Sbarco di migranti in Calabria, fermati i presunti scafisti

Sono stati individuati e arrestati i presunti scafisti dello sbarco avvenuto l’altro ieri nei pressi della foce del fiume Neto.

I due uomini, di nazionalità russa, poche ore dopo l’avvenuto approdo del veliero nei pressi delle coste crotonesi, sono stati intercettati da una pattuglia della polizia di Stato.

Gli agenti hanno notato i due uomini per strada, sporchi di sabbia, con i pantaloni bagnati e muniti di zaini.

Portati in questura, i due sono stati identificati in Maksim Sechenov e Dmitrii Bukhanov, rispettivamente di 25 e 31 anni.

Al termine delle formalità di rito, i presunti scafisti sono stati arrestati con l'accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e condotti nel carcere di Crotone.

  • Pubblicato in Cronaca

Mezzo pesante va a fuoco dopo aver tranciato un cavo dell'energia elettrica

Tanta paura, fortunatamente senza  gravi conseguenze, in via del Gelsomini, a Crotone, dove intono alle 10,40 di oggi un mezzo pesante è andato a fuoco in prossimità di alcune abitazioni.

Le fiamme sono state innescate da un cavo dell’energia elettrica tranciato dal cassone del  camion durante le operazioni di scarico.

L’incendio si è propagato rapidamente, provocando l’esplosione del serbatoio.

Sul posto sono tempestivamente intervenute tre squadre dei vigili del  fuoco del Comando provinciale di Crotone che hanno domato il rogo.

Dal canto loro, i tecnici Enel hanno ripristinato la rete elettrica, mentre gli uomini della polizia di Stato hanno effettuato i rilievi del caso.

  • Pubblicato in Cronaca

Cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo campionato di Serie B?

Dopo l’interruzione imposta dalle vacanze estive, la Serie B torna finalmente a scaldare i motori anche se, nonostante la pausa, in queste settimane le sorprese non sono mancate. Le notizie più rilevanti sono state sicuramente quelle che sono giunte da Palermo. Già nelle fasi conclusive dello scorso campionato, i siciliani erano stati penalizzati dalla giustizia sportiva, dapprima con la condanna alla retrocessione diretta e, poi, con una penalizzazione di 20 punti in classifica che avrebbe significato salvezza. Quando la situazione sembrava essere finalmente tornata alla normalità, è giunta come un fulmine a ciel sereno la notizia che ha visto la società rosanero non iscritta al campionato. A causa della situazione finanziaria drammatica determinata dalla gestione Zamparini, raccontata anche da La Repubblica, i siciliani non sono riusciti a presentare tutte le garanzie economiche richieste dalla Lega e, inevitabile, è giunta l’esclusione dal campionato. La ventesima squadra che andrà a comporre il prossimo campionato di Serie B sarà quindi il Venezia, nonostante nella scorsa stagione i lagunari fossero retrocessi sul campo a seguito dei playout persi contro la Salernitana. Le squadre calabresi che disputeranno il campionato di Serie B edizione 2019-2020, invece, saranno nuovamente Crotone e Cosenza che, reduci da un campionato di media-bassa classifica, si presentano ai nastri di partenza della stagione con la voglia di sognare in grande.

Il campionato di Serie B: a dominare è l’equilibrio

Dopo un campionato ricco di sorprese e di colpi di scena, nella passata stagione a riuscire a conquistare la promozione in massima serie erano state il Brescia, il Lecce ed il Verona. Mentre le prime due avevano dominato in lungo e in largo il campionato ed avevano dimostrato di essere le due squadre più spettacolari della categoria, l’Hellas Verona aveva raggiunto tale traguardo passando dai playoff. Le favorite della vigilia Benevento e Crotone, invece, non erano mai riuscite a trovare la continuità auspicata e si erano rese protagoniste di un campionato al di sotto delle aspettative. Se è vero che i sanniti, ad ogni modo, avevano risieduto stabilmente nelle zone nobili della classifica, salvo poi cedere ai playoff contro la sorpresa Cittadella, il Crotone aveva seriamente rischiato di perdere la categoria. Mentre in Serie A, il destino della stagione sembra essere già scritto con largo anticipo, con la Juventus che al 19 di luglio, secondo le scommesse Serie A di Betway, a quota 1,50, è la favorita indiscussa per la vittoria dello scudetto, in Serie B a farla da padrona è l’equilibrio anche se sono diverse le squadre che quest'anno, almeno sulla carta, partono con i favori del pronostico dalla propria parte. Tra le indiziate principali al raggiungimento della promozione diretta ci sono sicuramente le tre neoretrocesse Empoli, Frosinone e Chievo Verona. Come ci racconta anche Il Corriere dello Sport, mentre Empoli e Chievo Verona, dopo aver venduto i loro giocatori migliori, stanno cercando di ricostruire puntando su giovani e su calciatori che ben conoscono la categoria, il Frosinone ha deciso di cambiare poco e si affiderà nuovamente al gruppo che negli ultimi quattro anni ha raggiunto per ben due volte la promozione in Serie A. Stando alle ultime notizie che giungono dal fronte calciomercato, inoltre, quest’anno la concorrenza sarà più spietata che mai, con Benevento, Salernitana, Cremonese, Perugia e Pescara che stanno rinforzando ulteriormente il proprio organico e che sembrano intenzionate a disputare un campionato di alta classifica.

Il Crotone vuole imparare dai propri errori

Nella passata stagione, come detto, il Crotone non era mai riuscito ad esprimere tutto il proprio potenziale e dopo l’alternanza sulla panchina tra Stroppa ed Oddo, alla fine, i rossoblu erano riusciti a conquistare la salvezza solo a tre giornate dalla fine. Quest’anno, pertanto, in vista del nuovo campionato, la società ha deciso di affidare nuovamente la propria panchina a Giovanni Stroppa che, dopo un avvio complicato che lo aveva addirittura portato all’esonero, nella parte conclusiva della passata stagione era riuscito a mettere le cose al proprio posto, portando i propri uomini alla salvezza. Sia la dirigenza che Stroppa, ad ogni modo, saranno chiamati a dimostrare di aver imparato dai propri errori ed in città è sempre più forte la sensazione che vede la presidenza seriamente intenzionata a puntare nuovamente alla conquista della Serie A. La società rossoblu è da tempo al lavoro per programmare la nuova stagione, nel tentativo di allestire una rosa che possa essere un giusto mix di giovani di prospettiva e di calciatori che ben conoscono la categoria. Dopo aver accolto Crociata e Faraoni, entrambi rientranti dai rispettivi prestiti, ed aver deciso di affidare nuovamente le fasce a Molina e Nalini, la società è alla frenetica ricerca di giocatori che possano risultare funzionali al nuovo progetto. Il primo acquisto del nuovo corso è stato Nicolás Spolli, difensore centrale argentino di grande esperienza che, reduce da diverse esperienze in Serie A, potrebbe far compiere al reparto difensivo il tanto atteso salto di qualità. Ufficializzate le cessioni di Marco Firenze, Ante Budimir e Bruno Martella, c’è grande interesse nello scoprire cosa sarà in grado di fare Luka Markovic: il centravanti serbo classe 2000, di ritorno dall’esperienza in prestito alla Juventus, sarà chiamato a dimostrare di essere pronto per fare la differenza anche tra i professionisti, in un campionato difficile come quello cadetto.


La Serie B è finalmente pronta a ripartire e la speranza di tutti gli appassionati di calcio è che, a differenza di quanto accaduto nella passata stagione, a parlare possa essere soltanto il campo. Da parte nostra, non possiamo fare altro che augurarci che questo campionato sia ricco di soddisfazioni per i tifosi di Crotone e Cosenza e che entrambe le società calabresi possano lottare per qualcosa di importante.

Non si ferma all'alt con un motorino rubato, denunciato

È durato circa venti minuti l’inseguimento di un ragazzo senza casco a bordo di un ciclomotore privo di targa.

L'episodio è accaduto a Crotone, dove al giovane era stato inutilmente intimato l'alt, da parte di una pattuglia della polizia di Stato impegnata nell’ambito del progetto “Hera Lacinia”.

È seguito, quindi, un breve inseguimento, conclusosi in via La Pira, dove S. A., di 25 anni, è stato bloccato ed identificato.

Nel corso del successivo controllo, il 25enne è stato trovato in possesso di quattro cacciavite, un coltello, un bilancino di precisione ed una dose d'eroina.

Il motorino, invece, è risultato privo di numero di telaio, pertanto, il giovane è stato denunciato per i reati di ricettazione, possesso ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale.

  • Pubblicato in Cronaca

Tenta di rapinare due prostitute, arrestato

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone hanno tratto in arresto il 27enne extracomunitario Ebrima Jobe per tentata rapina aggravata ai danni di due prostitute.

In particolare, i militari hanno accertato che l’uomo ha minacciato con una spranga due donne di nazionalità Bulgara, alle quali ha cercato di sottrarre le rispettive borse.

La resistenza opposta dalle donne ed il tempestivo intervento dei militari ha permesso di bloccare il 27enne, il quale, al termine delle formalità di rito, su disposizione del pm di turno , è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone.

Al termine dell’udienza, l’uomo è stato condannato ad un anno e otto mesi di reclusione.

  • Pubblicato in Cronaca

Cocaina nascosta nel giardino, 42enne finisce in manette

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone e di un’unità cinofila di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto un 42enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto, in una cassetta metallica conservata nel salone, un involucro in cellophane con 84 grammi di cocaina e due bilancini elettronici.

La perquisizione ha interessato anche il giardino dell'abitazione dove, in un fusto rinvenuto sotto terra, gli uomini dell'Arma hanno trovato 1965 grammi di cocaina.

Dopo aver sequestrato la droga, i militari hanno tratto in arresto il 42enne, il quale, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone.

 

In auto con eroina e marijuana, arrestato

I militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone e del Gruppo carabinieri forestale, hanno tratto in arresto un 54enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione personale e veicolare, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto 10 dosi d’eroina e 47 dosi di marijuana.

 Terminate le formalità di rito, su disposizione del pubblico inistero di turno della procura di Crotone, l’arrestato è stato sottoposto ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

  • Pubblicato in Cronaca

Operazione "Grimilde" contro la 'ndrangheta, arresti anche in Calabria

Sono due le persone finite in manette in provincia di Crotone nell’ambito dell’operazione “Grimilde”, condotta dalla squadra mobile di Bologna, che ha portato complessivamente all´arresto di 16 presunti appartenenti ad un sodalizio di `ndrangheta operante in Emilia Romagna.

L’attività, nel corso della quale sono state eseguite oltre cento perquisizioni, ha permesso di  smantellare una presunta articolazione ‘ndranghetista operante nelle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza.

Per gli inquirenti, nel corso degli anni, la presunta consorteria avrebbe espresso il proprio potenziale criminale in seno alla `ndrangheta e la propria forza di intimidazione, sia con l’eccezionale disponibilità di armi che con l’esecuzione d’attentati incendiari.

In particolare, in provincia di Crotone sono finiti in manette V.L e B.G., rispettivamente di 52 e 30 anni.

Il primo, accusato d’associazione di tipo mafioso, è stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere.

Il secondo, invece è finito ai domiciliari con l’accusa d’intestazione fittizia di beni e trasferimento fraudolento di valori aggravati dalla mafiosità.

Sottoscrivi questo feed RSS