Scoperta segheria abusiva, denunciato il titolare

I carabinieri forestale della locale Stazione, in seguito ad un controllo effettuato congiuntamente al responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, hanno sequestrato, in contrada “Baullo” di Montalto (Cs), un’area di circa mille metri quadri sulla quale sorge una segheria.

Il provvedimento è stato disposto, poiché, nonostante l’opificio fosse operativo da oltre dieci anni, l’inizio della produzione non sarebbe mai stato segnalato al competente ufficio comunale.

I militari hanno, inoltre, riscontrato irregolarità in merito alle autorizzazioni sulle emissioni in atmosfera.

Dopo aver sequestrato la segheria, i carabinieri forestale hanno denunciato in stato di libertà il proprietario.

  • Pubblicato in Cronaca

Irregolarità nella gestione di un centro raccolta rifiuti, scatta il sequestro

I carabinieri forestale della Stazione di Corigliano hanno sequestrato una parte del centro raccolta Rsu comunale di Cerchiara di Calabria.

Durante il controllo, effettuato in località “Piana”, i militari hanno riscontrato la presenza di rifiuti ingombranti e Raee frantumati e depositati direttamente sul pavimento e solo in parte protetti da una tettoia.

Televisori e monitor pc dotati di tubo catodico, altri apparecchi Raee e ingombranti erano abbandonati sul pavimento senza alcuna separazione.

Inoltre, all’esterno del sito, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto  un cumulo di rifiuti eterogenei, alcuni dei quali pericolosi.

 Dopo aver sequestrato la parte del centro raccolta adibita a deposito di rifiuti ingombrati e Raee, i carabinieri forestale hanno denunciato l’amministratore della società che gestisce il centro raccolta “per aver effettuato, in maniera non conferme e senza autorizzazioni, attività di raccolta e gestione rifiuti di varia natura abbandonati alla rinfusa sul terreno”.

  • Pubblicato in Cronaca

Distruggono 5 ettari di macchia mediterranea, denunciati

Un'area di cinque ettari sequestrata e due persone denunciate per lavori abusivi.

Questo l’esito di un controllo effettuato dai carabinieri forestale della Stazione di Rossano, in località Cantorato-Otturi, nel comune di Paludi.

In particolare, durante l’attività, gli uomini dell’Arma hanno constatato l’estirpazione di cinque ettari di macchia mediterranea, senza la dovuta autorizzazione paesaggistica.

I lavori, realizzati in parte su proprietà demaniale, sono stati effettuati al fine di rendere il terreno ad uso agricolo.

I militari hanno quindi sequestrato l’area e denunciato sia il committente, che l’esecutore materiale dei lavori, i quali saranno chiamati a rispondere di distruzione e deturpamento di bellezze naturali, modifica dello stato dei luoghi ed invasione di terreni demaniali.

  • Pubblicato in Cronaca

'Ndrangheta, cospicua somma di denaro sequestrata ad un bracciante

I carabinieri del Nucleo investigativo del Gruppo di Locri hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dal tribunale di Reggio Calabria, su proposta della Procura distrettuale reggina, nei confronti di Domenico Agresta, della somma di 55 mila euro, ritenuta dagli investigatori frutto di proventi illeciti.

La misura è la conseguenza delle indagini condotte dai militari del Nucleo investigativo di Locri,  per cercare di delineare la pericolosità di Agresta, bracciante agricolo di Platì, ritentuo “intraneo” alla cosca “Barbaro–Castanu”.

I 55 mila euro sequestrati dagli uomini dell’Arma erano stati rinvenuti a maggio scorso, durante una perquisizione effettuata, dai carabinieri della Compagnia di Locri, su alcuni terreni di proprietà del Comune di Platì, ma “abusivamente occupati ed in uso alla famiglia dell’Agresta”.

In particolare, durante le ricerche, i militari scoprirono un bunker, all’interno del quale furono rinvenuti due grimaldelli, diverse munizioni ed una fondina per pistola.

A poca distanza dal bunker, nascosto dietro un muretto, venne invece trovato il denaro oggetto del sequestro.

Dagli accertamenti effettuati dagli investigatori sarebbe emersa la “vistosa sproporzione fra le capacità di reddito di Agresta e del suo nucleo familiare rispetto alle proprietà in suo possesso ed alla somma di denaro ritrovata, tali da far ritenere tale denaro frutto di probabile attività illecita”.

  • Pubblicato in Cronaca

Lavori di sbancamento in un agrumeto, sequestro e denunce

Oltre due ettari di terreno sono stati sequestrati dai carabinieri forestale della locale Stazione, in località Apollinara, a Corigliano Calabro.

Durante una serie di controlli effettuati per verificare la regolarità delle coltivazioni ricadenti nell’alveo del torrente Coscile, i militari hanno accertato un lavoro di sbancamento, con conseguente estirpazione di un agrumeto.

Dopo aver identificato i responsabili dei lavori e verificato le autorizzazioni, gli uomini dell'Arma hanno rilevato che l’area interessata ricade in gran parte in zona demaniale e gli esecutori materiali dei lavori finalizzati al cambio di destinazione della coltivazione erano sprovvisti della necessaria concessione demaniale.

L’area, inoltre, è sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale poiché considerata a forte rischio d'inondazione e i lavori eseguiti hanno determinato una trasformazione del territorio vietata dalle misure di salvaguardia delle aree a rischio inondazione.

I carabinieri forestali hanno quindi sequestrato gli oltre due ettari di terreno e denunciato l'occupante l’area demaniale ed il responsabile dei lavori.

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrati terreni oggetto di una lottizzazione

I carabinieri forestale di Rossano e delle Stazioni di Trebisacce, Oriolo e Castrovillari hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emesso dal gip del tribunale di Castrovillari, in merito ad una lottizzazione situata in località “Varca- S.Antonio”, nel comune di Corigliano- Rossano.

Il provvedimento scaturisce da un’attività investigativa condotta dai militari della Stazione di Rossano che, a dicembre scorso, ha portato ad alcuni provvedimenti nelle zone oggetto della lottizzazione che ricadono in una area tra le più colpite dall’alluvione verificatasi nell’estate del 2015.

Le indagini hanno evidenziato lo stato di pericolo determinato dai lavori eseguiti durante la lottizzazione, per la quale risultano indagate sette persone, tra  imprenditori, progettisti, direttori dei lavori e dipendenti comunali.

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrati 128 animali ed un manufatto abusivo

Un manufatto abusivo e 128 capi di bestiame sono stati posti sotto sequestro dagli uomini della Stazione carabinieri Parco di Cerchiara di Calabria.

Il sequestro è stato eseguito durante un servizio di controllo effettuato in diversi allevamenti attivi nei comuni di Francavilla Marittima e Cerchiara di Calabria.

Nel corso dell'attività, condotta in collaborazione con il servizio veterinario distretto sanitario “Jonio Nord” di Trebisacce, sono stati effettuati quattro sequestri cautelativi sanitari di ovicaprini e suini ed elevate sanzioni amministrative per circa 8 mila.

Le verifiche a carico di immobili costruiti o ristrutturati in zone ricadenti nell’area protetta del Parco nazionale del Pollino hanno portato al sequestro, nel comune di Cerchiara, di un manufatto destinato ad abitazione, privo del permesso a costruire, del nulla osta dei beni ambientali e del parere dell’ente Parco per il quale tre persone sono state deferite alla Procura della Repubblica di Castrovillari.

  • Pubblicato in Cronaca

Sequestrati 8 poliambulatori medici senza autorizzazione

Otto poliambulatori medici specialistici, del valore di circa cinque milioni di euro, sono stati sottoposti a sequestro dai carabinieri del Nas di Reggio Calabria.

I provvedimenti sono stati emessi a conclusioni delle indagini, nel corso delle quali sarebbe stato accertato che le strutture erano state attivate in assenza della prescritta autorizzazione sanitaria al funzionamento.

I militari hanno dato esecuzione ai decreti emessi dal Gip presso il Tribunale del capoluogo calabrese, in collaborazione con i Nas di Catanzaro e Cosenza.

Sottoscrivi questo feed RSS