Serie B la lotta per la promozione e le ambizioni della Reggina

Mai come quest'anno il campionato cadetto avrà poco da invidiare alla massima serie, nella stagione 2021/2022 la serie B risulta infatti essere piena di stelle, e non solo grazie a Buffon del Parma che le farà da testimone onorario, Glik, Sau e Lapadula saranno il terzetto d'oro del Benevento, Rodrigo Palacio la stella del Brescia, mentre Jeremy Menez cercherà di regalare ancora tanti sorrisi ai tifosi della Reggina. Ricordiamo che le 20 squadre presenti nella serie cadetta si giocheranno la promozione in Serie A, ed al termine del torneo solo 3 riusciranno ad approdare nel calcio dei “grandi”, regolamento che premierà le prime due classificate con una promozione diretta, mentre la terza sarà la vincente dei play-off tra le squadre che si piazzeranno tra il terzo e l'ottavo posto. La favorita tra le favorite è sicuramente  il Lecce di Marco Baroni, una formazione considerata in pole anche dagli appassionati di statistiche e pronostici, da coloro che analizzano attentamente le previsioni sugli eventi calcistici e il panorama delle scommesse sportive. La squadra pugliese fa della qualità e dell'esperienza i punti nevralgici delle proprie ambizioni, e punta ad essere la squadra di riferimento per la serie cadetta nella stagione 2021/2022, ovviamente a meno di clamorose smentite, che nel calcio possono sempre verificarsi.

Insieme al Lecce, tra le pretendenti al titolo, non possiamo non inserire il Brescia, altra corazzata della serie cadetta. L'esperienza di Buffon sicuramente regalerà tanti punti e tanto entusiasmo al Parma, e anche se la squadra emiliana risulta essere un mix fra giovani di belle speranze e giocatori esperti, il che un po' la allontana dalla vetta, riuscirà senz'altro a dare filo da torcere alle contendenti. Insieme alle “prime” della classe, è opportuno menzionare altre squadre importanti che quest'anno compongono la griglia del campionato cadetto, come il Benevento il Monza e il Cittadella, seguite a poca distanza dalle “scommesse” Pisa, Frosinone e Reggina, e vista la classifica attuale non possono essere considerate solo delle scommesse.

Proprio la Reggina nelle ultime settimane sta catturando l'attenzione mediatica grazie alla sua serie positiva, 4 vittorie nelle ultime 5 partite, tra cui l'ultima nel derby vinto contro il Cosenza, nell'anticipo della dodicesima giornata di Serie B. La squadra di Aglietti oltre a proporre un calcio gradevole nel suo sviluppo, può vantare la miglior difesa del campionato fino a questo momento, e anche se l'essere cauti è la filosofia societaria i tifosi si godono il momento, e nel calcio si sa, è bello sognare. Eppure l'inizio di stagione con l'addio di Marco Baroni con il quale si era raggiunta la salvezza nello scorso campionato di serie B poteva non essere dei migliori, invece va dato merito a Mister Aglietti che non solo si è dimostrato essere all'altezza del suo predecessore, ma è riuscito a migliorare la media punti della squadra calabrese, nelle prime dodici giornate la media dell'ex tecnico era di 1,58 a partita, mentre per il nuovo tecnico la media risulta essere di 1,83 punti per partita, poi ovviamente sarà da rivedere al termine della stagione, ma come recita il proverbio “chi ben comincia...”. Le ambizioni della società sono molte, le aspettative dei tifosi (che anche quest'anno regalano massicce presenze sugli spalti) anche l'umiltà e l'impegno come ripete anche Mister Aglietti, dovranno essere le peculiarità per arrivare fino in fondo.

La Reggina promossa in serie B, gli auguri di Tallini

“La promozione in serie B della Reggina non può che riempire di gioia tutti gli sportivi calabresi. La società amaranto aveva già conquistato sul campo, con il massimo del merito, il ritorno tra i cadetti”.

È quanto affema il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini, che aggiunge: “La decisione del Consiglio Federale ha solo sancito una vittoria che la Reggina aveva acquisito durante il campionato. Faccio i migliori auguri al presidente Luca Gallo che è riuscito a fare tornare l’entusiasmo in riva allo Stretto, riportando la gloriosa società amaranto nel calcio che conta. La Reggina farà bene anche in B, non ho dubbi, poiché è trascinata dalla passione delle sue migliaia di tifosi. Lo stesso augurio lo faccio, con il cuore, al Catanzaro, al Crotone, al Cosenza, alla Vibonese e a tutti i club calcistici che portano i colori delle nostre città. Dal calcio arriva una bella notizia e sono certo che proprio il calcio riporterà la gioia ai calabresi dopo il terribile periodo dell’emergenza sanitaria. In bocca al lupo, Reggina”.

Crotone, giorno di riposo dopo il pareggio a reti bianche con il Cosenza

La prima giornata della nuova Serie B 2019-2020, regala solo un mezzo sorriso al Crotone, dal momento che il match casalingo contro il Cosenza ha portato in dote solamente un pareggio a reti bianche. Tante le energie spese per questa partita ed ecco spiegato il motivo per cui il tecnico Giovanni Stroppa ha deciso di dare un giorno di riposo ai suoi ragazzi.

La nuova stagione è partita con grandi aspettative da parte di tante squadre che puntano alla promozione: la lotta per raggiungere i playoff sarà davvero molto intensa e durerà fino alla fine del campionato. Nel caso in cui siate sicuri che qualche compagine possa raggiungere la massima serie, allora vi conviene trovare qualche piattaforma online su cui puntare. D’altra parte ci sono diversi bonus gratis senza deposito immediato casino da sfruttare immediatamente, andando a trovare le quote più interessanti.

Crotone, partenza a reti bianche contro il Cosenza

Un Crotone che ha esordito ufficialmente nella nuova stagione di Serie B con una prestazione piuttosto positiva, anche se chiaramente non sono arrivati i tre punti. La prestazione degli uomini di Stroppa, però, è stata veramente confortante, dal momento che intensità e vivacità non sono mai mancati e hanno prodotto numerose occasioni da rete che, però, non sono state capitalizzate a dovere.

Il Crotone è stato padrone del campo per buona parte del match, ma tutta questa superiorità a livello del gioco non si è poi tradotta nel risultato. Tante le occasioni da rete che sono state sprecate in maniera eccessivamente banale, ma in ogni caso un pareggio a reti bianche sul campo di casa contro il Cosenza non è certamente da buttare via.

Stroppa, poco prima della gara, ha ritrovato Spolli, ma anche Simy, che sono rientrati dopo essere stati fuori per la gara contro la Sampdoria in Coppa Italia. Debutto dal primo minuto per Mazzotta, invece, come ala sinistra. La partenza del Crotone, come da copione, è davvero molto intensa, con Simy che, di testa, sfiora il vantaggio già nel primo minuto di gioco.

La reazione del Cosenza è guidata da un bel calcio di punizione di Sciaudone, ma in realtà nel primo tempo le occasioni pericolose degli ospiti si fermano qui. Infatti, un destro di Simy e un altro tiro particolarmente insidioso di Benali sfiorano ancora la rete, ma non puniscono la porta difesa da Perina. Poco oltre la metà del primo tempo, Mazzotta calcia praticamente a botta sicura, senza però fare i conti con Corsi, che riesce a salvare i suoi con un intervento che spedisce la palla direttamente in corner, anche se Perina era battuto.

Il Cosenza rimane in 10, ma regge fino alla fine

Passa pochissimo tempo che Perina si deve superare sul tiro di Messias, che stava andando ad insaccarsi direttamente sotto l’incrocio. Il secondo tempo inizia in modo negativo per il Crotone, con Spolli che deve lasciare il campo per colpa di un infortunio. Il Cosenza, però, riesce a uscire più facilmente dalla propria metà campo e inizia a creare vari pericoli dalle parti di Cordaz, che per ben due volte si deve esaltare.

A circa una decina di minuti dalla fine, il Cosenza resta con un uomo in meno per l’espulsione di Sciaudone e soffre praticamente fino al triplice fischio. Prima Golemic e poi Zanellato, nel recupero, vanno vicinissimi a siglare i gol del vantaggio, ma soprattutto con Mustacchio, il cui tiro cross scorre davanti alla porta senza che nessuno ribadisca in rete. Finisce 0-0 tra Crotone e Cosenza nella prima apparizione ufficiale in Serie B.

 

Pallavolo, Serie B: oggi l'esordio dela Tonno Callipo

In questo fine settimana parte anche il Campionato della Serie B Unica.

La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia è pronta ad esordire nel Girone H calabro-siculo in trasferta in casa della compagine messinese del Letojanni.

Dopo settimane di duro lavoro, la squadra guidata da coach Nico Agricola si affaccia, dunque, con entusiasmo e curiosità alla nuova realtà della terza serie nazionale. Un team giovane e dinamico, profondamente rinnovato, che vuole provare a dire la sua in un Girone complicato e ricco di squadre costruite per far bene. Non sarà facile all’esordio per i giovani giallorossi che si troveranno di fronte un team molto ambizioso e che punta dritto alle prime posizioni.

Letojanni può contare, infatti, su un roster di qualità e con atleti di esperienza che rappresentano un lusso per la categoria, su tutti gli schiacciatori Boscaini e Mazza. Alla vigilia del match, ecco le parole di coach Saverio Amerato, vice allenatore della Tonno Callipo:

“Dopo un mese e mezzo di lavoro il campo ci dirà a che punto siamo rispetto al lavoro che abbiamo programmato. Vogliamo scendere in campo con lo spirito giusto consapevoli che siamo una squadra nuova, giovane, che deve ancora conoscersi al meglio”.

Il Cosenza sbaraglia il Siena e conquista la Serie B

Ritornerà a calcare i campi della Serie B a distanza di 15 anni dall'ultima apparizione.

Il Cosenza ha, infatti, conquistato l'accesso al torneo cadetto, dopo aver sbaragliato il Siena, con un perentorio 3 a 1, nella finale play-off di Lega Pro giocata ieri a Pescara

La squadra di Pietro Braglia è andata a segno con Bruccini al 35' pt, Tutino al 3' st e Baclet al 43' st. Il Siena aveva dimezzato lo svantaggio al 28' pt con un rigore trasformato da Marotta.

Grandi festeggiamenti a fine gara allo stadio Adriatico, dove erano presenti undicimila tifosi calabresi.

Il Cosenza è quindi la quarta squadra a conquistare la serie B dopo Livorno, Padova e Lecce.

Volley, Serie B: ancora un ko per la Tonno Callipo, Modica espugna il PalaValentia in tre set

Niente da fare per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia nel Campionato di Serie B Unica.

I ragazzi di mister Chirumbolo vanno ko anche contro il Modica non riuscendo a smuovere la classifica. Gli iblei di Benassi si impongono con il punteggio di 0-3 facendo valere maggiore esperienza e furbizia.

Prova ancora una volta volenterosa per Morelli e compagni, ma che non basta per ottenere almeno un set contro il Modica. La Tonno Callipo recrimina soprattutto per il terzo set nel quale era partita forte portandosi avanti anche di 5-6 punti, ma nella parte centrale i ragazzi di mister Chirumbolo hanno depauperato il vantaggio accumulato lasciando campo aperto agli ospiti.

Per la cronaca il tecnico lametino ha schierato Morelli al palleggio, Barbera opposto, Palmieri e Paradiso al centro, Salmena e Sorrenti in posto, Torchia libero (il secondo libero della SuperLega in campo da titolare questa sera).

Nel corso della partita Chirumbolo ha provato più volte a ruotare lo schieramento inserendo i vari Raffaele e Montesanti al posto di Salmena e Morelli.

Modica si è schierata con Bocchieri in regia, Incatasciato opposto, Modica e Pappalardo al centro, Di Pasquale e Genovese di banda, Assenza libero.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Montesanti, Cugliari, Raffaele, Morelli, Vivona, Palmieri, Salmena, Sorrenti, Barbera, Paradiso, Bonanno, Torchia (L). Allenatore: Chirumbolo

US VOLLEY MODICA: Turlà, Corridori, Bocchieri, Battaglia, Incatasciato, Pappalardo, Melilli, Di Pasquale, Vitanza, Modica, Genovese, Assenza (L). Allenatore: Benassi

ARBITRI: Cupello e Braile

Crotone corsaro a Bari (2-3): vetta riconquistata in attesa del Cagliari

Il sogno continua. Grazie ad una nuova impresa il Crotone rende sempre più concrete le speranze di assaporare la serie A. Nell’anticipo della 25^ giornata i rossoblù hanno superato in rimonta il Bari: dopo il guizzo iniziale di Martella (3’), i galletti pugliesi erano passati in vantaggio con l’uno-due firmato da Maniero (53’) e De Luca (66’). Gli uomini di Juric non si sono arresi e nel finale, complice l’espulsione di Guarna (84’), hanno ribaltato il risultato con il rigore di Torromino (85’) e la rete della vittoria del bomber Budimir (92’). La città pitagorica è in festa: in attesa della sfida tra Cagliari ed Entella, i calabresi si godono la vetta solitaria.

Crotone sogna la serie A: i rossoblù superano il Cagliari e riconquistano la vetta

Sofferta e nervosa vittoria del Crotone nello scontro diretto al vertice della serie B. I rossoblù hanno superato all’Ezio Scidà il Cagliari per 3-1 (2’ Budimir, 22’ Farias, 46’ Martella e 74’ Ricci) in un match caratterizzato da due espulsioni fra i sardi (55’Balzano e 77’ Krajnc) ed un rigore fallito dai pitagorici con Salzano (77’). Il successo nel posticipo della 22^ giornata consente ai calabresi (48 punti) di scavalcare i rivali (46 punti) e proporsi come squadra da battere. La cavalcata del Crotone fa sognare tutta la regione che ora spera nella conquista di quella che sarebbe una storica promozione. Dai numeri (14 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte; 37 gol fatti e 17 subiti) traspare la compattezza di un gruppo carico di entusiasmo che vuole continuare a stupire.

Subscribe to this RSS feed