Buoni spesa Covid, scoperti 46 furbetti

I finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, nell’ambito delle attività di polizia economico-finanziaria a tutela della spesa pubblica, stanno proseguendo i controlli nei confronti dei soggetti percettori dei cosiddetti “buoni spesa Covid-19”, erogati dai Comuni della Provincia e destinati alle famiglie in evidente stato di bisogno e maggiormente colpite dagli effetti derivanti dall’emergenza sanitaria in atto.

In particolare, le attività ispettive della Compagnia di Villa San Giovanni hanno permesso di accertare, nelle ultime settimane, che 46 nuclei familiari, residenti nei comuni di San Roberto e Santo Stefano in Aspromonte, hanno dichiarato di trovarsi in condizioni di difficoltà economica ovvero di indigenza, tali da non consentire nemmeno il minimo approvvigionamento di generi alimentari e di prima necessità, ottenendo indebitamente il sussidio economico, per un danno alle casse degli enti comunali quantificato in oltre 6 mila euro.

È emerso, infatti, che uno o più componenti dei nuclei familiari controllati, a seconda dei casi, avrebbe: ricevuto lo stipendio, anche per cospicui importi, a fronte di rapporti d’impiego regolari, percepito il Reddito di cittadinanza, l’indennità di disoccupazione o altre prestazioni sociali agevolate, oppure alterato il proprio stato di famiglia indicando soggetti fittizi o non residenti per incrementare la somma da percepire.

All’esito delle attività svolte sono state irrogate sanzioni amministrative, per indebita percezione di erogazioni pubbliche, per oltre 18 mila euro e sono stati segnalati i trasgressori ai rispettivi enti comunali, al fine di avviare il recupero delle somme indebitamente percepite.

Le attività di servizio della Compagnia di Villa San Giovanni eseguite in tale settore hanno consentito, finora, di accertare l’erogazione illegittima di complessivi 32.654 euro nei confronti di 135 persone, a danno delle casse dei comuni.

Assenteismo al Comune di Reggio Calabria avviso di conclusione indagini per cinque dipendenti

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, al termine di un’indagine di polizia giudiziaria in materia di reati contro la pubblica amministrazione, hanno notificato, su delega della locale Procura della Repubblica, un avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di cinque dipendenti comunali, indagati per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e falsa attestazione della presenza in servizio.

Le investigazioni, eseguite dal Gruppo di Reggio Calabria attraverso un’attività di videoripresa dell’ingresso degli uffici comunali e l’analisi dei registri delle presenze della IX Circoscrizione di Gallico Sambatello, hanno permesso di raccogliere elementi nei confronti dei dipendenti comunali che, nel periodo oggetto di monitoraggio, si sarebbero allontanati frequentemente dal luogo di lavoro, senza registrare l’uscita e il rientro con il badge marcatempo, risultando, dunque, regolarmente presenti.

 

  • Published in Cronaca

Prodotti falsi venduti sui social, stamperia sequestrata a Cosenza

Venivano venduti anche tramite i circuiti social i capi d’abbigliamento e gli accessori falsi realizzati in una cartoleria a Cosenza. A fare la scoperta, sono stati i Finanzieri del locale Comando provinciale, i quali hanno sequestrato sia i prodotti contraffatti che l’attrezzatura usata per la loro fabbricazione.

Il materiale - destinato ai bambini – oltre ad essere venduto direttamente, veniva pubblicizzato sul Marketplace di Facebook. Proprio attraverso il monitoraggio
del web, le fiamme gialle sono riuscite a risalire ai venditori, ovvero i titolari di una cartoleria di Cosenza.

Durante il controllo effettuato direttamente nel negozio, i militari hanno scoperto che i prodotti sequestrati venivano realizzati nel negozio attraverso la pressatura a caldo su comuni magliette di loghi ed immagini scaricati da internet.

Dopo avere sequestrato quanto rinvenuto, i finanzieri hanno denunciato i presunti responsabili per il reato di contraffazione.

  • Published in Cronaca

La Guardia di finanza cerca 1409 allievi, pubblicato il bando di concorso

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale - IV Serie speciale - n. 172, del 10 settembre 2021, il bando di concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di 1.409 allievi finanzieri (1199 del contingente ordinario e 210 del contingente di mare) così ripartiti:
• n. 883 riservati ai volontari in ferma prefissata delle Forze armate;
• n. 526 rivolti ai cittadini italiani.

Inoltre, sono stati destinati 147 posti all’arruolamento di personale da avviare al conseguimento della specializzazione “Anti terrorismo e pronto impiego (Atpi)”.

Al concorso possono partecipare coloro che abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, compiuto il 18° anno e non abbiano superato il giorno di compimento del 26° anno di età. Il limite anagrafico massimo così fissato è elevato di un periodo pari all’effettivo servizio militare prestato e, comunque, non superiore a tre anni per coloro che, alla data del 6 luglio 2017, svolgevano o avevano svolto servizio militare volontario, di leva o di leva prolungato.

Ai fini della presentazione della domanda di partecipazione è necessario essere in possesso del diploma di istruzione secondaria:
• di primo grado, per i posti riservati ai volontari delle Forze armate;
• di secondo grado che consenta l’iscrizione ai corsi per il conseguimento della laurea, per i restanti posti.
La domanda di partecipazione al concorso, da presentare entro le ore 12.00 del 11 ottobre 2021, dovrà essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale attivo all’indirizzo “https://concorsi.gdf.gov.it”, seguendo le istruzioni del sistema automatizzato.

I concorrenti, che devono essere in possesso di un account di posta elettronica certificata, dopo aver effettuato la registrazione al portale, potranno accedere, tramite la propria area riservata, al form di compilazione della domanda di partecipazione.

Risparmiatori truffati con prodotti finanziari fasulli, sequestrati beni per 1,5 milioni

Questa mattina è stata data esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso, su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dal gip presso il locale Tribunale, per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro nei confronti di 3 persone ritenute appartenenti ad un'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe aggravate mediante la raccolta e gestione di risparmi, la vendita di strumenti finanziari fasulli a struttura piramidale, in assenza delle prescritte autorizzazioni ai danni di oltre un centinaio di risparmiatori dislocati su tutto il territorio nazionale.

Tra gli indagati, figura anche un funzionario – in pensione – di un istituto di credito che avrebbe fornito supporto ai membri dell’associazione nell’individuazione dei potenziali clienti.

Le indagini, eseguite dal Comando provinciale della guardia di finanzia di Reggio Calabria e dal Nucleo speciale di polizia valutaria, hanno consentito, tra l’altro, di tracciare le presunte ricchezze illecitamente accumulate dagli indagati.

Pertanto, sono stati sottoposti a sequestro disponibilità finanziarie detenute su conti corrente ubicati in Italia e nell’isola di Tenerife (Spagna), terreni ubicati a Reggio Calabria e 127 oggetti preziosi tra cui diamanti, collane, bracciali, anelli in oro, orologi di alto valore, pietre preziose e 241 monete d'argento.

La misura cautelare deriva dalla convergenza di più attività investigative che hanno consentito di rilevare come gli indagati, agendo sotto lo schermo di società finanziarie appositamente costituite in Italia e all’estero, si sarebbero fatti consegnare somme di denaro dai malcapitati clienti prospettandogli il reinvestimento in fondi di risparmio promettendo tassi di interesse particolarmente allettanti, talvolta anche fino al 40 per cento.

I membri dell’associazione avrebbero incamerato, quindi, le somme e - successivamente al fine di rendere più credibile lo schema truffaldino - avrebbero provveduto al rimborso, ancorché solo parziale, in piccole “tranche” e mediante ricariche su carte prepagate.

Peraltro, a fronte delle somme ricevute a titolo di investimento, gli indagati avrebbero fatto in modo che i soggetti truffati stipulassero polizze assicurative fittizie a garanzia degli investimenti, riuscendo così ad incamerare indebitamente ulteriori somme di denaro. Tali falsi piani assicurativi, gestiti da uno dei sodali mediante una società del padovano, oltre a dare una parvenza di garanzia all’investimento, avrebbero incoraggiao i potenziali clienti a stipulare gli strumenti finanziari.

Le indagini hanno consentito, inoltre, di rilevare che gran parte degli investimenti sarebbe avvenuta mediante la stipula di contratti di associazione in partecipazione all’interno di strutture piramidali (c.d. “Multi level marketing”), tra le quali i networks “Adamax”, “Unetenet”, “TelexFree” e “Lirbertagià”, gestiti dal principale indagato.

Per fare luce sulla vicenda è stata determinante la ricostruzione dei flussi finanziari, agevolata dal supporto informativo contenuto in alcune segnalazioni di operazioni sospette pervenute al Nucleo speciale di polizia valutaria per fini di prevenzione antiriciclaggio. 

Maxi sequestro di giochi e addobbi natalizi pericolosi

I finanzieri del Comando provinciale di Cosenza hanno sottoposto a sequestro oltre un milione di addobbi e giocattoli natalizi pericolosi. L'attività ha interessato quattro negozi della città dei Bruzi, nei quali i militari hanno trovato ingenti quantitativi di articoli che avrebbero potuto esporre i clienti a notevoli rischi. La merce, apparentemente di buona qualità, presentava difformità rispetto agli standard qualitativi previsti dal Codice del consumo. I prodotti sequestrati (decorazioni, addobbi e giocattoli) erano sprovvisti delle necessarie informazioni, utili alla tutela del consumatore, quali la provenienza, le modalità di utilizzo, le indicazioni merceologiche, nonché l’eventuale presenza di materiali o sostanze pericolose. Particolarmente pericolosi per la salute, i giocattoli natalizi dotati di dispositivi elettronici e caratterizzi da estrema fragilità a causa della scarsa qualità del materiale utilizzato per la costruzione. Al termine dell’operazione, le fiamme gialle hanno sequestrato oltre un milione di oggetti natalizi. I quattro rivenditori sono stati, pertanto, segnalati alle autorità amministrative per l’accertamento delle relative violazioni e per la confisca dei beni sequestrati.

Carrozzeria abusiva scoperta nel Vibonese, denunciato il titolare

I finanzieri della Tenenza di Tropea hanno scoperto, a Spilinga (VV), una carrozzeria priva della necessaria autorizzazione amministrativa.

Per tale motivo, le attrezzature presenti nell'attività, ovvero un ponte sollevatore, compressori, attrezzi meccanici vari e materiale per la verniciatura degli automezzi, sono state sottoposte a sequestro.

Il titolare della carrozzeria, peraltro inadempiente agli obblighi di presentazione della dichiarazione dei redditi, è stato denunciato per gravi violazioni alle normative a tutela dell’ambiente.

Nell’area antistante l’attività, infatti, in piena zona abitata, i militari hanno rinvenuto scarti di lavorazione, autoveicoli fuori uso e materiale ferroso di vario genere, per un totale complessivo di circa 5 tonnellate; il tutto ammassato in un’area di appena 200 metri quadrati.

 

  • Published in Cronaca

'Ndrangheta: sequestrati beni per oltre 14 milioni di euro

Un provvedimento di sequestro di beni per un valore superiore ai 14 milioni di euro, è stato eseguito dai finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro e dello Scico di Roma, a carico di sei persone ritenute organiche ad una cosca di 'ndrangheta attiva nel Catanzarese. 

Tra i destinatari del provvedimento figura, anche, l'ex consigliere regionale della Calabria Franco La Rupa, cui è stato sequestrato un patrimonio valutato 9 milioni di euro.

La misura ha interessato 34 fabbricati, 9 attività imprenditoriali, 16 appartamenti, due ville lussuose, 40 terreni e 22 veicoli, appartenenti ad uomini ritenuti vicini alle cosche "Cerra-Torcasio-Gualtieri" e "Giampà" di Lamezia Terme, "Gallace-Gallelli" di Guardavalle e "Anello" di Filadelfia.

 

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed