Dichiarano il falso per ottenere il gratuito patrocinio, denunciati in 123

Nell’ambito dell’attività istituzionale effettuata in materia di spesa pubblica, le fiamme gialle di Locri hanno dedicato particolare attenzione all’istituto giuridico del “gratuito patrocinio”.

Il gratuito patrocinio consiste, in buona sostanza, nel pagamento delle spese legali da parte dello Stato per le persone che non possono permettersi un difensore di fiducia a causa delle loro indigenti condizioni economiche. La procedura prevede, per coloro che hanno in corso un’azione legale ed hanno un reddito particolarmente basso, la presentazione di un’istanza con cui chiedono di accedere a tale beneficio.

Al riguardo, i riscontri effettuati dalla guardia di finanza sono stati finalizzati a verificare la veridicità dei dati e delle informazioni contenute nelle autocertificazioni prodotte dagli interessati, attraverso la consultazione delle banche dati informative in uso al Corpo, i rilevamenti presso enti esterni (Inps, Centro per l‘impiego, anagrafe comunale) nonché, laddove necessario, attraverso il controllo di scritture contabili e di risultanze bancarie.

I controlli eseguiti sul territorio hanno consentito di rilevare numerose presunte irregolarità: su circa 337 autocertificazioni esaminate, 123 sono risultate non veritiere in quanto sono state constatate: "l’omessa indicazione dell’effettivo numero di componenti del nucleo familiare, l’omessa indicazione di parte dei redditi percepiti, false indicazioni sulla situazione anagrafica per consentire di abbattere il reddito complessivo familiare o innalzare il limite reddituale stabilito dalla legge".

I denunciati, infatti, al fine di non sborsare soldi propri per difendersi in cause penali che li vedono imputati, avrebbero nascosto con "artifizi e raggiri" la loro reale condizione economica e familiare, che gli avrebbe impedito di avvalersi della tutela legale a spese dello Stato.

Se i finanzieri locresi non avessero scoperto l’inattendibilità dei dati certificati dai denunciati, lo Stato si sarebbe dovuto quindi fare carico della parcella dell’avvocato difensore, con la conseguente distrazione di fondi pubblici destinati invece a soddisfare i reali bisogni delle fasce più povere e deboli della popolazione.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrati oltre 400 prodotti contraffatti

Sequestri di beni contraffatti ed alterati e verbali per mancate emissioni di scontrini fiscali. Questo l'esito dei controlli effettuati nei mesi estivi dai finanzieri di Paola, nei settori del contrasto degli illeciti a tutela del consumatore e della lotta all’evasione fiscale.

Con l’obiettivo di rendere maggiormente proiettata sul territorio litoraneo paolano l’azione del Corpo, mirata alla prevenzione e al contrasto ai traffici illeciti, in particolare la commercializzazione di beni contraffatti e pericolosi per la salute, diverse pattuglie sono state impiegate in servizi di appostamento, perlustrazione, osservazione e attuazione di posti di controllo.

Un dispositivo di controllo orientato in via prioritaria alla prevenzione e repressione del commercio di beni contraffatti, nonché di prodotti in violazione alla normativa sulla sicurezza e tutela del consumatore e del diritto d’autore.

Complessivamente sono stati 426 i beni contraffatti ed alterati sequestrati costituiti da: scarpe, borse, occhiali ed altri capi d’abbigliamento, anche sportivi, recanti illegittimamente marchi e/o segni distintivi registrati e griffe di note case produttrici. 

Due le persone denunciate per i reati di “detenzione per la vendita di prodotti con marchi o altri segni distintivi contraffatti o alterati” e “ricettazione”, che ora rischiano fino a otto anni di reclusione e la multa fino a 10.329 euro.

Diversi altre persone si sono date alla fuga alla vista dei militari.

L’azione di contrasto all’evasione fiscale, inoltre, ha permesso ai finanzieri di verbalizzazione di 80 cessione di beni effettuate senza l’emissione dello scontrino fiscale.

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrati oltre 400 prodotti contraffatti

Sequestri di beni contraffatti ed alterati e verbali per mancate emissioni di scontrini fiscali. Questo l'esito dei controlli effettuati nei mesi estivi dai finanzieri di Paola, nei settori del contrasto degli illeciti a tutela del consumatore e della lotta all’evasione fiscale.

Con l’obiettivo di rendere maggiormente proiettata sul territorio litoraneo paolano l’azione del Corpo, mirata alla prevenzione e al contrasto ai traffici illeciti, in particolare la commercializzazione di beni contraffatti e pericolosi per la salute, diverse pattuglie sono state impiegate in servizi di appostamento, perlustrazione, osservazione e attuazione di posti di controllo.

Un dispositivo di controllo orientato in via prioritaria alla prevenzione e repressione del commercio di beni contraffatti, nonché di prodotti in violazione alla normativa sulla sicurezza e tutela del consumatore e del diritto d’autore.

Complessivamente sono stati 426 i beni contraffatti ed alterati sequestrati costituiti da: scarpe, borse, occhiali ed altri capi d’abbigliamento, anche sportivi, recanti illegittimamente marchi e/o segni distintivi registrati e griffe di note case produttrici. 

Due le persone denunciate per i reati di “detenzione per la vendita di prodotti con marchi o altri segni distintivi contraffatti o alterati” e “ricettazione”, che ora rischiano fino a otto anni di reclusione e la multa fino a 10.329 euro.

Diversi altre persone si sono date alla fuga alla vista dei militari.

L’azione di contrasto all’evasione fiscale, inoltre, ha permesso ai finanzieri di verbalizzazione di 80 cessione di beni effettuate senza l’emissione dello scontrino fiscale.

  • Pubblicato in Cronaca

Discoteca sequestrata in Calabria

I finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme hanno sottoposto a sequestro, sulla riviera del comune di Nocera Terinese (Cz), una discoteca priva delle necessarie autorizzazioni.

In particolare, nel corso dell’attività ispettiva, le fiamme gialle hanno rilevato che il gestore del locale avrebbe trasformato un’area di circa 250 metri quadri di uno stabilimento balneare in attività di intrattenimento, senza essere in possesso delle necessarie autorizzazioni, quali il “certificato di prevenzione rischi incendi” e la “licenza di agibilità per svolgere serate da ballo”.

Riscontrata la mancanza delle necessarie autorizzazioni, i militari hanno apposto i sigilli alla discoteca, sottoponendo i locali e le relative attrezzature tecniche a sequestro.

Al momento dell’intervento erano presenti circa 350 persone.

Il titolare dell’esercizio e l’organizzatore dell’evento sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Lamezia Terme.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, sequestrati 80 mila prodotti pericolosi

I finanzieri della Compagnia di Crotone hanno sottoposto a sequestro 80 mila articoli da bigiotteria quali bracciali, collane, orecchini, fermagli.

Il sequestro è stato eseguito presso un negozio d'Isola di Capo Rizzuto(Kr), nel quale i baschi verdi hanno trovato numerosi articoli da bigiotteria privi del marchio Ce e delle indicazioni relative ai requisiti minimi di sicurezza a tutela della salute umana.

Le gravi violazioni al Codice del consumo hanno determinato l’irrogazione di una sanzione amministrativa di 25 mila euro, nei confronti del titolare dell’attività economica.

 

Scoperta piantagione composta da 400 arbusti di cannabis

I finanzieri del Gruppo di Catanzaro hanno sequestrato una piantagione composta da quasi 400 arbusti di cannabis.

La scoperta è stata fatta nel corso di una perlustrazione aerea effettuata nel territorio del comune di Tiriolo, da un elicottero del Reparto operativo aereonavale di Vibo Valentia.

La coltivazione, allestita nei pressi del torrente Corace, era composta da circa 400 piante di cannabis, dalle quali si sarebbero potuti ricavare circa 4 quintali di stupefacente. 

Una volta fatta la scoperta, i militari hanno eseguito alcune perquisizioni domiciliari, che hanno portato al ritrovamento di 30 chili di semi di cannabis.

Accertata la proprietà dei terreni presso i quali sorgeva la coltivazione di cannabis, i finanzieri hanno proceduto al deferimento di due persone.

  • Pubblicato in Cronaca

Operazione "Mendacium", scoperta una truffa da 2 milioni di euro ai danni del Servizio sanitario nazionale

I finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di una complessa e articolata attività di indagine denominata operazione “Mendacium”, una truffa aggravata in danno del Sistema sanitario nazionale perpetrata da una società cooperativa operante nella Locride.

La struttura, accreditata dalla Regione Calabria quale residenza psichiatrica ad alto trattamento ed elevata intensità assistenziale, è stata autorizzata ad operare nel tempo con un massimo di 10 posti letto.

La comparazione della documentazione sottoposta a sequestro negli uffici della cooperativa, con quella acquisita dalle fiamme gialle nelle diverse Aziende sanitarie provinciali calabresi ha permesso di scoprire un presunto esubero di prestazioni rese dalla struttura senza alcuna preventiva autorizzazione rilasciata dal competente dipartimento dell’Asp.

In particolare, la cooperativa avrebbe ospitato nel tempo pazienti in sovrannumero rispetto ai posti accreditati e autorizzati, sforando il budget assegnato di circa 2 milioni di euro senza, tra l’altro, garantire i prescritti standard di qualità, essendo dotata di una struttura organizzativa ritenuta idonea soltanto per l’assistenza di 10 pazienti.

Ad agevolare lo sforamento del budget avrebbe contribuito l'assenza di controllo a livello regionale.

Le indagini si sono concluse con il deferimento all’Autorità giudiziaria della legale rappresentante della struttura, per l’ipotesi di reato riguardante la truffa aggravata ai danni del Sistema sanitario nazionale.

 

 

 

Controlli nei cantieri edili, 17 lavoratori in nero scoperti nel Vibonese

Diciassette lavoratori in nero scoperti e sanzioni a carico delle imprese che li hanno impiegati.

Questo l’esito dei controlli effettuati dai finanzieri della tenenza di Tropea, in dieci cantieri edili attivi nella cittadina tirrenica e nei paesi limitrofi.

Il controllo, finalizzato al contrasto al lavoro irregolare, ha interessato alcuni cantieri nei quali erano in corso attività finalizzate alla realizzazione di bed and breakfast.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS