Incendio in una casa: cerca di spegnere le fiamme, ma rimane ustionato

Un uomo è rimasto ferito alle gambe, a causa di un incendio divampato ieri in una casa a Lamezia Terme.
 
In particolare, la vittima si è ustionata nel tentativo di spegnere le fiamme che hanno colpito la sua abitazione. 
 
Il rogo, partito dal caminetto, ha raggiunto un divano, per poi propagarsi al resto della casa.
 
Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno trasferito il ferito in ospedale.
 
Dal canto loro, i vigili del fuoco del locale distaccamento hanno domato l'incendio e messo in sicurezza l'immobile.
 
 

La compagnia "La moscheta" porta in scena "Ben Hur" al teatro Grandinetti di Lamezia Terme

Riprendono gli appuntamenti della rassegna teatrale Vacantiandu, con la sezione dedicata alla V edizione del Gran premio del teatro amatoriale italiano che, per la prima volta, porta in Calabria 14 compagnie amatoriali, iscritte alla Federazione italiana teatro amatoriale (Fita), le cui rappresentazioni hanno ottenuto il Premio Fita regionale come “Miglior spettacolo”.

Dopo la Campania, la Sicilia ed il Piemonte, sabato 28 dicembre 2019, ore 20.45, al Teatro comunale Grandinetti, la quarta regione ospite sarà il Veneto, con la Compagnia La moscheta di Verona che porterà in scena "Ben Hur".

Una storia di ordinaria periferia di Gianni Clementi, regia di Daniele Marchesini.

Sergio è uno squattrinato uomo di mezza età, ex stuntman di successo, costretto a fare il centurione davanti all’Arena per sbarcare il lunario. Si propone per le foto di rito con i turisti, ma la concorrenza è tanta e gli affari iniziano a scarseggiare.

Nel frattempo Maria, la sorella separata con cui vive per dividere l'affitto, impiegata in una chat line erotica, perde il lavoro.

Una vita destinata ad una lenta, inesorabile deriva. L'arrivo di Milan, clandestino bielorusso con uno spiccato istinto imprenditoriale, improvvisamente rivitalizza la precaria economia domestica e dà nuovo slancio alla coppia in crisi. Almeno così sembra...

Una commedia che, in maniera molto divertente, si misura con la scottante attualità dell’immigrazione anche se, questa volta, in una situazione capovolta in cui l'italiano non è più immigrato sfruttato e schiavo ma padrone sfruttatore di altri immigrati. E, soprattutto, una commedia in cui il confronto di vissuti sideralmente lontani, di personalità opposte, di tre diverse forme di solitudine, darà vita a un finale sorprendente.

Sul palcoscenico Daniela Felzani, Daniele Marchesini, e Nicola Marconi.

Lo spettacolo sarà valutato da una giuria qualificata e parteciperà al Gran premio del teatro amatoriale italiano, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà il 29 marzo 2020 al Teatro comunale Grandinetti.

 

  • Pubblicato in Cultura

"Un Anthurium nel cuore", sabato la premiazione

Sabato prossimo (28 dicembre), alle 18:30, presso la Sala Giovanni Paolo II (ex Seminario Vescovile) di Lamezia Terme, l’associazione “Un Anthurium per Francesco”, presieduta dalla prof.ssa Giuditta Crupi, presenterà “Arte e Scienza” in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.

Durante la serata sarà assegnato il premio “Un Anthurium nel Cuore”, suddiviso per sezioni (Arte, Scienza, Alla Memoria, Per la Calabria e Menzione Speciale).

Saranno premiati, con delle sculture di Antonio La Gamba, la docente di Storia greca, prof.ssa Giovanna De Sensi Sestito (Un Anthurium nel Cuore - Sezione Arte), il neuropsichiatra infantile, dott. Eugenio Maria Mercuri (Un Anthurium nel Cuore - Sezione Scienza), il docente e storico dell’arte, architetto Natale Proto (Un Anthurium nel Cuore - Alla memoria), l’associazione Mistery Hunters di Cosenza (Un Anthurium nel Cuore – Per la Calabria) e una Menzione Speciale andrà a monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria-Bova.

Durante la serata, caratterizzata dalla presenza di prestigiosi ospiti, si svolgerà, inoltre, la premiazione del concorso fotografico #ContestartLamezia.

Il logo del premio “Un Anthurium nel Cuore”, che è alla sua prima edizione, è stato ideato dall’artista Francesco Montesanti.

  • Pubblicato in Cultura

Rifiuti pericolosi interrati in Calabria, Wanda Ferro (FdI) chiede al governo la bonifica

“Avviare al più presto la bonifica delle aree interessate dell’interramento illecito di rifiuti pericolosi nella Piana di Lamezia Terme, quella che ormai appare essere una vera e propria ‘terra dei fuochi’ calabrese”.

È quanto chiede il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, che ha rivolto un'interrogazione al presidente del Consiglio e ai ministri dell’Ambiente, dell’Interno e della Salute, anche a seguito di quanto emerso dalle recenti operazioni di polizia giudiziaria, che hanno evidenziato come l’area centrale della Calabria venga utilizzata da organizzazioni criminali per fare sparire tonnellate di rifiuti provenienti da altre regioni, con evidenti ripercussioni sull’ambiente e rischi gravissimi per la salute dei cittadini.

Nella sua interrogazione l’on. Wanda Ferro ha fatto riferimento in particolare all’ultima operazione “Quarta copia”, nell’amabito della quale la Squadra mobile della polizia di Stato di Catanzaro, unitamente al personale del Commissariato di Lamezia Terme, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, ha dato esecuzione a due distinte ordinanze di custodia cautelare emesse dai gip dei rispettivi tribunali a carico di 20 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti ed inquinamento ambientale. Grazie all’attività investigativa, scaturita dalla denuncia di un cittadino, gli inquirenti hanno accertato lo smaltimento illecito di circa 300 tonnellate di rifiuti in due discariche a pochi passi dal centro abitato di Lamezia Terme e a pochi passi dal mare, come quelle in località San Sidero e Bagni.

Secondo quanto emerso dalle indagini, si tratta di rifiuti speciali provenienti dalla Campania, anche se prodotti in altre regioni, che avrebbero già causato gravi danni ambientali al territorio comprovati da analisi effettuate sia da parte dell’agenzia ambientale regionale Arpacal, che dai consulenti nominati dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme. 

Il modus operandi accertato dalla polizia di Stato è identico a quello utilizzato dalla criminalità organizzata campana nella ‘terra dei fuochi’ con camion che scaricavano di notte in grandi buche scavate e poi ricoperte.

Il deputato di Fratelli d’Italia ha chiesto ai rappresentanti del governo “quali azioni intendano adottare il ministro dell’Ambiente e quello della Salute, per il tramite di Ispra, Iss e Arpacal, per verificare la contaminazione del suolo e della falda e per avviare le necessarie azioni di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale, e  chi sarà il soggetto incaricato della bonifica delle aree oggetto di sversamenti illeciti”.

Inoltre l’on. Ferro ha chiesto “quali azioni intenda adottare il ministro dell’Interno per garantire un maggior controllo del territorio ed evitare che fatti simili si possano ripetere"

  • Pubblicato in Politica

Auto in fiamme nella notte

Auto in fiamme su corso Eroi di Sapri, nel quartiere Sambiase di Lamezia Terme.
 
L'incendio, partito dal vano motore, ha interessato anche parte dell'abitacolo di un'Audi A3.
 
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Lamezia Terme ed i carabinieri della locale Compagnia.
 
Dalle verifiche effettuate al termine delle operazioni di spegnimento, non è emerso nulla che faccia pensare a un’origine dolosa dell’incendio, anche se al momento non si esclude alcuna ipotesi.
 
  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo, treno bloccato dall'acqua in una galleria

Disagi anche alla circolazione ferroviaria a causa delle intense precipitazioni che si stanno riversando sulla Calabria.
 
La situazione più critica è stata vissuta, intorno alle 12.15 di oggi, dai passeggeri di un convoglio impegnato sulla tratta Lamezia Terme - Catanzaro.
 
In particolare, a causa della gran quantità d'acqua, il treno è rimasto bloccato in una galleria nel comune di Marcellinara. 
 
Dopo il vano tentativo di raggiungere il convoglio con due locomotive, bloccate in entrambe le direzioni a causa di fango e detriti presenti sui binari, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno effettuato il trasbordo dei passeggeri su un treno diretto a Catanzaro Lido.
 
 
 
 
  • Pubblicato in Cronaca

Auto si scontrano con un furgone, due feriti

Due auto ed un furgone sono rimasti coinvolti in un incidente stradale verificatosi intorno alle 20.30 di ieri sulla statale 280 "Dei due mari", in prossimità dello svincolo di Marcellinara.
 
Nell'impatto, che ha interessato una Peugeot 3008, una Mercedes ed un furgone Volkswagen, ad avere la peggio sono stati il conducente della berlina francese ed una donna che viaggiava sull'auto tedesca.
 
Oltre ai sanitari del 118, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del Comando provinciale di Catanzaro e gli uomini della polizia stradale.
 
Il tratto della Ss 280 è rimasto chiuso al transito, in direzione Catanzaro, per il tempo necessario al completamento delle operazioni di soccorso.
 

Tamponamento a catena, auto e furgone finiscono fuori strada

Incidente stradale a Lamezia Terme, dove, in un tamponamento a catena, avvenuto in prossimità della rotatoria di via delle Foibe, sono rimasti coinvolti una Bmw, un' Audi A3, un furgone Ford Transit ed un furgone Peugeot.
 
Nell'impatto la Bmw ed il Ford Transit sono finiti fuori strada.
 
Sei le persone complessivamente coinvolte, di cui quattro sono state soccorse dal personale medico del Suem118.
 
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del locale distaccamento e la polizia locale. 
  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS