Oltre 14 Kg di marijuana nascosti in un canneto, indagano i carabinieri

I carabinieri di Sinopoli, nell’ambito di una serie di servizi di controllo del territorio, hanno rinvenuto, in un terreno demaniale, un contenitore metallico con all’interno un fucile a pompa calibro 12 e circa 20 munizioni dello stesso calibro.

A San Procopio, invece, gli uomini dell'Arma hanno trovato, occultato in un canneto, un sacco con all’interno 14,5 chilogrammi di marijuana.

La droga, le armi e le munizioni recuperate, sono state sequestrate in attesa degli ulteriori accertamenti del caso.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Rinvenuti pistola lanciarazzi ed un fucile pronti all'uso, indagano i carabinieri

Nei giorni scorsi, a San Procopio, i Carabinieri, hanno eseguito diversi controlli di polizia, nell’ambito di servizi volti al contrasto all’illecita detenzione di armi, munizioni e droga che, come da consolidata prassi in uso tra la criminalità operante nel reggino, vengono abitualmente occultati all’interno di fondi agricoli e abitazioni, per essere poi recuperati al momento del bisogno.

In particolare, i militari della locale Stazione e dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, nel corso di diverse perquisizioni effettuate in vari terreni e abitazioni del posto, hanno nel complesso rivenuto una pistola lanciarazzi calibro 22 con relativo munizionamento ed un fucile sovrapposto calibro 8, entrambi efficienti e pronti all’uso. 

Le armi e le munizioni ritrovate, sono state sequestrate e custodite in attesa degli ulteriori accertamenti balistici volti a verificare se siano state utilizzate per la commissione di eventi criminosi.

Armi e droga nascoste in aree rurali, tre denunce

Tre persone, due di Seminara (Rc) e una di San Procopio, sono state denunciate in stato di libertà con l’accusa, a vario titolo, di possesso di munizioni e refurtiva.

La denuncia è scattata in seguito ad un rastrellamento, durante il quale i carabinieri hanno scovato un vero e proprio arsenale composto da pistole, fucili, circa 170 cartucce di vario calibro, 2 chilogrammi di marijuana e refurtiva provento di furti.

In particolare, i militari della Compagnia di Palmi, dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria, del Nucleo cinofili di Vibo Valentia e del Nucleo cinofili del Comando Gruppo guardia di finanza di Lamezia Terme, hanno effettuato una serie di controlli in alcuni fondi agricoli, ubicati nei comuni di Seminara e San Procopio.

Durante le perquisizioni sono stati rinvenuti: un fucile sovrapposto calibro 12, una pistola calibro 9 con matricola abrasa, 120 cartucce per pistola calibro 9 e circa 50 cartucce calibro 12 per fucile.

In tale contesto, A.O., 69enne e A.F., 53enne entrambi di Seminara, sono stati deferiti per l’illecito possesso di munizionamento calibro 12 per fucile.

In altri rinvenimenti sono stati invece scovati i nascondigli dove erano stati occultati due bidoni contenenti complessivamente circa 2 chilogrammi di marijuana già essiccata e pronta per la vendita.

Infine, nel corso delle perquisizioni O.G., 28enne di San Procopio, è stato trovato in possesso di materiale risultato provento di furto ed è stato denunciato per ricettazione.

  • Pubblicato in Cronaca

Rinvenute oltre 200 piante di cannabis, arrestato 24enne

Un ventiquattrenne, Giovanni Siviglia, di San Procopio (Rc), è stato arrestato dai carabinieri della locale Stazione e dello Squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”, con l’accusa di produzione di sostanze stupefacenti.

Il giovane è stato sorpreso, in un area boschiva di località “Donna Giglia” del comune aspromontano, mentre era intento a curare una piantagione composta da circa 200 arbusti di cannabis indica.

Nel corso della successiva perquisizione cui è stata sottoposta l’abitazione dell’arrestato, i militari hanno rinvenuto un essiccatoio usato per la lavorazione dello stupefacente.

Le piante, che avrebbero assicurato un guadagno di circa 400 mila euro, previa campionatura, sono state distrutte sul posto.

  • Pubblicato in Cronaca

Sant'Eufemia d'Aspromonte: circolo cittadino di Gioventù nazionale diventa circolo territoriale

Riceviamo e pubblichiamo

Grazie all’eccezionale numero di adesioni registrate durante la campagna tesseramento dei mesi scorsi, il circolo di Sant’Eufemia d’Aspromonte ingloberà i limitrofi comuni di Sinopoli e San Procopio.

La guida del movimento giovanile di Fratelli d’Italia, grazie al gran numero di iscritti, sarà affidata ad Alessandro Forgione, ruolo che fino ad oggi ha egregiamente svolto per il circolo di Sant’Eufemia, e riguarderà una più ampia circoscrizione territoriale inglobando gli altri due comuni e decretando la nascita di una corposa comunità giovanile.

“Si tratta di una responsabilità che sono lieto di affidare ad Alessandro, ragazzo che si è distinto per impegno e dedizione.” Queste le parole del coordinatore provinciale di Gioventù Nazionale Reggio Calabria, Angelo Costantino, che si unisce all’augurio di proficuo lavoro che tutti i giovani del movimento locale mandano ad Alessandro Forgione per l’incarico ricevuto, nuovo tassello della rete giovanile di destra sul territorio".

 

Angelo Costantino - Coordinatore provinciale – Gioventù nazionale Reggio Calabria

  • Pubblicato in Politica

Lieve scossa di terremoto nel reggino

Lieve scossa di terremoto in provincia di Reggio Calabria.

Il sisma, di magnitudo ML 2.3, è stato localizzato a San Procopio alle 6,42 di oggi.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, hanno individuato l'epicentro ad una profondità di soli 5 chilometri.

Tra i Comuni più prossimi al luogo in cui ha avuto origine la scossa, figurano: Melicuccà, Sinopoli, Cosoleto, Sant'Eufemia d'Aspromonte e Delianuova.

 

 

Furto aggravato, giovane arrestato nel reggino

I carabinieri della Stazione di San Procopio, in provincia di Reggio Calabria, hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato, in esecuzione di un'ordinanza su richiesta di applicazione di misura cautelare personale emessa dal Tribunale di Palmi, il 28enne Vincenzo Scutellà, del luogo,  già noto alle forze dell’ordine.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dalle risultanze delle attività investigative avviate dai militari dell’Arma in seguito ad un furto di attrezzi agricoli, perpetrato nel 2015, ai danni di un imprenditore agricolo di San Procopio.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione dove permarrà, in regime di arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

  • Pubblicato in Cronaca

Trovati oltre 100 chili di cocaina su un camion che trasportava ortaggi

Brillante risultato operativo conseguito nella serata di ieri 25 luglio dai Carabinieri che, nell’ambito della capillare attività di controllo del territorio e di ampio contrasto ai fenomeni di criminalità diffusa, hanno tratto in arresto A.N., 48enne di Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente e resistenza a Pubblico Ufficiale. L'uomo già noto alle FF.OO. in quanto ritenuto affiliato alla cosca egemone nel territorio di Sinopoli e località limitrofe, nonché indagato nell’ambito dell’operazione denominata "Santa Fè" che nel mese di giugno del 2015 ha portato all’arresto di 34 persone accusate di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, mentre percorreva a bordo di un autocarro la Strada Provinciale 43, giunto all’altezza di San Procopio, è stato notato da una pattuglia dei Carabinieri della locale Stazione, impegnati nello svolgimento di un posto di controllo alla circolazione stradale. I militari hanno intimato l’alt al conducente del mezzo pesante, che tuttavia, non ha ottemperato all’ordine e si è dato a repentina fuga lungo le vie limitrofe, cercando addirittura di speronare l’autovettura dell’Arma al fine di far perdere le proprie tracce. A seguito del sopraggiungere di personale di rinforzo delle Stazioni Carabinieri di Sinopoli e Sant' Eufemia d’Aspromonte, il mezzo del fuggitivo è stato bloccato e l’autista tratto in arresto. Nel corso di successiva perquisizione personale e veicolare sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro, occultati sul cassone dell’autocarro sotto dei sacchi di ortaggi vari, 95 panetti contenenti cocaina del peso di oltre un chilo ciascuno, per un peso complessivo di 105 chilogrammi circa di stupefacente, unitamente ad una somma contante di 2.000 euro in banconote di vario taglio, verosimile provento dell’attività illecita.  L’arrestato, al termine delle formalità di rito, d’intesa con la competente Autorità Giudiziaria è stato associato presso la Casa Circondariale di Palmi. Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti da parte dei militari per determinare la provenienza e la destinazione dello stupefacente rinvenuto il quale, una volta immesso nel mercato locale e nazionale, avrebbe fruttato degli introiti illeciti per un ammontare complessivo di oltre 10.000.000 di euro.

 

Sottoscrivi questo feed RSS