Tragedia sfiorata a Vibo Valentia, albero cade su auto in sosta

Tragedia sfiorata a Vibo Valentia dove, intorno alle 7.10 di oggi, un pino marittimo di alto fusto è caduto su viale Affaccio.

 L’albero, alto più di 5 metri, si è abbattuto su un’auto in sosta dopo aver tranciato alcuni cavi del telefono.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco del locale Comando provinciale che hanno rimosso l’enorme tronco con l’ausilio di una gru.

Solo per un caso fortuito non si sono registrati danni a persone.

  • Pubblicato in Cronaca

Mancato finanziamento del Festival Leggere & Scrivere, Tassone: “Basta umiliazioni per il Vibonese, Spirlì trovi una soluzione immediatamente”

“La maggioranza di centrodestra che governa la Regione dimostra, ancora una volta, di essere pronta solo ad azioni di facciata, mentre quando è il momento di valorizzare le migliori esperienze culturali, si volta dall’altra parte, forse per la vergogna determinata dall’incapacità di programmare correttamente”.

Il consigliere regionale Luigi Tassone non manda giù il mancato finanziamento del Festival Leggere & Scrivere e chiama alle proprie responsabilità “quanti a parole sbandierano l’interesse per la crescita culturale, ma con i fatti producono una vistosa regressione”.

“Proprio quando, dopo anni difficoltà – sostiene Tassone – Vibo Valentia stava riuscendo ad emergere, diventando la Capitale italiana del libro, ecco che l’insipienza politica e amministrativa interviene in maniera devastante provocando un paradosso incomprensibile. Quello che oggi viene fuori è che Vibo Valentia è considerata dalla Regione come una Cenerentola da non calcolare, forse per potersi meglio concentrare su ciò che più aggrada. A poco valgono i commenti postumi: qui servono azioni concrete e immediate perché c’è anche un danno d’immagine non indifferente”.

Alla luce di questa situazione, Tassone invita “la Giunta Spirlì a svegliarsi e a trovare una soluzione adeguata, perché la comunità vibonese è stanca di subire umiliazioni”. “Speriamo – conclude Tassone – che questi mesi che ci separano dalle elezioni passino in fretta, perché la Calabria non può più permettersi beffe e autogol”

  • Pubblicato in Politica

A Vibo il recital del pianista Ettore Carucci

Giovedì prossimo, alle ore 18, nell’ambito della stagione dei concerti di Vibo Valentia, all’Auditorium dello Spirito Santo andrà in scena un recital del pianista jazz Etttore Carucci.La manifestazione, sostenuta dal Mic Direzione generale Spettacolo dal vivo, è organizzata congiuntamente da Ama Calabria e Conservatorio di Vibo Valentia.

Diplomatosi in pianoforte classico, grazie alla sua versatilità Ettore Carucci è riuscito a conquistare prestigiosi palchi che, in un susseguirsi di esperienze sempre più gratificanti, lo hanno portato a collaborare e a suonare con i migliori jazzisti di fama internazionale tra i quali Benny Golson, Gerry Bergonzi, Eric Marienthal, Tom Kennedy, Philip Catherine, Sonny Fortune, Tony Scott, Kim Plainfield, Lincol Goines, Anne Ducros, Paolo Fresu, Gegé Munari, Giorgio Rosciglione, Maurizio Giammarco, Marco Tamburini, Dario Deidda, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Alfredo Paixào. Nel 1993/94 ha frequentato i seminari di “Siena Jazz” e “Umbria Jazz” vincendo due borse di studio. Nel 2001 ha partecipato al Festival di “Umbria Jazz” e al “Festival Jazz d’Orvieto” con il Berklee Award Group.

Attualmente è impegnato in vari progetti artistici propri e non, suonando in Italia e all’estero. Docente presso il "Saint Louis College Of Music" di Roma e il Conservatorio di Musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia. Ha registrato 8 dischi come bandleader 38 come sideman e 20 compilation.

Ettore Carucci propone un programma con alcuni grandi capolavori del repertorio jazz tra cui Round Midnight di Thelonious Monk, Blame it on my youth: O di Oscar Levant, L’ultima scena di un film di Ettore Carucci, In a sentimental Mood di Duke Ellington, Giant steps di John Coltrane, I didn’t Know what time It was di Richard Rodgers cui si aggiunge una Improvvisazione sul tema di The Sick Doll di Piotr Tchaikovsky.

Ulteriori informazioni sul concerto possono essere tratte al link: https://www.amaeventi.org/evento/ettore-carucci/

  • Pubblicato in Cultura

Vibo, Rotary Hipponion: parte la sfida di Gilberto

Parte la sfida di Gilberto Floriani da oggi alla guida del Rotary Club Hipponion dei Vibo Valentia.

La sua sfida è alta: pensa ad un progetto per rimuovere, in rete con istituzioni, enti, imprenditori e associazioni, le criticità esistenti nel territorio e nel contempo promette nuovo impulso alla inderogabile azione di inversione di rotta sul sistema Rotary che è chiamato a compartecipare alla realizzazione del più avanzato modello Calabria che è stato licenziato di recente dalle pagine della rivista “Calabria Rotary”.  

Gilberto Floriani dopo aver indossato il collare di Presidente del Rotary Club Hipponion di Vibo Valentia per la stagione 2021/2022 nel corso della cerimonia del passaggio di consegne, svoltasi all’hotel 501, avverte che la prossima settimana riunirà il neo consiglio direttivo composto anche da Maria Giovanna Fusca (Past President), Leonardo Sganga ( Presidente eletto), Cinzia Ieracitano (Prefetto), Teresa Saeli (Segretario), Maria Teresa Rosano (Segretario esecutivo), Eleonora Cannatelli, Gaetano Di Tocco e Riccardo Montoro (Consiglieri).

Intanto in occasione del passaggio del testimone sono stati insediati ufficialmente l’Interact del Liceo Scientifico “G. Berto” con Presidente Paola Crupi e l’Interact del Liceo Classico “M. Morelli”, presieduto da Vincenza Caparra. Promotori, rispettivamente, Eleonora Cannatelli e Bianca Cimato.

Quasi a voler significare che la componente giovane assume un ruolo di forte ed intenso impegno nel disegno complessivo del Club e che è rivolto a potenziare la spinta del nuovo Distretto Calabria 2102.

“Il Club non può concedersi soste – esordisce il Presidente Gilberto Floriani -   nel corso del suo indirizzo di saluto dopo il congedo di Maria Giovanna Irene Fusca e  conferma che l’iniziativa legata al recupero della rivista “Calabria Rotary”, voluta dal decano ed emerito Presidente dei Past Governor del Distretto Calabria 2102, Vito Rosano,  e gli effetti della nomina della città a capitale italiana del libro per il 2021, rappresentano gli obiettivi del progetto in corso e che vede il Rotary impegnato in una serie di iniziative che hanno come momento importante una rivisitazione sul modo di investire sulla cultura del sapere e non solo.”

A fungere da battistrada continua ad essere il manifesto editoriale pubblicato su “Calabria Rotary” da Vito Rosano che sta proiettando l’azione del Rotary in una sorta di rivoluzione politica e culturale che coinvolge l’elite, e non solo, di Rotary e del virtuoso sistema del fare che sta emergendo in Calabria. 

“Cerchiamo nuove idee ed energie socio culturali ed imprenditoriali – aggiunge Gilberto Floriani – perché la costruzione di una aggregazione che vede impegnati le intelligenze del Rotary e della società calabrese possa portare alla realizzazione di una svolta che nasce sulla scuola dei nuovi saperi che deve incidere profondamente sulla ripartenza della Calabria.”

Sembra scontato che saranno gli effetti della programmazione legati allo sviluppo del programma Vibo Valentia capitale della cultura per il 2021 a determinare la scaletta degli obiettivi immediati e a lungo termine.

“La nostra è una realtà che guarda al recupero della più avanzata credibilità dell’Associazione fondata da Paul Harris e come tale orienta il suo impegno sulla necessità di impegnare il territorio in uno studio che offra nuove prospettive di sviluppo, in via preminente, per le piccole, medie e grandi imprese.”

La Calabria è in piena sofferenza e città come Vibo Valentia e dintorni non possono non godere degli effetti straordinari derivanti dal riconoscimento culturale di qualche mese fa.

Significa che la più piena ripresa del Festival Leggere & Scrivere, che resiste agli impietosi attacchi di chi è lontano dalla concreta idea che una crescita socio economica ed imprenditoriale non può non avere come presupposto ideale la promozione e lo sviluppo del territorio, è fondamentale per aiutare una delle realtà più promettenti della Calabria a diventare competitiva.

Oggi non avrebbe senso progettare il futuro immediato di questa città senza avvalersi del contenuto e dei possibili effetti conseguenziali oltre che attendere agli obiettivi legati al riconoscimento notificato dal Ministro Dario Franceschini. 

Gilberto Floriani parte da questa idea per ricordare che sono già sul tavolo del confronto e che attendono una immediata quanto qualificata discussione nuovi momenti di svolta per restituire, tra l’altro, all’hinterland vibonese un ruolo di primo piano.

A Vibo il recital della pianista Maria D’Agostino

Domani, alle ore 18, nell’ambito della stagione dei concerti di Vibo, presso l’Auditorium dello Spirito Santo avrà luogo un recital della giovane pianista Maria D’Agostino. La manifestazione, sostenuta dal Mic Direzione generale Spettacolo dal vivo, è organizzata congiuntamente da Ama Calabria e Conservatorio di Vibo Valentia.

Maria D’Agostino, nata a Polistena nel 2001, ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di quattro anni presso la Scuola di Musica “Mille e una nota” di Polistena con la mamma, la pianista Luciana Mammola. Ha proseguito con il M° Sergio Coniglio, con cui ha conseguito con il massimo dei voti e la lode il Triennio in Pianoforte presso il Conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia. Ha seguito corsi di perfezionamento e masterclass con docenti di chiara fama, come il M° Aquiles Delle Vigne e il M° Antonio Ballista. Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra cui il Concorso Nazionale Pianistico A.M.A. Calabria, il Concorso Internazionale “Giovani Musicisti Città di Paola”, il Concorso Musicale Nazionale “Città di Barcellona Pozzo di Gotto”, il Concorso Nazionale "Promenade" di Pizzo, il Concorso Nazionale per Giovani Talenti “Maggio al Musicale” di Cinquefrondi, il Concorso Nazionale di Musica “Magna Grecia” di Gioiosa Jonica, il Concorso Nazionele Senocrito di Locri; ha ottenuto il secondo posto al Concorso Internazionale “Vincenzo Scaramuzza” di Crotone, al Concorso Pianistico per Giovanissimi “Antonio Trombone” di Palermo e al Concorso Musicale Nazionale “Luciano Luciani” di Cosenza; ha ottenuto il terzo posto al Concorso Internazionale per Giovani Musicisti “Città di Barletta” e al Danubian Talent International Music Competition di Budapest. Si è esibita in diverse occasioni come solista per varie associazioni, come l’Associazione Musicale Valdarnese nell’ambito della Rassegna Pianistica “Concerti al Museo” di San Giovanni Valdarno, A.M.A. Calabria nell’ambito della Rassegna “I Concerti del Giovedì” di Vibo Valentia, alla Rassegna Musicale “Nicotera Nascosta”, nell’ambito del Vib’Opera Giovani e al Salone delle Feste di Polistena per la Scuola di Musica “Mille e una Nota”, per l’Associazione “Girolamo Marafioti” e per la delegazione francese di Moyeuvre-Grande. Si è inoltre esibita nella Mozarteum Solitary Hall di Salisburgo. Ha suonato come solista dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia nel Concerto in Fa Maggiore di G. Paisiello e nel concerto K488 di W. A. Mozart, diretti dal M° Elia Corazza.  Sta frequentando il Secondo Livello in Pianoforte nella classe del M° Sergio Coniglio presso il Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia e parallelamente studia Musicologia all’Università la Sapienza di Roma. Recentemente ha contribuito alla stesura del Volume I dei Quaderni di Analisi curati dal Prof. Domenico Giannetta per le edizioni del Conservatorio di Musica Fausto Torrefranca con un saggio dal titolo Simmetria ed equilibrio nel Quaderno musicale di Annalibera. Il programma della giovane pianista allieva del conservatorio di Vibo Valentia è interamente dedicato a Chopin e prevede l’esecuzione della Sonata in Si minore n. 2 op. 35, della Fantasie Improptu in Do diesis minore op. post. 66, dello Scherzo in Si minore n. 1, op. 20 e della Polacca in La Maggiore “Eroica”, op. 53.

Ulteriori informazioni sul concerto possono essere tratte al link: https://www.amaeventi.org/evento/maria-dagostino-vv21/

  • Pubblicato in Cultura

Tassone incontra i cittadini di Bivona e Vibo Marina: “Carenza idrica insopportabile, presenterò un’interrogazione per individuare una soluzione”

Questa mattina il consigliere regionale Luigi Tassone, accompagnato dal segretario cittadino del Pd Francesco Colelli, dal consigliere comunale Stefano Soriano e dal dirigente del partito Gernando Marasco, ha incontrato una delegazione di residenti di Bivona e Vibo Marina.

“I cittadini – ha spiegato Tassone a margine dell’incontro – hanno lamentato come, nonostante la rassicurazioni ricevute, diverse vie siano ancora prive di acqua e ciò è motivo di grandi disagi. Inoltre, diversi operatori del settore turistico hanno evidenziato come, a causa della carenza idrica, siano stati costretti a limitare o addirittura chiudere le proprie attività. Al danno materiale si somma quindi quello economico e d’immagine. È evidente che questa insopportabile situazione non può andare avanti e che vanno adottati interventi decisi”.

“È pure emerso – ha aggiunto Tassone – che, fermi restando i problemi della rete idrica, i cittadini si siano confrontati con le Istituzioni locali non trovando risposte sulla precise origini della situazione. Stante la competenza comunale, ma vista la portata della problematica e gli effetti sul sistema turistico, ho deciso di presentare nei prossimi giorni un’interrogazione rivolta all’assessore regionale competente per individuare i motivi specifici delle criticità e per capire, con il coinvolgimento attivo di Sorical, quali siano le azioni più opportune da mettere in pratica nel breve e nel medio-lungo periodo. Va poi verificata la quantità d’acqua immessa nella rete comunale e, nel caso di immissione e pressione regolari, vanno ricercati e risolti i guasti. Sicuramente – conclude Tassone – i cittadini non possono continuare a vivere in questo stato. Ascoltare la loro amarezza e trovare delle soluzioni è un dovere per i rappresentanti istituzionali, che, secondo le rispettive competenze, devono dimostrare presenza ed incisività”.

  • Pubblicato in Politica

Crisi idrica, Tassone incontra i cittadini di Vibo Marina

Il consigliere regionale Luigi Tassone, insieme al segretario cittadino del Pd di Vibo Valentia Francesco Colelli, al Consigliere Stefano Soriano e a una delegazione composta da diversi dirigenti del partito, incontrerà domani mattina i cittadini di Vibo Marina per ascoltare le loro istanze relativamente alla crisi idrica che sta colpendo la zona.

“L’assenza di acqua – sostiene Tassone – è motivo di gravi disagi per la popolazione che, nel periodo estivo, vede moltiplicare le proprie esigenze. Purtroppo, non si tratta di un fatto occasionale, ma di un problema serio con cui i cittadini devono fare i conti e rispetto al quale va trovata una soluzione definitiva. Dover fare a meno di questo prezioso liquido significa veder condizionata pesantemente la propria vita. Inoltre, le attività economiche subiscono perdite non indifferenti, senza contare i danni d’immagine che le località turistiche sopportano e che rischiano di compromettere anche il futuro. Confrontarsi con i cittadini e ascoltare le loro richieste – conclude – può aiutare a pensare insieme a come superare questo problema che nel 2021 è inaccettabile”

  • Pubblicato in Politica

Vibo, giornate di studio su opportunità e sviluppo in agricoltura

“Giornate di studio luglio 2021: opportunità e sviluppo in agricoltura”: questo il tema dell’evento promosso ed organizzato dal Rotary Hipponion di Vibo Valentia con la collaborazione di Comune, Provincia e Gal Terre Vibonesi ed in programma per le ore 10 di giovedì 15 luglio nella sala Consiliare di Palazzo ex Enel, sede dell’Amministrazione Provinciale.

E’ possibile mettere al centro di un confronto tecnico politico una nuova e avanzata idea di opportunità e sviluppo per il rilancio dell’ agricoltura ?

La Calabria ha le sinergie propedeutiche e necessarie per fare rete e ridisegnare un progetto capace di promuovere e rendere competitivo il sistema di un prodotto che cerca la via del successo sulla spinta di una rivisitazione dei comportamenti della classe politica ?

Interrogativi, talvolta inquietanti ma sempre di straordinaria attualità,  che hanno indotto il Rotary Club Hipponion di Vibo Valentia ad inventarsi una “chiamata” per aprire un tavolo di discussione che poi resta un serio e concreto momento di studio nella ricerca di una soluzione che diventa anche standard per ogni settore interessato.

Il Rotary Hipponion, che da tempo ha messo da parte la convinzione che ogni progetto non decolla se non c’è l’attenzione del potere centrale, cambia direzione e intraprende un percorso che ha il sapore di un invito rivolto a classe politica, istituzioni, ma soprattutto imprenditori, per mettersi insieme e fare diventare immediato momento centrale un forte interesse per il conseguimento del più adeguato del bene comune.

Da qui la programmata giornata di studio che metterà di fronte alle proprie e competenti responsabilità chi ha il dovere di non starsene a guardare e a pensare come costruire insieme un obiettivo per trovare nuove opportunità e sviluppo in un’agricoltura che è quasi in agonia e che bussa alla porta, per resistere, di chi ha il dovere di assumersi ogni tipo di responsabilità e propiziare il rilancio.

“L’agricoltura calabrese – avverte Franco Petrolo, vice Presidente del Rotary Club Hipponion – guarda da tempo al suo rilancio ma le criticità esistenti stentano a conoscere una soluzione. L’evento di Vibo Valentia ha la sua importanza proprio perché vede impegnati nel confronto chi in questo momento crede fermamente in un possibile ed opportuno nuovo fermento politico imprenditoriale capace di dare quelle risposte che da tanto tempo ormai l’imprenditore, il lavoratore ed il cittadino consumatore, attendono”. 

Alla chiamata del Rotary Hipponion hanno risposto il Comune di Vibo Valentia, la Provincia, ed il Gall Terre Vibonesi che intende essere una risposta concreta alla richiesta di  tentare di “pensare ed operare insieme”.

Dopodomani, giovedì, ad incominciare dal massimo responsabile alle politiche agricole e sviluppo agroalimentare della Regione Calabria, l’assessore Gianluca Gallo, cui sono state affidate le conclusioni della giornata di studio, dal  tavolo di discussione,  proposto dal Rotary Hipponion, dovranno emergere risposte e non passerelle elettorali.

Anche questa è una scommessa di alta sfida. A compiere analisi, proporre riflessioni e pensare ad un progetto finale condiviso sono stati invitati esperti di forte caratura socio culturale e politico ambientale e soprattutto della politica agricola ed agroalimentare della Calabria.

Il parterre, coordinato dal giornalista Valerio Caparelli, che conosce come le sue tasche la comunicazione ed il marketing territoriale, avrà di fronte inizialmente esperti di forte caratura, prevede gli interventi di  Giuseppe Zimbalatti, direttore generale dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria; Antonino Greco, presidente dei dottori agronomi e forestali della provincia di Vibo Valentia; Giovanni Celeste Benvenuto, titolare dell’omonima azienda, Stefano Caccavari Ceo di Mulin; Emilio Pierpaolo Giordano, direttore del Gal Terre Vibonesi e Francesco Macrì titolare dell’omonima azienda locrese.

Dopo la presentazione di Maria Giovanna Irene Fusca, Past President del Rotary Club Hipponion di Vibo Valentia, che spiegherà i motivi dell’iniziativa rotariana, i saluti del sindaco Maria Limardo, del Presidente della Provincia Salvatore Solano e di Vitaliano Papillo, Presidente del Gal Terre Vibonesi.       

Sottoscrivi questo feed RSS