La Calabria al National Geographic Festival delle Scienze di Roma, gli appuntamenti in programma oggi

La Calabria sarà presente con ben tre diversi appuntamenti al National Geographic Festival delle Scienze di Roma, che si svolge oggi a partire dalle 16 e che vede in cartellone scienziati, fisici e artisti di fama internazionale.

Alle 19,25: “Il cielo stellato sopra di me... La legge morale dentro di me”, una conversazione tra Sandra Savaglio, astronoma e astrofisica e ora anche assessora all’Università, Istruzione e Ricerca, e il filosofo Sergio Givone.

Alle 21,15: “Storie di calendari” Francesco Vizza, direttore dell’Istituto di Chimica Dei Composti Organo Metallici di Firenze e originario di Cirò, parlerà del calendario gregoriano, intuizione di Luigi Lilio, scienziato del XVI secolo originario anche lui di Cirò.

A partire dalle 21,20: “Il solstizio d’estate visto dal telescopio della Sila”, Sandra Savaglio e Antonino Brosio, responsabile scientifico del Parco astronomico Lilio di Savelli (Kr) attiveranno a distanza il telescopio professionale del Parco (riaperto grazie al sostegno della Regione Calabria) per osservare, asteroidi, nebulose, supernove e la galassia della celeberrima foto del buco nero.

 Tre appuntamenti fortemente voluti dal direttore del National Geographic Festival delle Scienze, Vittorio Bo, che ci ha tenuto a  chiudere la scaletta del fitto programma con l’affascinante osservazione dei corpi celesti dal cielo della Sila calabrese.

A moderare sarà Marco Motta, giornalista di Radio 3 Scienza.

“L’occasione – dichiara l’assessora  Savaglio - di fare un viaggio nell’universo restando comodamente seduti a casa. Io da Marano, Brosio da Rosarno e voi dal vostro angolo di mondo”.

 Per seguire tutti gli appuntamenti basta collegarsi a uno dei canali di riferimento di seguito elencati:

 Canali Auditorium Parco della Musica 

www.auditorium.com

https://www.facebook.com/AuditoriumParcodellaMusica/

Pagina Facebook ufficiale del National Geopraphic Festival delle Scienze

https://www.facebook.com/NationalGeographicFestivaldelleScienze

Pagina Facebook di Codice Edizioni

https://www.facebook.com/CODICEEDIZIONI

  • Pubblicato in Cultura

Serra, il cielo stellato della Certosa per il “Festival calabrese dell’astronomia”

L'associazione serrese  Passepartout.up (che si occupa principalmente di progetti Erasmus+) si dedicherà per un giorno alla passione dei propri soci fondatori: l'astronomia. Salvatore Albano, scrittore, divulgatore scientifico ed editor per la rivista “Coelum astronomia”, assieme agli attivisti del Planetario Pythagoras di Reggio, ha accolto con entusiasmo l'invito dell'associazione serrese ad organizzare, per il prossimo 21 agosto, una tappa della terza edizione del “ Festival calabrese dell’astronomia”, evento del tutto inedito per il comprensorio delle Serre.
 
La manifestazione culturale, inserita nel calendario di “Serrestate 2019”, si prefigge lo scopo di coinvolgere appassionati e curiosi che vogliano approcciarsi a questa scienza. Nello specifico il Comune di Serra ha ricevuto due proposte progettuali da parte dei sodalizi coinvolti e ha fatto da collante per la realizzazione dell'evento. Da una parte Passepartout.up con il supporto del Planetario Pythagoras e della Sait e dall'altra l'idea di Salvatore Albano rispetto alla divulgazione scientifica. A partire dalle 18 dunque, gli organizzatori terranno un convegno dal titolo “Vi lu dicu jìo – raccontare l’astronomia”, a cura di Salvatore Albano e della prof.ssa ed esperta del “Planetario Pythagoras” Melania Borzumati. Alle 21 appuntamento nel piazzale del museo della Certosa per la serata astronomica con osservazione del cielo anche al telescopio
 
«Percorsi nel cielo di fine estate. Dall'inizio della sua storia – ha raccontato l’esperta  Melania Borzumati – l'umanità intera ha sempre rivolto lo sguardo in alto per osservare stelle, pianeti e fenomeni celesti prima ad occhio nudo e poi con gli strumenti.  Adesso questa conoscenza, un tempo tanto popolare, ha lasciato il posto ad una nuova realtà. Seguiamo importanti notizie astronomiche ma non sappiamo più individuare il Polo Nord. Da questa bellissima città, ancora illuminata dalla via lattea, riscopriamo insieme perché il cielo è un patrimonio per tutti e di tutti, da proteggere».
 
«Uno dei cardini che costituisce il fascino dell'osservazione delle stelle – ha detto da parte sua  Salvatore Albano – è oltre la bellezza, una distanza smisurata. Caratteristica dimensionale che rappresenta una delle principali attrattive che inducono l’interesse verso questa affascinante materia. Ma quanto è grande l'universo? Una delle maggiori difficoltà è proprio quella della rappresentazione in termini terrestri delle distanze in gioco. Cominceremo a valutare, tramite dei semplici esempi, le distanze astronomiche rapportate alla nostra quotidianità. Attraverso la costruzione di un modellino del Sistema Solare in scala ridotta, potremmo farci un'idea delle distanze che ci separano dalle stelle più vicine. Questo è, in estrema sintesi, l’argomento che tratterò prima di passare all’osservazione vera e propria».
 
L’evento sarà organizzato dall’associazione Passepartout.up di concerto col “Planetario Pythagoras” di Reggio Calabria, la “Società astronomica italiana”, la Città metropolitana di Reggio Calabria e grazie al patrocinio del Comune di Serra San Bruno. Per info e dettagli in merito alla partecipazione all’evento è possibile contattare i numeri 3282811901 – 3505335131 o scrivere alla pagina Facebook Passepartout.up.
  • Pubblicato in Cultura

Plutone mai visto, nelle spettacolari immagini della Nasa

Plutone come non lo avete mai visto. Le immagini mozzafiato del "pianeta nano" sono state diffuse dalla Nasa attraverso i suoi suoi canali social. Riprese dalla navicella New Horizons, i fotogrammi offrono la possibilità di ammirare i crateri, le montagne e le superfici ghiacciate del corpo celeste. Per gli esperti, quelle in questione saranno per diversi decenni le migliori immagini di Plutone che gli esseri umani potranno vedere. Per accedere al video clicca qui

 

Sottoscrivi questo feed RSS