Filadelfia ha ricordato i caduti della Grande Guerra

In occasione del centenario della fine del Primo conflitto mondiale, il 4 novembre scorso, alla presenza della comunità, delle autorità civili, militari e religiose sono stati commemorati i figli di Filadelfia, caduti nel corso della Grande Guerra.

La cerimonia ha dato lo spunto per un’opera di riappropriazione della memoria storica ed il rispetto di un luogo sacro, qual è il monumento ai caduti di piazza Serrao.

Per volere dell’amministrazione comunale, su proposta e sollecitazione del maggiore della guardia di finanza Rosario Masdea e del fratello, il maresciallo Domenico, che hanno donato alla città la nuova recinzione del sacrario, il monumento è stato nuovamente benedetto e preservato con un'opera realizzata da artigiani locali, per continuare ad essere luogo di commemorazione dei 131 ufficiali e soldati di Filadelfia, immolatesi nel nome della Patria nella guerra del 1915/18.

Le cattive condizioni atmosferiche non hanno impedito di deporre la corona di alloro al monumento e di effettuare il solenne alza bandiera, alla presenza di tutte le autorità militari e civili, con l’esecuzione degli inni patriottici da parte dell’Associazione Ampas, per poi continuare nella chiesa di San Teodoro dove è stata celebrata la Santa messa in ricordo, con la presenza dei cori delle parrocchie di San Teodoro e Santa Barbara.

La cerimonia religiosa si è conclusa con la preghiera del soldato letta dal maggiore Masdea e dal saluto del sindaco Maurizio De Nisi.

Nel pomeriggio, la manifestazione è proseguita presso l’auditorium comunale, con il convegno organizzato dal comune e dall’Istituto Castelmonardo.

A dare l'abbrivio all'evento è stata la mostra allestita nell’atrio dell’auditorium, nella quale sono stati esposti numerosi documenti e materiale fotografico.

A seguire, il convegno aperto con i saluti del presidente dell’Istituzione Castelmonardo Prof. Vito Rondinelli, del vice sindaco Antonio Carchedi e dell’assessore Bruno Caruso.

L'incontro è poi proseguito con le relazioni di: don Giovanni Primerano, che ha ricordato la figura dei cappellani militari nella Grande Guerra e dello storico Domenico Arone, che ha parlato dei sacrari della Grande Guerra in Italia.

La serata si è conclusa con i brani musicali eseguiti dall’Orchestra di fiati "G. Gemelli", diretta dai maestri Conidi e Campisano, che hanno fatto riecheggiare le dolenti e struggenti note dei canti e degli inni patriottici, per concludere con il "Và Pensiero" di Giuseppe Verdi.

L'esecuzione è stata particolarmente apprezzata e molti dei partecipanti, tra i quali, il console del Touring Dott. Bianco, il Prof. Arone, la presidente dell’Associazione "Filadelfia nostra" e della "Società operai", hanno sottolineato il valore artistico dell’Ensamble.

Da sottolineare, infine, l’esecuzione di un brano “Ai Caduti Filadelfiesi” composto dai maestri Tommaso e Francesco Conidi, nel ricordo di tutti i Caduti delle guerre e del nonno morto durante la campagna russa, le cui spoglie sono rientrate solo da pochi anni a Filadelfia.

L’amministrazione comunale, infine, si è detta pronta a lavorare con l’Istituto Castelmonardo per rendere fissa la mostra sulla Grande guerra e per il museo del Risorgimento.

Controlli nelle Serre, sanzioni per migliaia di euro

Nel corso di una serie di servizi di controllo, i carabinieri forestali del Gruppo tutela dell'ambiente e del settore agroalimentare di Vibo Valentia hanno contestato illeciti amministrativi ed elevato sanzioni per circa 5 mila euro, nei comuni di Brognaturo, Gerocarne, Fabrizia e Filadelfia.

Le contestazioni hanno riguardato violazioni alle normative statali e regionali in materia di pascolo su terreni percorsi dal fuoco, mancata autorizzazione finalizzata alla potatura straordinaria di piante d'ulivo, scavi su terreni vincolati ed omessa tenuta dei registri.

Sanzioni amministrative, per circa 6 mila euro, anche a San Calogero, dove i militari hanno individuato alcune ditte prive o con aggiornamento parziale dei registri di carico e scarico dei rifiuti.

A Ricadi, invece, è stata elevata una sanzione amministrativa, per un importo di 3 mila euro, a carico di una persona sorpresa a trasportare generi alimentari su un veicolo privo di registrazione presso le competenti autorità, ai fini del trasporto di alimenti.

Infine, durante alcuni servizi effettuati nei comuni di Fabrizia, Serra San Bruno, Filadelfia, Cessaniti, Soriano Calabro e San Calogero, i militari hanno contestato illeciti amministrativi, con conseguenti sanzioni per un totale di circa 35 mila euro, a carico dei titolari di negozi alimentari nei quali venivano usate buste di plastica non conformi alla normativa vigente.

Contestualmente, sono stati sequestrati circa 110 chili di sacchetti non conformi.

  • Pubblicato in Cronaca

Cane intrappolato nelle gole di un torrente nel Vibonese, lo salvano i vigili del fuoco

Intervento di recupero di un cane da parte dei vigili del fuoco del Distaccamento volontario di Filadelfia.
 
L' animale, un setter inglese, si era allontanato dall'abitazione del suo proprietario due giorni fa.
 
Durante le ricerche, l'uomo ha sentito il cane abbaiare in contrada "Maiodi", ma non è riuscito ad individuarlo.
 
Sul posto sono, quindi, intervenuti i vigili del fuoco che hanno trovato il setter nelle gole del torrente Lognina.
 
Una volta recuperato, il cane, in buone condizioni di salute, è stato consegnato al proprietario.
  • Pubblicato in Cronaca

Incidente stradale nel Vibonese, un ferito

Incidente stradale nel Vibonese, dove, nel pomeriggio di ieri, una Peugeot 207 è finita fuori strada e si è ribaltata più volte, lungo la Provinciale 1.

A liberare il conducente, rimasto incastrato tra le lamiere, sono stati i vigili del fuoco del Distaccamento volontario di Filadelfia.

Al termine delle attività, il ferito è stato affidato alle cure dei sanitari del 118.

 

 

  • Pubblicato in Cronaca

Protesta in un centro d'accoglienza del Vibonese, intervengono i carabinieri

I carabinieri della Stazione di Filadelfia sono intervenuti in un centro d'accoglienza per minori stranieri non accompagnati, nel quale, a causa del ritardato pagamento dei “Pocket Money”, alcuni ospiti avevano inscenato una manifestazione di protesta.

Giunti sul posto, i militari hanno riportato la calma, evitando che la situazione degenerasse.

  • Pubblicato in Cronaca

Trentottenne di Sorianello arrestato durante i festeggiamenti del Corpus Domini

Nella giornata di ieri, in occasione dei festeggiamenti del Corpus Domini a Zungri, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un trentottenne di Sorianello e denunciato a piede libero un suo coetaneo di Filadelfia.

Il servizio, predisposto dal Questore di Vibo Valentia, aveva come finalità la verifica ed il controllo di depositi e fabbriche di fuochi d’artificio. Particolare attenzione è stata prestata dagli uomini della Squadra Mobile, della Divisione PASI e del Nucleo Artificieri, all’organizzazione dello spettacolo pirotecnico che si sarebbe dovuto tenere al termine della cerimonia religiosa in località Provazzi del comune di Zungri.

I reati contestati all’arrestato, destinatario del provvedimento del Prefetto di Vibo Valentia del divieto di detenzione di armi ed esplosivi nonché della revoca di tutti i titoli legittimanti la professione di fuochista, sono  detenzione e porto illegale in luogo pubblico di esplosivi, ricettazione e violazione della legge sul controllo delle armi, munizioni ed esplosivi. Mentre per il denunciato, che collaborava con l'arrestato, i reati contestati sono detenzione e trasposto abusivo e detenzione illegale di materiale esplodente.

Nella circostanza, gli agenti hanno sequestrato diverso materiale, il cui inventario è stato effettuato nel corso dell’intera nottata ed ha permesso di catalogare varie tipologie di esplosivo per un totale di circa 250 chilogrammi.

L'arrestato è stato sottoposto, su disposizione della locale autorità giudiziaria, al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Scossa di terremoto nel Vibonese

Scossa di terremoto a Filadalfia, nel Vibonese.

Il sisma, di magnitudo 2.0 ML, è stato rilevato dai sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, poco dopo le 15,15 di oggi.

L'ipocentro è stato localizzato ad una profondità di 10 chilometri, in un'area prossima ai comuni di Francavilla Angitola, Curinga, Polia, Monterosso Calabro e San Pietro a Maida.

 

 

  • Pubblicato in Cronaca

Figlio sfonda cancello dei genitori per farsi consegnare denaro: arrestato dai Carabinieri

Nella mattinata di oggi 31 dicembre i Carabinieri della Stazione di Filadelfia unitamente a quelli del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza Applicativa di Misura Cautelare Personale emessa dal Tribunale di Lamezia Terme - Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari nei confronti di C. T., 46enne pregiudicato del luogo.

Il provvedimento scaturisce dall’attività investigativa condotta dai militari a seguito della denuncia presentata dal padre, stanco delle continue violente richieste di denaro del figlio che vanno avanti da diversi anni e che ammonterebbero ad un totale di quasi 300.000,00 euro.

In particolare, il 07 dicembre scorso, l'uomo si sarebbe presentato presso l’abitazione dei genitori pretendendo l’ennesima elargizione di denaro. Ai continui dinieghi del padre il figlio avrebbe dapprima minacciato di bruciargli la casa e di rompere il cancello d’ingresso, minaccia, quest’ultima, concretizzatasi realmente. Il figlio, infatti, dopo essere salito sulla sua autovettura ha sfondato il cancello riuscendo così a farsi consegnare il denaro chiesto ai genitori intimoriti dalla sua violenza.     

Il denaro richiesto negli anni è stato utilizzato dal figlio per ogni svariata esigenza dai suoi studi universitari passando per le proprie vicende penali ed in ultimo per sostenere le sue varie attività lavorative.  

L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Catanzaro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS