Giovane accoltellato durante una lite

Un cittadino marocchino di 24 anni è stato ferito con un coltello, durante una lite con connazionali, avvenuta la notte scorsa a Quattromiglia di Rende. 

Il giovane, originario di Rose (Cs), è ora ricoverato nell'ospedale di Cosenza con ferite da arma da taglio al volto e ad un braccio.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri ed i sanitari del 118.

  • Pubblicato in Cronaca

Accoltellamento a Vibo Valentia, si costituisce il giovane responsabile

Si è conclusa la ricerca, condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, del responsabile dell'aggressione, avvenuta sabato scorso, di due ventenni feriti con un oggetto appuntito nei giardinetti pubblici della città.

I due giovani che stavano pacificamente facendo rientro a casa, dopo la serata trascorsa con i propri amici, sono stati colpiti alle spalle ed hanno riportato lesioni rispettivamente alla clavicola ed al gluteo.

L'autore del gesto, che domenica mattina ha aggredito un 13enne, si è costituito, la scorsa notte, presso il Comando Stazione di Vibo Valentia.

Il giovane D.D., di nazionalità romena, che dovrà risponde del reato di lesioni, dopo le formalità di rito è stato riaccompagnato a casa ed affidato temporaneamente alla madre, in attesa di essere accolto e preso in cura in una struttura adeguata alle sue problematiche comportamentali.

 

Giovane muore dopo essere stato accoltellato durante una rissa

Rissa fatale per un 23enne di Cosenza, che ha perso la vita dopo essere stato accoltellato.

Un altro ragazzo, di origini campane, ferito in maniera non grave, è stato ricoverato nell'ospedale di Cetraro.

La rissa, che ha visto protagonisti due gruppi di giovani, è scoppiata all’alba davanti ad un locale di Diamante, sulla costa tirrenica cosentina.

Oltre ai sanitari del 118, sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per fare luce sull’accaduto

  • Pubblicato in Cronaca

Accoltella il vicino di casa che si lamenta per gli schiamazzi, 50enne arrestato nel vibonese

Un 50enne, Raffaele La Rosa, è stato arrestato a Rombiolo, con l'accusa di tentato omicidio.

L'arresto è scattato in seguito ad una chiamata alla centrale operativa della Compagnia carabinieri di Tropea, con la quale veniva segnalato l'accoltellamento di un uomo.

Giunti sul posto, i militari hanno identificato la vittima, un 46enne, G.C., di Presinaci che ha fornito le prime indicazioni sull’identità dell'aggressore.

Pochi minuti dopo, il presunto responsabile del ferimento si sarebbe assunto la responsabilità del gesto, dichiarando che a scatenare l'alterco con il vicino di casa sarebbe stata la lamentela mossa dalla vittima, per gli schiamazzi prodotti sul pianerottolo dai suoi figli.

Il 46enne, che presentava due ferite alla faccia ed all’addome, è stato sottoposto ad intervento chirurgico, presso l’ospedale di Vibo Valentia.

Anche il 50enne è stato costretto a ricorrere alle cure mediche, a causa di un taglio alla mano provocato dall’arma utilizzata per compiere l'aggressione.

Dopo le formalità di rito, La Rosa è stato rinchiuso nel carcere di Vibo Valentia.

Accoltella un uomo, arrestato 53enne

Un 53enne di Crotone è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della città pitagorica con l’accusa di lesioni personali.

L'uomo è ritenuto responsabile del ferimento di una persona presentatasi, ieri, al pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni di Dio affermando di essere stata accoltellata.

Intervenuti sul luogo e seguendo le tracce di sangue, i poliziotti sono arrivati in prossimità di un chiosco dove si trovava il 53enne che ha cercato di darsi alla fuga.

Una volta bloccato, gli agenti hanno notato che l'uomo presentava un taglio al dito mignolo della mano sinistra, oltre a diverse tracce ematiche sui pantaloni e sulla maglietta.

Il presunto accoltellatore è stato, quindi, posto ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Lite tra coinquilini finisce a coltellate

I Carabinieri della Stazione di Monasterace hanno tratto in arresto UWEZE Solomon, 26enne del posto di origini nigeriane, colto nella flagranza di lesioni personali aggravate e violenza privata.

Lo stesso, a seguito di dissidi per futili motivi avvenuti con il coinquilino, un 32enne pakistano, gli avrebbe provocato delle lesioni utilizzando un coltello e, successivamente, gli avrebbe strappato dalle mani il telefono cellulare per impedire che questi chiedesse aiuto alle FF.OO. Solo l’immediato intervento dei Carabinieri ha impedito che la situazione degenerasse.

I militari dell’Arma, nel corso della perquisizione domiciliare hanno rinvenuto sia il coltello utilizzato per l’aggressione, sia il telefono cellulare della vittima che sono stati sottoposti a sequestro.

Sul posto è stato richiesto l’intervento del “118” che ha prestato le cure necessarie alla parte offesa riscontrandola affetta da: “ferita da taglio alla mano destra ed escoriazioni al terzo e quarto dito della mano destra”.

  • Pubblicato in Cronaca

Accoltella il fratello che viene ricoverato in prognosi riservata: arrestato

I carabinieri, a seguito di richiesta pervenuta sull’utenza di pronto intervento “112”, coordinati dal capitano Gianluca Piccione, sono intervenuti a Melito Porto Salvo, dove dinanzi la propria abitazione giaceva agonizzante Francesco Crispo, di 30 anni del luogo, già noto alle Forze dell’ordine, il quale presentava diverse ferite da arma da taglio sul fianco e sul braccio sinistro.

Il medesimo, dopo essere stato soccorso dalla locale guardia medica, è stato trasportato da personale del 118, in codice rosso, al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, dove gli sono state riscontrate “ferite da taglio multiple” e ricoverato in prognosi riservata.

Le immediate indagini avviate in loco dai carabinieri con l’ausilio dell’Aliquota Operativa e della locale Stazione, hanno consentito di stabilire che, poco prima, al culmine di un violento alterco avvenuto per futili motivi, la vittima era stata attinta da diversi fendenti sferrati dal fratello convivente Andrea Crispo, di 22 anni, già noto alle Forze dell’ordine, che è stato pertanto tratto in arresto poiché ritenuto responsabile di tentato omicidio aggravato. 

L’arrestato, terminate le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale “Arghillà” di Reggio Calabria a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

19enne accoltellato nella notte: è ricoverato in prognosi riservata

Un ragazzo di 19 anni è ricoverato dopo essere stato ripetutamente accoltellato nel corso della notte. Le ferite hanno interessato l'addome e diversi altri punti del corpo. L'episodio si è verificato a Vibo Valentia. I medici dell'ospedale "Jazzolino" presso cui è stato trasportato non hanno ancora sciolto la prognosi. Sei le coltellate che gli sarebbero state inferte. Sebbene sanguinante, ha avuto la forza per arrivare al Pronto Soccorso del nosocomio cittadino. Poco dopo il personale sanitario, resosi conto della gravità delle lesioni subite dal giovane, lo ha sottoposto ad un complesso intervento chirurgico. L'attività investigativa sulla vicenda è affidata ai Carabinieri della locale Compagnia che si sono attivati per individuare responsabili ed origini del grave fatto di sangue. Nelle scorse ore i militari dell'Arma hanno già sentito diversi familiari della vittima del tentato omicidio. Ascoltati, non sarebbero stati, tuttavia, in grado, di dare spunti rilevanti ai fini dell'indagine. 

   

Sottoscrivi questo feed RSS