Filogaso e Sant’Onofrio: Arrestati dai Carabinieri Ordinanza gli autori della tentata estorsione del 23 agosto

Nella serata di martedì 12, i Carabinieri delle Stazioni di Maierato e Sant’Onofrio (VV), insieme a quelli del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catanzaro- Sezione Gip- Gup in data 11 set 2017 nei confronti dei sotto elencati soggetti, presunti affiliati alla ‘Ndrina “CRACOLICI” di Filogaso (VV):

  • CRACOLICI Francesco, classe 76, bracciante agricolo;
  • CRACOLICI Renato, classe 80, pastore;
  • ARCELLA Onofrio, classe 87, allevatore.

I 3 erano stati arrestati in flagranza di reato il 23 agosto per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso e proprio per questo motivo si trovavano agli arresti domiciliari. Il provvedimento scaturisce dalla valutazione degli atti da parte del Giudice Distrettuale competente su richiesta della Procura Distrettuale che aveva ricevuto gli atti da quella ordinaria di Vibo Valentia.

Gli arrestati sono stati tradotti presso il carcere di Vibo Valentia.

  • Pubblicato in Cronaca

L' orda barbarica e l'assenza delle istituzioni

Riceviamo e pubblichiamo

"I cambiamenti repentini di una società portano indubbiamente a cambiamenti di usi ,costumi, comportamenti ed abitudini. Ogni secolo si è contraddistinto per alcune specificità e scoperte tecniche e scientifiche. Il secolo scorso è stato definito , non so bene per quale ragione, il secolo breve. La prima parte del secolo è stata contraddistinta dalle due guerre mondiali, da un nuovo assetto fra gli stati e da un vorticoso sviluppo economico. Ho vissuto la seconda metà di quel secolo, quella caratterizzata da grandi sommovimenti culturali e politici : la scolarizzazione di massa, il sessantotto , la contestazione giovanile, il femminismo, in campo sociale e culturale. Il grande sviluppo delle tecnologie informatiche, la seconda rivoluzione industriale secondo alcuni, il web, la velocità e la facilità di viaggiare e comunicare a distanza, nel campo scientifico. Ho studiato per passione e per profonda convinzione che lo studio ed il sapere rendano liberi. Storia, cultura, tradizioni e valori sono stati il mio pane quotidiano e la mia educazione familiare. Nel secolo attuale viviamo una fase di grande attenuazione e di crisi profonda di tutti i valori morali , politici e di costume. Insieme alla crisi dei valori c’è il conseguente svilimento dei simboli che li rappresentano. In questi giorni ha fatto notizia e scalpore il gesto di uno scalmanato che ha fatto pipi sul Monumento ai Caduti in Guerra. Quel gesto non è isolato. Episodi di teppismo da parte di scalmanati privi di ogni senso umano e civico avvengono ogni giorno ed in ogni parte d’Italia. Tempo addietro è toccato al Monumento dedicato a Garibaldi nel parco delle Rimembranze a Vibo Valentia. E’ stato divelto un marmo ed è stato completamente scarabocchiato il resto del Monumento. Lo scarabocchio non ha neanche una sua dignità di graffito o murales. Prima ancora è successo al Monumento ai Caduti a Filogaso. Anche a quel monumento sono stati divelti i marmi, il fucile del Fante , la corona d’alloro e le aiuole piene di sterpi. Oggi non c’è un altro simbolo che possa rappresentare meglio il valore dei soldati caduti per difendere la libertà ed i confini del proprio paese. Ogni paese sperduto d’Italia ha il suo monumento ai caduti e la commemorazione annuale del 4 Novembre dei caduti rappresenta un momento di grande unità del popolo. Ricordo la partecipazione intensa ed emotiva dei cittadini , soprattutto di quelli che hanno perso i loro cari, durante la cerimonia con il discorso del Sindaco e la deposizione della corona. Profanare quei simboli significa profanare la propria storia, la propria cultura , la propria terra. Un’orda barbarica sembra avanzare in ogni dove. Quel che colpisce in egual misura , tuttavia, è anche l’assenza delle Istituzioni. In altri tempi i sindaci avrebbero provveduto immediatamente a ripristinare lo stato dei luoghi, Invece si tergiversa, si sottovaluta la gravità del danno morale e materiale, ci si trincera dietro la mancanza o ristrettezza dei fondi che lo Stato ogni anno dovrebbe devolvere ai Comuni. La mia impressione è che in realtà si preferisca utilizzare i soldi per fare cose che danno un consenso politico più sicuro. E’ meglio finanziare la squadra locale, organizzare una festa o disperdere i soldi in mille altri rivoli che ripristinare un monumento. I morti tanto non votano, requiescant in pace".

Nicola Iozzo

  • Pubblicato in Diorama

Tentata estorsione, tre arresti a Filogaso

I carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia, del Comando compagnia di Vibo Valentia e della Stazione di Filogaso hanno tratto in arresto, per il reato di tentata estorsione aggravata, Francesco Cracolici di 41 anni, Renato Cracolici di 37 anni e Onofrio Arcella di 30 anni.

In particolare, i militari, camuffati da operai, fingendo di lavorare alla realizzazione del parco eolico di Filogaso, sarebbero stati avvicinati dalle tre persone arrestate che, con fare minaccioso, avrebbero cercato di costringerli ad allontanarsi dal luogo in cui si trovavano.

I tre sono stati, quindi,  arrestati e tradotti nel carcere di Vibo Valentia.

  • Pubblicato in Cronaca

Filogaso, continuano le ricerche del pensionato scomparso

Continuano, senza soluzione di continuità, le operazioni di ricerca del pensionato scomparso a Filogaso.

Gli uomini del Comando provinciale dei vigili del fuoco di Vibo Valentia sono impegnati, da tre giorni, in località Fallà del Comune di Filogaso.

Sul posto sono intervenute le unità Tas (topografia applicata al Soccorso) che coordinano le operazioni attraverso l’individuazione e la mappatura delle aree.

Nelle operazioni di ricerca, i vigili del fuoco si stanno avvalendo, inoltre, del supporto logistico di un furgone  Ucl (Unità comando locale) e dell’attività di una squadra di ricerca costituita da personale operativo  e di due unità cinofile.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Elezioni amministrative: TUTTI I DATI DEL VIBONESE

Erano 14 i comuni del vibonese chiamati ad eleggere il sindaco e rinnovare i consigli d'amministrazione; il dato più rilevante è che nei 14 centri chiamati alle urne i cittadini si sono trovati di fronte a sole liste civiche salvo in un solo caso, a Pizzo, dove oltre a due liste civiche c'era anche una squadra targata 5 Stelle, che ha ottenuto una pesante sconfitta, riuscendo a recuperare solo l'8% dei consensi.

Nel comune di Filandari l'elezione è stata invalidata per mancato raggiungimento del quorum dei votanti, mentre a Ionadi si è registrata l'affluenza più alta, con ben 2354 pari al 69% degli aventi diritto.

La vittoria più schiacciante va a Nicola DERITO di San Costantino Calabro che ottiene il 97,58% delle preferenze; il testa a testa più avvincente si registra a Vazzano, dove Vincenzo MASSA la spunta per soli 7 voti pari allo 0,38% dei votanti.

L'elenco completo dei comuni:

Comune di ARENA - Elettori: 2133 - Votanti: 897 (42.05%) - Schede Bianche 7 (0,78%) Schede Nulle 26 (2,89%)

  • SCHINELLA Antonino con la Lista Civica - INSIEME VERSO IL FUTURO: 704 voti (81,48%) ELETTO SINDACO
  • COSENTINO Giovanni con la Lista Civica - ARENA SVILUPPO: 160 voti (18,51%)

Comune di BROGNATURO - Elettori: 793 - Votanti: 468 (59,01%) - Schede Bianche 1 (0,21%) Schede Nulle 5 (1,06%)

  • TASSONE Cosmo con la Lista Civica - SERVIRE IL POPOLO: 257 voti (55,62%) ELETTO SINDACO
  • PAPA Bruno con la Lista Civica - RINNOVAMENTO E CRESCITA: 205 voti (44,37%)

Comune di CAPISTRANO - Elettori: 1466 - Votanti: 735 (50,13%) - Schede Bianche 3 (0,40%) Schede Nulle 10 (1,36%)

  • MARTINO Marco, Pio con la Lista Civica - NOI VERSO UN FUTURO MIGLIORE: 387 voti (53,60%) ELETTO SINDACO
  • MESIANO Domenico con la Lista Civica - CRESCERE SI PUO': 335 voti (46,39%)

Comune di FABRIZIA - Elettori: 3509 - Votanti: 1489 (42,43%) - Schede Bianche 11 (0,73%) Schede Nulle 33 (2,21%)

  • FAZIO Francesco con la Lista Civica - LIBERI E GIOVANI CON FABRIZIA: 817 voti (56,53%) ELETTO SINDACO
  • MINNITI Antonio Salvatore con la Lista Civica - FABRIZIA PER LA CONTINUITA': 628 voti (43,46%)

Comune di FILANDARI - Elettori: 2028 - Votanti: 602 (29,68%) - Schede Bianche 16 (2,65%) Schede Nulle 9 (1,49%)

  • FUDULI Concettina, Rita, Maria con la Lista Civica - CON E PER LA GENTE: 577 voti (100%) ELEZIONE NON VALIDA: QUORUM VOTANTI NON RAGGIUNTO

Comune di FILOGASO - Elettori: 1737 - Votanti: 1009 (58,08%) - Schede Bianche 6 (0,59%) Schede Nulle 13 (1,28%)

  • TRIMMELITI Massimo con la Lista Civica - SIAMO FILOGASO: 609 voti (61,51%) ELETTO SINDACO
  • DE GENNARO Aurelio con la Lista Civica - IL SOLE NASCENTE: 381 voti (38,48%)

Comune di FRANCAVILLA ANGITOLA - Elettori: 2280 - Votanti: 1303 (57,14%) - Schede Bianche 4 (0,30%) Schede Nulle 5 (0,38%)

  • PIZZONIA Giuseppe con la Lista Civica - CAMBIAMO FRANCAVILLA: 764 voti (59,04%) ELETTO SINDACO
  • NOBILE Carmelo con la Lista Civica - INSIEME PER FRANCAVILLA: 530 voti (40,95%)

Comune di IONADI - Elettori: 3408 - Votanti: 2354 (69,07%) - Schede Bianche 15 (0,63%) Schede Nulle 212 (2,21%) - Schede non assegnate 4 (0,16%)

  • ARENA Antonino con la Lista Civica - IONADI UNICA: 955 voti (41,79%) ELETTO SINDACO
  • FIALA' Nazzareno con la Lista Civica - NAZZARENO FIALA' SINDACO: 939 voti (41,09%)
  • ROSSI Antonio con la Lista Civica - E' IL MOMENTO DI CAMBIARE: 391 VOTI (17,11%)

Comune di PIZZO CALABRO - Elettori: 8458 - Votanti: 5400 (63,84%) - Schede Bianche 38 (0,70%) Schede Nulle 77 (1,42%)

  • CALLIPO Gianluca con la Lista Civica - FUTURA: 3291 voti (62,27%) ELETTO SINDACO
  • BORRELLO Antonio con la Lista Civica - UNICO INTERESSE PIZZO!: 1546 voti (29,25%)
  • MANDUCA Carmen con la Lista - MOVIMENTO 5 STELLE.IT: 448 (8,47%)

Comune di SAN COSTANTINO CALABRO - Elettori: 2517 - Votanti: 1243 (49,38%) - Schede Bianche 31 (2,49%) Schede Nulle 51 (4,10%)

  • DERITO Nicola con la Lista Civica - RINASCITA: 1133 voti (97,58%) ELETTO SINDACO
  • GRECO Giuseppe con la Lista Civica - UNITI: 28 voti (2,41%)

Comune di STEFANACONI - Elettori: 2677 - Votanti: 1555 (58,08%) - Schede Bianche 8 (0,65%) Schede Nulle 29 (1,80%) - Schede non assegnate 1 (0,06%)

  • SOLANO Salvatore Eugenio con la Lista Civica - SIAMO STEFANACONI: 796 voti (52,47%) ELETTO SINDACO
  • CARULLO Nicola con la Lista Civica - MOVIMENTO PER STEFANACONI: 721 voti (47,52%)

Comune di VAZZANO - Elettori: 1503 - Votanti: 785 (52,22%) - Schede Bianche 3 (0,38%) Schede Nulle 4 (0,50%)

  • MASSA Vincenzo con la Lista Civica - VAZZANO RIPARTE: 392 voti (50,38%) ELETTO SINDACO
  • TASSONE Raffaele Damiano con la Lista Civica - VAZZANO BENE COMUNE: 386 voti (49,61%)

 

Filogaso: il Comune sensibilizza i cittadini per la diagnosi precoce del tumore al colon

Riceviamo e pubblichiamo

“Da sempre l’amministrazione comunale ha fatto eseguire l’attività di sensibilizzazione dello screenig di prevenzione dei tumori. Oggi grazie alla collaborazione della dott.ssa Landro, responsabile dello screening oncologico presso l’Asp di Vibo Valentia stiamo effettuando una campagna di diagnosi precoce al cancro dell’intestino colon- retto.

L’attività di prevenzione, eseguita grauitimante, è rivolta alla popolazione di età compresa tra i 50 e 69 anni residente nel territorio comunale.

E’ possibile ritirare le provette presso la sede municipale del comune o dal medico curante.

I campioni possono essere consegnati ogni venerdì dalle 8 alle 10 presso la sede municipale

Se negativo, l’esito dell’esame sarà comunicato con lettera al domicilio del paziente. Qualora sia positivo la segreteria del centro screening contatterà telefonicamente l’interessato al fine di coordinare i controlli specialistici successivi.

‘Bisogna credere con maggiore convinzione alle campagne di prevenzione perché rappresentano l’unico modo per poter sconfiggere questo male attivando procedure semplici e di sensibilizzazione utili per la popolazione’.

Daniele Rachidi - Assessore comune di Filogaso

Filogaso: "nessun pericolo per il parco Nicholas Green"

“L'amministrazione comunale guidata da Antonio Barba ha emesso un ordinanza di chiusura del parco Nicholas Green 'la pineta' uno spiazzo verde realizzato negli anni '90 dall'amministrazione guidata da Giuseppe Lo Moro”. E’ quanto si legge in un nota diramata dall’amministrazione comunale di Filogaso

“L’opera – prosegue il comunicato - con gli anni a causa di continui assestamenti mostra delle piccole malformazioni o gonfiature nei punti delle gabbionate”. Per questo motivo “l'amministrazione comunale” ha chiesto un sopralluogo alla “protezione civile” la quale è “tempestivamente” intervenuta con “i propri tecnici”.

Al termine delle attività di verifica, il personale delle protezione civile ha “rassicurato gli amministratori presenti sul posto, nonché il vicesindaco Filippo Luciano e l'assessore Daniele Rachieli”.

Per i tecnici, nonostante il tempo trascorso dalla sua realizzazione, l’opera “ resiste bene”, anche se “vanno realizzati dei lavori finalizzati a migliorare il drenaggio e l'allontanamento delle acque meteoriche al fine di non appesantire il terreno”. Nel corso del sopralluogo è stata, inoltre, evidenziata la necessità di procedere alla “messa in sicurezza della parte del piano di base su cui poggiano i gabbioni”. 

Il responsabile dell'ufficio tecnico comunale, Massimo Trimmeliti Massimo, ha quindi avviato, di concerto con la protezione civile, la fase di verifica finalizzata a ad individuare le strutture sulle quali effettuare gli interventi di “miglioramento” e messa in “sicurezza”.

  • Pubblicato in Politica

Filogaso. De Gennaro e Rizzo: "Mai tanta incompetenza e superficialità alla guida del Comune"

"Inerzia e programmazione inadeguata" hanno generato negli ultimi otto anni disastri all’ambiente, al paesaggio e alle finanze comunali, mai tanta incompetenza e superficialità alla guida dell’ente". Questo è in sintesi ciò che i consiglieri De Gennaro e Rizzo hanno dichiarato in merito al fatto che nei giorni scorsi il Consiglio Comunale di Filogaso ha varato il Bilancio Consuntivo 2015 e il Bilancio di previsione 2016 con i soli voti di maggioranza. Il gruppo di opposizione ha manifestato un giudizio fortemente critico nei confronti dell’azione del sindaco definendo l’attività e le iniziative degli ultimi anni "fortemente inadeguate rispetto alle drammatiche emergenze ambientali e finanziarie che il territorio pone all’attenzione degli organi di governo". "L’assenza dell’Amministrazione - osservano i rappresentanti della minoranza - la si riscontra osservando disperati lo stato drammatico delle infrastrutture, la viabilità urbana, lo stato di pericolo e di abbandono in cui versano piazza S. Agata e l’area polivalente. Nessuna attuazione o programmazione di interventi credibili si rinviene nei documenti in merito allo stato disastroso in cui versa l’intera area del Fallà, proprio a causa di mancanza di attenzione e manutenzione. Nonostante la disponibilità dei cittadini, la quale consentirebbe che lo si facesse in dieci giorni, a tutt’oggi nessun intervento di ampliamento necessario è stato realizzato presso il cimitero comunale. Il depuratore lasciato in uno stato di abbandono senza precedenti, nonostante lo sperpero di risorse, con gli elevati clientelari costi di controllo. Nessun programma di riduzione dei tributi e del carico fiscale né obiettivi di maggiore efficienza nei vari servizi, tutto è affidato al caso"." La raccolta differenziata dei rifiuti - insistono i due consiglieri comunali - appesa al ridicolo risultato, artefatto, del 27,82% e non si rileva alcun programma teso a migliorare il sistema con obbiettivi predeterminati e collegati a riduzioni tariffarie. Respinto l’invito del Revisore a ridurre la tariffa del servizio di mensa scolastica a carico dei cittadini. Nel settore dei LLPP vengono previsti da anni in modo ripetitivo gli stessi interventi senza che si proceda alla loro realizzazione.  Dal rendiconto 2015 emergono i problemi di sempre, come se gli anni non fossero passati, troppi crediti e numerosi trasferimenti regionali rimasti lettera morta, nulla nel settore culturale, poco e male in quello sociale, nulla nel settore LLPP e in quello ambientale. Nulla per tribuna e parcheggio del campo di calcio. L’area polivalente volutamente abbandonata ed inutilizzata, nonostante le richieste in senso contrario. L’unica strategia che risalta chiaramente è il ricorso costante alla tassazione, per fare cassa, a fronte di servizi sempre più inefficienti: due es. introduzione dell’addizionale e l’acqua pubblica perennemente non potabile". "Il rendiconto, per la prima volta dopo gli anni del dissesto, inspiegabilmente si chiude con un disavanzo e dal lato della gestione finanziaria i debiti superano i crediti, nonostante – udite! udite! - i debiti più anziani siano stati risanati nel corso degli anni con risorse esterne statali, ciò a conferma - cpncludono De Gennaro e Rizzo - dell’assoluta inadeguatezza ed incompetenza degli attuali amministratori".    

Sottoscrivi questo feed RSS