Sgominata associazione a delinquere: arresti e sequestri

“Ginetto”, questo il nome dell'operazione scattata all’alba di oggi e condotta dagli uomini della guardia di finanza di Crotone.

Nel corso del blitz, 14 persone sono finite ai domiciliari. Sequestrati, inoltre, beni per un valore di 1,5 milioni di euro e sottoposte ad amministrazione giudiziaria otto società operanti nel Nord Italia.

L'attività condotta dalle fiamme gialle ha permesso di disarticolare un’ associazione a delinquere che, secondo gli inquirenti, operava fra il crotonese, il Piemonte, la Liguria e la Lombardia. 

I dettagli saranno forniti dal procuratore della Repubblica di Crotone, Giuseppe Capoccia e dal Comandante Regionale della Guardia di Finanza, il generale Fabio Contini, nel corso di una conferenza stampa in programma per le 11,30.

 

Walter Zenga è il nuovo allenatore del Crotone

Walter Zenga è il nuovo allenatore del Crotone. Lo ha annunciato la società con un comunicato pubblicato sul sito. "Il Football Club Crotone è lieto di comunicare di aver affidato a Walter Zenga la guida tecnica della prima squadra. Zenga ha firmato il contratto nel quartier generale della società alla presenza del presidente Gianni Vrenna e del ds Peppe Ursino. Il suo vice sarà Benito Carbone, calabrese doc, anche lui ex calciatore e nella scorsa stagione allenatore della Ternana".

  • Pubblicato in Sport

Crotone, Lotta studentesca: "Scuola pubblica al collasso"

Riceviamo e pubblichiamo

"Un collasso, quello denunciato da LS, che non sta avvenendo più solo da un punto di vista materiale ma, oramai, anche morale.

Che lo stato sociale sia pressoché stato distrutto da mezzo secolo di capitalismo e governi neoliberisti asserviti agli Usa non è, almeno per noi, una novità; è un triste dato di fatto che gli elementi peculiari del Welfare italiano (sanità ed istruzione in primis) siano in rovina.

Esempio lampante di quanto detto sono le condizioni in cui versano gli istituti scolastici crotonesi. Sono stati riscontrati problemi con gli impianti di riscaldamento presso l’istituto “G. Donegani”; stessa sorte al “Sandro Pertini”. Ma è presso l’IPSIA che si stanno riscontrando i problemi maggiori; discontinuità nell’erogazione dei servizi didattici e conseguente “scarica barile” della preside nei confronti del provveditorato. Proprio quest’ultima è balzata alle cronache cittadine per aver apostrofato, con delle frasi classiste, gli studenti che protestavano per i suddetti disagi.

Eccovelo qui il collasso materiale e morale di cui andavamo parlando!

Come Lotta Studentesca ci impegniamo ad essere al fianco degli studenti crotonesi nelle loro future, e sacrosante, manifestazioni”.

Lotta studentesca Crotone

 

Davide Nicola lascia il Crotone

"Il Football Club Crotone comunica che il tecnico Davide Nicola ha presentato, in data odierna, le sue dimissioni da allenatore della prima squadra". Lo ha reso noto la società con un comunicato sul proprio sito. "Insieme al tecnico piemontese - prosegue la nota - hanno rassegnato le dimissioni i componenti del suo staff: l'allenatore in seconda Manuele Cacicia, il preparatore atletico Gabriele Stoppino e il collaboratore tecnico Rossano Berti. La Società ringrazia il tecnico e il suo staff per il lavoro svolto e augura loro le migliori fortune in campo professionale ed umano". L'allenamento di oggi, conclude la nota, "verrà condotto da Antonio Macrì, Ivan Moschella e Elmiro Trombino", rispettivamente preparatore dei portieri, allenatore e preparatore atletico che hanno collaborato con Nicola ma non facevano parte del suo staff.

  • Pubblicato in Sport

Rapina in un supermercato, arrestate due persone

Due pregiudicati di Isola di Capo Rizzuto sono stati arrestati, con l'accusa di concorso in rapina aggravata.

I due sono ritenuti responsabili della rapina consumata, nel luglio scorso a Crotone, ai danni del supermercato Eurospin ubicato alle porte del capoluogo, lungo la Strada statale 106. 

  • Pubblicato in Cronaca

Nascondeva marijuana in un box, in manette 40enne

Un quarantenne di Crotone è finito in manette, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L'uomo è stato sorpreso dagli uomini della squadra volanti della questura pitagorica, mentre stava entrando in un box attiguo alla sua abitazione.

L'atteggiamento del quarantenne ha insospettito gli agenti, che hanno deciso di effettuare una perquisizione. Nel corso del controllo, in una cassettiera, sono state rinvenute quattro dosi di marijuana (poco meno di 3 grammi) e diversi oggetti utilizzabili per la divisione, il peso ed il confezionamento dello stupefacente.

Dopo le formalità di rito, l'uomo, che era già noto alle forze dell'ordine, è stato sottoposto ai domiciliari.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Partorisce in casa ed il bambino nasce morto, indagano i Carabinieri

Nella corso della notte scorsa, a Rocca di Neto, una donna rumena di 23 anni, si è recata presso il pronto soccorso di Crotone in cerca di aiuto in quanto, poco prima, aveva partorito in casa ed il bambino sarebbe nato morto.

Dall'ospedale crotonese è immediatamente partita la segnalazione alla locale stazione dell'Arma dei Carabinieri che sono intervenuti presso l'abitazione della giovane donna per dar via alle indagini.

  • Pubblicato in Cronaca

Accoltellato durante una spedizione punitiva, 7 persone in manette

Sette persone sono state arrestate a Crotone, nell'ambito delle indagini relative al ferimento, avvenuto il 31 ottobre scorso, di un commerciante del luogo.

Nell'occasione, l'uomo era stato aggredito, in pieno centro cittadino, da un gruppo di persone che lo aveva, prima colpito alla testa con un bastone e poi ferito ad una gamba con un colpo di coltello.

Dopo i primi soccorsi, la vittima era stata trasferita in ospedale per essere sottoposta ad intervento chirurgico.

Sull’accaduto avevano avviato le indagini gli agenti della Polizia di Stato che, oggi, hanno chiuso il cerchio con l'esecuzione delle sette ordinanze di misura coercitiva nei confronti dei presunti autori di quella che gli investigatori hanno definito una vera e propria “spedizione punitiva”.

In particolare, due persone sono finite in carcere, si tratta di Luigi Scerra (28 anni) e Marco Cenerini (31) che secondo gli inquirenti avrebbero l'uno colpito a bastonate la vittima e l'altro inferto la coltellata.

Domiciliari, invece, per: Salvatore Murano (43), Vittorio e Luigi Foschini (di 29 e 66 anni, quest’ultimo ritenuto come il "regista" del blitz) e Andrea Villirillo (21). Coinvolta anche una donna, che avrebbe avuto un ruolo nella vicenda, e che è stata sottoposta all’obbligo di presentazione.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS