Serra, il successo di “Armonie d’arte Festival” esalta Santa Maria del Bosco: le emozioni di artisti e visitatori

Lo straordinario palcoscenico di Santa Maria del Bosco è stato al centro dell’attenzione artistica extraregionale grazie alla visibilità scaturita dall’essere fra i punti nevralgici di “Armonie d’arte Festival”, iniziativa inserita all’interno di “Calabria Straordinaria”, pensata per valorizzare i luoghi “eccellenti” della Calabria e al tempo stesso per raccontare storie e dare una visione di futuro.

Serra San Bruno ha ospitato le serate del 10 (Omaggio a Lucio Dalla), 11 (Quartetto di Cremona) e 16 agosto (30° Anniversary tour Noa & band) riscontrando un successo di pubblico e un considerevole ritorno in termini di immagine.

Protagonista, dunque, la musica di qualità ma anche la bellezza di un paesaggio naturale reso ancor più affascinante dalla storia e dalla spiritualità bruniana.

Il tutto inserito nello spirito del Festival che è quello di trasformare l’internazionalità in opportunità annullando i confini.

Letteralmente stupefatta Silvia Colombini, soprano, tra le voci che hanno animato la prima serata e che ha ammesso come sia “meraviglioso esibirsi in un luogo dell’anima come Santa Maria, dove abbiamo ritagliato momenti di forti emozioni con un omaggio e un pensiero rivolto ai morti in mare. Oggi - ha aggiunto - c’è bisogno di riflessione e di ritrovare in noi stessi quei valori che assicurino i diritti umani”.

Per Pierdavide Carone, che con Dalla partecipò al festival di Sanremo nel 2012, “spiritualità e natura erano insite nell’uomo e nell’artista Lucio: in questo luogo, quindi, si chiude un bel cerchio”.

Visibilmente soddisfatto il direttore Leonardo Quadrini, che ha rivelato che “è stato riproposto il programma di 16 anni fa di Lucio Dalla per la Calabria con l’ultimo giovane che lui stava lanciando prima della sua scomparsa”.

In particolare, i 60 componenti dell’Orchestra sinfonica Bulgaria Classic hanno “accompagnato” gli ascoltatori in un percorso di lieta spensieratezza con la pregevole esecuzione dei brani.

La seconda serata è stata all’insegna della musica assoluta, strumentale, con il debutto in Calabria del Quartetto di Cremona, formazione di archi tra le più apprezzate sulla scena mondiale.

Contesto sintetizzato dalle parole del maestro Simone Gramaglia (viola), rimasto impressionato da “un posto suggestivo dove musica, natura e spiritualità si fondono, come spesso accade nella musica classica.

Siamo stati molto contenti di esibirci qui come nostra prima volta in Calabria.

È vero che noi suoniamo in tutto il mondo, in tanti posti, spesso in teatri e sale da concerto, ma Serra San Bruno rimarrà nel nostro cuore”.

“Crazy and beautiful”, invece, il suggestivo scenario naturale del luogo santo per Noa che si è intrattenuta con Alfredo Barillari ed ha ringraziato lo “young major” per l’accoglienza e la lungimiranza nel programmare un evento che, oltre a far apprezzare le capacità artistiche, ha regalato messaggi di pace.

La cantante di origini israeliane ha condiviso le immagini del santuario sui propri profili social durante le prove pomeridiane, per poi regalare sul palco una performance intensa che ha emozionato la numerosa platea presente a Santa Maria.

Una star di caratura mondiale, insomma, che conferma l’eccellenza del festival Armonie d’Arte e proietta Serra in una cornice internazionale.

Soddisfazione ed entusiasmo anche tra gli spettatori, incantati dallo scenario mozzafiato del santuario regionale e rapiti dai diversi approcci musicali che il Festival ha dedicato per la sezione di Serra San Bruno.

In molti, provenienti da diverse parti della regione, hanno avuto l’opportunità di scoprire un luogo nel quale potranno ritornare per approfondirne la storia e la bellezza.

L’iniziativa è, nello specifico, nata dall’intuizione e dall’intesa fra la direttrice artistica del Festival, Chiara Giordano, e del primo cittadino Alfredo Barillari, producendo - dopo attente analisi ed insistiti sopralluoghi che hanno accertato la rispondenza di Santa Maria rispetto al progetto che da Borgia si è esteso coinvolgendo pienamente Serra - “una proficua collaborazione” e una programmazione che si dispiegherà nel medio-lungo periodo.

La direttrice artistica si è detta innamorata del contesto creato da “spiritualità e magia della natura che, insieme, restituiscono un incantamento” consentendo “alla musica di fare il resto”.

“Una musica del cuore - ha ancora sottolineato - che ha scaldato gli animi, generando emozioni uniche”. Dunque, il progetto è destinato ad essere alimentato ed a svilupparsi ulteriormente.

“Qui a Santa Maria del Bosco - ha infatti sostenuto il sindaco - abbiamo iniziato un percorso importantissimo con ‘Armonie d’arte’ che ha omaggiato un posto stupendo con interpretazioni musicali strepitose ed ha toccato i sentimenti raccontando identità, tragitti, incontri e dialoghi.

Ringrazio Chiara Giordano per avere fortemente creduto in questo progetto, investendo la sua esperienza nel valorizzare il nostro territorio.

Questo connubio, pertanto, è destinato a crescere e offrirà nuovi momenti speciali da vivere intensamente”.

 

 

Serra, Federico: "La nostra stagione estiva porta solo segni positivi"

"Vedere Serra tra le protagoniste dell'estate Calabrese, ci dà nuovi stimoli per fare meglio e ci regala tante soddisfazioni.

Perciò, rimandando per i fatti alle centinaia di foto e immagini che in questi giorni girano su canali televisivi, testate giornalistiche  e social, prendo solo spunto dalle parole di qualche ex amministratore per evidenziare, ancora una volta, che i risultati si possono portare anche a "costo zero" solo con impegno, relazioni e lungimiranza.

A differenza dunque che nel passato, possiamo dire ai nostri concittadini che, anche senza stanziamenti in bilancio, la nostra stagione estiva porta solo segni positivi: 

- in termini di presenze, con le nostre attività ricettive che hanno registrato il tutto esaurito;

- in termini di qualità degli eventi, con l'ingresso, senza alcuna spesa, del nostro Santuario di Santa Maria del Bosco, nel circuito di una delle manifestazioni più importanti e riconosciute della Calabria; 

- in termini di visibilità, con  decine di servizi televisivi, articoli e manifesti che hanno divulgato gratuitamente e positivamente l'immagine di Serra;

- in termini di iniziative, grazie ai contributi Regionali della Legge 13 ed alla collaborazione delle Congreghe, delle associazioni, e delle attività commerciali che, solo con il patrocinio gratuito del Comune, hanno riempito il calendario estivo di Serra d'Estate e Condivivi ed animato in maniera strepitosa e variegata  le nostre giornate e le fresche serate.

A tutti, ivi compresi gli organizzatori della tradizionale Festa di San Rocco di questa sera vanno i nostri più sentiti ringraziamenti.

Capisco che tutto questo  possa destare qualche perplessità in chi, per anni, pur spendendo decine di migliaia di euro, non ha ottenuto gli stessi risultati.

A questi voglio solo specificare che, anche grazie alla collaborazione ed all'impegno di 15 percettori di reddito di cittadinanza, il segno è positivo anche in termini di incassi dall'area di Santa Maria, con cifre che saranno sicuramente superiori a quelle che si registravano sotto il suo mandato.

Certo a questi risultati si è arrivati con qualche "compromesso", spostando le giostre dall'area dove   avrebbe dovuto tenersi il concerto (e considerato che con delibera di Giunta del 2017, è stato inibito il parcheggio di piazzale Tozzo per ragioni di sicurezza);

cercando di tarare nel miglior modo possibile la ZTL per andare incontro alle diverse richieste dei commercianti; mediando sugli orari e sul volume delle emissioni sonore per conciliare le esigenze di giovani e residenti.

Sulla base di tutti questi dati lasciamo quindi ai disfattisti i calcoli, abbastanza semplici, per il resoconto che chiedono.

Noi ci godiamo ancora per un po' la vivacità ritrovata delle nostre vie, dei nostri sentieri, delle nostre piazze ringraziando tutti coloro che, anche con una semplice visita, un' escursione o una passeggiata stanno rendendo splendida questa  estate serrese".

E' quanto scrive in un post pubblicato sui social, il vicesindaco di Serra San Bruno, Rosanna Federico.

Serra, Lagrotteria all’attacco dell’Amministrazione comunale: “Stagione turistica rovinata da superficialità e miopia”


“L’approccio infantile dell’Amministrazione comunale alla cosa pubblica trasforma le opportunità in occasioni sprecate diventando motivo di ostacolo per i commercianti che attendono per mesi l’arrivo dei turisti ma a causa della miopia politica vedono sfumare i potenziali guadagni”.

Il già vicesindaco Walter Lagrotteria critica gli amministratori che, a suo dire, “intendono l’economia cittadina alla stregua della paghetta della mamma” e rimarca “i grossolani errori compiuti”.

“Una visione banale e sempliciotta e gli atteggiamenti superficiali - sostiene l’esponente di ‘In movimento’ - impediscono, di fatto, la crescita del nostro paese. Ed è inutile scaricare la responsabilità sui dirigenti, perché è agli organi politici che compete il ruolo di indirizzo e controllo”. Lagrotteria porta come esempio “la situazione dei giostrai che sono stati portati nell’incertezza fino al 13 agosto, come se poi montare tutte le loro attrezzature fosse affare di pochi minuti, come se un’attività economica fosse un gioco”. “Inoltre - aggiunge - fa veramente riflettere la gestione dei parcheggi di Santa Maria del Bosco, dove sostanzialmente quasi nessuno paga perché le macchine vengono lasciate nell’area libera e dove è stata posto personale che, pur volenteroso, non è specificamente preparato per quel compito”.

Altri esempi di gestione superficiale ed arrogante sono l'atteggiamento tenuto, ad inizio estate, nei confronti dei commercianti nella gestione della Ztl, e le ordinanze contradditori in tema di regolamentazione degli orari di apertura notturna dei locali.

Tralasciando, per ora, il calendario degli eventi estivi e la gestione degli stessi quanto mai discutibile.

“La maggioranza - conclude Lagrotteria - deve sapere che amministrare una città importante come Serra San Bruno vuol dire pianificare ed intervenire seriamente, lavorare con impegno e non lasciare spazio all’improvvisazione. Pertanto, chiederemo il resoconto della gestione estiva: quanto è stato speso e come è stato speso, perché si tratta dell’interesse della comunità, del futuro del nostro territorio e non di un fatto privato”.

Serra: ragazza aggredita da un cane, l'appello dei genitori

Riceviamo e pubblichiamo
"A distanza di una settimana dell’aggressione subita da nostra figlia ad opera di un maremmano randagio, io e mio marito, intendiamo, intanto, ringraziare pubblicamente la persona che alle 18,30 di lunedì pomeriggio, innanzi alla Stazione dei Carabinieri ed in prossimità di un parco giochi gremito di famiglie con bambini - il signor Nazzareno Campese -è intervenuto tempestivamente a sferrare un calcio al randagio “nel momento in cui stava per attaccare le parti vitali  della ragazzina”. Ringraziamo, altresì, il Comando dei Carabinieri di Serra San Bruno, anch’essi intervenuti prontamente ad allontanare il randagio e ad effettuare le prime cure a nostra figlia; e, poi, il Servizio Veterinario dell’ASP ed il Comando di Polizia Municipale del Comune di Serra San Bruno che si sono prontamente attivati per individuare il randagio ed accalappiarlo.
Tutte le parti intervenute riferiscono - facendoci gelare il sangue- che si è trattato di una “tragedia mancata”!
Molti cittadini purtroppo, in questi giorni di estate, riferiscono di temere di muoversi a piedi in quanto nei loro quartieri avvistano cani di grossa taglia. Purtroppo, come ben sa chi possiede un amico a quattro zampe, il problema non è se "il cane è buono!"...per usare un'espressione diffusa! Il problema sorge qualora il malcapitato si trovi in giro con il proprio cane o compia atti che possono essere interpretati dal randagio come invasivi del proprio territorio. 
Per questo, oggi, ci sembra doveroso ricordare alla cittadinanza tutta che, per far sì che quanto accaduto non accada più né a Serra, né altrove, sia necessario non abbassare la guardia nei confronti del randagismo. Cani di così grossa dimensione (ma neanche più piccoli), non dovrebbero poter circolare liberamente in nessun paese ed ogni cittadino che tema per la propria ed altrui incolumità deve segnalare, ufficialmente, alle forze dell’ordine e di polizia municipale la presenza di cani pericolosi o di cani feriti. Da mamma e nel rispetto di quanto già promosso in passato nel ruolo di amministratore di Serra San Bruno, aggiungo - ricordando tristemente i fatti di Satriano (data la mancata efficacia della LR n.41790 competente in materia) - quanto sia importante prevenire il fenomeno del randagismo attuando una seria campagna di sterilizzazione delle femmine in accordo con i veterinari del territorio e con l’unico scopo di contenere le nascite. E, questo, per un duplice motivo:
perché è segno di civiltà far sì che in un paese come Serra San Bruno (ma, come già detto, ovunque!) i cittadini ed i turisti possano muoversi a piedi o in bici nella più assoluta sicurezza, senza temere aggressioni di sorta perpetrate da randagi;
perché spesso nel tentativo bonario di aiutare le associazioni territoriali che si occupano di randagismo, si corre il rischio di alimentare un sistema lucrativo e corrotto dove, oggi più che mai, l'ultimo aspetto considerato è il benessere dei quattrozampe (basta leggere i rapporti sulle zoomafie della Lav-Lega antivivisezione che sostengono che il randagismo frutti un giro di 500 milioni di euro l'anno)".
 
Jlenia Tucci e Bruno Masciari

Serra, a Palazzo Chimirri le poesie di Nando Scaramozzino

Appuntamento con la poesia di Nando Scarmozzino, domani (mercoledì 10 agosto), alle 18, presso Palazzo Chimirri, a Serra San Bruno, dove sarà presentato il volume “Odi d’Amore. Ai cinquanta Comuni della Provincia di Vibo Valentia”.

Una raccolta di poesie inedita ed originale, in cui Scarmozzino dedica una poesia a ciascun comune del Vibonese, magnificandone le peculiarità e le bellezze naturalistiche e paesaggistiche.

Alla manifestazione, patrocinata dall’amministrazione comunale, interverrà per i saluti il sindaco della città della Certosa Alfredo Barillari. Introdurrà i lavori il consigliere comunale Sabina Maiolo, mentre le conclusioni saranno affidate all’autore.

Il volume, edito da Libritalia.net, è stato prefato dalla scrittrice vibonese Titti Preta, mentre la postfazione è opera del critico letterario e d’arte, già in forza alla Mondadori, Giuseppe Possa. Proprio quest’ultimo non manca di rimarcare come “è la prima volta che un poeta in questa terra, pur non avara di cantori delle bellezze locali, abbia saputo radunare in un autentico “canzoniere” tutti i comuni di una Provincia, descrivendoli con penetrante voce limpida, evocativa e aggiungerei musicale (cosa che non sempre riesce, anche ai grandi vati, in liriche, come queste, d’occasione).”

  • Published in Cultura

Armonie d’Arte Festival a Serra San Bruno

Tre serate ricche di musica e talento, nel suggestivo scenario di Santa Maria del Bosco a Serra San Bruno: Armonie d’Arte Festival traccia nuove rotte mediterranee, portando la narrazione dei “transiti”, tema della 22esima edizione, nella fascia centrale della Calabria.

Serra San Bruno, dunque, come tappa del passaggio normanno e luogo ricco di spiritualità e natura per fare da cornice a tre eventi capaci di coniugare differenti stili musicali.

Si parte il 10 agosto, la notte delle stelle, con un omaggio a Lucio Dalla nel decennale della scomparsa: sarà Pierdavide Carone, che con Dalla ha condiviso l’esperienza al festival di Sanremo nel 2012, a rivisitare in chiave sinfonica il repertorio del grande artista bolognese; accanto a lui la soprano d’arti Silvia Colombini, mentre gli spartiti saranno affidati all’orchestra sinfonica Bulgaria Classic diretta dal maestro Leonardo Quadrini.

L’11 andrà di scena il Quartetto di Cremona, formazione di archi tra le più prestigiose sulla scena internazionale, con Cristiano Gualco e Paolo Andreoli al violino, Simione Gramaglia alla viola e Giovanni Scaglione al violoncello.

Gran finale il 16 agosto con il concerto alla pace della cantante di origini israeliane Noa, la quale ha un profondo legame con l’Italia e nel 1997 ha cantato “Beautiful that Way”, canzone ispirata dalla colonna sonora del film premio oscar La Vita è Bella di Roberto Benigni. La serata sarà anche l’occasione per celebrare con la sua band i trent’anni di carriera.

A spiegare lo spirito dell’avvenimento è il sindaco Alfredo Barillari, il quale sottolinea che “lo svolgimento di questo Festival è motivo d’orgoglio per il nostro territorio”.

“La nostra idea – ha spiegato il primo cittadino nella conferenza stampa di presentazione – era di mettere Serra all’interno di una cornice che evidenziasse l’arte e la storia.

È in questo luogo magico che è Santa Maria del Bosco, l’opportunità  ci è stata data dalla  fondazione ‘Armonie d’arte’”.

La stessa direttrice artistica di “Armonie d’Arte”, Chiara Giordano, si è concentrata sul ruolo giocato dal contesto territoriale: “siamo in un luogo – ha in particolare rilevato – che racconta di spiritualità e natura. Noi raccontiamo il territorio e pensiamo a luoghi di particolare valore ed è per questo che siamo qui nella bellissima cornice di Santa Maria del Bosco. ‘Armonie d’arte Festival’ è una lunga storia d’identità. Dopo 22 anni dobbiamo fare esplodere il Festival rispetto a un territorio più vasto e per questo abbiamo pensato alla traiettoria delle Serre Normanne. È importante lanciare con il Festival un territorio nei contesti di attenzione mediatica.

Chiedo alla comunità di essere con noi: l’arte, infatti, è da sempre uno strumento di difesa contro le barbarie e un valido volano di progresso sociale”.

Per info e biglietti www.armoniedarte.com

È possibile acquistare i biglietti anche presso il punto Informazioni Pro Loco Serra San Bruno sito in Corso Umberto I dalle 10:00 alle 11:30

 

Serra, inziato il Torneo di calcetto under 12

Ha preso il via martedì scorso (2 agosto), il Torneo di calcetto under 12, organizzato a Serra San Bruno da Angelo Carrera e Michele Zaffino. L’iniziativa che si avvale del patrocinio del Comune, è in corso di svolgimento presso il campetto di via Matteotti.

Al torneo prendono parte sei squadre composte dagli organizzatori, sulla base delle iscrizioni che non hanno comportato alcun costo per i partecipanti.

Le gare, che si svolgono ogni giorno a partire dalle 17, andranno avanti fino a sabato prossimo (6 agosto), quando alle 20 inizierà la finalissima.

Indipendentemente dal risultato finale, tutti i calciatori che avranno preso parte al torneo riceveranno una medaglia.

L’iniziativa, particolarmente apprezzata dai bambini, è stata resa possibile grazie all’impegno e alla disponibilità di Michele Zaffino che si  è prodigato nella cura degli aspetti logistici e non solo.

Serra, giovedì la disinfezione del territorio comunale (Le raccomandazioni ai cittadini)

Inizierà alle 23.00 di giovedì prossimo (4 agosto) l’attività di disinfezione del territorio comunale di Serra San Bruno.

E’ quanto riporta un avviso pubblicato sul portale dell’ente di piazza Carmelo Tucci, nel quale si legge che l’intervento “sarà effettuato con personale, veicoli ed attrezzature idonee” e che “tutti i prodotti utilizzati sono autorizzati dal Ministero della Sanità come presidi medico chirurgici ed appartenenti alla nuova generazione al fine della tutela dell’ambiente e della salute pubblica".

I cittadini vengono invitati a: “evitare l’esposizione all’aperto di alimenti ed indumenti; mettere al riparo animali domestici e da compagnia; chiudere finestre e balconi ed evitare di sostare all’esterno in modo da prevenire contatti accidentali con i prodotti utilizzati durante l’intervento; lavare accuratamente frutta e verdura coltivata in orti e giardini del centro urbano in prossimità della viabilità cittadina".

Subscribe to this RSS feed