Rubano merce in un supermercato, tre donne romene finiscono in manette

Tre donne di nazionalità romena, residenti a Reggio Calabria, sono state arrestate dai carabinieri della Stazione di Polistena, con l'accusa di furto aggravato.

Allertati in seguito ad un furto consumato in un supermercato del luogo, i militari hanno immediatamente avviato le ricerche dei responsabili.

Durante un posto di controllo, gli uomini dell'Arma hanno fermato un'auto, a bordo della quale viaggiavano: Elena Dumitreu, di 31 anni, Mariana Costica, di 37 anni e Valentina Lucia Dobre di 47 anni.

Alla luce dei precedenti delle tre donne, i carabinieri hanno deciso di perquisire il veicolo.

Durante l'ispezione sono stati rinvenuti alcolici, cosmetici, dolci, prodotti per la casa, bevande ed alimenti, rubati in due supermercati di Polistena e Rosarno.

La refurtiva, del valore di oltre mille euro, è stata restituita ai legittimi proprietari.

Le arrestate, al termine delle formalità di rito, sono state ristrette presso le camere di sicurezza della Compagnia di Taurianova, in attesa del giudizio di convalida.

  • Pubblicato in Cronaca

Vasta operazione antidroga della PS: 7 arresti

Nelle prime ore della giornata odierna, a conclusione di complesse e laboriose attività d’indagine, supportate da intercettazioni telefoniche ed ambientali, protrattesi per oltre sei mesi e coordinate dal Procuratore della Repubblica di Palmi Dr. Ottavio SFERLAZZA e dal Sostituto Dr. Enrico BARBIERI, il Commissariato di Taurianova e la Squadra Mobile di Reggio Calabria, unitamente a personale dei Commissariati di P.S. di Gioia Tauro, Palmi, Villa San Giovanni, Cittanova e Polistena, del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno e con l’ausilio di unità cinofili e personale della Polizia Scientifica del Posto di Fotosegnalamento di Gioia Tauro, hanno dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Palmi, nei confronti di 7 soggetti, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina e cannabis).

Destinatari del provvedimento restrittivo sono: C. B., nato a Taurianova il 28.03.1963 e ivi residente, destinatario di custodia cautelare in carcere; T. N. V., nato a Palmi il 01.02.1964 ed ivi residente, destinatario di custodia cautelare in carcere; C. B., nato a Oppido Mamertina il 20.03.1990 e ivi residente, destinatario di custodia cautelare degli arresti domiciliari; B. S., nato a Taurianova il 18.03.1984 e ivi residente, destinatario di custodia cautelare degli arresti domiciliari; L. C., nato a Scilla il 06.09.1980 e residente a Bagnara Calabra, destinatario di custodia cautelare degli arresti domiciliari; C. A., nato a Oppido Mamertina il 22.10.1992 e residente a Taurianova, destinatario di custodia cautelare degli arresti domiciliari; G. M., nata a Taurianova il 28.02.1975 e residente a Palmi, destinataria di custodia cautelare degli arresti domiciliari.

Le indagini partite nel 2015 hanno permesso di svelare una ampia, capillare e diffusa rete di spaccio di sostanze stupefacenti a cui si approvvigionavano i tossicodipendenti della Piana di Gioia Tauro. I reati di cui devono rispondere gli arrestati sono spaccio di stupefacenti.

I predetti, dopo le formalità di rito sono stati tradotti presso la casa circondariale di Arghillà e le proprie abitazioni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Palmi.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpresi a rubare generi alimentari in due supermercati, denunciati

Nel corso di un servizio straordinario di controllo effettuato nel territorio di Polistena, i carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno denunciato sei persone.

In particolare, un 24enne è stato trovato al volante della sua auto con un tasso alcolemico tre volte superiore al limite massimo consentito.

Denunciato anche un 20enne di Polistena che si è rifiutato di sottoporsi all’esame dell’alcol test. Oltre ad essere stati denunciati per guida in stato di ebbrezza, ai due giovani è stata ritirata la patente di guida.

Ritiro della patente, anche, per un 25enne di Polistena, fermato con un tasso alcolemico alto rispetto ai limiti imposti dalla legge.

Denunciati, inoltre, due polistenesi F.M. e L.G. entrambi di 39 anni, i quali sono stati sorpresi a rubare generi alimentari in un supermercato. I due sono stati denunciati per furto aggravato, la merce è stata, invece, restituita al proprietario.

Per lo stesso reato è stata denuncianta anche B.A., 41enne di Polistena, trovata a rubare prodotti alimentari in un altro supermercato della cittadina reggina.

 

Maltrattamento bambino autistico, gli interrogativi delle associazioni Adda e Comma 3

"La vicenda del bambino autistico di Polistena maltrattato dalla maestra lascia senza risposta degli interrogativi che, come Associazioni Adda e Comma 3, non possiamo non porci e definire inquietanti.

In primo luogo, com’è possibile che i maltrattamenti siano stati posti in essere da parte della maestra senza che altri operatori scolastici -dai collaboratori ai docenti alla stessa dirigente- avessero modo di intervenire per impedire il reiterarsi di fatti gravi ed inqualificabili;

non è ammissibile, in secondo luogo, che il fatto sia stato portato a conoscenza della magistratura saltando a piè pari le autorità scolastiche, che sarebbero state, così, informate da terzi di quanto successo nella scuola posta sotto la loro responsabilità.

Nella dinamica che si può evincere dalle notizie diffuse dagli organi di stampa la vicenda non si può che definire surreale. Come ADDA e  Comma 3  siamo determinati a difendere le ragioni ed i diritti dei ragazzi disabili in ogni sede, per cui annunciamo la decisione di costituirci parte civile in un prossimo, eventuale processo".

È quanto scrivono in una nota, Vito Crea e Simona Coluccio, rispettivamente, presidenti delle associazioni Adda e Comma 3

 

 

I carabinieri sequestrano un'azienda zootecnica

I carabinieri del Comando compagnia di Taurianova, assieme al Nipaf dei carabinieri forestali di Reggio Calabria, hanno svolto un servizio straordinario di controllo nel territorio tra Polistena e Cittanova, finalizzato al controllo del rispetto della normativa ambientale ed agroalimentare da parte delle aziende locali.

Nel corso del servizio, i militari della Stazione di Polistena hanno controllato un' azienda zootecnica di bovini, nella quale sono state riscontrante alcune irregolarità nella raccolta e smaltimento dei rifiuti, nonché nella tracciabilità degli animali allevati.

Sono stati rinvenuti, inoltre, alcuni suini privi di qualsiasi segno identificativo e autorizzazione sanitaria e amministrativa, e quindi sottoposti a sequestro, per le successive valutazioni dell'Azienda sanitaria provinciale e dell'Autorità giudiziaria.

L'azienda zootecnica è stata sottoposta a sequestro. Al titolare, deferito in stato di libertà alla locale Procura, è stata comminata una sanzione amministrativa di circa 6 mila euro.

 

Sorpreso con 3,5 Kg di marijuana, in manette 44enne

I carabinieri della Stazione di Polistena hanno tratto in arresto il 44enne Angelo Mammola.

L'uomo è stato sorpreso a Polistena, mentre si trovava alla guida di un furgoncino a bordo del quale i militari hanno rinvenuto 6 confezioni termo-sigillate contenenti, complessivamente, 3,5 chilogrammidi di marjuana.

Dopo aver sottoposto a sequestro lo stupefacente, gli uomini dell'Arma hanno tradotto Mammola presso la casa circondariale di Palmi, in attesa del rito direttissimo.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Soriano: fine settimana ricco di spunti religiosi, antropologici e filosofici

Una “due giorni” ricca di spunti sul piano religioso, antropologico, sociologico e filosofico, quella promossa a Polistena e Soriano Calabro, due ridenti centri della nostra bella Calabria, alla presenza di eminenti studiosi italiani e spagnoli, gli scorsi 9 e 10 settembre .- La “due giorni” si incastona come una ulteriore perla preziosa nell’ambito delle attività di ricerca promosse dal Centro Theotókos Studi Religiosità Popolare- ha precisato la moderatrice e saggista Anna Rotundo.

Il Centro, fondato da Martino Michele Battaglia (Docente di Antropologia Culturale presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Reggio Calabria, e coordinatore del centro) e Anna Rotundo (Docente e Saggista, moderatrice del centro), è una costola del Centro Internacional de Estudio ssobre Religiosidad Popular: Semana Santa (Università di Valladolid - Spagna), diretto dal prof. José Luis Alonso-Ponga, ed è un progetto internazionale itinerante di altissimo spessore culturale, un percorso che si gloria di studiare la profondità e la bellezza della religiosità popolare.

La prima prestigiosa giornata si è svolta a Polistena, grazie all’organizzazione di Mimmo Politanò, vice-coordinatore regionale delle confraternite- diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, la Confederazione delle confraternite delle diocesi d’Italia (coordinamento Calabria), e il Centro Theotokos Studi Religiosità Popolare (Catanzaro), che hanno promosso  il convegno “I riti della Settimana Santa nel Sud Italia”. Presenza  prestigiosa  al convegno è stata quella di Josè Luis Alonso Ponga la cui lectio magistralis si è incentrata su “La Settimana Santa: liturgia, musica e rito. Riti e simulacri: dalla città al mondo rurale”. Tra i relatori, il sociologo Luigi Rossi e il filosofo Antonino Laganà. Martino Michele Battaglia si è soffermato su “Benedettini, Domenicani, Francescani: la passione e la risurrezione”, spaziando dal rapporto fides et ratio  al rapporto tra fenomeno- noumenodi Kant, sottolineando il trionfo del noumeno anche attraverso l’impegno confraternale e i riti pasquali.  Hanno portato il  loro contributo Antonio Punturiero, coordinatore regionale delle confraternite della Calabria, e Antonio Caroleo, presidente dell’Unione diocesana delle Confraternite  di Catanzaro-Squillace. Entrambi hanno ribadito sia come le virtù teologali, fede, speranza e carità, siano il fulcro del mondo confraternale e sia il ruolo che le confraternite sono chiamate a svolgere come custodi di tradizioni millenarie che affondano le loro radici nella storia.

Il giorno dopo, 10 settembre, a Soriano Calabro,José Luis Alonso Ponga ha tenuto la sua incantevole lectio magistralis su “San Domenico in terra spagnola”. Infatti- ha ricordato Martino Michele battaglia- il Santuario di San Domenico in Soriano Calabro, retto dai padri domenicani, ha voluto, quest’anno, vivere la ricorrenza dell’evento prodigioso della consegna del miracoloso “Quadro di San Domenico in Soriano”, ricordando i 75 anni del ritorno dei frati domenicani presso la “Santa Casa” di Soriano. Battaglia ha dedicato ampio spazio alla storia della Confraternita di Gesù e Maria del SS. Rosario citando lo storico del Santuario di Soriano padre Antonino Barilaro O.P. in relazione all’evento prodigioso del dono della Santa Immagine di San Domenico al convento di Soriano all’alba del 15 settembre del 1530. Ha quindi sottolineato come Soriano sia legata a Valladolid proprio in virtù dei miracoli operati da San Domenico, e poi trascritti nel 1676 dal Procuratore Generale spagnolo di Valladolid, Padre Francisco Gomez, nella città Castigliana. Nel corso dell’incontro, la moderatrice Anna Rotundo ha evidenziato la “teologia del popolo” di Papa Francesco, sottolineando l’importanza del ruolo femminile al suo interno: citando la tipica “Cumprunta” di Soriano ha osservato che “Cumprunta” con Gesù significa anche “cunfruntarsi” con la comunità; in quell’emergere dell’abito festoso della Madonna c’è l’ermeneutica tutta femminile e non‐violenta di un nuovo modo di vivere, fondata sui valori che vengono associati al “genio femminile” , ma che devono essere vissuti parimenti dagli uomini per la costruzione di una nuova civiltà dell’amore: i valori dell’accoglienza, della tenerezza, dell’ascolto, del prendersi cura degli altri. 

A margine dei due incontri è intervenuto il pubblico, arricchendo questi proficui incontri internazionali tra uomini e culture.

Prima del convegno il prof. Ponga ha visitato le Magnifiche rovine del Santuario di San Domenico in Soriano e la mostra allestita per l'occasione dal maestro artigiano Francescantonio Eramo nel suo laboratorio a Sorianello. Il coro Polifinico Dominicus, diretto dal maestro Gianfranco Cambareri , ha coronato all'interno della chiesa del Santuario la giornata dedicata al culto di San Domenico in Italia e nel mondo.

  • Pubblicato in Cultura

Donna 39enne perde la vita in un incidente d'auto

Tragico incidente stradale sulla circonvallazione di Polistena (Rc), dove la notte scorsa ha perso la vita una 39enne, madre di due figli.

La donna stava rientrando a casa a bordo della sua Fiat Panda, quando, per cause ancora in corso d'accertamento, ha invaso la corsia opposta mentre stava sopraggiungendo una Kia Ceed condotta da un uomo di 52 anni, di Melicucco.

Nell'impatto, la donna è morta sul colpo, mentre il conducente della Kia ed altre due passeggeri sono rimasti feriti.

Ricoverati in ospedale, i tre feriti non versano in pericolo di vita.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i carabinieri che hanno proceduto ad effettuare i rilievi del caso.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS