Coronavirus in Italia: riapriamo in paese? No, è ancora troppo presto

Quello che segue è un contributo di Francesco Aiello pubblicato su opencalabria.com

Una notizia che sta facendo discutere in questi giorni è se e quando riaprire il paese. Il dubbio dipende dal fatto che l’epidemia da coronavirus sembra abbia rallentato la sua fase di spinta espansione. Sebbene i contagiati stiano aumentando giorno dopo giorno, la variazione giornaliera in termini percentuali è minore rispetto a quella di qualche giorno fa. Questo risultato può aver stimolato qualche riflessione per proporre l’abbandono del lockdown.  Ancora però la curva del contagio non è nella parte decrescente e addirittura non è stabilizzata nè a livello di paese (figura 1) nè in ciascuna regione italiana. Pertanto, non siamo ancora pronti a riaprire il paese. Anzi ci vorrà del tempo (un mese ancora, ci dicono i virologi) e non è da escludere che la ripresa debba essere scaglionata nel tempo, per attività economica e, aggiungerei, da regione a regione: se in una determinata area del paese la riduzione del contagio dovesse anticipare quella di altri luoghi allora si potrebbe/dovrebbe pensare di riaprire quella regione.  Con la garanzia di essere nelle condizioni di massima sicurezza,

Il tema della sicurezza. Le implicazioni logiche di questo ragionamento sono due. Riaprire in sicurezza e sapere quello che accade in ogni angolo del paese. Ecco perché è cruciale analizzare le curve del contagio delle singole regioni. La proposta ragionevole (direi ovvia) è di riaprire quando la curva del contagio è nella parte decrescente. Occorre però che si faccia in sicurezza anche in quella fase: la sicurezza è legata alla realizzazione di una campagna di tamponi su tutto il territorio nazionale selezionando in modo rigoroso campioni di persone che siano rappresentativi della popolazione. E di ripetere 2 volte il test. Allo stato attuale della conoscenza sul virus, non esistono altri modi per garantire sicurezza.

Dicevamo dei casi regionali. In nessuna regione il valore assoluto dei contagi sta diminuendo. La notizia buona di questi giorni è che nella stragrande maggioranza delle regioni, la crescita è piu’ lenta di prima e questo ci dà fiducia su quello che potrebbe accadere nelle prossime settimane. Ma gli scenari di riferimento sono molto diversificati da regione a regione, perchè il rallentamento dell’espansione del contagio non è uniforme in tutto il paese. L’elemento, però, che accomuna molte regioni è che la curva del contagio è ben approssimata (in questa fase dell’espansione dell’epidemia) da una curva logistica. Se questa approssimazione dovesse essere confermata nei prossimi giorni, allora potremmo fare delle previsioni piu’ accurate su quando avremo il picco del contagio in ciascuna regione  e capire per quanti giorni avremo variazioni giornalieri nulle, sapendo, però, che la riapertura delle attività dovrà avvenire nella fase di riduzione del contagio.

Prof. Ordinario di Politica Economica, Unical - Fondatore di OpenCalabria

Zes Calabria, Francesco Aiello è il nuovo delegato del Ministero delle Infrastrutture

Francesco Aiello è il rappresentante del Ministero delle Infrastrutture, in seno al comitato d'indirizzo della Zes (Zona economica speciale) della Calabria.

Nominato su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, Aiello svolgerà l'incarico a titolo completamente gratuito.

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS