Seguici su Facebook

Costruzioni abusive, scattano i sigilli

I carabinieri forestale della Stazione di Rossano hanno sequestrato, in località “Trionto” del comune di Crosia (Cs), una recinzione in cemento armato, realizzata senza le necessarie autorizzazioni.

 Un altro sequestro è stato eseguito in località “Truglio”, nel comune di Buonvicino, dove i militari forestale di Cetraro hanno scoperto un manufatto abusivo, destinato a ricovero per gli animali di un’azienda agricola.

In questo caso, il proprietario della struttura è stato denunciato.

  • Pubblicato in Cronaca

Coronavirus: a Crosia chiusi il lungomare e il Parco Centofontane

Nuove misure di ordine pubblico, per limitare le possibilità di contagio coronavirus, sono state varate a Crosia (Cs), dove sono stati chiusi il lungomare ed il parco di Centofontane.

Inoltre, sono state emesse 8 ordinanze di isolamento obbligatorio per altrettante persone provenienti dalle ex zone rosse del Nord Italia.

È quanto fa sapere il sindaco Antonio Russo che, stamane, ha firmato le nuove ordinanze consequenziali all’applicazione dei Decreti del presidente del consiglio dei ministri dell’8 e 9 marzo scorsi.

«Si tratta di misure contenitive – dice il sindaco – necessarie per evitare il formarsi di assembramenti di persone che in questo momento sarebbero deleteri per la salute pubblica. Abbiamo chiuso fino a cessata esigenza tutta l’area del lungomare dove proprio ieri abbiamo fermato e denunciato dei cittadini che erano seduti sulle panchine incuranti delle prescrizioni previste dal decreto “Io resto a casa”. Non ci fermiamo e rimaniamo vigili affinché la gente capisca davvero l’importanza di rimanere a casa in questo momento. Se sarà necessario nelle prossime ore incrementeremo le misure restrittive. Nel frattempo con il supporto dei carabinieri, gli agenti di Polizia locale continuano a pattugliare e monitorare il territorio, fermo restando che su scala generale la stragrande maggioranza dei cittadini di Crosia Mirto – conclude il Primo cittadino - è rispettosa delle regole di isolamento».

Coronavirus: sedute su una panchina del lungomare, tre persone denunciate a Crosia

Proseguono serrati i controlli su tutto il territorio comunale di Crosia (Cs), per individuare e punire coloro i quali non rispettano le prescrizioni imposte dai Dpcm dell’8 e 9 marzo scorsi.

Nell’ambito di tali controlli, questa mattina, la polizia locale ha denunciato tre persone sorprese fuori casi senza un giustificato motivo.

A dare notizia è stato il sindaco di Crosia, Antonio Russo.

“Registriamo ancora oggi – dice il primo cittadino - dei casi di inottemperanza alle regole straordinarie imposte dal governo per arginare il contagio da Covid-19. Appena stamattina sul lungomare abbiamo fermato tre persone che stazionavano su una panchina, incuranti dei gravi pericoli che in questo momento comportano alcuni atteggiamenti di socialità. Non possiamo permetterci errori e distrazioni. Sia per non correre il rischio di creare focolai di infezione nella nostra comunità e soprattutto per non gravare eventualmente sul precario sistema sanitario regionale e territoriale che, come sappiamo, è quello messo peggio di tutti rispetto all’intera Calabria».

«Nella giornata di ieri (domenica 15) – aggiunge Russo - per intensificare i controlli abbiamo sfruttato anche le potenzialità di un drone che ci ha permesso di sorvolare in lungo ed in largo tutto il centro urbano di Mirto per intercettare eventuali assembramenti. Contestualmente devo rimarcare la responsabilità che sta dimostrando la stragrande maggioranza dei miei cittadini che stanno rispettando le prescrizioni rimanendo in casa. Ma ci sono anche i reticenti che, però, - conclude - stiamo individuando e denunciando».

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrato un impianto di lavaggio inerti non a norma, denunciato un uomo

Durante un servizio di controllo effettuato lungo il corso del fiume Trionto, i carabinieri forestale della Stazione di Rossano hanno sequestrato un vecchio impianto di lavaggio inerti non a norma.

Nel corso dell'attività, i militari hanno colto in flagranza un uomo del luogo intento a lavorare materiale inerte in un impianto fatiscente, con conseguente riversamento, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi.

Dopo aver sequestrato l’impianto di lavaggio, ubicato in località Trionto Sorrento di Crosia, i carabinieri forestale hanno denunciato l'uomo per scarico di reflui industriali non autorizzato e stoccaggio e smaltimento illecito di rifiuti provenienti dal processo di lavorazione degli inerti.

  • Pubblicato in Cronaca

Depuratore scarica direttamente nel fiume, denunciate tre persone

Tre persone, tra amministratori e tecnici del Comune di Crosia e gestori dell’impianto di depurazione comunale, sono state denunciate a vario titolo dai carabinieri forestale di Rossano, per inquinamento ambientale, scarico abusivo, deturpamento di bellezze naturali e distruzione di habitat.

La denuncia è scattata in seguito ad un controllo lungo gli argini del fiume Trionto, nel corso del quale i militari hanno riscontrato la presenza d'ingenti quantitiativi di reflui maleodoranti i quali, dopo aver percorso quasi due chilometri si riversavano direttamente nel mar Ionio all’altezza della località “Pantano Martucci” nel Comune di Corigliano-Rossano.

La fonte d'inquinamento è stata individuata nello scarico proveniente dal vicino depuratore del Comune di Crosia.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Reflui industriali scaricati in un fiume, sequestrato un impianto

I carabinieri forestale della Stazione di Rossano hanno posto sotto sequestro un impianto di lavaggio inerti e un'area di due ettari adibita a discarica non autorizzata.

Il sequestro, avvenuto in località “Trionto-Sorrenti” di Crosia, è stato effettuato a seguito di un accertamento presso la foce del fiume Trionto.

In particolare, giunta nell’alveo del fiume, la pattuglia ha notato una corposa colorazione marrone per la totale ampiezza del letto di scorrimento naturale delle acque.

Percorrendo a ritroso il letto del fiume, i militari hanno scoperto uno scarico di refluo proveniente da un impianto industriale.

I carabinieri hanno quindi accertato che il refluo del lavaggio degli inerti veniva immesso, attraverso un solco, in una conduttura che scaricava nel fiume Trionto.

Il tutto in violazione della normativa ambientale, che prevede la presenza di vasche a tenuta per il processo di decantazione e sedimentazione del refluo e per il successivo smaltimento.

Una volta sequestrato l'impianto, gli uomini dell'Arma hanno denunciato l’amministratore della società per gestione non autorizzata di rifiuti, deturpamento e danneggiamento di bellezze naturali e per aver realizzato uno scarico di acque reflue industriali nel fiume Trionto senza alcuna autorizzazione.

Infine, nel cantiere sono stati rinvenuti ingenti quantitativi di rifiuti stoccati a cielo aperto e sul suolo.

  • Pubblicato in Cronaca

Due liste in campo per il rinnovo del Consiglio comunale di Crosia

Sono state depositate stamani (sabato 27 aprile), entro i termini stabiliti di legge, le liste dei candidati che concorreranno alle prossime elezioni amministrative di domenica 26 maggio per il rinnovo del Consiglio comunale di Crosia (Cs).

Due le liste in campo, una che fa riferimento al sindaco uscente Antonio Russo (Lista Civica Evoluzione) e una guidata da Giovanni De Vico (La Città libera che vogliamo).

Il faldone è stato depositato presso l’ufficio della Terza sotto commissione  elettorale circondariale, nominata dalla prefettura di Cosenza e insediata presso il Comune di Corigliano-Rossano.

 Queste le liste:

LISTA CIVICA EVOLUZIONE – RUSSO SINDACO

1.      Maria Teresa BOLLINI

2.      Saverio CAPRISTO

3.      Gemma CAVALLO

4.      Filomena CELESTINO

5.      Emilio CINELLI

6.      Francesco CRETELLA

7.      Serafino FORCINITI

8.      Giovanni GRECO

9.      Giuliana MORRONE

10.  Paola NIGRO

11.  Francesco RUSSO

12.  Luigi SALVINO

LISTA CIVICA LA CITTÀ LIBERA CHE VOGLIAMO – DE VICO SINDACO

1.      Maria Teresa AIELLO

2.      Domenico BERALDI

3.      Sergio BRUNO

4.      Ida CASTAGNARO

5.      Raffaella DE LUCA

6.      Francesca DE SIMONE

7.      Salvatore FILIPPELLI

8.      Saverio FORCINITI

9.      Natalino LORIA

10.  Vincenzo ROMANO

11.  Francesco SPATAFORA

12.  Caterina URSO

  • Pubblicato in Politica

Crosia: festeggiato nonno Papparella

Crosia festeggia il suo nonno centenario. Si tratta di Pasquale Papparella, nato nella vicina Rossano l’1 Gennaio 1919 e residente da sempre nel capoluogo traentino. Il sindaco Antonio Russo, nel giorno del suo centesimo compleanno, lo ha ospitato nella sede municipale di viale Sant’Andrea, nel Centro storico di Crosia, insieme a figli e nipoti, consegnandoli una targa celebrativa del lieto evento.    

"Nonno Pasquale – dice il Sindaco – rappresenta la memoria storica vivente della nostra comunità. Ha vissuto epoche cruciali della storia dell’uomo, a partire dal primo dopoguerra passando per le maggiori conquiste dell’umanità per finire alle scoperte scientifiche e tecnologiche che hanno rivoluzionato il modo di concepire la vita. Ma Pasquale è stato soprattutto colui che ha visto nascere questa comunità, dal piccolo paese che era Crosia alla dinamicità odierna del nuovo centro urbano di Mirto. Insomma, nei suoi occhi, sulla sua pelle e nella sua mente è scritta la genesi delle nostre radici. E siamo orgogliosi e felicissimi, oggi, di poterlo avere in mezzo a noi. A lui, che ha tanta tempra e carattere, auguro, congiuntamente all’Amministrazione comunale e ai cittadini di Crosia, i migliori auguri di buona vita".  

Sottoscrivi questo feed RSS