La Guardia di finanza incontra le scolaresche del vibonese

Nell’ambito della quinta edizione del Progetto "Educazione alla Legalità Economica" promosso dal Comando generale del Corpo e dal Miur, la Guardia di Finanza di Vibo Valentia ha avviato un ciclo d'incontri con le scolaresche del vibonese.

Il primo incontro, tenuto con l’intento di far maturare la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha coinvolto oltre 150 alunni dell'’Istituto omnicomprensivo statale del comune di Filadelfia (VV).

Gratteri: "Oggi la 'ndrangheta è più forte di prima"

"È la prima volta che in Calabria al comando provinciale dei carabinieri giungono i capi-corso, cioè i migliori in assoluto, che avrebbero potuto scegliere di andare a lavorare in una grande città come Roma o Milano. Invece, hanno deciso di venire qui, dove sei costretto a essere “sbirro” 24 ore su 24, senza la possibilità di staccare mai". 
 
Il procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, annovera tra i successi degli ultimi mesi anche l’insediamento alla guida del comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia di un suo ex allievo, il colonnello Gianfilippo Magro, che lo ascolta in prima fila mentre lui parla dal palco dell’auditorium di Filadelfia, dove ieri ha presentato il suo nuovo libro “Padrini e Padroni - Come la ‘ndrangheta e diventata classe dirigente”, scritto con Antonio Nicaso, tra i massimi esperti mondiali di organizzazioni criminali calabresi.
 
A promuovere l’incontro pubblico è stata l’associazione Filadelfia Nostra, presieduta da Rosetta Chiaravalloti, che ha fatto gli onori di casa ringraziando Gratteri per aver accettato l’invito e rimarcando l’importanza di appuntamenti di questo tipo per consolidare la cultura della legalità. 
 
La sala gremita, con quasi 300 persone ad ascoltare - tra cui alcune classi del liceo scientifico, dell’istituto professionale e della scuola media locale - ha confermato la sensibilità verso queste tematiche della cittadina ai piedi delle Serre, che già nel 2010, per la presentazione del libro "La malapianta", aveva tributato a Gratteri un’accoglienza calorosissima.  
 
Sul palco con il magistrato, anche sette ragazzi delle classi presenti in platea, la dirigente dell’Istituto omnicomprensivo di Filadelfia, Francesca Maria Viscone, e il giornalista Enrico De Girolamo, che ha intervistato l’ospite e moderato l’incontro.
 
"Non è consueto riscontrare tanta attenzione per questi temi – ha rimarcato Gratteri – e questo vi fa onore. Oggi la ‘ndrangheta è più forte, ha più soldi e più potere. Nonostante gli sforzi enormi, la battaglia non la stiamo vincendo, al massimo riusciamo a strappare un pareggio".
A chi gli chiedeva se non sia troppo pessimista, il procuratore ha risposto di essere semplicemente realista. "Se anche riuscissi a mandare in galera mille ‘ndranghetisti entro la fine del 2017 - ha detto - la mafia continuerebbe a essere viva e forte". 
 
I motivi di questa invincibilità sono molteplici, ma su tutti prevalgono le collusioni nelle istituzioni pubbliche. «I politici cambiano, ma gli apparati burocratici no - ha detto -. Ed è qui che si annida il malaffare, è qui che bisogna intervenire con sempre maggiore determinazione per contrastare la corruzione che finisce per soffocare il tessuto imprenditoriale sano a colpi di mazzette». 
 
Ma al ricatto non bisogna cedere mai: «Meglio fallire come impresa, meglio ricominciare da zero salvaguardando la propria dignità, che fallire come uomini». Un monito che ha rivolto anche ai numerosi giovani presenti, invitandoli a non cedere mai alle lusinghe del guadagno facile. 
 
Gli studenti di Filadelfia non hanno deluso le sue aspettative, facendo decine di domande e ascoltando con grande attenzione le parole di Gratteri, che per circa 3 ore ha colloquiato con il pubblico. Una presenza profondamente consapevole e voluta, quella degli studenti.
Come ha rimarcato nel suo intervento introduttivo la dirigente scolastica. «Se siamo qui oggi è perché a noi importa - ha detto Viscone -. A noi importa se la corruzione avvelena il nostro mare e la nostra acqua, a noi importa il futuro di questo paese, a noi importa difendere e conservare la bellezza dei luoghi. Perché ciò che è patrimonio di tutti, il bene comune, appartiene a tutti noi».

 

  • Pubblicato in Cultura

La ‘ndrangheta e le sue ramificazioni: Gratteri fa “scuola” a Filadelfia

Sono passati 150 anni dalle prime collusioni 'ndranghetiste documentate, che portarono all'annullamento delle elezioni comunali di Reggio, quando la Calabria, come istituzione giuridica repubblicana, ancora non esisteva. Eppure la mafia già condizionava in maniera massiccia la vita pubblica, imponeva le sue regole e cominciava una sorta di scalata sociale che l'ha portata negli ultimi decenni a emanciparsi dallo stereotipo di una criminalità rurale, diventando classe dirigente e sostituendo la lupara con gli strumenti dell'alta finanza, la coppola con giacca e cravatta. È questo percorso che Nicola Gratteri, procuratore capo della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, e Antonio Nicaso, docente universitario tra i massimi esperti di 'ndrangheta al mondo, raccontano nel libro "Padrini e padroni" (Mondadori), che sarà presentato da Gratteri venerdì 3 febbraio, con inizio alle 16,30 nell'auditorium comunale di Filadelfia.  

L'incontro con l'autore è stato promosso dall'associazione “Filadelfia nostra”, presieduta da Rosetta Chiaravalloti. Non è la prima volta che il sodalizio culturale, che ha da poco celebrato il decennale della sua intensa attività, invita il procuratore Gratteri per parlare di un suo lavoro editoriale. Avvenne già nel 2010, con “La Malapianta”, scritto sempre insieme a Nicaso. 

“Fu un momento di grande intensità, con una partecipazione da parte della nostra cittadina che andò oltre ogni aspettativa - ricorda Chiaravalloti -. Non sempre iniziative culturali di questo tipo lasciano una traccia indelebile, ma in quel caso successe. Ecco perché, in occasione dell'uscita del nuovo libro, abbiamo voluto invitare nuovamente Gratteri, che ha accettato con grande disponibilità proprio sulla base dell'esperienza già fatta a Filadelfia”.

A introdurre la discussione sul libro sarà la dirigente dell'Istituto omnicomprensivo di Filadelfia, Maria Viscone, mentre a intervistare il magistrato e a moderare l'incontro sarà il giornalista Enrico De Girolamo. In sala ci saranno anche gli studenti di Filadelfia, che avranno la possibilità di porre domande e interagire con l'autore.

“Gratteri ha chiesto esplicitamente che venissero coinvolti soprattutto i più giovani - conclude Chiaravalloti - in sintonia con l'approccio divulgativo che contraddistingue i suoi incontri pubblici e con l'obiettivo di far comprendere alle nuove generazioni la complessità e le ramificazioni della 'ndrangheta”.

  • Pubblicato in Cultura

Filadelfia. Concerto di Capodanno, l’Orchestra “Gemelli” incanta la platea

Grandissimo successo ed un Auditorium strapieno – tanto che non sono potute accedere alla sala decine di persone – ha accompagnato il capodanno 2017, con la esibizione dell’Orchestra di Fiati “G. Gemelli” di Filadelfia.

Preceduta dall’esibizione della “Junior Band Gemelli”, orchestra giovanile della stessa Associazione, formata tutta da giovanissimi che hanno eseguito un piccolo ma entusiasmante concerto di apertura, diretti, nell’occasione, dai Maestri Massimo Campisano, Giovanni Rondinelli e Giovanni Bartucca, con l’ausilio dei Tutor: Maestri Francesco Conidi e Angela Marrella, Bruno Bartucca e Viro Torchia, Giovanni Bartucca e Andrea Carchedi; di seguito l’Orchestra Gemelli diretta dai Maestri Francesco Conidi e Massimo Campisano, ha eseguito un programma interamente rinnovato, così come nella sua tradizione, frutto di passione e meticolosa preparazione.

Alla manifestazione, assente giustificato il sindaco Maurizio De Nisi, neo papà, a cui tutta la platea a riservato un affettuoso saluto, erano presenti il vicesindaco Antonio Carchedi, gli assessori Rosalba Galati e Concetta Raimondi, i neo consiglieri provinciali Franco Gugliotta e Pino Pellegrino, la consigliera Stefania Mazzotta; Carmelo Nobile anche in rappresentanza del sindaco di Francavilla Angitola, il capitano Rosario Masdea della Guardia di Finanza, la dirigente scolastica Franca Viscone, la segretaria Adriana Avventura, presidenti di associazioni presenti sul territorio; a tutti i partecipanti il presidente Bruno Caruso ha espresso il saluto di tutti e l’augurio di un sereno nuovo anno, sottolineando il grande lavoro che tutti hanno svolto per raggiungere il traguardo artistico ormai consolidato. Calatasi nei panni di brillante presentatrice, la dottoressa Angela Mancari, ha dato il via al repertorio dell’Orchestra Gemelli che ha eseguito come primo brano la Carmen di G. Bizet, diretta dal M° Giovanni Rondinelli; di seguito, dirette dai Maestri Francesco Conidi e Massimo Campisano: Queen’s Park Melody di J. De Hann, A Song For Japan, Fulget Dies, Pagina D’Album, The Lord Of The Rings, Moondance e per chiudere Knockin’On Heavens Door di Bob Dylan. Da sottolineare le grandi performance dei solisti: M° Domenico Umbro I° clarinetto dell’Orchestra; prossimo M° Andrea Carchedi al Trombone; M° Giovanni Bartucca alla Tromba, oltre a tutti gli splendidi sessanta musicisti dell’Orchestra Gemelli. Tra gli applausi scroscianti della platea tutta in  piedi, è stato concesso il bis della Carmen diretta da Giovanni Rondinelli, accompagnata dal battito cadenzato degli ascoltatori che hanno apprezzato in maniera particolare la brillante esecuzione del programma.

Filadelfia, grande attesa per il Concerto di Capodanno

Anche quest’anno si rinnova il tradizionale Concerto di Capodanno organizzato dall’Associazione “Diapason - Giovanni Gemelli” di Filadelfia, che è divenuto, ormai, un appuntamento culturale  fisso e  richiama tanti appassionati da tutta la regione. L’Orchestra di Fiati  “Gemelli”, con un repertorio completamente rinnovato ed accattivante, frutto del quotidiano lavoro dei Maestri Francesco Conidi e Massimo Campisano e di tutti i musicisti, la gran parte dei quali già diplomati o diplomandi al Conservatorio, rinnoverà gli entusiasmanti appuntamenti delle passate edizioni.

Con una grande novità, l’esordio, ad apertura di concerto della Junior Band Gemelli; una orchestra composta da soli giovani e giovanissimi che si è già esibita presso le scuole di Filadelfia, grazie alla disponibilità dei dirigenti scolastici e che ha trascinato l’uditorio con esecuzioni di grande livello. Un nuovo progetto per aprire le porte della musica e della cultura a tutti i ragazzi/e della nostra cittadina, contribuendo alla crescita civile di Filadelfia e ad allontanare dalla strada i ragazzi che con entusiasmo si avvicinano al mondo della musica. L’Associazione Gemelli quindi, continua nella sua attività altamente culturale, nel solco delle grandi iniziative intraprese in questi anni: ricordiamo tra le altre cose, la Prima Nazionale della Missa di Santa Cecilia del celebre compositore olandese Jacob de Hann, nell’ambito del Festival Europeo di Musica di Filadelfia, eseguita anche a Scilla, unitamente al Coro di Reggio Calabria;  per passare al Concorso di Unteragere in Svizzera del maggio 2015, dove l’Orchestra ha partecipato  rappresentando l’Italia e la Calabria, classificandosi seconda su venti gruppi orchestrali; alla collaborazione con il M° Laserra Ingrosso della Banda della Guardia di Finanza; alle prestigiose collaborazioni con strumentisti di fama internazionale.

Tornando al Concerto di Capodanno, sarà eseguito un repertorio completamente rinnovato, con brani originali per banda, cover di musica pop e rock, grandi classici. Per un inizio d’anno di grande musica e cultura augurando a tutti un 2017 pieno di sorrisi.

Scoppia incendio in una casa del Vibonese: Vigili del Fuoco salvano un uomo

I Vigili del Fuoco hanno tratto in salvo un sessantenne che, in seguito alle esalazioni di fumo sprigionate da un incendio scoppiato nel suo appartamento, aveva perso i sensi. L'episodio è avvenuto a Filadelfia, in provincia di Vibo Valentia. I pompieri hanno fatto irruzione all'interno dell'abitazione sfondando i vetri di un balcone. Una volta dentro, si sono imbattuti nell'uomo che giaceva riverso sul pavimento. Immediate le cure prestate dal personale sanitario del 118 che hanno operato le necessarie procedure di rianimazione. I Carabinieri hanno avviato indagini sulla vicenda. 

 

  • Pubblicato in Cronaca

Venduta all'asta la Fiat 500 usata dal Papa

E' stata venduta per 82mila dollari, poco piu` di 75mila euro, una delle due Fiat 500 usate, a settembre scorso, da Papa Francesco durante la visita a Filadelfia, negli Stati Uniti. L'automobile, ribattezza "Pope Francis' Philly Fiat", e` stata venduta ad un'asta di beneficenza svoltasi nel salone dell'auto di Filadelfia. A spuntarla sui 19 aspiranti acquirenti, sono stati i titolari di una concessionaria automobilistica, nella cui sede sara` esposta la Fiat 500 utilizzata dal papa. Gli introiti derivanti dalla vendita  saranno usati a sostegno delle attività dell'arcidiocesi della Pennsylvania.

 

Incendio doloso distrugge deposito di mobili e abbigliamento nel Vibonese

Un rogo appiccato dolosamente ha distrutto la notte scorsa un magazzino in cui erano depositati  mobili di pregio e capi di abbigliamento. L'episodio è avvenuto in località "Baccolopani, a Filadelfia, in provincia di Vibo Valentia. I Vigili del Fuoco hanno faticato per 6 ore, fino alle 5 di questa mattina, per spegnere le fiamme nella struttura utilizzata dall'imprenditore Giovanni Diodato. I Carabinieri della Locale Stazione hanno iniziato ad indagare sull'episodio. A scoprire quanto era successo e ad allertare Carabinieri e vigili del Fuoco sarebbe stato il nipote omonimo dell'imprenditore poco prima di rientrare a casa.  

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS