Serra, allerta meteo per possibili precipitazioni intense

A causa di possibili "precipitazioni intense", il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, ha diramato un avviso di allerta meteo che sarà valido "dalle ore 12.30 del 15/07/2019 alle ore 24.00 del 16/07/2019"

Nell'avviso diffuso dal Comune, in seguito al messaggio di allertamento unificato trasmesso dall'Arpacal, s'invitano i cittadini a prestare particolare attenzione nelle zone di: "viale della Libertà, via De Gasperi, via Calcarella, corso Umberto I, Terravecchia zona chiesa Matrice (via Fiume, via San Biagio, ecc..), via A. Scrivo, corso Vittorio Emanuele III e via Aldo Moro".

Possibile rischio idrogeologico, invece, lungo il corso dei fiumi Ancinale (tra Santa Maria e San Rocco) e Garusi (tra località Leonà e l'innesto nell'Ancinale).

Segnalato, infine, pericolo frana nelle località: San Rocco, Guido, Pittina, Scorciatina ed in via San Brunone (innesto con località Ombrellino).

  • Pubblicato in Cronaca

Serre, denunciati tre automobilisti

E’ di tre persone denunciate il bilancio dei controlli effettuati dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno durante il fine settimana appena trascorso.

In particolare, i militari hanno denunciato: un uomo di  Serra San Bruno, trovato alla guida di un veicolo nel cui interno è stato rinvenuto un coltello a serramanico; un automobilista di Gerocarne, per guida senza patente ed una persona d’Acquaro sorpresa alla guida di un’auto con un tasso alcolemico superiore di 4 volte a quello consentito per legge.

 In quest’ultimo caso, oltre alla denuncia penale, all’uomo, che rischia una sanzione amministrativa che va dai 1500 ai 6000 euro, è stata ritirata la patente.

  • Pubblicato in Cronaca

Serra, Tassone dà il benvenuto agli studenti canadesi

"Cari ragazzi, l’amministrazione comunale di Serra San Bruno è lieta di darvi il benvenuto nella nostra città e speriamo che questa esperienza possa rappresentare un momento di confronto, di crescita umana e sociale. Il vostro arrivo coincide con l’incontro di due comunità che oggi hanno prospettive e visioni diverse, ma che condividono valori di fondo e che riconoscono nella valorizzazione delle diversità un’occasione per migliorare e migliorarsi. Qui, in Calabria, troverete tanto calore e tanti luoghi che scaldano il cuore. Soprattutto troverete lo spirito delle vostre radici culturali e riscoprirete il gusto delle tradizioni che sono state portate avanti anche dai vostri parenti. Serra San Bruno si sente legata a voi, ai vostri genitori, ai vostri nonni. Questo contatto consente di dare seguito ad una proficua collaborazione da salvaguardare e rafforzare, di conoscerci meglio, di avvicinare due società che vogliono camminare insieme. Nelle nostre strade, nelle nostre piazze, nei nostri luoghi simbolo non dovrete sentirvi ospiti: siete piuttosto parte di questa cittadina a cui potete dare un contributo in termini di freschezza ed entusiasmo. Serra è felice della vostra presenza e vi considera come figli che ritornano nella propria casa. Consentiteci infine di ringraziare il Centro Scuola e Cultura italiana di Toronto che trova nel professor Domenico Servello un ottimo interprete di questa partnership che da anni consolida questo ponte ideale tra le Serre e la comunità d’oltreoceano. È un legame prezioso che, insieme, faremo diventare fonte di occasioni positive. Buona permanenza".

Questo il messaggio con il quale il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone ha dato il benvenuto agli studenti canadesi arrivati nella cittadina della Certosa per l'annuale soggiorno studio.

  • Pubblicato in Politica

Serra, il centro Arsac impegnato nel controllo del Cinipede del castagno

Nei giorni scorsi, il personale del Centro Arsac di Serra San Bruno è stato impegnato in una serie di sopralluoghi in vari siti castanicoli del comprensorio, allo scopo di verificare il grado di contenimento raggiunto nei confronti del dannoso parassita, comunemente conosciuto come “Cinipide galligeno” (nome scientif. Dryocosmus kuriphilus).

Questo minuscolo insetto che, nella forma adulta, si presenta come una piccola vespa, allo stato larvale determina la comparsa di vistose galle sui germogli e sulle foglie, provocando uno sviluppo stentato della vegetazione ed un calo, spesso considerevole, della produzione di castagne.

Attualmente, l'unica forma di “lotta” valida nei confronti del Cinipide è rappresentata dall’ immissione nei castaneti di un altro piccolissimo insetto che si nutre delle larve del Cinipide stesso, il Torymus sinensis.

In particolare, nel comprensorio delle Serre i primi “lanci” dell’antagonista sono stati effettuati nella tarda primavera del 2012.

Negli ultimi anni, le immissioni dell’insetto utile al controllo del “Cinipide” sono state realizzate in collaborazione con il Parco regionale delle Serre, nell’ambito di una “convenzione” tra le due istituzioni, che prevede vari tipi di interventi nei comparti agro-forestale ed ambientale.

In tale contesto, oltre a siti castanicoli di proprietà “privata”, sono stati, poi, monitorati diversi siti di proprietà “pubblica” ed, in particolare, sotto la gestione dell’Ente Parco.

Durante i recenti rilievi, il controllo delle galle presenti sulla nuova vegetazione ha evidenziato che la popolazione del Cinipide è in fase di regressione, in ragione del marcato livello di parassitizzazione operato dal Torymus.

Nei siti castanicoli controllati, è stato rilevato che, in questo periodo, il parassitoide utile è presente allo stadio di larva all’interno delle galle, a dimostrazione del fatto che, a distanza di 7 anni dai primi “lanci”, anche in questo comprensorio, il Torymus sta svolgendo un'efficace azione di contenimento del Dryocosmus kuriphilus.

Ad oggi, non sembrerebbe più necessario ricorrere a nuove immissioni dell’insetto utile, in considerazione dei livelli di parassitizzazione riscontrati sui campioni esaminati.

È opportuno, però, che le” galle” (con le quali, ormai, è necessario convivere) non vengano asportate, in quanto rappresentano una componente fondamentale per il mantenimento e la diffusione del parassitoide nel castaneto.

È bene ricordare che questa forma di “controllo biologico” non può determinare la completa eliminazione del “Cinipide”, in quanto biologicamente impossibile per le “leggi” che regolano il rapporto tra preda e predatore obbligato (cioè che vive, si nutre, esclusivamente di quel tipo di preda).

Pertanto, nei prossimi anni, sarà possibile osservare delle “fluttuazioni” nelle popolazioni del fitofago e del suo parassitoide, da attribuire al normale divenire dei “sistemi biologici”, che prevedono tale tipo di andamenti.

Oltre a ciò, va evidenziato il fatto che, dopo un decennio di continue infestazioni, i castaneti, nel loro complesso, sono generalmente in una condizione di stress che li rende, comunque, più suscettibili nei confronti di altre categorie di “patogeni”.

Quindi, risulta necessario ripensare ad una corretta e costante gestione colturale di questi importanti “presidi” che, oltre alla funzione produttiva, svolgono un ruolo fondamentale nel contesto sociale ed ecologico del nostro territorio.

 

 

 

Serra, Gallè fa il punto della situazione: “Attuati interventi migliorativi della vivibilità”

 “In considerazione dell’avvicinarsi del mese di agosto, e quindi dell’arrivo di importanti flussi turistici e del ritorno di serresi residenti fuori dai confini regionali, abbiamo intensificato l’attività di pulizia, manutenzione e di cura del decoro urbano e, più in generale, di abbellimento della nostra città”.

L’assessore Antonio Gallè fa il punto della situazione e ringrazia per l’impegno e la professionalità, oltre agli operai dell’Ufficio tecnico, anche quelli messi a disposizione tramite apposita convenzione e con “grande spirito di collaborazione” dal Parco delle Serre e da Calabria Verde.

“Nei prossimi giorni – aggiunge Gallé – la presidente del Consiglio comunale Maria Rosaria Franzè e l’assessore Francesco De Caria illustreranno le manifestazioni che sono state predisposte per la stagione estiva e che hanno l’obiettivo di offrire momenti di aggregazione ed eventi di cultura, di spettacolo, di intrattenimento e di sport a residenti e visitatori”.

“Il nostro lavoro – conclude Gallè – va nella direzione del miglioramento della vivibilità e punta a rafforzare la centralità di Serra San Bruno nel comprensorio proponendola come meta turistica di prim’ordine”.

  • Pubblicato in Politica

Serra, pullman invadono l’area di Santa Maria. Tassone: “Atteggiamento inaccettabile, pronte le sanzioni”

“In riferimento alla manovra dei pullman che hanno superato le catene di delimitazione dell’area di Santa Maria del Bosco andando ad invadere la piazza antistante il laghetto di San Bruno preciso che l’Amministrazione comunale adotterà senza dubbio gli interventi del caso”.

Il sindaco Luigi Tassone prende posizione in merito a quanto accaduto nel luogo santo e specifica che sarà riaffermata la linea del pugno duro.

“Gli operatori della cooperativa che gestisce in questo periodo i parcheggi di Santa Maria del Bosco – sostiene Tassone – hanno ben specificato i comportamenti ammessi indirizzando i pullman nell’apposita zona di parcheggio ad essi riservata. È evidente che c’è stato poco rispetto verso queste indicazioni e ciò non è accettabile”.

Il primo cittadino sottolinea che “la Polizia municipale effettuerà gli accertamenti del caso ed applicherà le sanzioni previste. Per noi – conclude Tassone – la spiritualità bruniana ed i luoghi che la incarnano rappresentano dei punti di riferimenti da tutelare e preservare. Non ammettiamo atteggiamenti prevaricatori né forzature: ci sono delle regole e certamente le faremo rispettare”.

Serra: in auto con un coltello, denunciato

Nel corso di una serie di controlli effettuati durante il fine settimana, i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno hanno denunciato due persone.

In particolare, un automobilista originario del Catanzarese è stato deferito dopo essere stato sorpreso alla guida di un veicolo sottoposto a sequestro.

In un altro caso, invece, un uomo residente a Serra San Bruno è stato trovato in auto con un coltello a serramanico.

Complessivamente, durante i controlli, che hanno permesso di elevare sanzioni per violazione al Codice della strada per 3500 euro, sono stati controllati circa 60 autoveicoli e più di 80 persone.

Tra le violazioni sanzionate, l’uso del cellulare durante  la guida.

Serre: sorpresi in auto con la pistola, scarcerato uno degli arrestati

Si è svolta questa mattina presso la casa circondariale di Vibo Valentia, l'udienza di convalida a carico di Antonio Iellamo e Nicola Boragina, originari di Monterosso Calabro e San Nicola da Crissa.

I due, difesi rispettivamente dagli avvocati Ercole Massara e Guglielmo Lentini, erano stati arrestati venerdì scorso dai carabinieri di Serra San Bruno, con l'accusa di detenzione e porto abusivo di arma clandestina e munizioni.

Dopo aver convalidato l'arresto, il gip del tribunale di Vibo Valentia, ha disposto la custodia cautelare in carcere per Antonio Iellamo e la scarcerazione per Nicola Boragina.

Il pm aveva chiesto per entrambi la custodia cautelare in carcere. 

Gli indagati erano stati tratti in arresto in flagranza di reato, a Spadola, dopo che gli uomini dell'Arma avevano rinvenuto nell'auto sulla quale viaggiavano una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa. 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS