Trasversale delle Serre, "Combatto" tuona contro il nuovo tracciato del 'lotto unico' Gagliato-Soverato

Riceviamo e pubblichiamo

"L’incontro alla Provincia di Catanzaro svoltosi ieri tra Anas, Regione e sindaci del comprensorio catanzarese non ha avuto per noi lo scopo di avere a cuore il tema della Trasversale delle Serre.

Questi artisti, immaginando uno scenario futuristico distorto, si stanno affannando a disegnare - per la fascia Catanzarese - l’immagine non di una Trasversale ma di una strada statale piena di innesti, rotatorie, accessi, pendenze accentuate pericolosissime, insomma una nuova SS106 Jonica in chiave moderna.

Non vogliamo una seconda strada della morte. Se cosi non fosse, se cioè tale distorto scenario futuristico non porterà alla realizzazione di una seconda Strada Statale 106, si prega di pubblicare gli elaborati.

Lo studio e l’analisi di tali elaborati non è appannaggio solo delle istituzioni ma principalmente dei cittadini. Sottrarsi alla critica costruttiva dell’opinione pubblica, significa non assumersi adeguatamente le responsabilità che competono.

Che fine faranno le case che si trovano attualmente in questo progetto utopico? Verranno abbattute? Abbiamo paura che per recuperare cinquant’anni di ritardo nella realizzazione della Trasversale delle Serre si realizzeranno sbancamenti in ogni dove e depositi di calcestruzzo abbandonato continuando a transitare sulla solita mulattiera provinciale.

Auspichiamo che qualche artista abbia il coraggio di rendere pubblico ciò che è o dovrebbe essere di dominio pubblico senza nascondersi negli apparati di potere o peggio al fine di favorire questo o quell’interesse personale".

Aggregazione civica Combatto

  • Pubblicato in Politica

Trasversale delle Serre, trovato l'accordo per la prosecuzione del 'lotto unico' per Soverato

Si è svolta oggi, presso la sede della Provincia di Catanzaro, una riunione per fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori della Trasversale delle Serre.

All’incontro, presieduto dal presidente della Provincia Sergio Abramo, sono intervenuti i sindaci del territorio ed i rappresentanti del Comitato, l’assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno, il responsabile Settore viabilità e trasporti della Provincia di Catanzaro Floriano Siniscalco, il responsabile del Coordinamento territoriale Anas Calabria Giuseppe Ferrara e  il responsabile Progettazione Anas Calabria Domenico Curcio.

Nel corso della riunione, sono state confermate le tempistiche e le proposte progettuali già oggetto della riunione presso la Regione Calabria lo scorso 30 aprile, nella quale sia i sindaci che i rappresentati del comitato, hanno condiviso le ipotesi progettuali esprimendo parere favorevole.

Come già discusso nella scorsa riunione e grazie alla condivisione delle proposte, è stato trovato un accordo per la prosecuzione della Trasversale “in lotto unico” tra Gagliato e la costa jonica (appaltabilità  del primo lotto possibile nel 2020), lo svincolo finale sulla 106  previsto all’altezza dell’attuale immissione sulla viabilità locale “Soverato sud”, attraversato l'utilizzo del tracciato della provinciale Sp 148 Gagliato-mare che sarà statalizzata e diventerà una superstrada a tre corsie (una delle quali dedicata al traffico pesante).

L’assessore Musmanno, durante l’incontro, ha evidenziato che grazie alla sinergia tra Regione, Provincia, Anas, sindaci e Comitato, si è riusciti a raggiungere un importante risultato, che potrà servire da esperienza in futuro e che ha consentito di ridurre le tempistiche ed i costi, ed inoltre, ha confermato l’impegno della Regione affinchè vengano utilizzati subito i 54 milioni di euro già disponibili e che saranno richiesti al governo ulteriori 25-30 milioni di euro per completare l’intero tracciato tra Gagliato e la costa jonica.

Il responsabile Anas Giuseppe Ferrara, ha comunicato che nei primi giorni del mese di giugno è prevista la conferenza dei servizi per i due lotti: ‘Colle dello Scornari’ e per  il ‘bypass del cimitero di Vazzano’, per i quali sono già pronti i progetti definitivi.

Ferrara ha ribadito l’importanza di una coesione tra Anas, istituzioni e territorio e che nessun intervento andrà avanti se non condiviso con tutti i rappresentanti.

Anche per quanto riguarda la presa in carico e la gestione delle provinciali tra Gagliato e Soverato, Ferrara ha evidenziato che sara’ la conferenza Stato-Regioni a valutare  i tempi e le modalità della consegna, come già fatto con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 febbraio 2018 che ha trasferito ad Anas circa 300 km  e affidate in sola gestione circa 200 km di strade.

 

Trasversale delle Serre, per "Combatto" le proposte di variante "sono solo fumo negli occhi"

"Le due 'varianti' proposte dal presidente della Provincia di Vibo Valentia e dal sindaco di Satriano costituiscono fumo negli occhi per i cittadini".

È quanto si legge in una nota dell'aggregazione civica "Combatto"

"Pensare di poter utilizzare fantomatiche varianti per creare delle passerelle politiche - prosegue il comunicato - non fa parte del concetto di buona amministrazione.
Sarebbe più opportuno invece spendersi per accelerare il completamento dei lotti della Trasversale delle Serre così come progettati.
Chiediamo inoltre un intervento manutentivo straordinario sulla strada provinciale 53 entro 15 giorni, sulla quale, ogni giorno, migliaia di automobilisti rischiamo la vita. 
Lo stato pietoso in cui versa la strada, in prossimità della stagione estiva ed il conseguente incremento del flusso veicolare, impone di prendere in considerazione interventi risolutivi e non interventi tampone. 
Siamo disponibili ad accompagnare il presidente della Provincia di Vibo Valentia su questa strada per mostrarne personalmente lo stato di abbandono. 
Possiamo comprendere - conclude la nota - le smanie di visibilità dei due amministratori ma non possiamo tollerare che si continui a giocare, anche sui social, a chi crea un palcoscenico di visibilità più grosso"

  • Pubblicato in Politica

Trasversale delle Serre, il Comitato: la nostra proposta sposata da tutti

Il Comitato “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato” in una nota esprime “piena soddisfazione per l'esito dell'incontro dell'8 maggio scorso presso gli uffici dell'assessore regionale Roberto Musmanno”. “La proposta originaria del Comitato - spiega il sodalizio - è stata sposata da tutti.
 
La nostra idea è sempre stata quella di rimodulare il progetto originario, costoso e vetusto, tra Gagliato e la costa jonica, puntando sulla statalizzazione della viabilità esistente. L'Anas procederà così, avendo raccolto anche la condivisione dei territori, dei sindaci e della Regione.
 
Ciò non significa che la Trasversale verrà ridimensionata, anzi. Statalizzando la provinciale Gagliato-mare verrà fuori una superstrada a tre corsie di marcia, delle quali una destinata al solo traffico pesante. Inoltre, non si perderà tempo in suddivisioni, tronchi e lotti.
 
Da Gagliato allo svincolo di Soverato Sud si procederà con un lotto unico. Questo nuovo progetto tutelerà anche i cittadini residenti in località Turriti, le cui abitazioni andavano a ricadere nel vecchio tracciato, con annessi e connessi rischi di cause, contenziosi e lungaggini”.
 
“Il Comitato - conclude la nota - nel ringraziare Michele Drosi e i sindaci presenti per l'impegno fattivo speso nell'organizzazione dell'incontro di mercoledì a Catanzaro, vigilerà quotidianamente per verificare il rispetto dell'accordo raggiunto come sintesi unitaria di varie espressioni politiche e del territorio.
 
È la dimostrazione che le cose si possono fare, insieme, nel rispetto di tutti, senza colpi di mano, primogeniture imposte, atti di superbia o di arroganza. Tra le nostre attività di controllo, come già ribadito dal presidente Fioravante Schiavello davanti all'assessore Musmanno, vigileremo affinché il tratto finale tra la Laganosa e la 106 non divenga una gimcana di accessi e microsvincoli al servizio di questo o quel privato. Che superstrada sia. Al servizio di tutti”.

Trasversale delle Serre, "positivo" l'incontro in Regione

L’assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno ha convocato e presieduto un incontro, che si è svolto ieri nella sede della Cittadella a Catanzaro, sul progetto del lotto “Gagliato-Soverato” della SS 713 “Trasversale delle Serre”.

 Su questo tratto, nell’ambito del contratto di programma 2016-2020, tra il Ministero delle Infrastrutture e Anas, sono stati stanziati e sono disponibili 54,6 milioni di euro.

 Alla riunione è intervenuto l’architetto Domenico Curcio di Anas, che ha illustrato le principali caratteristiche del progetto allo studio dell’Ente nazionale per le strade. La versione attuale del progetto va nella direzione di accogliere le proposte sottoposte ad Anas durante il precedente incontro del 14 maggio 2019 promosso sempre dall’assessorato regionale alle Infrastrutture.

 Hanno partecipato all’iniziativa i sindaci: Giuseppe Papaleo di Davoli, Domenico Donato di Chiaravalle con la vicesindaco Maria Stefania Fera, Aldo Battaglia di Satriano, Danilo Staglianò di Cardinale, Mario Barbieri di Torre di Ruggiero. Presente anche anche  il presidente del comitato “Trasversale delle Serre”Fioravante Schiavello.

 “L’incontro positivo di oggi, fortemente voluto dal Presidente Oliverio – ha affermato l’assessore Musmanno - ha consentito di mettere intorno al tavolo tutti i soggetti interessati, ivi incluso il comitato dei cittadini. L’obiettivo era discutere della proposta progettuale di Anas, condividerne l’impianto e sciogliere eventuali dubbi e perplessità. Il confronto ha dato i frutti sperati. Tutti i soggetti interessati hanno esplicitamente espresso parere favorevole all’ipotesi progettuale, a testimonianza del fatto come il confronto e la ricerca ostinata di soluzioni condivise siano la strada migliore per interventi strategici di così vasta portata. Nel prossimo incontro – ha comunicato l’assessore -, previsto la prossima settimana e organizzato dell’Ente nazionale per le strade, ci sarà la possibilità di approfondire alcune questioni tecniche sollevate dai sindaci e dal comitato, a cui l’architetto Curcio ha già comunque fornito risposte adeguate. La disponibilità di Anas, che ringraziamo, e l’atteggiamento propositivo e costruttivo di tutti i partecipanti, ci permettono di procedere con maggiore fiducia e determinazione le successive interlocuzioni previste anche con il Ministero in fase di aggiornamento dell’Accordo di programma. L’obiettivo – ha infine rimarcato Musmanno -  resta quello di bruciare le tappe per consegnare presto alla cittadinanza questo ultimo tratto di infrastruttura così tanto attesa”.

 Il progetto prevede la realizzazione di un tracciato stradale da 10,50 m. e pertanto di importanza pari a quella dei lotti già realizzati e aperti al traffico, come ad esempio tra Vallelonga e Gagliato. In aggiunta, è previsto l’inserimento, dove la strada diventa più acclive, di una terza corsia, appositamente dedicata all’arrampicamento dei mezzi pesanti.

 L’intervento partirà dall’attuale svincolo di Gagliato e proseguirà in variante rispetto alla strada provinciale “Gagliato-Mare” esistente, riducendone la forte pendenza e garantendo il transito in sicurezza dei mezzi anche con l’introduzione di letti di arresto in caso di fuoruscita dei mezzi pesanti.

 All’altezza di località Turriti il progetto prevede un tratto in viadotto che con il suo sviluppo consente di scendere di quota raggiungendo la sinistra idraulica del fiume Ancinale proseguendo parallelamente alla SS 182 esistente in località Laganosa fino a raggiungere l’attuale svincolo di Soverato-Satriano sulla SS106. Tale svincolo sarà potenziato con l’introduzione di due rotatorie e di corsie dedicate.

 L’intervento proposto, rispetto alle ipotesi progettuali precedenti, consente un contenimento dei costi e la riduzione degli impatti paesaggistico e ambientale sul preesistente e i sottoservizi esistenti.

 Al termine dell’incontro, tutti i presenti hanno espresso la loro soddisfazione per le soluzioni tecniche individuate e per la proposta nel suo complesso. 

Trasversale delle Serre, il sindaco di Satriano difende la “sua” variante

Il sindaco di Satriano, Aldo Battaglia, difende la “sua” variante alla Trasversale delle Serre. Lo fa intervenendo a un Forum a Chiaravalle Centrale, per ribadire, innanzitutto, che il progetto è una sua idea.
 
E, inoltre, che la soluzione da lui proposta “è stata successivamente condivisa dai tecnici dell'Anas e, solo in un secondo momento, dalla politica”. Insomma “chi oggi la propone come propria, non può far finta di dimenticare questi passaggi”.
 
Di cosa si tratta, in buona sostanza? Battaglia ha focalizzato la sua attenzione sul tratto terminale della Trasversale delle Serre, tra Gagliato e la costa jonica. Il progetto originario prevedeva un costo di oltre 125 milioni di euro, con un tracciato che attraversava il fiume Ancinale andando a sfociare sulla destra idraulica del corso d'acqua, all'altezza dell'attuale rotatoria di Davoli, sulla 106. Il sindaco di Satriano ha proposto un tronco alternativo, da Gagliato, parallelo all'attuale strada Laganosa.
 
L'innesto con la 106 avverrebbe all'altezza dell'attuale svincolo “Bencivenni”. Sulla sinistra idraulica dell'Ancinale, dunque. In questo modo, l'intero tratto da Gagliato alla 106 verrebbe a costare “non più di 70-80 milioni di euro”. Dopo questo chiarimento tecnico, Battaglia ha rivolto parole distensive nei confronti del Comitato “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato” per ribadire che “questa soluzione progettuale non va in contrasto con le richieste dei cittadini che vogliono la statalizzazione della provinciale Gagliato-mare”.
 
Anzi, le due proposte “si integrano”. In tal senso, la notizia di queste ultime ore è che la Provincia di Catanzaro ha già ricevuto da parte dell'Anas la richiesta di avvio delle procedure per l'assunzione in carico della SP 148. Il sindaco di Satriano si è detto, però, “stupito” per le polemiche degli altri sindaci “che non hanno capito il senso della sua variante”, concludendo con un invito “a leggere le carte prima di parlare”. 

Trasversale delle Serre, se ne riparlerà a Catanzaro l'8 e il 14 maggio

Tutti mobilitati per la Trasversale delle Serre. Nel giro di pochi giorni si svolgeranno due importanti riunioni per definire il futuro della costruenda supestrada tra lo Jonio e il Tirreno.
 
Il primo incontro è fissato per l'8 maggio alle ore 11.30 presso la cittadella di Germaneto. Iniziativa promossa dall'assessore regionale Roberto Musmanno alla quale sono stati invitati tutti i sindaci dei comuni interessati al progetto.
 
Il 14 maggio alle ore 10 si muoverà (nuovamente) anche l'Anas che ha convocato le amministrazioni locali coinvolte, presso la sede della Provincia di Catanzaro. Anas che, nel frattempo, è finita nell'occhio del ciclone per la riunione del 30 aprile scorso che si è svolta senza la fondamentale condivisione di numerosi sindaci del territorio, rappresentanti, peraltro, di alcuni tra i centri più popolosi come Chiaravalle Centrale, Davoli e Cardinale oltre che San Vito sullo Ionio e Torre di Ruggiero.
 
All'esito di quell'incontro, chiaramente depotenziato dalla defezione dei suddetti amministratori, il Comitato “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato” ha chiesto la defenestrazione immediata dal responsabile territoriale Anas, Giuseppe Ferrara. Polemiche che sono proseguite e proseguono anche in queste ultime ore. Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone (Pd), ha colto l'occasione per attaccare la senatrice del Movimento 5 Stelle Silvia Vono, tra i promotori della contestatissima riunione del 30 aprile scorso, invitandola a fare meno chiacchiere e più fatti per la Trasversale.
 
Lo stesso Comitato ha contestato alla medesima senatrice grillina “atteggiamenti da Prima Repubblica” con promesse “stile Pino Soriero” sullo sviluppo avviato.
 
In difesa dell'Anas si è schierato il sindaco di Vazzano, Enzo Massa, affermando che l'incontro del 30 “era solo informativo”.
 
Dichiarazione indirettamente smentita dal sindaco di Satriano, Aldo Battaglia, secondo cui il 30 sarebbe stato deciso e approvato un suo progetto di variante. Infine, anche il presidente della Provincia di Vibo Valentia è sceso in campo, chiedendo la prosecuzione della Trasversale fino al capoluogo tirrenico.
 
Immediata le reazioni ironiche sui social: proseguire una strada incompiuta che ancora non esiste e di cui si parla inutilmente da 50 anni? E soprattutto, con quali soldi?

Trasversale delle Serre, Solano al lavoro per collegare adeguatamente Serre e Costa degli Dei

«Collegare adeguatamente la zona montana della Serre con la cosiddetta Costa degli Dei, passando per la città capoluogo di Vibo Valentia».

È uno dei principali obiettivi che, in termini di miglioramento della viabilità stradale, il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, intende perseguire nel corso del suo mandato istituzionale.

«Obiettivo strategico per la viabilità vibonese che, stavolta, potrebbe davvero realizzarsi», ha asserito il presidente Solano, a margine di una riunione, tenutasi a Catanzaro, alla presenza dei massimi esponenti regionali dell’Anas, tra cui i dirigenti Giuseppe Ferrara e Marco Moladori, del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, del vicesindaco di Filogaso (Daniele Rachieli) e dei sindaci di: Monterosso (Antonio Lampasi), San Nicola da Crissa (Giuseppe Condello), Vazzano (Vincenzo Massa), Pizzoni (Tiziana De Nardo) e Spadola (Cosimo Piromalli).

L’idea progettuale, illustrata da Solano nel corso dell’iniziativa all’Anas - che, in estrema sintesi, prevede il prolungamento della Trasversale delle Serre, dallo svincolo autostradale di Vazzano fino a Vibo Valentia - è stata sostenuta pubblicamente dal presidente Mario Oliverio, nonché dagli amministratori dei comuni vibonesi presenti che, tra l’atro, hanno espresso il loro «unanime apprezzamento» per il lavoro posto in essere dall’Anas.

«L’Ente nazionale per le strade sta avviando la realizzazione degli ultimi lotti della “Trasversale delle Serre” che ricadono in provincia di Vibo Valentia. Nella programmazione attuale tale arteria parte da Soverato in provincia di Catanzaro e termina definitivamente sull’Autostrada “A2 Mediterranea”, nella vallata del fiume Mesima, in provincia di Vibo Valentia, in corrispondenza dello svincolo autostradale di Vazzano di nuova realizzazione. Allo stato attuale - ha evidenziato il presidente Solano nel corso della riunione all’Anas - rimane disconnessa dalla costruenda arteria proprio la città capoluogo di Vibo Valentia e tutta la costa tirrenica del Vibonese, per cui la trasversale non realizza l’auspicato collegamento Ionio-Tirreno e lascia tagliate fuori anche le reti di servizi connessi alla città capoluogo, quali l’ospedale civile, le scuole superiori e la linea ferroviaria tirrenica. Trattandosi di opere di interesse sia statale che regionale - ha sottolineato Solano - diviene fondamentale inserire nel prossimo “Contratto di programma con Anas S.p.A.” almeno un ulteriore lotto stradale, della lunghezza di circa 10 chilometri, che consenta di prolungare, nel medio termine, la trasversale fino alla città capoluogo di Vibo Valentia. I vantaggi di tale lotto, come accennato, sarebbero innumerevoli per tutto il territorio provinciale rappresentato da questo Ente, poiché - ha chiosato il presidente Solano - oltre a muovere un ulteriore significativo passo verso il collegamento della costa Ionica con la costa Tirrenica (Costa degli Dei), potenzia enormemente i collegamenti della città capoluogo e la rete di servizi annessa con il proprio entroterra montano di riferimento».

Dei notevoli benefici che apporterebbe al territorio vibonese il prolungamento della Trasversale delle Serre, il presidente della Provincia di Vibo ha reso edotto, ufficialmente, attraverso un’apposita missiva, corredata dalla relativa progettazione, anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Sottoscrivi questo feed RSS