservatoire di Cercy Pointoise e Federico presso l’Hochschule der Künste di Berna in Svizzera.

L’interesse per lo sviluppo di nuove possibilità sonore ha portato il "Duo Dubois a collaborare ad un progetto di ricerca per la creazione di un nuovo repertorio per questa formazione.

Il lavoro del "Duo" si è basato sin dall’inizio del progetto nella stretta relazione tra compositore e performer, quindi un percorso che vedeva la realizzazione del brano passo dopo passo, dando vita così ad una composizione che identificava da una parte l’aspetto estetico e tecnico che i due performers potevano offrire e dall’altro, invece, l’aspetto compositivo dei compositori aderenti al progetto. Il frutto di questa collaborazione è un intero recital di opere di autori italiani contemporanei dedicate al Duo.

L'ensemble, si è esibito per diversi festival, in tutta Italia. Ha collaborato, inoltre, come esecutore interprete per il master in composizione del Conservatorio Verdi di Milano alla presenza del compositore spagnolo Jose Manuel Lopez Lopez.

Il "Duo" dal 2017 ad oggi ha eseguito più di 14 composizioni in prima mondiale e diverse prime italiane.

Molto interessante il programma che prevede l’esecuzione di brani di musica contemporanea alcuni dei quali scritti appositamente per il "Duo".

Gli appassionati avranno modo di ascoltare di Maurizio Azzan Tutte le estensioni dell’aura, di Maria Teresa Treccozzi Orazion Picciola, di Michael Maierhof Schwingende Systeme, C, di Andrea Nicoli Il bosco del Fatonero. 

  • Pubblicato in Cultura

Vibo, grande successo per il concerto del maestro Alessandro Marano organizzato dal Rotary club

Arte e cultura. Un binomio caratterizzante per lo storico “Rotary Club Vibo Valentia” che, dopo la presentazione del libro sulla storia dell’archeologia in Calabria, ha sponsorizzato il concerto del maestro Alessandro Marano, svoltosi presso il Sistema bibliotecario vibonese.

L’evento, appartenente alla stagione concertistica diretta da Gianfranco Russo, intitolata “Incontri musicali mediterranei”, ha riscosso un grande successo di pubblico.

Nell’occasione il maestro Marano ha anche eseguito una ballata composta dal maestro Sicari, talento emergente vibonese.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente del Rotary, l’avvocato Sonia Lampasi:

“Ancora una volta il club è stato promotore di cultura a Vibo Valentia – ha sottolineato - Anche in passato il club di Vibo Valentia, grazie all’impegno in tal senso del suo pastpresident notaio Daila Miceli, aveva avuto modo di partecipare a questa stagione concertistica nell’anno di presidenza del dott. Pierluigi Lo Gatto. In quell’occasione i maestri erano stati i fratelli Comito, artisti vibonesi ormai di fama mondiale”.

Alla serata ha partecipato una delegazione del Rotary club di Strongoli, cui il direttore Russo appartiene, guidata dalla presidente Stefania Leotta che nel suo intervento, nel complimentarsi con il club di Vibo Valentia ha auspicato future collaborazioni tra i due club nel segno del servire rotariano.

  • Pubblicato in Cultura

Vibo, stasera il concerto pianistico di Antonia e Francesco Comito

Dopo la fortunata tournée che li ha visti protagonisti in America ed Europa, tornano di scena, stasera, nella loro città i due gemelli del pianoforte: Antonia e Francesco Comito.

 Sono attesi per le ore 18, nell’Auditorium dello Spirito Santo di Vibo Valentia per il concerto pianistico della stagione organizzata dal Conservatorio “Fausto Torrefranca” con la collaborazione dell’Ama e del Rotary Club.

Eseguiranno, da solisti ed  a quattro mani, opere tratte da: Johann Sebastian Bach, Federic Chopin, Sergey Rachmaninoff e Modest Mussorgsky.

“La loro esibizione – commenta, tra l’altro, Francesco Vinci Presidente del “Fausto Torrefranca”  - è destinata a far salire la tensione dell’attesa. Sono ormai due giovani professionisti che elevano il prestigio di una città come Vibo Valentia che anche attraverso queste manifestazioni dimostra di voler mantenere alto il blasone e renderlo competitivo con il resto della regione.

Antonia e Francesco – aggiunge - hanno acquisito la caratura di artisti di fama internazionale e noi non possiamo essere non orgogliosi se è vero che ci rappresentano nei più prestigiosi ed accoglienti teatri delle metropoli italiane ed internazionali”.

I due funambolici pianisti vibonesi che hanno perfezionato i primi studi al Conservatorio di Reggio Calabria, sotto la guida del maestro Vincenzo Le Pera, proseguono la loro formazione affidandosi alla bravura di altri maestri di livello internazionale come Leonid Margarius e Piero Rattalino ( Antonia) e lo stesso Leonid Margarius e Natalia Trull, Piero Rattalino e Igor Roma ( Francesco).

L’eccellente talento musicale dei giovani pianisti vibonesi si è manifestato in tenera età ed ha permesso loro di iniziare una intensa camera artistica, esibendosi sia come solisti che come membri di formazione cameristiche in associazioni musicali come “Liszt and Friends”di Roma, “Boccherini open 2014”, nella sala concerti dell’Istituto Musicale “Boccherini” di Lucca, alla Filarmonica Laudamo di Messina ed altri palcoscenici.

Provengono da una serie di impegni che li ha condotti anche oltre Oceano.

Francesco a marzo è stato protagonista a San Paolo, in Brasile, di un concerto applauditissimo e organizzato con il patrocinio del governo, mentre Antonia è andata a farsi acclamare nel tempio dei concerti di Londra e subito dopo a Leon in Spagna.

Rientrati in Italia hanno riscosso un brillante successo il 4 maggio scorso a Lucca e l’11 a Parma.

A Lucca, in occasione della tre giorni di kermesse “Lucca classica” Francesco e Antonia si sono esibiti assieme ai più grandi talenti del panorama internazionale, riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica.

Grande eco sulla stampa e non soltanto su quella specializzata anche a Parma durante la stagione musicale “Talenti in Pilotta”, ideata e coordinata dal noto Maestro Roberto Cappello, tra i più prestigiosi pianisti europei e che ha registrato la partecipazione dei più forti talenti del momento.

Il concerto di stasera a Vibo Valentia è sicuramente un appuntamento da non perdere che vedrà gli artisti vibonesi esibirsi dinnanzi al pubblico della propria città.

Ed in prima fila, in poltrona d’onore, ad accoglierli, tra gli altri, ci sarà la loro prima fans, nonna Noemi.

  • Pubblicato in Cultura

L'ensemble e coro "Fausto Torrefranca" diretti dal M° Cambareri in concerto all'auditorium 2000 di Vibo Marina

Domani (mercoledì 16 maggio) alle ore 19 presso l’Auditorium 2000 della chiesa parrocchiale di Vibo Marina avrà luogo, organizzato da Ama Calabria, l’Associazione musicale Shekina, un concerto prodotto dal Conservatorio di Vibo Valentia.

Lo spettacolo vedrà protagonisti l’ensemble e coro “Fausto Torrefranca”, diretti dal maestro Gianfranco Cambareri; il compositore e pianista argentino Martin Palmeri, Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneon, Giuseppe Arnaboldi al violino, Michele Cosso al contrabasso e Vittorino Naso alle percussioni.

Il concerto è reso possibile grazie al sostegno del MiBACT Direzione Generale dello Spettacolo dal vivo e dall’ assessorato alla Cultura della Regione Calabria.

Lo spettacolo è un omaggio al compositore Martín Palmeri di cui saranno eseguite le 4 Stagioni per bandoneon, violino, contrabbasso e pianoforte e il Laudate Pueri per coro, bandoneon, violino, contrabbasso, pianoforte e percussioni. Martín Palmeri, compositore, pianista, direttore di coro e direttore d’orchestra, nato a Buenos Aires nel 1965, ha studiato composizione, direzione di coro e d’orchestra, canto e pianoforte. Ha diretto il Coro della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Buenos Aires, il Polifonico Città Coro di Vicente López, Vocal Sospir, il Colegio Esclavas del Sagrado Corazón de Jesús de Belgrano, la Escuela Argentina Modelo, la Scuola di Musica di Buenos Aires, Vocal del Quartier (Paraná). Ha scritto numerose opere corali e strumentali, tra le quali “Tango del Bicentenario”, eseguito in prima dalla Qatar Symphony Orchestra; “Canto de la Lejania”, eseguito nel 2010 dalla società corale Orfeòn di Buenos Aires; “Oratorio de Navidad” prima esecuzione presso la Facoltà di Giurisprudenza UBA (2003); “Mateo”, un’opera rappresentata per la prima volta presso il Teatro Roma di Avellaneda, Buenos Aires (1999) e registrata dalla Radio di Stato di Bratislava (Slovacchia); “Fantasia Tanguera” ha debuttato a San Pietroburgo, Russia (2000); “Presagios ”, in anteprima a Matera, Italia, (2001); “Concierto para bandoneón” nel Teatro Roma di Avellaneda (2004); “Concierto de Danzas”, “Negro y negro”, “Sobre las cuatro estaciones”. Vincitore di numerosi Premi internazionali di composizione, molte delle sue composizioni sono state incise in Italia, Lettonia, Polonia e Argentina.

Kaulonia Music Festival: all'auditorium arriva Nello Salza, la tromba del cinema italiano

Dopo la pausa per le festività pasquali riparte la stagione dei concerti all’auditorium “Casa della Pace Angelo Frammartino” nell’ambito del Kaulonia Music Festival.

Due gli appuntamenti in programma ad aprile.

Si parte domenica 15, con il Trio Sound Trip. Il progetto nato da un’idea del violinista Francesco Sgambelluri e del pianista Ludovico Romeo ha ricevuto un notevole impulso il bassista Peppe Platani. Ai tre musicisti si sono, successivamente, aggiunti il batterista e percussionista Vincenzo Alia e il tastierista Gianfranco Ozzimo.

Grande attesa, poi, per Nello Salza, considerato dai critici “la tromba del cinema italiano”.

Il maestro, trombettista di fama internazionale, ha collaborato con compositori quali Ennio Morricone e Nicola Piovani, nelle colonne sonore di "The Hateful Eight" e "La vita è bella".

Uno spettacolo musicale esclusivo, in cui la tromba, in veste di protagonista, ripercorre le più affascinanti ed indimenticabili colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema, della televisione e del musical italiano, proponendo così al pubblico un repertorio unico e mai presentato in forma di concerto.

Salza sarà accompagnato sul palco dai maestri Aurelio e Paolo Pollice, vincitori di numerosi concorsi pianistici internazionali.

Il concerto è in programma giovedì 19 aprile con inizio alle 21.

 

Caulonia, chiusura in musica per le festività natalizie

Il concerto dell’Orchestra Sinfonica Giovanile della Calabria ha chiuso il ricco e variegato programma delle manifestazioni natalizie a Caulonia.

Una giornata, quella del 6 gennaio, fitta di eventi, aperta con l'arrivo della Befana nella splendida cornice di piazza Mese, grazie all Unitalsi ed a seguire Pompieropoli, iniziativa patrocinata dai Vigili del Fuoco di Reggio Calabria.

Nel pomeriggio la Befana ha salutato anche i grandi e piccini in Piazza Bottari.

La serata si è conclusa, nell Auditorium "Casa della Pace A. Frammartino" con le note dei giovani talenti calabresi diretti dal maestro Ferruccio Messinese e presso l’oratorio San Filippo Neri con la comunità interparrocchiale San Michele arcangelo che ha messo in scena il musical sulla vita di San Francesco D’Assisi.

Positivo il bilancio per il sindaco Caterina Belcastro: «Sono state due settimane intense e apprezzate dal pubblico ricche di interessati proposte musicali e di intrattenimento – ha spiegato il primo cittadino cauloniese –in particolare l’esperimento del Villaggio di Natale in piazza Bottari con i mercatini e i vari eventi collaterali è da considerarsi riuscito. Abbiamo pensato un programma per le famiglie e, soprattutto, per i bambini ma dal forte taglio culturale, divulgativo e pedagogico. I risultati ci hanno dato ragione. Ma non ci basta. L’obiettivo è migliorarsi ancora di piu affinchè le iniziative cauloniesi siano, nei prossimi anni, un punto di riferimento per l’intrattenimento dell'intero comprensorio».

Tra una settimana l’ultimo atto con la premiazione dei migliori presepi allestiti nei catoji del centro storico.

Filadelfia, successo per il concerto eseguito dall'orchestra "Giovanni Gemelli"

Anche quest’anno, come ormai da tradizione, l'orchestra di fiati “Giovanni Gemelli”, ha tenuto un concerto presso l'Auditorium comunale di Filadelfia.

Ad introdurre lo spettacolo è stato il presidente Bruno Caruso che, nel salutare il numeroso pubblico, ha  sottolineato il lavoro profuso dai maestri Francesco Conidi e Massimo Campisano.

Caruso ha, inoltre, evidenziato i progressi compiuti dall'orchestra, a fronte della giovanissima età dei suoi componenti. Risultati conseguiti, grazie al lavoro di quanti s’impegnano nella scuola di formazione dell'associazione, a partire dai maestri direttori come Angela Marrella e dai tutor: Bruno Bartucca, Giovanni Bartucca e Francesca Umbro.

Affiancato dalla presentatrice Angela Mancari, Caruso ha ricordato che  “il 2018 rappresenterà un punto di arrivo e ripartenza, essendo trascorsi 20 anni dalla fondazione dell’ Associazione “Diapason – Gemelli”.

Un anniversario che sarà celebrato attraverso “tante iniziative a carattere nazionale ed internazionale, alcune delle quali “saranno intraprese in collaborazione con l'Associazione Melody, organizzatrice del Premio Internazionale Paolo Serrao”.

Per quanto riguarda, invece, il programma della serata, lo spettacolo è stato caratterizzato dell’esecuzione di  pezzi della tradizione natalizia, brani di musica pop e colonne sonore.

  • Pubblicato in Cultura
Sottoscrivi questo feed RSS