Tropea, il MuMaT si presenta al pubblico con il progetto "Un tesoro in fondo al mare"

Si intitola “Un tesoro in fondo al mare” il progetto con cui il Civico museo del mare di Tropea dà avvio alle proprie iniziative culturali.

Il progetto reca la firma dell’oceanografo Francesco Florio, curatore della sezione di Biologia marina del MuMaT, ed è basato sui risultati di anni di ricerca sul campo, analisi e monitoraggio degli habitat marini del Tirreno calabres.

Il progetto si è tradotto anche in una esposizione fotografica temporanea dal titolo “La biodiversità del Tirreno Calabrese”, realizzata grazie alle fotografie di Dario Viccari e Fabrizio Fabroni, il quale ha sottolineato l’importanza di alcuni scatti che testimoniano la presenza nei nostri fondali di alcune specie molto rare, alcune delle quali – come la Dendrofillia – non erano mai state avvistate prima.

Per incorniciare l’allestimento della temporanea dedicata ai biosistemi del Tirreno, il Gruppo Paleontologico Tropeano, ente gestore del MuMaT, ha anche finanziato la realizzazione di un’installazione artistica disegnata dall’architetto Vincenzo Carone e intitolata “Il faro di Tropea”, a sua volta arricchita dall’esposizione delle creazioni artistiche “Poisson” di Michela Gatti.

Il concetto alla base della mostra è quello di mostrare, attraverso le fotografie subacquee di Viccari e Fabroni, la ricchezza della biodiversità marina del Tirreno calabrese, per fare in modo che il visitatore, sotto la guida del faro che “illumina” la strada realizzato da Carone, possa percorrere un sentiero virtuoso volto al rispetto dell’ambiente, sottolineato dalla presenza dei Poisson della Gatti, veri e propri manufatti artistici rappresentanti i pesci, nati dal recupero dei materiali di scarto altrimenti abbandonati nell’ambiente.

La mostra fotografica, finanziata con il contributo economico del cittadino tropeano Elio Paparatti e con il sostegno dello stesso GPT e dell’editore Mario Vallone, rimarrà aperta fino a dicembre e potrà essere visitata nelle giornate di sabato e domenica, con orario estivo dalle 18 alle 21.

L’ente gestore cercherà inoltre di garantire l’apertura della mostra anche in concomitanza degli altri eventi organizzati nel complesso Santa Chiara. A nome del GPT, il presidente Giuseppe Carone, che è anche il responsabile scientifico del MuMaT, ha ricordato come l’apertura delle sale al pubblico rappresentino un dato significativo, perché è dagli anni ’20 del secolo scorso, quando era soprintendente Galli, che Tropea attende un suo museo civico.

Ancor più importante, per Carone, è che il museo sia dedicato al mare, che è il fattore identificativo di maggior rilievo, in quanto è l’elemento culturale, economico e sociale per cui Tropea è conosciuta nel mondo.

Il direttore del MuMaT Francesco Barritta, invece, dopo aver evidenziato l’impegno profuso nel progetto dai volontari del GPT, ha ringraziato il sindaco di Tropea Giovanni Macrì, cui va il merito di aver creduto sin da subito alla nascita di questa nuova realtà museale, e tutti i membri dell’amministrazione che hanno sostenuto il museo in questi primi mesi, in particolar modo l’assessore Roberto Scalfari, senza dimenticare la disponibilità dei dipendenti comunali e dei volontari del Servizio Civile Nazionale nel disbrigo delle pratiche burocratiche, oltre che del soprintendente Fabrizio Sudano per le preziose indicazioni fornite durante ai vari incontri durante la fase progettuale.

La mostra temporanea, infatti, è solo un assaggio di ciò che il MuMaT dovrà diventare, visto che il Comune di Tropea ha già inviato al MiBaC tutti i documenti relativi all’esposizione definitiva, che prevede l’allestimento della sala di Biologia marina con una completa selezione malacologica di materiali provenienti dal Tirreno e della sala di Paleontologia con una selezione di reperti fossili di vertebrati e invertebrati marini tra le più rappresentative del Sud Italia.

Entusiasta di questa prima iniziativa il presidente del Consiglio comunale di Tropea Francesco Monteleone, intervenuto alla presentazione alla stampa in veste di rappresentante istituzionale dell’amministrazione comunale. Per Monteleone, anche grazie a questi lavori Tropea potrà ambire a ricevere finalmente i massimi riconoscimenti nazionali in ambito ambientale.

 

 

  • Pubblicato in Cultura

Tropea: sorpreso a circolare senza assicurazione inveisce contro i carabinieri, arrestato

E' stato sorpreso mentre circolava con un motorino, senza casco, su un marciapiede.

E' successo a Tropea, dove i carabinieri hanno fermato D.R. di 36 anni.

Come se non bastasse, durante il controllo, è emerso che il motociclo era anche sprovvisto di assicurazione.

Messo alle strette, l'uomo avrebbe cercato di scappare ed una volta bloccato avrebbe inveito contro i carabinieri con frasi minacciose.

Dopo essere stato ridotto a più miti consigli, il 36enne è stato tratto in arresto per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Tropea: furto in una gioielleria, in manette il presunto responsabile

Un carabiniere libero dal servizio, udite le urla dei passanti che davano l’allarme per un furto appena commesso in una gioielleria ubicata nel centro di Tropea, ha notato un uomo che si allontanava con in mano una borsa da donna.

Il militare ha quindi bloccato il sospettato, constatando che la borsa, nella quale sono stati trovati soldi e monili in oro, era appena stata rubata nella gioielleria.

I successivi accertamenti hanno permesso di scoprire che l'uomo, M.D., dopo aver rubato una Renault Clio parcheggiata sul lungomare di Tropea aveva raggiunto la zona centrale della cittadina per compiere il colpo nella gioielleria.

Pertanto, l'uomo è stato arrestato in flagranza con l'accusa di furto aggravato.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Tutto pronto per il Premio internazionale di poesia “Tropea: Onde Mediterranee”

Si svolgerà a partire dalle 17,30 di sabato (1 giugno), nella chiesa di Santa Chiara, a Tropea, la manifestazione conclusiva della 16a edizione del Premio internazionale di poesia “Tropea: Onde Mediterranee”.

Durante la manifestazione saranno premiati i poeti vincitori e finalisti (i primi cinque) con il punteggio più elevato per ogni sezione in cui è articolato il concorso: Onda prima – poesia inedita per alunni di scuola elementare, di scuola media inferiore e di scuola media superiore; Onda seconda – poesia inedita in lingua italiana, per adulti; Onda terza – poesia inedita in vernacolo (tutti i dialetti d’Italia); Onda quarta – poesia edita in lingua italiana; Onda quinta – poesia inedita in lingua straniera (Europa e tutti i Paesi del mondo); Onda sesta – poesia di Tropea e dei Casali inedita in lingua italiana e vernacolo, per autori senza limiti di età.

Complessivamente i poeti premiati saranno quaranta.

Anche quest’anno, come per il passato, sarà conferito un riconoscimento particolare ad una personalità locale che con la sua opera ha dato onore e lustro alla città di Tropea. Ospite d’onore sarà la poetessa Miriam Jaskierowicz Arman, rinomata pedagoga vocale mondiale, artista di multiforme ingegno.

La manifestazione sarà condotta da Geraldyne Caracciolo e Marcella Davola, mentre le poesie vincitrici saranno declamate dai lettori Renato Albanese, Adele Rombolà, Maurizio Pantano e dagli stessi autori su musiche scelte dal Maria Elena Garrì, che curerà l’aspetto multimediale, artistico e scenografico.

Intermezzi musicali saranno eseguiti dal Gruppo artistico musicale “Multitasking” formato dagli alunni dell’Istituto comprensivo statale “Murmura” di Vibo Valentia diretti dalla professoressa Giusy Staropoli, voce solista Francesca Mamone. 

  • Pubblicato in Cultura

Lotta all'obesità infantile, successo per la seconda edizione di "A piccoli passi"

Negli ultimi anni su tutto il territorio nazionale si sta assistendo ad un preoccupante incremento dell’obesità infantile (specie nel Meridione) e sempre più precocemente i minori acquisiscono stili di vita che contrastano con una crescita psicofisica sana ed equilibrata, come il precoce uso di sigarette e alcol.

Il numero dei minori “intrappolato” nella rete virtuale è fortemente in crescita e gli interventi di educazione e prevenzione su tali tematiche rivolti ai ragazzi delle scuole superiori, risultano essere sempre meno efficaci in quanto i comportamenti a rischio a volte sono già ben strutturati.

Per tale motivo è opportuno intervenire sui minori quando ancora non si sono radicati tali stili di comportamento.

Lo conferma il successo ottenuto dalla seconda edizione di “A Piccoli Passi”, l’attività di educazione sanitaria interattiva per la scuola primaria, ideata e curata dalle dirigenti della servizio Tutela donne, infanzia e adolescenza dell’Asp di Vibo Valentia, Stefania Fiorellini (psicologa) e Maria Catena Di Renzo (pediatra).

La fase conclusiva dell'attività si è svolta nei giorni scorsi con gli istituti comprensivi di Mileto–Paravati e Tropea.

In tali circostanze, gli alunni delle terze classi elementari coinvolte hanno relazionato sulla loro esperienza formativa, con diverse modalità espressive trattando le tematiche: fumo e alcol, internet e tecnologia, alimentazione e attività fisica.

I 130 studenti che hanno preso parte al progetto,hanno collaborato con le insegnanti Brosio, Valente, Varone e Rettura per Mileto e Paravati e Macrì, Di Bella, Esposito e Pizzirusso per Tropea.

Oltre agli alunni sono stati presenti all’incontro genitori, insegnanti, dirigenti scolastici e sanitari.

L’inizio dei lavori a Paravati è stato preceduto dai saluti del responsabile della servizio Tutela donne, infanzia e adolescenza, Orlando Cartisano e dal dirigente scolastico dei due istituti comprensivi, Giuseppina Prostamo.

In entrambi gli istituti, a conclusione dei lavori, Stefania Fiorellini e Maria Catena Di Renzo hanno consegnato a ciascun alunno l’attestato di “Promotore di buona salute”.

 

Tutto pronto per il "Tropea cipolla party"

Prenderà il via domani (26 aprile) e proseguirà fino a domenica prossima, la manifestazione “Tropea cipolla Party”, che vedrà protagonista, in qualità di partner ufficiale, il Gal “Terre Vibonesi”, che avrà un proprio spazio e curerà gli eventi di promozione dei prodotti d’eccellenza del territorio, a partire dalla “regina rossa”.

“Obiettivo del Gal – sottolinea il presidente Vitaliano Papillo – è sostenere la promozione delle filiere agroalimentari e artigianali e le produzioni d’eccellenza locali, integrandole con l'offerta turistica e sviluppando forme associative tra enti pubblici e soggetti privati territoriali”.

Durante la tre giorni, alcuni ristoranti selezionati serviranno piatti d’autore nella splendida cornice del centro storico tropeano, nel quale chef internazionali si cimenteranno in esibizioni culinarie dimostrative ed interattive.

Protagonisti dei momenti curati dal Gal, saranno: lo chef Francesco Mazzei, celebre per tre ristoranti di successo aperti a Londra, protagonista di tante trasmissioni televisive della Bbc e ideatore dell’evento “No Waste, cucinare senza spreco”, che da anni utilizza il “made in Calabria” per promuovere i propri piatti e valorizzare la “Dieta mediterranea”, attraverso ingredienti “poveri” e salutari come la cipolla di Tropea e la ‘Nduja di Spilinga; il giovane chef stellato calabrese Antonio Biafora, discendente di seconda generazione da una famiglia di ristoratori di San Giovanni in Fiore, che punta a realizzare il sogno di un locale dove il dialogo cuoco e ospite sia facilitato dal racconto della passione e della curiosità che spingono alla creazione dei piatti legati ai profumi della Calabria; il giovane chef stellato calabrese Nino Rossi, considerato tra i “fautori della ristorazione contemporanea del Sud”, che opera all’interno di “Villa Rossi”, piccolo covo creativo settecentesco di famiglia a Santa Cristina d’Aspromonte, dove porta avanti il suo motto: “Ricordare sempre la cultura del posto in cui viviamo per conservare la nostra identità”.

Un’identità che il Gal “Terre Vibonesi” punta a valorizzare e promuovere in campo locale e internazionale.

  • Pubblicato in Cultura

Lancia dalla finestra uno zaino con 220 grammi di marijuana, ragazzo in manette nel Vibonese

Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Questa l'accusa con cui è finito in manette M.L.F., 21 anni, di Parghelia, nel vibonese.

Ad arrestate il giovane sono stati i carabinieri della Stazione di Tropea.

In particolare, dopo aver notato un strano via vai di gente da un'abitazione, i militari hanno deciso di vederci chiaro disponendo una perquisizione domiciliare. 

Giunti davanti al portone d'ingresso della casa da controllare e suonato il campanello per farsi identificare, gli uomini dell'Arma avrebbero visto volare da una finestra uno zaino, lanciato da un ragazzo.

I carabinieri hanno, quindi, recuperato la sacca, al cui interno hanno rinvenuto 11 panetti di marijuana, per un totale di 220 grammi.

Una volta identificato il proprietario dello stupefacente in M.L.F., i militari hanno formalizzato l'arresto in flagranza, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Al termine delle formalita di rito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, il giovane è stato posto ai domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

  • Pubblicato in Cronaca

Frontale tra un'auto e un furgone, un morto e un ferito grave nel Vibonese

Tragico incidente lungo la Strada provinciale 17 Vibo-Tropea, nei pressi del bivio di Zungri.

Nell'impatto, che ha coinvolto un minibus Ford Transit ed una Fiat Punto, ha perso la vita l'autista dell'utilitaria, Francesco Piccolo, 42 anni, di Tropea.

Ferita in maniera grave, anche una persona che viaggiava a bordo del furgone e per la quale si è reso necessario l'intervento dell'elisoccorso.

I feriti lievi sono stati, invece, trasportati in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale di Vibo Valentia.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i vigili del fuoco del Comando provinciale vibonese ed i carabinieri della Compagnia di Tropea.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS