Gruppo imprenditoriale vicino alla 'ndrangheta, eseguito ingente sequestro di beni

Le fiamme gialle del Nucleo di polizia economico finanziaria di Reggio Calabria e del Servizio centrale investigazioni criminalità organizzata, hanno eseguito, su ordine della Procura distrettuale antimafia reggina, il sequestro di un ingente patrimonio, quantificato in 115 milioni di euro, riconducibile al gruppo "Bagalà", attivo nella piana di Gioia Tauro.

Per gli investigatori, nel corso degli anni, il gruppo "Bagalà" avrebbe fondato la propria fortuna imprenditoriale grazie all’abbraccio affaristico e di interesse con la maggiore cosca di ‘ndrangheta del mandamento tirrenico, quella dei Piromalli.

Tra i beni sottoposti a sequestro, figurano: sei imprese, 161 immobili tra fabbricati e terreni, sette autovetture di lusso, quattro orologi, rapporti finanziari ed assicurativi e varie disponibilità finanziarie.

  • Pubblicato in Cronaca

Maxi coltivazione di cannabis scoperta in Calabria, rinvenute oltre 3 mila piante

I carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro e dello Squadrone eliportato "Cacciatori" di Calabria hanno scoperto una maxi piantagione di canapa indiana, composta da oltre 3 mila arbusti.

La coltivazione è stata rinvenuta in un'area agricola situata al confine tra i comuni di Rosarno e Laureana di Borrello.

Nel corso di un'altra attività, i militari della Compagnia di Palmi hanno rinvenuto altre 200 piante della stessa specie ed arrestato Saverio Papalia, 51enne di Delianuova, il quale, sorpreso a curare la piantagione, ha tentato la fuga gettandosi in una scarpata, ma è stato raggiunto ed arrestato.

Infine, gli uomini dell'Arma della Compagnia di Taurianova, hanno arrestato, in località Catena di Cittanova, il 31enne Giovanni Addario, accusato della coltivazione di 5 piante di marijuana.

Grande successo per la prima edizione di "Pompieropoli"

Grande successo per la prima edizione di ‘Pompieropoli’, un evento che ha visto protagonisti oltre 500 bambini di tutta la Piana di Gioia Tauro, che si sono dedicati a prove pratiche e didattiche, svolte in compagnia del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco di Reggio Calabria, con il supporto del distaccamento di Palmi e l’associazione nazionale dei Vigili del fuoco.

L'iniziativa, articolata in attività d'intrattenimento e dimostrazione pratiche, è culminata in un circuito di coraggio, al termine del quale, i bambini hanno ricevuto il diploma  di ‘Vigile del fuoco Junior’.

 L’evento, che si è avvalso del patrocinio del comune di Palmi, è stato promosso dall’associazione nazionale dei Vigili del fuoco, in collaborazione con l’agenzia ‘Andrea Cogliandro Eventi’ e le associazioni ‘Palmi Insieme’ e un ‘Ponte per l’Europa’.

 

Guida sotto l’effetto di alcool e stupefacenti e tampona una moto, denunciato 43enne

Un automobilista rimasto coinvolto in un grave incidente stradale avvenuto nel tratto dell’autostrada “A/2 del Mediterraneo”, compreso tra Gioia Tauro e Palmi, è stato denunciato in stato di libertà per guida in stato di alterazione psico-fisica e per uso di sostanze stupefacenti.

L’uomo, un 43enne di Lecce, cui è stata ritirata anche la patente, ha tamponato una moto sulla quale viaggiava un centauro insieme al nipote di 12 anni.

I due autisti dei mezzi, dopo le prime cure, sono stati dimessi, mentre il minore è ancora ricoverato presso il nosocomio di Reggio Calabria.

Oltre ai sanitari del 118, sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti della Polstrada di Palmi che hanno effettuato gli accertamenti di rito.

Proprio nel corso delle attività, nell’abitacolo del veicolo, i poliziotti hanno rinvenuto uno spinello ancora acceso.

L’autista dell’autovettura è stato, pertanto, sottoposto ad accertamenti psicofisici presso l’ospedale di Polistena, dove è stato trovato positivo alla cocaina ed ai cannabinoidi e con un tasso alcolemico pari a 2.0 per litro.

 Il personale della Polizia Stradale ha, quindi, effettuato il sequestro dell’autovettura ed il ritiro della patente all’uomo, che è stato denunciato in stato di libertà per guida in stato di alterazione psico-fisica e per uso di sostanze stupefacenti.

  • Pubblicato in Cronaca

Armato di coltello rapina un negozio, arrestato 16enne

I carabinieri della Tenenza e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Gioia Tauro hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, T.A., di 16 anni.

Il ragazzo è accusato di aver compiuto una rapina aggravata ai danni di un esercizio commerciale di Gioia Tauro.

In particolare, il giovane avrebbe fatto irruzione nel negozio con il volto coperto da un passamontagna, facendosi consegnare dalla cassiera, sotto la minaccia di un coltello, l’incasso della giornata, circa 100 euro, dandosi poi alla fuga.

Le immediate ricerche avviate dai carabinieri, hanno permesso di rintracciare il minore nelle vicinanze della sua abitazione.

Una volta tratto in arresto, il ragazzo avrebbe ammesso le sue responsabilità.

Già due giorni fa, lo stesso esercizio commerciale aveva subito una rapina a mano armata da parte di un individuo col volto travisato e con le medesime modalità.

Per questo motivo, i militari stanno svolgendo ulteriori approfondimenti investigativi volti ad accertare il coinvolgimento del minore o di eventuali complici anche in quell’episodio.

Il ragazzo, espletate le formalità di rito, è stato associato alla Comunità per minori di Catanzaro a disposizione dell’Autorità giudiziaria competente.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpreso in autobus con 1,5 Kg di canapa indiana, 29enne finisce nei guai

Durante un controllo del territorio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti, i carabinieri della Tenenza di Rosarno e del Nucleo operativo della Compagnia di Gioia Tauro hanno arrestato in flagranza di reato, Antonino De Maio, 29enne, gioiese, accusato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, durante una perquisizione eseguita a bordo di un bus di linea, il giovane è stato sorpreso dai militari mentre cercava di nascondere una valigia al cui interno erano custoditi circa 1,5 chilogrammi di canapa indiana, suddivisa in due involucri ricoperti di cellophane.

Per questo motivo, il giovane è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre la droga rinvenuta è stata sequestrata per essere inviata al Ris di Messina per le analisi tossicologiche del caso.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Reggio Calabria Arghillà, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Droga in casa, marito e moglie in manette

Due coniugi di Palmi, Antonio Papasergio ed Annalisa Spirlì di 41 e 44 anni, sono stati arrestati dagli agenti del commissariato di Gioia Tauro, dopo essere stati sorpresi in flagranza di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L’arresto è scaturito in seguito ad una perquisizione presso il domicilio della coppia.

Nel corso delle ricerche, i poliziotti hanno rinvenuto una tavoletta d’hashish del peso complessivo di 54 grammi e quattro involucri contenenti, complessivamente, poco più di quattro grammi di cannabis indica essiccata.

Dopo aver sottoposto al vaglio dei laboratori della polizia scientifica il materiale trovato, gli agenti hanno tratto in arresto la coppia, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria, i due sono stati posti ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Scaricavano rifiuti per strada, denunciati

I carabinieri della Stazione di Gioia Tauro, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati in materia ambientale, hanno deferito in stato di libertà A.G. ed A.C., rispettivamente di 30 e 17 anni.

I due, residenti nel quartiere Ciambra di Gioia Tauro, sono accusati di gestione di rifiuti non autorizzata.

In particolare, i militari li hanno sorpresi mentre stavano scaricando da un autocarro materiale ferroso e materiale edile di risulta, ai bordi della strada.

Una volta identificati, al termine degli accertamenti di rito, i due sono stati denunciati in stato di libertà, mentre il camion è stato sottoposto a sequestro.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS