Trovato con 145 grammi di droga, arrestato

Crotone - Un 48enne, B.S., è stato arrestato a Crotone, perché trovato in possesso di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione in un prefabbricato in uso all’indagato, i poliziotti della locale questura, con il supporto di un’unità cinofila della Guardia di finanza, hanno rinvenuto 145 grammi di droga e materiale per il confezionamento della droga.

Dopo aver sequestrato quanto rinvenuto, i poliziotti hanno arrestato il 48enne.

  • Pubblicato in Cronaca

Rinvenuti oltre 2,5 Kg di marijuana, indagano i carabinieri

Crotone - I carabinieri della Compagnia di Crotone, nell’ambito di specifici servizi di controllo del territorio disposti dal Comando provinciale, finalizzati alla prevenzione e repressione dell’illegalità diffusa nelle aree periferiche della città pitagorica, hanno rinvenuto e sequestrato, ben occultati, sei involucri in cellophane contenenti complessivamente 2,646 chili di marijuana.

Sono in corso accertamenti per risalire agli autori dell’illecita detenzione.    

Cocaina, marijuana e hashish: manette per un 62enne

Crotone - Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Questa l’accusa con la quale a Crotone è finito in manette, Alfredo Scida, di 62 anni.

A stringere le manette attorno ai polsi dell’uomo, sono stati gli agenti di una volante entrati in azione dopo aver notato movimenti sospetti nella zona portuale della città pitagorica.

I poliziotti hanno, quindi, fermato per un controllo l’indagato, nella cui auto hanno rinvenuto 572 grammi di marijuana e poco meno di 130 grammi di cocaina.

E’ scattata, dunque, una perquisizione a casa dell’uomo, dove, insieme ad un bilancino di precisione ed a materiale per il confezionamento della droga, è stato trovato altro stupefacente. Complessivamente, al termine delle attività, gli agenti hanno sequestrato: 633 grammi di marijuana, 128 grammi di cocaina e 200 grammi di hashish.

Sorpresi a smontare un’auto rubata, arrestati

Crotone - Due persone, M.N. e S.S., di 47 e 43 anni, sono state arrestate a Crotone, con l’accusa di tentato riciclaggio.

Sorpresi dai poliziotti della locale Questura mentre cercavano di smontare un’auto rubata nei giorni scorsi, per i due uomini - peraltro già noti alle forze dell’ordine – sono scattate le manette.

In seguito all’udienza di convalida, M.N. è stato posto ai domiciliari, mentre S.S. è stato rinchiuso nella casa circondariale della città pitagorica.

  • Pubblicato in Cronaca

Cumulo di rifiuti in fiamme, disagi sulla Ss 106

Crotone - Un cumulo di rifiuti è andato a fuoco poco dopo le 14 di oggi, nei pressi di un capannone del dismesso mercato ortofrutticolo di località Passovecchio, a Crotone.

Le fiamme sono state domate dai Vigili del fuoco del locale Comando provinciale.

La densa colonna di fumo prodotta dal rogo ha creato disagi lungo la strada statale 106.

Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della polizia stradale ed il personale Anas.

Accertamenti sono in corso per stabilire la causa dell’incendio.

  • Pubblicato in Cronaca

Presunto spreco di vaccini anti-Covid nell’Asp di Crotone, la replica di Spirlì

«La Calabria non è terra di conquista, né terreno fertile per polemiche pre-elettorali. L’emergenza che colpisce non solo questa regione, ma tutta l’Italia, l’Europa e il mondo, dovrebbe insegnare ai polemici a pagamento che questo è il momento della solidarietà e dell’aiuto reciproco. E non delle pagelle né, tanto meno, delle bocciature a settembre».

Lo afferma il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, dopo le recenti dichiarazioni del virologo Roberto Burioni sul presunto spreco dei vaccini anti-Covid nell’Asp di Crotone.

«Qui – aggiunge Spirlì –, non si sta giocando, si sta lavorando malgrado una sanità indebolita da decenni di ladrocinio e da un commissariamento inutile, che ha ingigantito i problemi. Il lavoro quotidiano e continuo del commissario Longo, dei commissari di Asp e aziende ospedaliere e del sottoscritto non merita questa gogna costante. È venuto il momento di smetterla con questo giornalismo di finto assalto, che segue solo e semplicemente la scia di una finta informazione, priva di contenuto. Sarebbe bene usare telecamere e microfoni anche dove la gente si spacca la schiena per lavorare».

«La grande professionalità dei nostri sanitari, l’attenzione che ci stiamo mettendo come istituzioni, la faccia che ci mettiamo come cittadini calabresi – dichiara ancora il presidente –, non meritano queste sberle continue. Questo è il tempo del silenzio e del lavoro “capa sotto e pancia a terra”».

Sull’argomento interviene anche Domenico Sperlì, commissario straordinario dell’Azienda crotonese.

«In questo momento di grave emergenza nazionale – afferma –, l’Asp di Crotone sta profondendo un grandissimo sforzo organizzativo per garantire l’efficace andamento della campagna vaccinale anti Covid-19 sul territorio della provincia. Una fase di estrema delicatezza, che vede impegnati quotidianamente decine e decine di operatori sanitari e di amministrativi aziendali in tutti i Comuni del crotonese, in stretto raccordo con la Presidenza e gli uffici regionali e con il commissario ad acta Longo».

«In un simile contesto – aggiunge Sperlì –, sorprende non poco l’approssimazione con la quale l’Asp di Crotone è stata fatta oggetto di critiche, in prima serata Rai, per un asserito spreco di vaccini residuati e non somministrati. Critiche riconducibili a una segnalazione inviata alla mail di un noto immunologo italiano, e proveniente da un profilo privato non identificabile, che, tuttavia, il noto immunologo ha ritenuto di stigmatizzare in diretta televisiva senza minimamente porsi il problema della veridicità, o quantomeno del riscontro, di quanto denunciato».

 

«E dire – puntualizza ancora il commissario – che la protesta circa il presunto spreco di vaccini appare infondata già nella sua stessa articolazione, nella quale si fa riferimento a due linee vaccinali (over 80 e dializzati) le quali, nella nostra organizzazione, seguono percorsi del tutto differenziati, ovvero vaccinazioni territoriali mediate dal medico di base per gli over 80, e vaccinazioni ospedaliere mediate dal medico competente per quanto riguarda i dializzati. Due mondi che non si incontrano, insomma».

Sorpresi a giocare a calcetto in violazione delle norme anti Covid: sanzionati

Crotone - Sono stati sorpresi a giocare a calcetto, nonostante il divieto previsto dalle norme anti contagio.

Per questo motivo dieci persone sono state sanzionate a Crotone, con una multa da 400 euro ciascuno.

Analoga sanzione è stata comminata anche al presidente dell’associazione presso la quale era in corso di svolgimento la partita. Gli agenti hanno, inoltre, chiuso la struttura per giorni 5.

Multe da 400 euro anche per il direttore di un negozio ed il titolare di un ristorante.

In particolare, nel primo caso, nell’esercizio commerciale non era stata sospesa la vendita di prodotti di genere non alimentare non rientranti tra quelli consentiti; nel secondo, invece, il ristoratore non aveva esposto il cartello riportante il numero massimo di persone ammesse nel locale.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpresi a rubare le ruote di un’auto: due arresti e una denuncia

Crotone - Due giovani di 23 e 25 arrestati sono stati arrestati dalla polizia di Stato a Crotone, perché sorpresi a rubare le ruote di un’auto. Nell’occasione è stato denunciato anche un quindicenne che avrebbe fatto da palo.

Inoltre, durante un servizio di controllo gli agenti hanno segnalato al prefetto due assuntori di droga, trovati in possesso di alcune dosi di Cocaina.

Infine, i poliziotti, nel corso di un’attività, hanno rinvenuto 2,7 chili di marijuana, nascosti in un casolare abbandonato.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS