Serra: Festa del fungo, la soddisfazione della Pro loco

"Nonostante il tempo non sia stato dei migliori, non possiamo che ritenerci soddisfatti. La sesta edizione della Festa del Fungo ha confermato il trend positivo che la sta caratterizzando. Più anni passano e sempre più gente ci raggiunge. Abbiamo lavorato duramente per creare una tre giorni attraente, attrattiva e ricca di eventi per poter attrarre un target sempre più completo di persone. Abbiamo cercato di curare ogni aspetto, ogni minimo angolo per rendere confortevole oltre che piacevole la festa. Purtroppo la situazione meteo ci ha penalizzato non potendo dar vita a quanto di bello era stato organizzato, ma nonostante ciò possiamo affermare che molta più gente dell'anno scorso ci ha raggiunto. E' una formula che funziona, cha dà vita ad una economia in un periodo in cui le attività commerciali ne hanno bisogno. Però, questa, è una formula che, oltre a creare un indotto economico importantissimo, non tralascia l'aspetto culturale e che valorizza l'enorme patrimonio naturalistico e religioso che ci circonda. Questa sarà un'edizione che passerà alla storia anche per la fantastica mostra che oltre a richiamare i nostri fantastici boschi, fa un richiamo a quell'industria che non c'è più e che non va dimenticata e che va valorizzata. Abbiamo ospitato nel “Bosco Sospeso 3.0” un fungo di circa 34 kg nonché una specie che emana un forte odore simile al cocco e che sarà inviata a Bologna per poter essere studiata. Abbiamo fatto coincidere la nostra Festa con i festeggiamenti in onore del nostro Santo Patrono Bruno per far vivere a chi ci ha raggiunto, una tradizione tutta serrese. Obbiettivo raggiunto perché in tanti, tra le tante domande, ci hanno chiesto il perché del lancio dei confetti sulla statua in processione. Ma anche fitwalking a cura della A.S.D. Calabria per far conoscere i nostri vicoli, esibizioni musicali e di danza, stand gastronomici presi d'assalto. Vorremmo ringraziare tutte quelle associazioni che ci hanno aiutato, tutte le attività commerciali che ci hanno sostenuto, il commissario del Parco delle Serre Dott. Pellegrino e l'assessore De Caria per l'aiuto, la New Gimnasium e Sogno Latino, il Lions Club di Serra San Bruno nonché tutte le persone che ci hanno raggiunto, alle quali rinnoviamo l'invito all'anno prossimo e alle quali porgiamo le nostre scuse qualora, qualcosa, non sia andata nella direzione giusta. Siamo alla sola sesta edizione ma abbiamo raggiunto ottimi risultati che per noi saranno un punto di partenza per l'anno che verrà. Attendiamo questo fine settima per fare una stima di quanti ci hanno raggiunto in quanto, anche sabato e domenica, alcuni ristoranti aderenti continueranno ad offrire il loro menù del fungo alla modica cifra di 20 euro. Quindi, per il palato, la festa continua".

È quanto scrive in una nota il direttivo della Pro loco Serra San Bruno.

Serra: Festa del fungo, il programma completo

Al via la sesta edizione della “Festa del Fungo”. La manifestazione, organizzata dalla Pro loco di Serra San Bruno, con il patrocinio dell'amministrazione comunale, in collaborazione con il Parco naturale regionale delle Serre, si terrà nelle giornate del 4-5-6 ottobre.

Come da consuetudine, la festa inizierà ufficialmente il 4 ottobre con la classica escursione micologica guidata da esperti micologi, durante la quale saranno raccolti i funghi destinati ad essere  esposti nella mostra in programma a Palazzo Chimirri.

Il programma della manifestazione prevede: alle 10 di sabato 5, l’inaugurazione della mostra micologica. Nel pomeriggio, il mercatino gastronomico ed artigianale nel centro storico della cittadina, con diversi eventi, tra i quali spiccano in serata il concerto in piazza Monsignor Barillari e lo spettacolo pirotecnico.

Entrambi gli eventi sono curati dalla Pro loco, dalle congreghe della cittadina e dalla parrocchia San Biagio.

Il 6 ottobre, oltre alla mostra micologica ed ai mercatini artigianali e gastronomici che si protrarranno per tutta la giornata, vi saranno, nel primo pomeriggio, vari concertini ed esibizioni, tra le quali quelle delle “street band”, degli artisti di strada e delle scuole di ballo.

Il programma strizza l’occhio anche ai più piccoli, per i quali sarà predisposta un'apposita area gratuita di intrattenimento con diverse mascotte.

Al fine di agevolare il traffico e per rendere più veloce lo spostamento verrà offerto un servizio d'accompagnamento tramite trenino, che porterà i visitatori presso i ristoranti che cureranno il “Menù del Fungo”, ovvero il menù che i numerosi ristoranti aderenti proporranno ad un prezzo modico, a quanti desidereranno assaporare il gustosissimo fungo serrese, re indiscusso della festa.

Infine, in piazza mercato sarà allestita un’area destinata ai camper.

Serra, fervono i preparativi per la Festa del fungo

 Quasi tutto pronto per la sesta edizione della “Festa del fungo”.

La manifestazione, organizzata dalla Pro loco di Serra San Bruno con il patrocinio dell'amministrazione comunale e in collaborazione con il Parco naturale regionale delle Serre, si terrà nelle giornate del 4-5-6 ottobre.

Come consuetudine la festa inizierà ufficialmente giorno 4 ottobre con la classica escursione micologica guidata da esperti micologi, durante la quale saranno raccolti i funghi destinati alla mostra che si terrà presso Palazzo Chimirri nei giorni 5 e 6.

Sempre nel pomeriggio del 5 ad allietare i visitatori il riuscitissimo mercatino gastronomico ed artigianale nel centro storico della cittadina.

Mostra micologica e mercatino saranno poi allestiti anche per giorno 6, ultimo giorno della festa.

Durante le giornate, a rendere estremamente piacevole il soggiorno dei visitatori numerose attrattive, con diversi concerti e spettacoli lungo il corso principale.

Cornice importante dell’evento il “Menù del fungo” che i numerosi ristoranti aderenti, come ogni anno, offriranno ad un prezzo modico a tutti coloro che vorranno assaporare il gustosissimo fungo serrese.

Il programma completo verrà comunque poi reso noto in una conferenza stampa e verrà aggiornato costantemente nella pagina facebook della nostra associazione. «Manca solo qualche dettaglio – è la dichiarazione del presidente Francesco Giancotti – e la Festa del fungo è pronta. Quest’anno il nostro obbiettivo è migliorare quanto di stupefacente abbiamo fatto negli anni passati. Per questo abbiamo già in programma grandi sorprese. Inoltre, cosa non di poco conto, sappiamo che la raccolta di funghi nella nostra zona è iniziata benissimo, e le stime per i prossimi giorni sono altrettanto ottimistiche».

Serra, Festa del Fungo: la soddisfazione della Pro loco

Riceviamo e pubblichiamo

"E' giunto il momento di fare un resoconto in merito alla “Festa del Fungo 2018” organizzata dalla nostra associazione. Innanzitutto è doveroso ricordare come nonostante i drammatici eventi meteo questa edizione ha raggiunto numeri inimmaginabili in termini di partecipazione. Abbiamo abbondantemente superato i dati dello scorso anno e l'aver organizzato questa edizione proprio nei giorni in cui un ricorre la festa del nostro Patrono San Bruno è stata un'accoppiata vincente. Il successo è sotto gli occhi di tutti e questo rappresenta un dato incontrovertibile. Altro dato inconfutabile è l’impatto economico. Difatti sabato 6, ma sopratutto domenica 7 ottobre, i ristoranti aderenti all'iniziativa, sono stati letteralmente presi d'assalto dai turisti, giunti da tutta Italia per degustare il re incontrastato della nostra montagna: il fungo. Di tale iniziativa hanno avuto beneficio anche tutti i ristoranti della zona che sono stati indirettamente coinvolti dall'invasione di turisti che ha preso d'assalto la nostra zona. Non possiamo che ritenerci soddisfatti del risultato ottenuto, ma il maggiore motivo di orgoglio è stato per noi vedere la nostra Serra viva in un periodo dell'anno in cui, senza la nostra festa, sarebbe stata economicamente morta. Siamo riusciti a dimostrare che grazie alla volontà, all’intelligenza, alla competenza, all’amore per la nostra cittadina, Serra San Bruno può emergere. Il ringraziamento va a tutte le associazioni che hanno deciso di collaborare con noi per raggiungere insieme questo prestigioso traguardo. Ringraziamento particolare va alla Serfunghi di Calabretta Bruno, sempre presente nella nostra Festa del Fungo e in ogni nostra manifestazione. E’ opportuno, però ricordare che il nostro lavoro non si ferma mai, infatti, stiamo già lavorando alla prossima Festa del Fungo, a tal proposito, sono già in cantiere numerose idee che renderanno l’edizione del prossimo anno più attrattiva. Coscienti e consapevoli che il risultato raggiunto quest'anno per noi deve essere un punto di partenza".

 Direttivo Pro loco Serra San Bruno

Serra, la Festa del Fungo si svolgerà regolarmente

Nonostante i forti disagi causati dall'ondata di maltempo, il programma della Festa del Fungo di Serra San Bruno non subirà alcuna variazione. 

In una nota diffusa degli organizzatori si legge: "teniamo ad informare che la quinta edizione della "Festa del Fungo" si svolgerà normalmente e come programma nelle giornate di sabato e domenica considerato, che le condizioni atmosferiche sono in via di netto miglioramento".

Serra, tutto pronto per la Festa del fungo

Tutto pronto per la quinta edizione della “Festa del Fungo”. La manifestazione organizzata dalla locale Pro loco, con il patrocinio dell'amministrazione comunale di Serra San Bruno, il cui sponsor ufficiale è Serfunghi di Calabretta Bruno, si svolgerà nei giorni 5-6-7 ottobre, e sarà caratterizzata da un ricco e variegato calendario di appuntamenti.

La manifestazione prenderà il via alle 7 del 5 ottobre, con la consueta passeggiata fra i boschi alla ricerca di funghi. All'escursione prenderanno parte guide esperte, che daranno tutte le informazioni necessarie sui funghi raccolti.

Il materiale micologico raccolto verrà poi utilizzato per la mostra, che sarà allestita presso Palazzo Chimirri, dalle 10 del 6 ottobre, alla tarda serata del giorno successivo.

A partire dal primo pomeriggio del 6 ottobre e per tutta la giornata del 7 sarà possibile visitare, lungo il corso principale della cittadina della Certosa, il mercatino artigianale, allietato da diverse attrattive, quali: degustazioni gastronomiche, saggi di danza, concertini dal vivo, diretta e musica con Rs 98, un convegno sulla valorizzazione dei borghi e la sfilata auto d'epoca.

Durante l'ultima giornata di festa, a partire dalle 10.15, è previsto il raduno, presso piazza Tucci, di fitwlaking (camminata veloce), curato dall'associazione sportiva “Asd Calabria fitwalking”, alla scoperta della storia, dell'arte e delle tradizioni di Serra San Bruno.

La manifestazione si concluderà con il concerto dei "Taranta Nova", in programma alle 21.15 in piazza Monsignor Barillari, ed il consueto taglio della torta.

Da ricordare, infine, che diversi ristoranti aderenti alla Festa offriranno ai numerosi visitatori un menù a base di funghi, per pranzo e cena, nelle date del 6 e del 7.

Giancotti (Pro loco) replica al presidente del comitato "Mastro Bruno"

“Sono numerose le persone che mi hanno contattato per esprimere solidarietà all' associazione di cui sono presidente, a seguito delle pesanti e continue accuse perpetuate dal presidente del Comitato Civico “Mastru Brunu” a danno anche del vicepresidente Andrea Raffele Pisani a cui va la solidarietà di tutta la nostra associazione”. E’ quanto dichiara, in una nota, il presidente della Pro loco di Serra San Bruno Francesco Giancotti. “Non siamo ancora riusciti – continua il responsabile dell’associazione di promozione turistica - a capire l'accanimento che questo presidente ha contro la nostra associazione, a riprova di questo fatto è che subito dopo il successo della festa del fungo ha iniziato a rivendicare in maniera esclusiva la buona riuscita della manifestazione quando in verità non ha  collaborato neanche indirettamente”. Un “attacco” cui è seguito un comunicato nel quale, aggiunge Giancotti,  “abbiamo detto la verità con tanto di documentazione a riprova delle nostre ragioni”. E ancora, “Non bastasse si sono succeduti altre due sue dichiarazioni di cui una a mezzo stampa ed una tramite facebook, nelle quali minacciava anche azioni legali, citando nel post di facebook  numerose persone. Teniamo a precisare che queste minacce di querele non ci scalfiscono minimamente, anche perché l'operato e il sacrificio della nostra associazione sono sotto gli occhi di tutti. Anzi ribadiamo che queste continui riferimenti a sindaci, unione, istituzioni, piedi mancanti, associazioni varie, enti vari e ipotetici incarichi da parte di amministrazioni comunali, non sono cose che interessano e competono alla Pro Loco. Anzi – prosegue la nota - la nostra associazione ha finora collaborato con tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute negli ultimi tre anni. Abbiamo anche appreso la richiesta che il caso venga appositamente discusso in consiglio comunale, richiesta superflua e pretestuosa atteso che i problemi di una comunità sono ben altri e più importanti rispetto ai semplici capricci fatti per ricevere un po’ di fama. Siamo solo una associazione di promozione territoriale che va fiera del proprio vicepresidente Raffaele Andrea Pisani, una delle persone più valide che la Pro Loco abbia potuto vantare fino ad ora”.  “Precisiamo – conclude Giancotti - che  questa è l'ultima volta che interveniamo in risposta a queste provocazioni pubblicamente. La Pro Loco si sta già occupando della realizzazione dei prossimi eventi tra cui il tanto atteso Presepe Vivente. Infine rivolgiamo le nostre scuse  a tutta la comunità serrese, e non solo, per questa situazione incresciosa che ci ha visto involontariamente coinvolti e che sta danneggiando l'immagine del paese”.

Serra. "Festa del fungo": il Comitato "Mastro Bruno" controreplica alla Pro loco

Di seguito la lettera aperta inoltrata da Giacinto Damiani, presidente del Comitato civico "Mastro Bruno". "La Pro loco di Serra San Bruno, dà…i numeri..ci divide..  l'ospite deve pagarla? E, qui di seguito, le riprove provate. Primo aspetto, il Comitato Civico Mastro Bruno, come suo dovere, scrisse  su FB per un argomento, ignorato dalla Pro Loco relativo all'esclusione di Serra dai 700 Borghi più belli d'Italia. E tutti dovrebbero plaudire tale operato. Giorno 5 u.s. ripresi tale articolo criticando come mia abitudine il Sistema e non l’uomo ( la musica e non il musicista) come scrivo nel libro ??Pinsati?? ( Patrocinio Pro loco). Perciò giorno 5 u.s.  riprendo sempre su FB l’argomento e, per quanto riguarda il caso, riporto testualmente: "Le lungimiranti azioni del Comitato Civico Mastro Bruno, da ultimo quelle della segnaletica, hanno fatto sì che svariate  migliaia e migliaia di persone invadessero l’altopiano delle Serre da Mongiana, Fabrizia, Vallelonga. Con notevole beneficio per i commercianti. Vedi foto su: Vizzarro, Redattore, Lametino, Soveratoweb, Cirotano,Teleionio, ecc.  ( n.b. non cito Serra per dare più risalto alla Pro loco). Grazie anche all’intelligente iniziativa degli amici Pro loco, (grazie Franco, Andrea) la 'Festa del fungo'. Fungo cui nessun componente di equipaggio auto deve più rinunciare o rimettere a causa di una vecchia strada, rifiutata e bandita dai più. Ma c’è ancora qualche ingenuo che pensa altri avessero interesse alla segnaletica?? Svegliamoci!! Gli altri non hanno interesse ad aiutarci. Svegliamoci!! Gli altri siamo noi!' E, inoltre confermo, nella lettera aperta: 'Leggo, con vivo compiacimento, il successo relativo alla terza Sagra del fungo, a Serra San Bruno", notizia su Gazzetta del Sud, Il Redattore,  Il Vizzarro, FB/Il Brigante.  Mentre, l’avv. Pisani sul Quotidiano rivendica i meriti della sagra, plauditi dal Comitato, senza, peraltro, ringraziarlo. Fa esattamente il contrario. Infatti, sostiene l’avvocato Pisani che nemmeno una persona abbia portato l’azione del Comitato e che, addirittura, i pugliesi, i figli del 'Tavoliere', abbiano preferito, non venire da Taranto, ma allungare di molto, per percorrere la strada di Soriano e non la nuova trasversale.  Appropriazione di meriti. Di chi?  he fine hanno fatto? Vedi allegati.  I Progetti di aggregazione, associazione  del sottoscritto ex Presidente Onorario, per dare  più forza ai nostri politici ed evitare di essere massacrati da zone concorrenti,  fenomeno sotto gli occhi di tutti. Le sagre sono utili, in Italia si fanno da decenni. Con Comitati, Pro loco e, con organizzazione gratuita, per dovere d’immagine, per la dignità del Comune, del Sindaco, dei cittadini, degli stessi ristoratori. Secondo aspetto è l’informazione. Nessuno ha contestato  quella della Pro loco, relativa alla sbandierata sagra dei 7000,  ridotta poi a  circa il 15% (più o meno 1000 persone) per  l’invenduto e il venduto ad amici e serresi, come me, interessati alla sagra, non al pranzo. Il Comitato ha scritto una cosa diversa, ha scritto, non di Proloco, ma  di affluenza e sostenendo che: 'non  tutti sono interessati  direttamente ai funghi e/o a Serra San Bruno e che una più attenta informazione non guasta,  ma aiuta a far crescere Serra  e un territorio che va da Fabrizia a Vallelonga'. Quando critichiamo l’informazione (la Pro Loco non è un giornale) non ci riferiamo alla Pro loco la cui opera abbiamo fin qui plaudito e non criticato, ma  a quella di un Sistema latitante: Anas, Provincia, Regione. A quella professionale, che non  può o non vuole spendersi per lo sviluppo del  territorio, Gazzetta, Quotidiano, Rai. L’azione del Comitato parte dai primi giorni di agosto e, se fosse stata supportata da tali 'preposti, avremmo superato, e non di poco, le presenze da noi indicate. Se la Pro loco, per far ridere gli idioti, ci attribuisce le capacità di trasferire in due giorni e non in due mesi, 28.000 presenze, lo comunichi a chi di competenza e ci precetteranno per l’esodo africano.  Terzo aspetto, per il quale si valuteranno se ricorrono gli estremi del reato di diffamazione.  Apprendo solo il 12/10 dalla vostra pubblicazione, di essere stato da voi revocato, il 24/5/2015 oltre un anno e mezzo fa ( è falso). Bastava comunicarlo subito e mi sarei risparmiato le dimissioni motivate del giorno dopo 25/10. Siete stati ingrati con me, non per la millantata revoca, ma  per il fatto di averla tenuta nascosta a chi  ci conosce e  sarebbe stato felice perché, non potevate darmi  gioia, soddisfazione,  gratificazione maggiori. Se mi informavate, mi sarei pronunciato nei Vostri confronti in termini diversi, sufficienti, perché la botte dà il vino che ha, ma ben diversi.  Dimentichiamo  spesso che 'la Pro loco è di tutti i cittadini".

Il Comitato Civico "Mastro Bruno"

Il Presidente Giacinto Damiani  

 

 

 

Sottoscrivi questo feed RSS