Colpito un gruppo criminale appartenente alla comunità rom

Ha preso il via all’alba di oggi una vasta operazione condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, finalizzata all’esecuzione di provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di numerose persone accusate, a vario titolo, d'associazione per delinquere finalizzata all’organizzazione di delitti contro il patrimonio, quali truffe, furti, estorsioni, ricettazioni e riciclaggi, nonché contro la fede pubblica, l’ambiente ed in materia di stupefacenti, aggravati dalla disponibilità di armi.

Le indagini hanno permesso di fare luce su un gruppo criminale attivo nel territorio di Ardore (Rc) e Bovalino (Rc), riconducibile ad elementi appartenenti alle locali comunità rom che avrebbero organizzato e commesso delitti di rilevante gravità contro l’ordine pubblico, la persona, il patrimonio e la fede pubblica.

Caso di coronavirus a Locri

"In riferimento alla notizia, già pubblicata su alcuni organi di stampa, circa una persona di Napoli risultata positiva alla verifica del tampone in Ospedale, si informa che sono state prontamente attivate tutte le necessarie procedure del caso. La situazione è assolutamente sotto controllo e viene monitorata dal personale sanitario".

È quanto comunica sul proprio profilo facebook, il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese.

"Circa una decina di operatori sanitari - prosegue il post - sono stati prontamente sottoposti a tampone. I Carabinieri del Gruppo di Locri stanno effettuando la ricostruzione dei contatti della persona positiva e dei familiari. Per tutti questi soggetti (positivo e familiari) abbiamo già disposto provvedimento di quarantena obbligatoria e già questa sera verranno sottoposti a tampone. La situazione - conclude il primo cittadino -  è al momento sotto controllo è non è il caso di creare allarmismo. Attendiamo l'esito di tutte le necessarie verifiche. I cittadini verranno come sempre e in tempo reale informati sull'evoluzione della situazione".

  • Pubblicato in Cronaca

In auto con moglie, figlio e 7,5 chili di cocaina, poliziotto in manette

I carabinieri della Compagnia di Locri (Rc) hanno fermato e controllato un'auto con alla guida un 40 enne, B.C., residente in Sicilia, appartenente alla polizia di Stato in servizio nel Reggino.

L’uomo, che viaggiava con la moglie ed un figlio minore, dopo aver esibito una fotocopia del tesserino di riconoscimento, si è mostrato agitato ed insofferente al controllo, destando nei militari il sospetto che potesse avere qualcosa da nascondere.

Sottoposto a perquisizione personale e veicolare, alla quale hanno partecipato anche alcuni poliziotti, abilmente occultati in un doppio fondo ricavato dietro il vano portaoggetti, sono state trovate 7 confezioni plastificate da circa 1 kg ciascuna, che contenevano complessivamente 7,5 kg di tipo cocaina.

Dichiarato in stato di arresto, il 40enne, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

 

In auto con 10 Kg di marijuana, arrestato

I carabinieri della Sezione radiomobile della Compagnia di Locri (Rc) hanno arrestato M.V. di 27 anni.

L’uomo, stava percorrendo in auto la strada principale di Ardore, quando, alla vista di una pattuglia dell’Arma, ha effettuato una manovra repentina che ha insospettito i militari, i quali hanno deciso di fare un controllo.

Una volta raggiunto e fermato il veicolo, gli uomini dell'Arma hanno eseguito una perquisizione, nel corso della quale, nel bagagliaio, hanno rinvenuto un sacco con 10 chili di marijuana.

Pertanto, il 27enne è stato arrestato e trasferito nel carcere di Locri.

  • Pubblicato in Cronaca

Bloccato dopo un inseguimento, 30enne finisce in manette

I carabinieri della Compagnia di Locri (Rc) hanno arrestato L.M, 30 anni, di Africo, accusato di resistenza a pubblico ufficiale.

In particolare, l'uomo, nella serata di ieri, è stato sorpreso a bordo della sua auto mentre era intento ad effettuare manovre pericolose per la sicurezza della circolazione stradale nel comune di Bovalino.

Come se non bastasse, incurante dell'Alt intimato dai militari, il 30enne si è dato alla fuga.

È scaturito, quindi, un inseguimento, conclusosi, dopo una decina di chilometri, a Bianco.

Una volta bloccato, il fuggitivo è stato arrestato e posto ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

  • Pubblicato in Cronaca

Locri: dal Rotary club un monitor multiparametrico per l'ospedale

Il Rotary club di Locri, presieduto da Giovanni Pascale, ha donato all’Unità operativa di rianimazione del locale ospedale, un monitor multiparametrico di ultima generazione che può essere usato sia in reparto, che per la barella multifunzione.

Al sodalizio è andato il ringraziamento del primario del reparto, Francesco Sinopoli.

Accusato di falsificare sentenze per truffare le assicurazioni, avvocato interdetto per un anno

Complesse indagini eseguite dalla Sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri presso la Procura della Repubblica di Locri (Rc), hanno consentito di definire un preciso e corposo quadro accusatorio nei confronti di un avvocato del Foro di Locri, al quale è stata inflitta la misura interdittiva del divieto di esercitare la professione di avvocato e tutte le attività ad essa inerenti per la durata di un anno.  

Il legale risulta indagato tanto per falsità materiale commessa in atti pubblici (sentenze), quanto per la soppressione e distruzione parziale dei medesimi, nonché per truffa ai danni di compagnie assicurative.

Da quanto emerso dalle indagini, l'avvocato avrebbe falsificato sentenze emesse dal giudice di pace di Locri relative a giudizi civili generalmente concernenti richieste risarcitorie per illeciti extracontrattuali.

In alcuni casi il legale avrebbe modificato l’originale della sentenza, aumentando a suo favore gli importi riconosciuti a titolo di risarcimento danni ed oneri professionali; in altri episodi, invece, si sarebbe spinto a distruggere parzialmente le sentenze, sostituendo le pagine contenenti motivazioni e dispositivo con altre dal contenuto diverso ed a lui favorevole.

Così facendo avrebbe indotto in errore le compagnie assicurative che avrebbero corrisposto, a titolo di risarcimento danni e di competenze professionali, somme non dovute costituenti ingiusto profitto a favore dell’avvocato.

Le indagini si sono avvalse del supporto dei carabinieri della Stazione di Careri (Rc) e dei grafologi del Ris di Messina.

  • Pubblicato in Cronaca

Coronavirus, Calabria: Tallini ringrazia papa Francesco

 “La solidarietà manifestata alla Calabria da Papa Francesco, donando - attraverso l’Elemosiniere card. Konrad Krajewski ed il vescovo di Locri-Gerace mons. Francesco Oliva - all’ospedale di Locri 4mila mascherine e 400 tute dotate di occhiali di protezione, mi induce a porgergli i ringraziamenti più sinceri a nome mio personale e del Consiglio regionale che mi onoro di rappresentare. L’attenzione preziosissima che Papa Francesco ha riservato alla Calabria - afferma il presidente dell’Assemblea legislativa regionale Domenico Tallini -, spinge tutti noi che rivestiamo cariche pubbliche a prenderci cura della nostra comunità e dei nostri concittadini con ulteriore  impegno, dando maggiore impulso al  dovere della solidarietà individuale e collettiva verso le fasce sociali più svantaggiate. E insieme a  fare di più e meglio, nell’azione pubblica finalizzata a dare una mano significativa alle famiglie in difficoltà in questo periodo di acuta crisi economica e di paura per il futuro. In secondo luogo - aggiunge il presidente Tallini - questa donazione riservata ad un Ospedale che insiste in una delle aree più in difficoltà della Calabria e del Mezzogiorno italiano, ci consente di fare una riflessione sull’urgenza che lo Stato italiano raccordi, all’insegna della coesione territoriale Nord-Sud e per un ‘welfare di giustizia’ e di opportunità per tutti (come ha auspicato il vescovo di Cassano alla Jonio mons. Francesco Savino), più coerentemente le politiche pubbliche con i bisogni delle aree storicamente svantaggiate del Paese. Mi permetto - conclude Tallini -  di sperare che Papa Francesco, compatibilmente con i suoi programmi e una volta cessata la pandemia, possa tornare nella nostra regione, perché i calabresi, disponibili ad andare oltre le legittime rimostranze verso le criticità e a diventare protagonisti del cambiamento, possano, ancora di più, beneficiare dei suoi insegnamenti e della sua parola”.

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS