Vibo, dal 9 a 24 ottobre la mostra di Giancarlo di Fede

Giancarlo Di Fede, artista vibonese emigrato al nord per perfezionare il suo Dna artistico e affinare lo studio di quella che è sempre stata la sua più straordinaria passione, torna a casa.

Vibo Valentia lo accoglie come una città sa fare di fronte ad un cittadino che illustra il suo estro artistico fuori dalle mura amiche con notevole successo e che al suo ritorno chiede di essere giudicato per quello che ha saputo esprimere e conquistarsi professionalmente.

Torna da Milano e porta con sé un carico di novità e curiosità artistiche di forte talento moderno.

Presenta una sua creatura: “La genesi della materia e della luce” ed è pronto ad esercitare fascino su chi metterà subito in discussione la sua idea.

Vibo Valentia, per due settimane, al Sistema bibliotecario vibonese, gli punta i fari sullo scenario di una Mostra inedita e di interessante curiosità non solo artistica perché Giancarlo Di Fede viene a spendersi nella sua città con una idea che dice trattarsi di “arte informale” –  così la definisce -  e dove il pittore manda allo sbaraglio il suo inconscio in un momento in cui proietta, appunto il suo inconscio, sulla tela con gesti istintivi e liberi.

Giancarlo Di Fede ha un suo modo di spiegare il fenomeno perché lo definisce innovativo e di forte attrazione.

Addirittura carica il tiro quando avverte subito che “la straordinaria novità della sua opera è strettamente connessa al fatto che il territorio è rimasto indietro, arretrato e che per questo diventa l’evento è sicuramente  una novità.”

L’artista vibonese aggiunge anche che la sua esibizione sarà attraente perché “in fondo faccio riesplodere il fermento degli anni ’80 quando si dipingeva con passione, amore, arte e gusto e tutto trovava origine dalle tradizioni socio culturali e artistiche.”

Di lui hanno scritto, ed in termini fortemente critici, esperti come lo storico Giulio Nardo ed uno dei più apprezzati critici d’arte, Mario Panarello.

La sua arte desueta in fondo è ben delineata e cerca consensi perché -  aggiunge Giancarlo Di Fede -  “ ho bisogno di creare emozioni e cogliere momenti di grande passione utili a  creare provocazioni per una conseguente logica estetica”.

Il suo curriculum è costellato di successi, premi e conoscenze nel bel mondo dell’arte che conta.

Ha una pagina di critiche molto interessante.

E’ a Vibo Valentia per godersi un momento di gloria. Comune e Rotary Club Hipponion gli hanno concesso il patrocinio e a lui basta.

Avverte un po' di emozione quando parla dei suoi trascorsi in Accademie, Scuole di arte e cultura, aule e competizioni che lo hanno tenuto lontano dalla sua Vibo Valentia per molti decenni .

Ha, tra l’altro, nel suo bagaglio artistico culturale, anche la laurea Magistrale in arti visive e studi curatoriali.

Adesso con tatto emotivo spiega che ha un po' di timore di affrontare per strada compagni di scuola e di serate vibonesi che appartengono agli anni ‘80 e ‘90.

Non teme, però, e lo confida, che alla sua kermesse al Sistema Bibliotecario che per due settimane sarà teatro della sua storia, manchino le visite ed i complimenti di chi lo ha sempre apprezzato anche stando lontano da casa.   

  • Published in Cultura
Subscribe to this RSS feed