Viabilità nelle Serre, segnali incoraggianti dal vertice in prefettura

Si è svolta oggi presso la Prefettura di Vibo Valentia, una riunione relativa alla problematica della viabilità nel territorio delle Serre vibonesi. L’incontro, seguito ai due precedenti tenutisi nei giorni 7 e 28 agosto scorsi, è servito per definire lo stato dell’attività ad oggi svolta dagli enti a suo tempo coinvolti (Regione Calabria, amministrazione provinciale, Anas, Calabria Verde, Consorzio di bonifica, Parco regionale naturale delle serre). Alla riunione, come già avvenuto nelle precedenti, hanno partecipato i rappresentanti degli enti, i sindaci di Fabrizia, Mongiana, Nardodipace ed i rappresentanti di alcuni comitati spontanei di cittadini.

“Nel corso dell’incontro – si legge nel resoconto della riunione - si è preso atto, in particolare, del prosieguo dei lavori di manutenzione straordinaria, da parte della Provincia, sulla S.P.n.9.  I medesimi lavori, resi possibili attraverso le somme, corrispondenti ad 135 mila euro, provenienti da economie di lavori precedenti, risultano ad oggi in fase di conclusione.

Per quanto riguarda, invece, la S.P. n. 58, è in corso, sempre da parte dell’Amministrazione provinciale, la redazione di un progetto per complessivi  300 mila i cui lavori saranno presumibilmente appaltati nei primi mesi dell’anno 2020.

Confermato, inoltre, per la strada ex. 110, assegnata per la sola gestione all’ANAS, l’investimento, da parte del predetto Ente, nell’ambito del complessivo finanziamento di 15 milioni di euro disposto per la medesima strada, di 500 mila euro per interventi di manutenzione ricorrenti, pronto intervento ed emergenza su tutta la tratta ricadente nella provincia di Vibo Valentia, dal bivio Angitola al confine provinciale.

Il rappresentante della Regione Calabria, pur evidenziando la mancanza di competenza dell’ente nella manutenzione delle strade, ribadisce la disponibilità dell’ente stesso a supportare economicamente eventuali progetti al riguardo presentati dall’amministrazione provinciale. 

L’Azienda Calabria Verde e il Consorzio di bonifica Terreno Vibonese hanno entrambi ribadito la consueta e già sperimentata disponibilità a fornire il loro supporto, su richiesta dei comuni interessati e nell’ambito di specifiche convenzioni con gli stessi, ai fini della manutenzione della viabilità urbana ed extraurbana,mediante lavori, tra l’altro, di pulizia delle cunette, di sfalciamento dell’erba ai bordi delle strade, nonché di rimozione di detriti conseguenti a frane di piccole dimensioni.

 Il commissario del Parco naturale regionale delle Serre ha riferito di aver ricevuto da parte della Regione Calabria il finanziamento di 680 mila euro per la realizzazione di una ciclovia che da Fabrizia porta a Chiaravalle Centrale e che il 20 per cento di tale somma potrà essere utilizzato già entro la fine del corrente mese, ai fini della realizzazione di lavori riguardanti, in particolare, la segnaletica e il ripristino del manto bituminoso.

I sindaci dei comuni di Fabrizia, Mongiana e Nardodipace, nel dare atto dell’importanza del tavolo tecnico costituto dal prefetto, hanno dichiarato la propria soddisfazione per i risultati finora conseguiti e per le iniziative intraprese dai competenti organi allo scopo di migliorare ulteriormente la situazione della viabilità.

I Comitati hanno auspicato la soluzione dei problemi legati allo stato di precarietà delle strade”.

  • Pubblicato in Politica

A Vibo si parlerà delle "Competenze infermieristiche acquisite"

Si svolgerà i prossimi 28 e 29 novembre, presso il Palazzo Santa Chiara di Vibo Valentia, la seconda edizione del convegno “Le competenze infermieristiche acquisite”.

Il programma dell’iniziativa organizzata da Cives Vibo Valentia, con il patrocinio dell'Opi vibonese, prenderà il via alle 14 di giovedì 28 novembre, con la prolusione di Etleva Ramaj che parlerà del “ Sistema della Protezione Civile e il Volontariato Infermieristico: la mia esperienza alla missione Arcobaleno, nel campo di Valona (Albania)”.

Seguirà, quindi, l’intervento di Nicola Ielapi che svilupperà il tema: “Skin tears: fattori di rischio e classificazione”.

La prima giornata si concluderà con la relazione di Nicola Salvatore Conciatore su: “Assistenza al paziente con ictus ischemico: interventi urgenti – fase riabilitativa”.

I lavori riprenderanno alle 9 di venerdì 29 novembre, con l’intervento di Giuseppe Romeo che parlerà degli “Aspetti teorico – pratici dell’intraossea in tutte le fasce di età”.

Sarà poi la  volta di Eleonora Trusculescu che si soffermerà sulla “Sanità digitale – Cartella infermieristica informatizzata”.

I lavori si chiuderanno, quindi, con l’intervento di Antonio Francesco Elia che relazionerà su: “Picc, midline e mini midline: impianti usi e competenze”.

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo, la Prefettura di Vibo Valentia ha convocato l'unità di crisi

"In via preventiva, la Prefettura di Vibo Valentia sta monitorando, da ieri pomeriggio, domenica 10 novembre, la situazione del territorio, in considerazione del previsto maltempo. Già stamani, il prefetto ha disposto, per le ore 12,30, la convocazione dell’Unità di crisi che, in via preventiva, ha fatto il punto di situazione, senza che fossero evidenziate criticità. Tale riunione conseguiva alla ricezione (ieri, domenica 10) del messaggio di allertamento unificato con codice Arancione per le Cale 3 e 8, che ricomprendono, tra l’altro, il territorio vibonese. Intorno alle ore 14 odierne è poi pervenuto il messaggio di allertamento unificato con codice Arancione su cala 3 e codice Rosso su cala 8. A seguito di tale secondo messaggio meteo, il prefetto ha ritenuto di riconvocare la medesima Unità di crisi nel pomeriggio odierno. Non sono state comunque segnalate criticità particolari. Il monitoraggio continua senza interruzioni e l’Unità di crisi si intende permanentemente allertata e, ove necessario, il prefetto provvederà ad ulteriore convocazione della medesimo organismo in prefettura".

È quanto si legge in una nota diffusa dalla Prefettura di Vibo Valentia.

  • Pubblicato in Cronaca

Vibo, grande successo per la due giorni scientifica su “Cuore, cervello e dintorni”

Successo per la due giorni scientifica su “Cuore, cervello e dintorni”, svoltasi al 501 hotel di Vibo Valentia, che ha visto partecipare alcune tra le più prestigiose firme della medicina cardio vascolare e neurologica internazionale.

Il focus sulla conoscenza ed applicazione del più complessivo e innovativo sistema di interazione dall’alleanza cardio cerebro vascolare alla cardio neurologia incomincia a conseguire obiettivi che aiutano il cittadino ad avere sempre più contezza sul modo di fare sanità in un ospedale anche se attaccato da insidie, difficoltà e criticità che spesso ne compromettono la più ideale funzione di diagnosi, intervento e cura. L’esito dell’inedito meeting, volto a presentare e far discutere su un tema di straordinaria attualità come “Cuore, cervello e dintorni”, ha confermato l’efficacia di una indovinata scelta.

L’intento degli organizzatori che mirava a verificare se allo “G. Jazzolino” è diventato possibile, nel quadro di una medicina più avanzata, affrontare un concreto piano di prevenzione per le più disparate patologie di natura cardio vascolare e neurologica, è perfettamente riuscito. Proprio sulla funzione della struttura sanitaria vibonese e su come indirizzare l’attività verso la più adeguata erogazione dei servizi, Ciro Indolfi, Presidente della Società italiana di cardiologia, tra gli altri e tra i più seguiti, ha espresso un suo severo giudizio sulle non poche criticità esistente “perché è grave – ha sottolineato- avere centri di eccellenza se intorno non c’è una medicina territoriale ed una area ospedaliera efficiente”.

Appello che evidentemente rivolge, conseguentemente, alla politica invitata a farsene carico con più convinzione. Alfredo De Nardo, oltre che responsabile scientifico dell’evento, dirigente medico della Cardiologia del “G. Jazzolino”, Michele Comito e Franco Galati, questi ultimi, rispettivamente, direttori delle unità operative di Cardiologia Utic e Neurologia Stroke Unit, si sono congedati dal riuscito appuntamento scientifico, dopo aver fatto proprio il ricco bagaglio di novità, esperienze e conferme scaturito dai più che interessanti interventi dei tantissimi e prestigiosi esperti del mondo cardio vascolare e neurologico italiano che nel contesto delle tredici sessioni hanno mantenuto sempre alta l’attenzione della gremitissima sala moquette. Attesa e molto applaudita anche la relazione del giovane medico vibonese, Arturo Consoli, primo aiuto del primario Georges Rodesch, della Neuroradiologia Interventistica dell’Hôpital Foch di Parigi.

C’è in sostanza da ribadire che la due giorni, presieduta da Michele Comito e Mimmo Consoli, ha, infatti, confermato che il progetto sperimentale è sulla strada maestra e che bisogna crederci fino in fondo avendo individuato, nel percorso legato strettamente agli studi delle diagnosi, all’interventistica e alle cure e terapie, un nuovo metodo per aumentare il livello di successo. La presenza di eccellenze della sanità italiana e internazionale ha fatto salire l’interesse verso lo svolgimento dell’evento.

Alfredo De Nardo e Michele Comito hanno, inoltre. pensato di riconoscere, pubblicamente, con la consegna di due opere d’arte, in argento e bronzo, realizzate dall’orafo Pietro Topia, l’impegno e la disponibilità verso l’unità operativa di Cardiologia e Utic di due personaggi di grande levatura internazionale come Ciro Indolfi e Michele Gulizia, quest’ultimo Presidente della Fondazione “Per il tuo cuore” di Catania che diffonde la cultura della prevenzione delle malattie cardio cerebro vascolari.

“La sanità ospedaliera vibonese – ha commentato, al termine, lo stesso Alfredo De Nardo - si è giovata in questa circostanza di lezioni scientifiche altamente significative che unite ad altre ci permettono di guardare verso il conseguimento di una buona sanità ospedaliera. L’ospedale c’è nella sua essenza, cosi come pensando ad un futuro più adeguato a garantire ancor meglio la legittima domanda di salute dei cittadini, non si può non credere nel talvolta difficoltoso ma sempre appassionato e competente impegno di quanti, con i medici, svolgono una intensa e faticosa opera di assistenza ai vari livelli. Mi corre, infine, l’obbligo di ringraziare il management aziendale, in particolare il Dg Elisabetta Tripodi, e lo faccio anche a nome del direttore dell’U.O. Michele Comito per la qualità del supporto e delle risposte fornite alle nostre esigenze organizzative quotidiane per sempre meglio garantire la salute dei cittadini.” 

  • Pubblicato in Cultura

Vibo: arsenale nascosto dietro un muro con su scritto rito d'affiliazione alla 'ndrangheta

Un arsenale di armi e munizioni, ma anche un rito d'iniziazione alla 'ndrangheta impresso su un muro, oltre a contanti e marijuana già divisa in dosi.

È quanto hanno scovato, durante un’intera giornata di controlli e perquisizioni, i carabinieri a Vibo Valentia e nella frazione di Piscopio.

L'attività, condotta dai militari del Nucleo investigativo e della Compagnia di Vibo Valentia, dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e della squadra artificieri di Reggio Calabria, rientra nell'ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio disposti in seguito alla sparatoria di qualche settimana fa a Piscopio, costata la vita al 21enne Salvatore Battaglia.

Parte dell'arsenale era occultata nelle mura perimetrali di un'abitazione ed è stato rinvenuto con l'ausilio di una telecamera a sonda utilizzata dai carabinieri nel corso di una perquisizione, durante la quale sui muri perimetrali è stato trovato un rito d'affiliazione alla 'ndrangheta, con su scritto i nomi dei tre cavalieri della c.d.copiata, ovvero Minofrio, Mismizzo, Misgarro.

Dopo aver sequestrato quanto rinvenuto, gli uomini dell'Arma hanno arrestato una persona che, al termine delle formalità di rito, è stata tradotta nel carcere di Vibo Valentia.

Lunghissimo l'elenco delle armi ritrovate: un fucile d’assalto AK 47 kalashnikov, sei fucili di vari modelli, di cui due a pompa ed uno a canne mozze, una mitragliatrice calibro 9, una pistola semiautomatica, un giubbotto antiproiettile, un passamontagna, tre caricatori per pistola, oltre 700 cartucce di vario calibro, quasi ottanta apparecchi d'innesco, polvere da sparo e, ancora, un centinaio di grammi di marijuana per la maggior parte suddivisa in dosi già imbustate singolarmente e pronte per essere spacciate.

Altri due familiari dell’arrestato sono stati denunciati, uno perchè trovato in possesso di denaro contante di cui non ha saputo giustificare la provenienza e l’altro perché trovato in possesso di quasi 300 cartucce di vario calibro.

Inoltre, nelle vicinanze dell'abitazione, i carabinieri hanno rinvenuto due pistole, una calibro 40 Smith&Wesson e una semiautomatica, un silenziatore, tre caricatori, svariate cartucce e 250 grammi di marijuana.

A Vibo una due giorni scientifica internazionale sulla "nuova" cardio-neurologia

Venerdì 25 e sabato 26 ottobre l’hotel 501 di Vibo Valentia ospiterà i lavori di un meeting scientifico internazionale su una nuova frontiera emergente della medicina avanzata che da poco ha avviato il suo percorso anche in Calabria: la cardio-neurologia.

Un pool di specialisti cardiologi e neurologi, di levatura internazionale e nazionale, per la prima volta, si confronteranno sull’avviata applicazione della nuova branca che studia le connessioni e le patologie cardio cerebro vascolari che in fase critica coinvolgono, contemporaneamente, “cuore e cervello”.

In Calabria si registrano i primi effetti positivi presso la struttura ospedaliera del “G. Jazzolino” di Vibo Valentia che attraverso la già avviata interazione delle unità operative di Cardiologia-Utic e Neurologia Stroke Unit, coordinate, rispettivamente, da Michele Comito e Franco Galati, ha iniziato il suo percorso sperimentale avvalendosi delle più attuali indagini diagnostiche e cure terapiche.

La cardio-neurologia vibonese si sta, infatti, occupando di gravi e delicate patologie cardio- cerebro- vascolare in fase acuta e non, Ictus, Tia, Sindrome coronarica acuta ed altre malattie correlate, puntando sull’utilizzo della trombolisi, della terapia contro la sincope e la morte improvvisa con l’ impianto di pace meker compatibili, di defibrillatori cardiaci e registratore sottocutaneo dei battiti cardiaci con durata fino a tre anni che consente di effettuare diagnosi sulle cause delle sincopi di tachicardie ed altro.

I primi risultati appaiono più che incoraggianti. L’evento di Vibo Valentia ha una sua caratura internazionale per la presenza, tra gli altri, di autorevoli e prestigiosi esperti del mondo della cardiologia e della neurologia.

“Il meeting – ha spiegato alla vigilia Alfredo De Nardo, responsabile scientifico dell’evento e dirigente dell’Unità operativa Cardiologia.Utic del presidio ospedaliero di Vibo Valentia che ha voluto, con il direttore della stessa unità operativa, Michele Comito, la realizzazione della due giorni scientifica internazionale - nasce anche dalla motivazione di suggellare l’alleanza cardio-cerebro-vascolare che esiste giorno per giorno tra le due unità operative interessate dell’ ospedale “G. Jazzolino” di Vibo che affrontano, quotidianamente, le sfide riguardanti le patologie che coinvolgono il cuore ed cervello, oltre che dalla necessità di confrontarsi con gli altri centri della Regione, d’Italia ed Internazionali sui nuovi studi, sulle tematiche delle nuove terapie farmacologiche e non e sulle nuove possibilità diagnostiche che vengono utilizzate sopratutto in campo internazionale. In particolare – ha spiegato, tra l’altro, Alfredo De Nardo - la fibrillazione atriale, le malattie aterosclerotiche, la stroke unit, l‘ischemia di possibile origine cardioembolica, il Tia, le aritmie cardiache.”

Tra gli altri interverranno Ciro Indolfi, Presidente nazionale della società italiana di cardiologia, Ambasciatore della Cardiologia Italiana negli Stati Uniti e Direttore della unità operativa di Cardiologia Interventistica all’Università Magna Graecia di Catanzaro; Franco Perticone ordinario di Medicina Interna dello stesso ateneo catanzarese; Furio Colivicchi, Presidente Nazionale designato della Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri; Michele Gulizia presidente della Fondazione “ Per il Tuo Cuore “ di Catania, la più importante e prestigiosa Onlus della Sanità Italiana; Stefano Strano dell’Università La Sapienza di Roma, coordinatore Nazionale della Task Force dell’ Anmco; Francesco Romeo Direttore della U.O. di Cardiologia dell’ Università Tor Vergata di Rom e Giuseppe Ciconte del Policlinico San Donato di Milano.

Prevista anche la partecipazione di due giovani medici vibonesi, Arturo Consoli e Giuseppe Rosano, che presenteranno le loro esperienze scientifiche svolte, rispettivamente, a Parigi e Londra. 

  • Pubblicato in Cultura

Vibo, commissariamento Camere di commercio: Il presidente della Provincia contro il provvedimento di Unioncamere

«È imbarazzante l’insistenza nel perseguire l’obiettivo di sopprimere la Camera di commercio di Vibo Valentia. Così com’è inspiegabile che, dopo l’incontro di Catanzaro, alla presenza del deputato del Movimento 5 stelle Giuseppe D’Ippolito, non vi sia stato un ravvedimento rispetto all’assurda imposizione di Unioncamere, che ancora una volta rischia di indebolire un territorio già debole di suo».

Questo l’incipit delle affermazioni del presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, in relazione alla prospettiva di commissariamento delle Camere di commercio non ancora accorpate, al fine di ritirare i ricorsi pendenti contro la fusione degli enti camerali.

«Pur sforzandomi non riesco a comprendere quale possa essere l’utilità di un eventuale accorpamento, - ha evidenziato il presidente Solano - soprattutto in considerazione dell’efficienza dell’ente e della capacità gestionale dimostrata dall’attuale gruppo dirigente, guidato egregiamente dal presidente, Nuccio Caffo. Come si fa ad ipotizzare una simile soluzione. Ci troviamo di fronte ad un’organizzazione che funziona ed è in attivo e che, paradossalmente, viene indotta a fondersi con una Camera di commercio, quella di Catanzaro, che invece si trova in una situazione di deficit economico-finanziario. Mi auguro che il governo respinga l’assurda quanto inaccettabile proposta di Unioncamere. Nel caso verrà perseguito questo maldestro tentativo - ha infine asserito il presidente Solano - non rimarremo più fermi e supini ad accettare scelte scellerate che, ancora una volta, si perpetuano contro gli interessi di un territorio che invece di essere aiutato viene avversato. Auspico, pertanto, che si levi dal territorio una voce unanime a tutela dell’interesse collettivo del Vibonese».

  • Pubblicato in Politica

Vibo: Settembre in villa riaccende i riflettori sulla città. Conclusa le kermesse iniziata con la sfilata di moda e i gioielli di Gerardo Sacco

Quattro incontri con cui l’architettura della villa comunale ha assunto una forma diversa, si è trasformata con il calore umano fino a far diventare lo spazio pubblico luogo di aggregazione e non già di esclusione. Questo il messaggio lanciato dal bar Cremona e da Magico Evento che hanno voluto offrire alla città momenti di condivisione, di promozione e creatività.

Un ciclo di eventi patrocinato dall’amministrazione comunale, guidata da Maria Limardo, iniziato alla grande con “ModArt in villa”, grazie al quale i commercianti hanno offerto al numeroso pubblico presente un’anteprima delle loro collezioni autunno-inverno.

Ospite d’eccezione l’orafo Gerardo Sacco che ha portato a Vibo Valentia la sua collezione di gioielli storici, dal “cuticchie” – la sua prima creazione – a quelli di scena, utilizzate dalle star di Hollywood.

A far da cornice la collettiva di artisti che ha trasformato la villa comunale in galleria all’aperto.

A seguire il “Pizza party”, attraverso il quale i bambini hanno avuto l’opportunità di partecipare al laboratorio per acquisire la tecnica di preparazione della pizza, praticata in tutte le fasi: scelta degli ingredienti, impasto, lievitazione e cottura.

Per continuare, “Aperitivo a quattro zampe”, un momento di integrazione tra persone e cani con esperti di addestramento e consigli per l’igiene dell’animale.

E per concludere, “I giochi di un tempo”, una sorta di confronto generazionale tra genitori e figli, consentendo a quest’ultimi di partecipare attivamente ai giochi di un tempo, quelli che scandivano le giornate dei loro genitori e che si svolgevano in strada.

“Con queste iniziative – ha spiegato Francesco Franzè gestore del bar Cremona – abbiamo voluto creare momenti di partecipazione attiva dei cittadini. Ogni singola iniziativa è stata ideata e pensata con l’obiettivo di coinvolgere la popolazione in momenti di crescita collettiva”.

Un ciclo di eventi, ha aggiunto Maria Stella Fresca, responsabile di Magico Evento, ideate per promuovere “momenti di svago dal contenuto culturale. Iniziative gratuite per tutti – ha aggiunto – che hanno preso avvio con la serata pensata per promuovere e incentivare lo shopping in centro, per proseguire con iniziative destinate principalmente ai bambini. Iniziative uniche per Vibo, progettate in perfetta sintonia con l’amministrazione comunale, che testimoniano il desiderio dei cittadini di essere parte attiva in ogni processo di crescita culturale, sociale ed economica”.

Sottoscrivi questo feed RSS