Comune di Vibo, Wanda Ferro replica al Pd

“Il Partito democratico vibonese guardi in casa propria, senza tentare maldestramente di strumentalizzare il mio intervento sulla situazione politico-amministrativa a Vibo Valentia”.

È quanto afferma il deputato  Wanda Ferro, commissario provinciale di Fratelli d’Italia a Vibo, che prosegue: “Ribadisco che la mia è stata una richiesta di confronto tra le forze di maggioranza alla luce del momento delicato che sta attraversando la città. Una riflessione esclusivamente politica - che attiene appunto alle mie responsabilità di partito e non certo al mio ruolo istituzionale - e che in alcun modo ha inteso mettere in discussione la fiducia di Fratelli d’Italia nel sindaco Limardo. Le sue competenze politiche e professionali le hanno consentito certamente di compiere la scelta più equilibrata, rassicurando le forze politiche rispetto al rischio che l’agenda politica sia dettata dall’attesa della conclusione delle inchieste giudiziarie o dagli esiti di eventuali verifiche degli organi di controllo sull’azione amministrativa dell’Ente. Dal canto nostro non consideriamo ricevibili richieste politiche, tantomeno lezioni di etica, da chi piuttosto dovrebbe fare i conti con le proprie responsabilità, dopo aver amministrato a vari livelli, per la situazione drammatica in cui sono piombati la città di Vibo Valentia e il suo territorio”.

  • Pubblicato in Politica

I vigili del fuoco portano la Befana a Vibo Valentia

Nella serata di ieri (5 gennaio) i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno aiutato la Befana a scendere dalla torre campanaria del municipio del capoluogo di provincia. Ad attendere la vecchina una folla festante di bambini che ha sfidato le avversità atmosferiche della fredda serata. Il grande pupazzo di cartapesta che rappresentava la Befana è sceso, con l'ausilio di un'autoscala dei pompieri, dalla torre campanaria del municipio alta oltre 20 metri, raggiungendo la piazza e lanciando caramelle e buoni regalo. Oggi, invece, i vigili del fuoco accompagneranno la Befana nel reparto di pediatria dell'ospedale di Vibo Valentia.

Rapina due donne e si dedica allo shopping

Rapina due donne e si dedica allo shopping. Per questo motivo un 47enne, Mario Pagano, è stato tratto in arresto dagli agenti della polizia di Stato di Vibo Valentia.

In particolare, l'uomo è stato sottoposto a fermo, perché ritenuto responsabile di una rapina e di un furto con destrezza avvenuti nella giornata del 30 novembre scorso.

Per gli investigatori, Pagano avrebbe strappato la borsa ad un'anziana donna, cui avrebbe procurato lesioni giudicate guaribili in 30 giorni.

Dopo circa due ore, avrebbe rubato la borsa ad un’altra donna, traendola in inganno con una scusa.

Una volta messi a segno i due colpi, il 47enne, approfittando del Black Friday, avrebbe usato la carta di credito sottratta ad una delle vittime, per spendere oltre duemila euro in profumi e capi d'abbigliamento griffati.

I poliziotti della Squadra mobile hanno quindi avviato le indagini che hanno permesso non solo d'individuare il presunto responsabile, ma anche di recuperare parte della merce acquistata con la carta di credito di una delle vittime.

 

Vibo: i vigili del fuoco rimuovono rami pericolanti

I vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia sono intervenuti ieri, in piazza Garibaldi, in prossimità di Palazzo Gagliardi, nel capoluogo di provincia, in seguito alla caduta di alcuni rami di palma su autovetture in sosta. Una volta giunti sul posto, i pompieri hanno delimitato l'area è dopo aver fatto rimuovere le vetture in sosta, hanno tagliato i rami pericolanti.

  • Pubblicato in Cronaca

Vibo, il Pd vara il nuovo coordinamento cittadino

Il Partito democratico di Vibo Valentia ha varato il nuovo coordinamento cittadino.
 
L'organismo è composto da: Laura Arena, Claudia Gioia, Samantha Mercadante, Gernando Marasco, Francesco Colelli, Carmelo Apa, Antonio Iannello. Si consolida così,
 
"La nuova classe dirigente - si legge in una nota - saprà costruire nuovi orizzonti per il bene della città. In riferimento alle elezioni regionali nell'accogliere favorevolmente la candidatura di Callipo, auspichiamo in linea con la segretaria nazionale l'unità dell'area riformista e progressista".
  • Pubblicato in Politica

Tutto pronto per il convegno "Le prospettive della donazione e del sistema trasfusionale in provincia di Vibo"

Quale futuro ci si deve aspettare per il sistema trasfusionale e della donazione sangue nella provincia di Vibo? È la domanda che si pongono, e porranno ai vertici dell’Asp, i rappresentanti dell’Avis regionale e provinciale nel convegno: “La donazione ed il sistema trasfusionale nella provincia di Vibo Valentia”, previsto per le ore 16:30 di martedì 3 dicembre presso l’aula consiliare della provincia.

Un tema delicato e importante, quello della donazione del sangue, il cui sistema in Italia fa parte del Servizio sanitario nazionale ed eroga prestazioni di diagnosi e cura di medicina trasfusionale.

Ridisegnato dalla legge 219/2005 il modello attuale prevede il coinvolgimento del Servizio sanitario e delle associazioni di volontariato ed è considerato a livello internazionale uno tra i migliori.

I centri trasfusionali (Sit), autorizzati dalle regioni nel rispetto dei “requisiti minimi organizzativi, strutturali e tecnologici”, sono strutture ospedaliere dedicate alla gestione delle attività trasfusionali.

Da maggio 2017, tuttavia, al Sit di Vibo è stata sospesa l’attività di raccolta sangue. Una situazione che carica sulle spalle dell’associazione di volontariato un peso ed una responsabilità enormi, poiché, complice anche la carenza di medici, personale ed apparecchiature, un minimo inconveniente potrebbe determinare il blocco del sistema e, conseguentemente, il calo di sacche raccolte e l’aumento del rischio per chi ha bisogno di trasfusioni.

E, se la struttura trasfusionale non verrà messa in condizioni di poter operare, anche per la raccolta di plasma da aferesi, previsto nella “Programmazione regionale plasma e medicinali plasma derivati”, la provincia di Vibo Valentis non potrà contribuire all’incremento richiesto, quale strumento per la riduzione dell’acquisto di plasma derivati dal libero mercato.

Di questo grave impasse e delle misure eventualmente in serbo per superarlo si parlerà nell’incontro del 3 dicembre.

Moderati dal giornalista Valerio Colaci, dopo i saluti delle autorità, interverranno la presidente provinciale Avis di Vibo, Caterina Forelli, il presidente Avis provinciale di Catanzaro, Pietro Parrottino, il presidente Avis Calabria, Rocco Chiarino, e, per l’Azienda sanitaria, il direttore generale reggente, Elisabetta Tripodi, ed il direttore del centro trasfusionale, Pasquale Nicola Rovito.

Seguirà la consegna del riconoscimento Fidos, “Croce al merito internazionale del sangue”, a Tommaso Mandaliti, componente della segreteria provinciale Avis, fondatore e già presidente delle comunale di Capistrano.

Vibo, allerta meteo: rinviata la presentazione del libro "Gotha"

La presentazione del libro “Gotha”, organizzata dal Rotary Club Hipponion di Vibo, in programma domani (lunedì 25 novembre), alle ore 10, all’Auditorium Spirito Santo, è stata rinviata “sine die” per una possibile allerta meteo prevista sulla zona.
 
All’evento erano interessati sopratutto gli studenti delle scuole superiori di Vibo il cui spostamento, in caso di maltempo alla sede dell’evento sarebbe divenuto problematico.
  • Pubblicato in Cultura

Sanità, i sindaci delegano Tassone e Scaturchio ad incontrare il dg dell’Asp: “Ritardi vanno superati, il territorio ha bisogno di risposte”

Si è svolta, su convocazione del presidente della Conferenza dei sindaci Luigi Tassone e con il contributo del componente del Comitato ristretto di rappresentanza Raffaele Scaturchio, la riunione dei sindaci del Distretto di Serra San Bruno avente ad oggetto lo stato della sanità nel Vibonese.

I sindaci si sono soffermati, nel dettaglio, sulla “grave situazione degli ospedali di Serra San Bruno e Soriano Calabro e sulle molteplici carenze della rete territoriale”.

Anche in considerazione del particolare contesto storico-sociale, caratterizzato da possibili mutamenti degli equilibri politico-amministrativo e dell’assetto dirigenziale derivanti dalle prossime elezioni regionali, i sindaci hanno delegato Tassone e Scaturchio ad “un’attenta interlocuzione con il direttore generale dell’Asp di Vibo Valentia Elisabetta Tripodi al fine di superare i ritardi accumulatisi in merito a quanto già autorizzato con l’Atto aziendale, oltre che allo sblocco delle assunzioni” e a “vigilare sulle azioni che, sulla base di questa interlocuzione, dovranno essere messe in campo per dare risposte concrete agli utenti”.

I primi cittadini si sono riservati di promuovere, eventualmente ed in base alle evoluzioni dello scenario, una mobilitazione per la difesa del diritto alla tutela della salute.

Nelle prossime settimane, il presidente della Conferenza dei sindaci Luigi Tassone convocherà un incontro con i sindaci del Distretto di Tropea per “fare il punto sulla Sanità nel territorio di competenza e per individuare opportune determinazioni da adottare

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS