Pedone travolto e ucciso da un'auto

Un pedone è stato travolto ed ucciso da un'auto a Luzzi, nel Cosentino.

L'uomo stava attraversando la strada, in contrada "Gidora", quando è stato investito da un’Opel guidata da un giovane, che ha prestato i primi soccorsi.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo.

Dal canto loro, i vigili urbani ed i carabinieri hanno effettuato i rilievi, necessari a chiarire la dinamica dell'incidente.

Realizza una pista abusiva in area vincolata, denunciato

I carabinieri forestali di San Pietro in Guarano hanno sottoposto a sequestro un’area in località “Fruscetto” nel Comune di Luzzi, alle porte di Cosenza, e denunciato a piede libero un uomo originario di Acri, per l’apertura di una pista abusiva in area vincolata.

Il provvedimento è stato disposto in seguito ad un controllo, nel corso del quale, in un bosco misto di castagno e quercia, è stata individuata la struttura abusiva. 

I lavori avrebbero dovuto ricevere un nullaosta idrogeologico, poiché l’intera area ricade in zona sottoposta a vincolo idrogeologico forestale.

La pista, che ha determinato la denudazione del terreno, la perdita di stabilità e il turbamento della regimazione delle acque, è stata realizzata senza alcuna autorizzazione.

I militari dell’Arma hanno, pertanto, proceduto al sequestro dell’area ed alla denuncia del titolare, ritenuto responsabile di aver realizzato i lavori senza alcun titolo abilitativo e di aver deturpato un’area sottoposta a vincolo paesaggistico e ambientale.

  • Pubblicato in Cronaca

Badante addormenta un 87enne e svaligia la cassaforte

I carabinieri di Luzzi hanno tratto in arresto, per il reato di rapina impropria, una badante 49enne di nazionalità romena.

La donna è finita in manette in seguito alla segnalazione fatta dai familiari di un pensionato del luogo, che hanno denunciato un furto in casa del loro congiunto.

In particolare, dopo aver fatto addormentare l'87enne per il quale lavorava la badante si sarebbe impossessata delle chiavi della cassaforte ed avrebbe portato via 15.750 euro in contanti, oltre a vari monili in oro.

Prima di darsi alla fuga, la quarantanovenne avrebbe chiuso la vittima all’interno della camera da letto portando con sé le chiavi.

Sottoposta a perquisizione, la donna è stata trovata in possesso delle chiavi di casa, della cassaforte e della refurtiva, che è stata immediatamente recuperata e restituita all’anziano.

L’arrestata, al termine delle formalità di rito, è stata trattenuta presso le camera di sicurezza della Compagnia carabinieri di Rende, in attesa del processo per direttissima.

  • Pubblicato in Cronaca

Il senatore che recuperò l'abbazia della Sambucina

Ricorre oggi, 13 settembre 2017, il novantesimo compleanno del sen. Francesco Smurra un personaggio rilevante della nostra terra, che sopratutto nella sua Luzzi, ricoprendo la carica di sindaco per diversi anni, si distinse per il recupero dell'abbazia cisterciense della Sambucina, la prima fondata in Calabria nel sec.XII, dove per anni dimorò Gioacchino da Fíore e il suo scriba Luca campano, poi arcivescovo di Cosenza.

Professore di matematica, Smurra ripopolò di scuole la terra dei Bretii, sopratutto quando negli anni '70 del secolo scorso fu sottosegretario al ministero della Pubblica Istruzione. 

Mi piace ricordare l'intensa collaborazione culturale che svolsi con lui, democristiano convinto e fedele agli ideali che aveva imparato a coltivare con don Nicoletti, i quali non ponevano barriere, tanto che "don Ciccio" , come lo chiamano i suoi amici e paesani non aveva remore a intrattenere rapporti con il compianto suo concittadino sen. Umile Peluso, comunista "doc", per far conoscere in Italia e nel mondo la nostra Regione e Luzzi con il prestigioso Premio Letterario " La Sambicica". Tanti auguri caro amico e "ad multos Annos"

 

  • Pubblicato in Cultura

Scontro tra due auto, muoiono marito e moglie

Tragico incidente stradale lungo la Provinciale 234, nei pressi del bivio per Luzzi (Cs).

L'impatto, avvenuto nella giornata di ieri, si è rivelato fatale per una coppia, originaria di Rose.

Marito e moglie, rispettivamente di 59 e 58 anni, hanno perso la vita quando la Citroen sulla quale viaggiavano si è scontrata con una Mercedes, il cui conducente è rimasto ferito.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118 ed ai vigili del fuoco, sono intervenuti i carabinieri che hanno effettuato i rilievi di rito.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Doppia scossa di terremoto in Calabria

Doppia scossa di terremoto, nella giornata di ieri, in Calabria.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia si sono attivati, una prima volta, alle 18,10 quando, in un tratto del mar Tirreno compreso tra Rosarno e Gioia Tauro hanno registrato un sisma di magnitudo ML 2.5.

L'evento si è sviluppato ad una profondità di 136 chilometri, in una zona particolarmente attiva sotto il profilo sismico.

Più forte, invece, la seconda scossa, di magnitudo 3.1, rilevata alle 21,17 a Luzzi, in provincia di Cosenza.

In questo caso il terremoto, il cui epicentro è stato riscontrato a soli 10 chilometri di profondità, è stato avvertito distintamente dalle popolazioni residenti nei centri di Luzzi, Bisignano, Acri, Rose, Santa Sofia d'Epiro e San Demetrio Corone.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Cuore di Rondine, la storia segreta del comandante Alfa fondatore del G.I.S dei Carabinieri

Sono poche le persone che hanno visto a volto scoperto il Comandante Alfa, fondatore del Gruppo d’Intervento Speciale (G.I.S) ovvero le teste di cuoio italiane, il gruppo di punta dell’Arma dei Carabinieri. Nel 1977, insieme ad altri quattro commilitoni del Reggimento Tuscania, il Comandante Alfa organizza il gruppo specializzato nella lotta al terrorismo voluto dall’allora Ministro degli Interni Francesco Cossiga.

Il Cigno (nome in codice) ha 26 anni nel 1977 quando da semplice paracadutista  viene scelto nel nuovo reparto d’élite dell’Arma dei Carabinieri il G.I.S., ribattezzato dai suoi uomini Comandante Alfa. Un militare che indossa il mefisto nero, che crede decisamente nella lotta per la libertà e la democrazia al servizio delle Istituzioni. Una vita straordinaria vissuta nell’ombra sconosciuta ai più e, per questo incredibile. Un curriculum di tutto rispetto il suo, che va dalle operazioni sia sul teatro medio-orientale che sul territorio nazionale con le missioni più delicate e rischiose della storia d’Italia degli ultimi decenni. Insignito con le più alte onorificenze dal Presidente della Repubblica e quella di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia  e della  Croce d’Oro al merito dell’Arma dei Carabinieri, con  riconoscimenti internazionali Nato.

Il Libro

La sua identità è e rimarrà segreta, ma lui stesso ha deciso di raccontare la sua “vita nell’ombra” in un libro autobiografico “Cuore di rondine”, destinato a diventare un film e nel quale l’autore narra della sua missione dura e rischiosa, l’uomo con la sua vita privata, le sue paure e la sua caparbietà. Il libro racconta 38 anni la vita del Comandante Alfa all’interno dei G.I.S. con missioni importanti a livello nazionale e internazionale, come l’intervento al carcere di Trani, dove i detenuti in rivolta tenevano in ostaggio dieci agenti della Polizia carceraria, la librazione della piccola Patrizia Tacchella rapita nel 1990 a soli 8 ani, l’attentato contro le forze italiane a Nassiriya nel 2003.

Sulle esperienze vissute il Comandante Alfa ha fondato una “Scuola Comandante Alfa”, una accademia sulla sicurezza destinata a selezionati professionisti di alto profilo.

Il Comandante Alfa alle ore 17 di oggi 19 novembre 2016, presso l’Auditorium della Scuola Media Statale “Coppa” di Luzzi (CS), presenterà il libro “Cuore di Rondine”, in una cornice istituzionale con il coinvolgimento delle Sezioni A.N.C di Acri, Rende e Cosenza, e l’allestimento di uno stand curato dal Gruppo Intervento Speciale (G.I.S) il cui Comandante è il Colonnello Gianluca Feroce.   

  • Pubblicato in Cultura

Sbancamento abusivo sequestrato dal Corpo Forestale, denunciata una persona

Continua incessante il lavoro degli uomini del Corpo Forestale dello Stato finalizzato al contrasto dei reati ambientali sul vasto territorio provinciale. Nei giorni scorsi  nella località "Fosso D’Olmo", vasto comprensorio boscato del Comune di Luzzi, in provincia di Cosenza, il personale del Comando Stazione di San Pietro in Guarano ha sequestrato un’area e denunciato all’Autorità Giudiziaria una persona del luogo per aver eseguito dei lavori in assenza dei titoli abilitativi previsti. Durante un controllo in questa località è stata infatti constatata la realizzazione ed apertura di 2 piste di smacchio ex novo, di larghezza di circa 4 metri e di lunghezza una 130 metri e l’altra 230. Per effettuare tali lavori è stato eseguito uno sbancamento di un terreno saldo boscato.  L’esecuzione dell’attività realizzata, necessitava del nullaosta idrogeologico, poiché l’area ricade in unica zona sottoposta a vincolo idrogeologico forestale. I lavori eseguiti senza prescrizione alcuna, e senza che fossero applicate le opere di salvaguardia del territorio, hanno  determinato la denudazione del terreno saldo, la perdita di stabilità e il turbamento della regimazione delle acque.  A causa dello sbancamento realizzato con mezzo meccanico, l’area presenta i primi segni inerenti i fenomeni di ruscellamento superficiale, dilavamento ed erosione meteorica in quanto le piante, con il loro apparato radicale e di chioma, assolvevano alla funzione di conservazione del suolo e prevenzione del dissesto idrogeologico. L’indagato dovrà rispondere anche di deturpamento e distruzione di bellezze naturali. 

 

Sottoscrivi questo feed RSS