Elezioni europee: la Lega è il primo partito, crolla il M5s

Supera addirittura le previsioni degli exit poll è diventa il primo partito. La Lega di Matteo Salvini conquista il 34,56 per cento delle preferenze alle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo e stacca di gran lunga tutte le altre forze politiche.

Il Pd è il secondo partito, con il 22,88 per cento.

Crolla invece il M5s, che non va oltre il 16,84%. Forza Italia si ferma all’8,53%, Fratelli d'Italia cresce e tocca quota 6,42%.

Più Europa al 3,13%, Europa Verde si attesta al 2,32%, La sinistra all'1,7%, il Partito Comunista allo 0,9%, il Partito animalista allo 0,6%, i Popolari per l'Italia allo 0,3%, gli altri movimenti al 2%.

In calo il dato dell’affluenza, che si ferma al 56,10% rispetto al 58,69% del 2014.

Seggi aperti per europee e comunali. In Calabria si vota in oltre cento comuni

Seggi aperti dalle 7 alle 23 di oggi (domenica 26 maggio) per le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, le amministrative in circa 3800 comuni, le regionali in Piemonte e le suppletive della Camera dei deputati nei collegi uninominali diTrento e Pergine Valsugana della XXVIII Circoscrizione Trentino-Alto Adige. 

Gli elettori chiamati a votare sono quasi 51 milioni.

In Calabria si vota anche per il rinnovo di 135 amministrazioni comunali. Tra i capoluoghi di provincia, l'unica città chiamata alle urne e Vibo Valentia.

Nel Vibonese si vota, inoltre, a: Drapia, Mileto, Mongiana, Nicotera, Pizzoni, Rombiolo, Simbario, Sorianello, Soriano Calabro, Vallelonga, Vibo Valentia e Zungri.

In provincia di Catanzaro, invece, si rinnovano i Consigli comunali di: Albi, Amato, Cortale, Falerna, Fossato Serralta, Gagliato, Gimigliano, Marcedusa, Marcellinara, Miglierina, Motta Santa Lucia, Nocera Terinese, Pentone, Pianopoli, San Floro, San Pietro a Maida, Sellia, Sellia Marina, Sorbo San Basile, Squillace e Zagarise.

Urne aperte anche in alcuni comuni del Reggino, dove si vota a: Agnana Calabra, Ardore, Bagaladi, Benestare, Bivongi, Bova Marina, Canolo, Cardeto, Cittanova, Feroleto della Chiesa, Gioia Tauro, Laureana di Borrello, Martone, Monasterace, Oppido Mamertina, Riace, Roccella Jonica, San Giovanni di Gerace, San Luca, San Roberto, Sant'Alessio in Aspromonte, Sant'Ilario dello Ionio, Scido e Stignano.

Il maggior numero di comuni chiamati alle urne si registra nel Cosentino, dove si vota a: Acquaformosa, Acquappesa, Aiello Calabro, Alessandria del Carretto, Altomonte, Aprigliano Belvedere Marittimo, Bianchi, Bocchigliero, Buonvicino, Caloveto, Castiglione Cosentino, Celico, Cerchiara di Calabria, Cervicati, Civita, Colosimi, Corigliano-Rossano, Cropalati, Crosia, Diamante, Domanico, Figline Vegliaturo, Firmo, Fiumefreddo Bruzio, Frascineto, Grimaldi, Laino Borgo, Laino Castello, Lappano, Lattarico, Longobardi, Malvito, Mendicino, Mongrassano, Montalto Uffugo, Montegiordano, Morano Calabro, Mottafollone, Nocara, Oriolo, Orsomarso, Paludi, Parenti, Pedivigliano, Rende, Rocca Imperiale, Rose, Roseto Capo Spulico, Rota Greca, San Basile, San Benedetto Ullano, San Donato di Ninea, San Giorgio Albanese, San Marco Argentano, San Pietro in Guarano, Santa Caterina Albanese, Santa Domenica Talao, Santa Maria del Cedro, Santa Sofia d’Epiro, Santo Stefano di Rogliano, Scigliano, Spezzano Albanese, Tarsia, Terranova da Sibari, Torano Castello, Vaccarizzo Albanese, Verbicaro e Villapiana.

A Crotone, invece, si vota per il rinnovo dei Consigli comunali di: Belvedere Spinello, Caccuri, Carfizzi, Castelsilano, Melissa, Mesoraca, San Mauro Marchesato, San Nicola dell’Alto, Umbriatico e Verzino

Diverse anche le città italiane chiamate al voto: Firenze,  Bari, Perugia, Potenza, Campobasso, Ascoli Piceno, Avellino, Bergamo, Biella, Cremona, Ferrara, Foggia, Forlì, Lecce, Livorno, Modena, Pavia,  Pesaro, Pescara, Prato, Reggio Emilia, Rovigo, Verbania, Vercelli e Vibo Valentia.

Le operazioni di scrutinio inizieranno, con lo spoglio delle schede per le elezioni europee, subito dopo la chiusura dei seggi. Lunedì 27, alle 14 inizierà, invece, lo spoglio delle schede per le elezioni  comunali.

 

  • Pubblicato in Politica

A Vibo confronto in vista delle elezioni europee

Il prossimo 4 maggio, dalle ore 17.30, presso la sala conferenze del Centro servizi per il volontariato, si terrà un confronto tra alcuni giovani esponenti politici in vista delle elezioni europee del 26 maggio.

L’evento organizzato dalla sezione vibonese del Movimento federalista europeo/Gioventù federalista europea, vedrà il coinvolgimento del Partito democratico e del Partito socialista italiano in rappresentanza del Partito socialista europeo, di Forza Italia giovani in rappresentanza del Partito popolare europeo, del MeetUp del Movimento 5 stelle di Pizzo in rappresentanza del Gruppo europa delle libertà e della Democrazia diretta e la Lega – Salvini Premier in rappresentanza del Gruppo europa delle nazioni e della libertà.

Il confronto, che toccherà le principali tematiche di attualità politica europea, sarà moderato da Carmelo Arena, Vice – Segretario del Mfe/Gfe Vibo Valentia e studente di economia aziendale presso l’Unical di Cosenza, e vuole essere un momento per rendere i cittadini vibonesi consapevoli dell’importanza del voto europeo. 

  • Pubblicato in Politica

Comunali Tropea, la soddisfazione di Jole Santelli (FI) per l'elezione di Nino Marcì

"Una bella affermazione quella di Giovanni Macrì, per noi Nino, da oggi nuovo Sindaco di Tropea.
Il coordinatore cittadino di Forza Italia, a capo della lista Forza Tropea, si è imposto con il 40% dei consensi sugli altri candidati certificando il forte apprezzamento alla sua persona ed alla sua squadra da parte della comunità.
Un risultato importante, in uno dei centri che rappresenta il simbolo della Calabria bella, della Calabria che vogliamo, le cui caratteristiche potenziali verranno messe al centro dell'operato del nuovo sindaco.
Un ringraziamento particolare al senatore Peppe Mangialavori, che ha dato un forte contributo al progetto ed alla vittoria, sempre attento alle dinamiche dei territori ed alle esigenze dei cittadini.
Buon lavoro a Nino, che potrà contare sul nostro supporto nella sua azione politica e amministrativa: Forza Tropea".
 
E' quanto scrive in una nota, il coordinatore regionale di Forza Italia Calabria, Jole Santelli.

 

  • Pubblicato in Politica

Elezioni, Macrì è il nuovo sindaco di Tropea

Giovanni "Nino" Macrì è il nuovo sindaco di Tropea.

Questo l'esito della consultazione comunale svoltasi ieri nella "Perla del Tirreno". Con 1252 preferenze Macrì si è imposto su Giuseppe Maria Romano (1001), Massimo L’Andolina (496) e Nicola Critelli (282).

Rinnovo del consiglio comunale anche a Rizziconi (Rc) dove, con 2132 voti, Alessandro Giovinazzo (Rizziconi Riparte) l'ha spuntata su Antonella Anastasi (Insieme per una Nuova Rizziconi) che si è fermata a 1776 preferenze. 

Tutto da rifare, invece, a Nicotera dove l'unica lista in campo, guidata da Pietro Marasco, non ha raggiunto il quorum. L'affluenza, infatti, non ha superato il 30 per cento.

  • Pubblicato in Politica

Scardinare i trasversalismi per rivoluzionare la Calabria

 Quella tra Berlusconi e il Pd è una storia ormai consolidata. Benissimo, ognuno faccia quello che meglio crede. Così vale per la Lega, la quale ha tutte le buone ragioni, ora, per mandare al diavolo Forza Italia.

 Vedremo cosa accadrà a livello nazionale, e in diverse realtà locali. Io qui voglio riflettere sulla Calabria, che tra pochi mesi è in campagna elettorale, salvo incidenti.

 Salvo incidenti, perché la maggioranza di Oliverio è debolissima, e, con l’uscita di Guccione e quell’altro, è quasi venuta meno. Ma poniamo si salvi in qualche modo, Oliverio arriva alla primavera del 2019 e non oltre. Certo, lo voteranno gli intellettuali di Africo, ma non erano tantissimi; anzi, quattro gatti. “Portentosi”, secondo l’articolista, però quattro gatti.

 Quanto alla minoranza… stavo per scrivere opposizione ma mi è venuto da ridere; è palese che la minoranza fa parte della maggioranza, ne è la ruota di scorta. La minoranza di scorta è formata dal centro(destra), sia pure frantumato in gruppi, e da Fratelli d’Italia.

 Se questi hanno il fegato, rompano con Forza Italia. Come possono dimostrare di avere fegato? Facendo, almeno una volta nella vita, l’opposizione sul serio.

 Intanto, la Lega calabrese, che è consistente e in crescita, deve decidere cosa fare, cominciando con chiudere i rapporti con FI.

 Deve svolgere nelle piazze quel ruolo di opposizione che FI e annessi non svolgono in Consiglio. Deve rivolgersi ai Calabresi onesti e audaci, che ne abbiamo le tasche piene di una Regione ultima d’Europa, e che ha fatto e fa pena dal 1970 a oggi; con presidenti di sinistra e centrosinistra, e ancora di più e peggio con quelli di centro(destra), tali Pino Nisticò, Peppino Chiaravalloti e Pino Scopelliti.

 La Lega farebbe bene ad evitare contaminazioni con questo centro(destra), erede della Democrazia cristiana e niente altro. Sarebbe l’ideale, nel 2019, una lista che rispecchi l’attuale compagine governativa.

 Non è solo e nemmeno soprattutto questione di nomi e di liste; è che la Calabria dev’essere profondamente rivoluzionata nella mentalità e nella prassi. Non ci servono assessori accomodanti e complici dei burocrati; e allevati nelle stesse logge e cene e amicizie palesemente trasversali, e non solo trasversali di partito!!!

  • Pubblicato in Diorama

Amministrative Curinga, De Nisi: “Straordinario successo, il cambiamento appartiene ai cittadini”

“Straordinaria affermazione di Vincenzo Serrao e della lista ‘Insieme Possiamo’. La vittoria elettorale, maturata in ogni zona, contrada o frazione, appartiene ai cittadini che hanno fortemente voluto una svolta nella gestione amministrativa dell’ente comunale”.

Lo afferma il consigliere comunale Enza De Nisi, dopo l’esito delle elezioni amministrative al comune di Curinga. 

“Ringrazio i cittadini e tutti coloro i quali hanno creduto nella sottoscritta, nella nostra lista e nel nostro candidato a sindaco. E’ stato un percorso difficile – continua Enza De Nisi - ma anche bello e appassionante. Le emozioni sono state tante e la vicinanza della gente mi ha riempito il cuore di gioia”. 

“Questa – precisa De Nisi - sarà l’amministrazione della pace, della politica partecipata e condivisa. I cittadini e questo territorio hanno bisogno di attenzioni, amore e di sentire il Comune come casa loro. La politica, invece, fino ad oggi, ha seminato contrapposizioni, tensioni e divisioni tra la gente. Segneremo una decisa inversione di tendenza anche in tale direzione”.

 

  • Pubblicato in Politica

Cosenza, il circolo Pd “Centro storico e frazioni” analizza il voto delle elezioni politiche

Si svolgerà alle 17,00 di martedì 27 marzo, presso il Chiostro di San Domenico a Cosenza (ex Caserma Fratelli Bandiera) l’assemblea del I circolo Pd “Centro storico e frazioni” con all’ordine del giorno l’analisi del voto che si è registrato in città alle elezioni politiche del 4 marzo scorso.

Dopo l’introduzione del segretario Gabriele Petrone, sarà chiamato a svolgere la relazione di analsi del voto Nicola Adamo.

Interverranno, inoltre, il segretario provinciale Luigi Guglielmelli ed i parlamentari Enza Bruno Bossio ed Ernesto Magorno.

“Abbiamo voluto convocare un’assemblea aperta non solo agli iscritti ma anche ai simpatizzanti e a tutti quei cittadini che vogliono discutere e dire la loro sul futuro del PD”, ha affermato Gabriele Petrone.

“Il 4 marzo ha segnato una sconfitta storica della sinistra e del centrosinistra che richiede uno sforzo di analisi e una vera e propria rifondazione di impianto e cultura politica”, ha proseguito Petrone.

“Con la convocazione dell’assemblea puntiamo sul coinvolgimento di quanti vorranno essere protagonisti di un rilancio della presenza organizzativa del PD nella città di Cosenza, con l’obiettivo di operare una vera e propria rigenerazione del campo del centrosinistra”.

 

Sottoscrivi questo feed RSS