Violenta e rapina una escort: arrestato

Ieri sera, i poliziotti della Squadra mobile di Cosenza hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare agli arresti domiciliari a carico di un 26enne del luogo, indagato per i reati di violenza sessuale pluriaggravata e rapina ai danni di una donna di nazionalità romena.

Il provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale bruzio, su richiesta della locale Procura della Repubblica, giunge in seguito alla segnalazione fatta dalla presunta vittima, la quale ha denunciato che dopo aver risposto ad una richiesta su un sito d’incontri privati, ha incontrato presso la stanza di un B&b, un uomo che avrebbe preteso di consumare un rapporto sessuale senza protezioni. Al rifiuto della donna, che lo avrebbe invitato ad andare via riprendendosi l'importo pattuito per la prestazione sessuale, l’indagato l'avrebbe costretta a un rapporto senza protezione e in seguito, dopo averla colpita con calci e pugni, le avrebbe sottratto dal cappotto 250 euro.

L’acquisizione delle immagini di video-sorveglianza del B&b e delle zone limitrofe e l’analisi dei tabulati del telefono della vittima, hanno permesso d'identificare il presunto responsabile il quale, al termine delle formalità di rito, è stato posto ai domiciliari.

 

  • Published in Cronaca

Rapine in due bar, arrestati i presunti autori

Nella giornata di ieri, al termine di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, la Squadra mobile ha dato esecuzione all’ordinanza con la quale il gip del localeTribunale ha disposto la misura cautelare in carcere nei confronti di H.F. e T.A., di 23 e 19 anni, ritenuti responsabili di aver rapinato due bar agli inizi di ottobre scorso.

In particolare, i due sono indiziati di aver commesso una rapina il 3 ottobre, ai danni di un dipendente di un bar del quartiere Gallico al quale, dopo aver puntato una pistola alla testa, avrebbero sottratto un borsello con all’interno un centinaio di euro.

H.F., inoltre, è indiziato di aver commesso, unitamente a complici ancora ignoti, una rapina, il  6 ottobre, quando in un bar, sotto la minaccia di una pistola, venne portato via il registratore di cassa.

Decisive per il buon esito delle indagini, l’acquisizione e l’analisi delle immagini di diverse telecamere cittadine e di impianti privati, che avrebbero immortalato i presunti autori, nella fasi antecedenti e successive alle rapine, commesse con i volti coperti da caschi integrali.

H.F. e T.A., al termine della attività di rito, sono stati associati presso il carcere di Reggio Calabria Arghillà.

  • Published in Cronaca

Aggrediscono e rapinano due giovani, arrestati

Due persone di nazionalità senegalese e somala, rispettivamente di 31 e 25 anni, sono state arrestate dalla polizia di Stato a Cosenza, con l’accusa di rapina.

In particolare, gli indagati avrebbero aggredito due giovani  ai quali avrebbero sottratto il portafoglio e un telefonino.

Allertati da una delle vittime, gli agenti si sono messi sulle tracce dei rapinatori i quali, una volta individuati e perquisiti, sono stati trovati in possesso della refurtiva.   

Inevitabile, quindi, per entrambi l’arresto e la reclusione nel carcere di Cosenza.

  • Published in Cronaca

Furto e rapina, due persone in manette

La polizia di Stato ha chiuso il cerchio su una rapina perpetrata a Cosenza la sera del 18 luglio scorso, ai danni di un giovane e sul furto di una bicicletta elettrica.

In particolare, gli uomini della Squadra mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di P.P.O. e M.A., di 34 e 47 anni.

M.A., oltre ad essere accusato insieme a P.P.O. di rapina in concorso, dovrà rispondere anche del reato di furto.

I due, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la locale casa circondariale.

  • Published in Cronaca

Rapina ai danni di un autista, un arresto

Cosenza - E’ durata poco la fuga di uno degli autori della rapina consumata questa mattina in via Popilia a Cosenza.

L’uomo, D.G.F., 43 anni, è stato individuato e arrestato dalla Polizia di Stato a distanza di qualche ora del colpo consumato ad danni di un autista cui erano stati sottratti il furgone e il telefono cellulare.

La vicenda ha avuto inizio quando il malcapitato è stato raggiunto da un fuoristrada con due persone a bordo, una delle quali è entrata nell’abitacolo del mezzo impadronendosi del telefonino, dopo avergli sferrato due pugni . La vittima è quindi riuscita a divincolarsi e a lanciare l’allarme. Scattate le ricerche gli uomini della Squadra mobile hanno rintracciato l’auto usata per  il colpo, mentre stava lasciando un parcheggio dove è stato rinvenuto il furgone rubato.

Una volta identificato il presunto rapinatore, in D.G.F., gli agenti hanno effettuato una perquisizione rinvenendo nel veicolo i documenti del mezzo sottratto poco prima.

Inevitabile, quindi, l‘arresto del 43enne e la successiva traduzione nel carcere di Cosenza.

La vittima della rapina, invece, ha dovuto fare ricorso alle cure mediche presso il locale ospedale, dove gli sono state riscontrate ferite giudicate guaribili in cinque giorni.

Gli investigatori sono ora al lavoro per rintracciare il secondo rapinatore.

Entra in una casa per compiere un furto, ma si trova davanti la proprietaria: arrestato

Questa mattina i poliziotti della Squadra volante di Vibo Valentia hanno tratto in arresto, per tentata rapina, un quarantasettenne di origini palermitane. Poco prima, l’uomo, arrampicandosi sul balcone, era entrato in un appartamento nei pressi della stazione di Vibo – Pizzo, trovando all’interno la proprietaria, che è riuscita, urlando e chiedendo aiuto, ad attirare l’attenzione dei vicini, che prontamente hanno chiamato il 113.

Gli agenti sono riusciti a rintracciare il fuggitivo mentre cercava di scappare salendo sul primo treno. Prezioso per la buona riuscita dell’intervento è stato il contributo fornito dai residenti.

  • Published in Cronaca

Arrestato presunto autore di almeno sette rapine

I Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro e dello Squadrone eliportato "Cacciatori" hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Palmi, a carico di un uomo di Rosarno, accusato di aver compiuto almeno sette rapine ai danni di alcuni corrieri e di un gruppo di cacciatori.

Durante l'esecuzione del provvedimento, i militari hanno rinvenuti due bunker che sarebbero stati nella disponibilità del destinatario della misura.

L'arrestato, al termine del periodo detentivo, sarà sottoposto per tre anni e sei mesi alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Rosarno.

  • Published in Cronaca

Rapinano e feriscono un connazionale, arrestati tre marocchini

Corigliano Calabro - I Carabinieri della locale Compagnia hanno eseguito un fermo d’indiziato di delitto nei confronti di tre marocchini domiciliati a Corigliano Calabro, rispettivamente di 25, 23 e 31 anni, per il reato di rapina aggravata in concorso.

Tutto ha avuto inizio la notte scorsa, quando i militari sono stati avvisati dal locale pronto soccorso della presenza di un uomo di nazionalità marocchina ricoverato con gravi lesioni, subite durante  una rapina perpetrata da alcuni connazionali, che gli avevano sottratto circa 4 mila euro.

Avviate le indagini, gli uomini dell’Arma hanno individuato i presunti rapinatori in una casa della frazione Schiavonea.

 Sulla base dei gravi indizi di colpevolezza acquisiti e del concreto pericolo di fuga, i tre sono stati fermati e rinchiusi nel carcere di Castrovillari.

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed