Fabrizia, chiusura banca: il Comitato civico ringrazia Viscomi

Riceviamo e pubblichiamo

"Il comitato cittadino di Fabrizia desidera esprimere il più sentito ringraziamento per l'apprezzabilissimo lavoro svolto dal deputato Antonio Viscomi per l'impegno e il lavoro svolto per impedire la chiusura dell'agenzia della Bper banca di Fabrizia. IL contributo e la fattiva collaborazione del Deputato Antonio Viscomi sono stati preziosi se non indispensabili per il raggiungimento di un importante obiettivo, quello di evitare ulteriori disagi economici e sociali da noi più volte denunciati e sollevati anche tramite la collaborazione e la denuncia da parte di sindacati di categoria quali U.Di.Con. e associazioni come Codacons. Va riconosciuta nel Prof. Viscomi l'esclusività come politico nell'interessamento al nostro territorio, infatti nonostante il nostro invito tramite manifestazioni, raccolta firme, consiglio comunale, articoli di giornale ecc..ecc.. oltre al prof. Viscomi e alle amministrazioni comunali di Fabrizia, Nardodipace e Mongiana nessun esponente politico ha espresso solidarietà e interesse per il problema che sta interessando il nostro territorio. Nel ringraziare ulteriormente il prof. Viscomi con l'augurio che il problema venga risolto per il bene del futuro territorio di Fabrizia invitiamo il prof. Viscomi a far visita al nostro amato paese".

 

Comitato cittadino Fabrizia 

  • Pubblicato in Politica

Fabrizia, Viscomi (Pd) interroga il governo: “La chiusura della banca genera una vera emergenza sociale"

Riceviamo e pubblichiamo

"Ho presentato oggi una interrogazione in Commissione attività produttive, per chiedere ai Ministri dell’Interno, per il Sud e per lo Sviluppo economico di assumere un'iniziativa specifica relativamente alle conseguenze socialmente rilevanti derivanti dalla paventata chiusura dell’agenzia della Bper Banca in Fabrizia, in provincia di Vibo Valentia, territorio ricadente in un’area interna in particolari condizioni di disagio per quanto riguarda la mobilità e i collegamenti con gli altri centri. La chiusura della filiale crea seri e gravosi disagi alla popolazione locale ed alle attività economiche del territorio come più volte e reiteratamente denunciato anche da un comitato spontaneo di cittadini. In effetti, quella chiusura crea di fatto una condizione di emergenza sociale che può ragionevolmente essere considerata non meno grave di una emergenza occupazionale, e quindi, al pari di questa, meritevole di una azione proattiva e sinergica da parte delle autorità pubbliche, ai vari livelli della filiera istituzionale. Tale azione proattiva non può che essere orientata ad assicurare condizioni minime per lo svolgimento delle attività economiche ed a scongiurare il rischio concreto di prevedibili e comprensibili effetti di spopolamento. A tal fine parrebbe quanto meno opportuno promuovere l’istituzione, da parte delle competenti autorità governative, anche tramite la locale Prefettura, di un tavolo di confronto al fine di verificare con la direzione aziendale della predetta banca, nonché con le autorità pubbliche locali, l’esistenza e la fattibilità di soluzioni alternative in grado di ridurre o almeno contenere contenere l’impatto sociale della decisione aziendale. Ciò premesso, ho chiesto ai Ministri interrogati se sia loro intendimento intervenire con una specifica azione proattiva al fine di mitigare e comunque governare le conseguenze socialmente rilevanti delle scelte aziendali, quali quelle della citata Bper Banca, consistenti di fatto nella delocalizzazione delle attività di produzione di beni e servizi all’interno del territorio nazionale con conseguenze penalizzanti per le aree più deboli del Mezzogiorno. Pertanto, ho chiesto ai Ministri interrogati di attivare un tavolo di confronto - anche tramite la competente Prefettura e la partecipazione delle autorità pubbliche locali nonché del comitato civico spontaneo che raccoglie la protesta dei cittadini di Fabrizia - al fine di verificare l’esistenza e la fattibilità di soluzioni alternative in grado di contenere l’impatto socialmente rilevante, sia sulle attività economiche sia sulla quotidianità personale, della paventata chiusura dell’agenzia della Bper Banca di Fabrizia".

On. Antonio Viscomi - Deputato Pd

  • Pubblicato in Politica

Fabrizia, l'U.Di.Con prende posizione contro la chiusura della banca

“Le affermazioni del responsabile della Direzione territoriale Mezzogiorno della Banca popolare del Mezzogiorno e le motivazioni che dovrebbero giustificare la chiusura della sede di Fabrizia della Bper Banca, non ci convincono”. 

È quanto afferma il presidente nazionale U.Di.Con. Denis Nesci, che chiede ai vertici dell’istituto bancario di rivedere le proprie posizioni.

“Non credo – afferma Denis Nesci - che ragioni economiche, ovvero riorganizzazione aziendale possano e debbano compromettere l’offerta di servizi ad una comunità locale abitata da una utenza che si trova in una posizione geograficamente disagiata e che necessita assolutamente la presenza di uno sportello bancario già presente sul territorio da oltre 100 anni. Qualora codesta Direzione non ne fosse informata, i cittadini di Mongiana, Nardodipace, Serra San Bruno, Brognaturo, Spadola e Simbario – che gravitano intorno al centro di Fabrizia e che costituiscono la clientela di codesta Banca – subirebbero enormi disagi per la decisione di chiusura.  L’ U.Di.Con da me rappresentata protesta vivamente per una decisione unilaterale che penalizza un territorio in crescita, una intera zona che ha sempre profuso e profonde ogni sforzo per conservare le proprie radici storiche. L’ U.Di.Con. si opporrà in ogni sede ad una decisione che non è condivisa dalle migliaia dei residenti della zona per il suo carattere penalizzante, mortificante ed ingiusto”.

“La decisione unilaterale ed improvvisa di Bper Banca di eliminare la propria storica presenza nel comune di Fabrizia, non tiene conto delle esigenze della propria clientela e sembra dettata non da una effettiva esigenza di razionalizzare la propria struttura, ma da una logica spregiudicata di posizionamento geografico volta a penalizzare il territorio. Inoltre – prosegue Nesci - in un periodo storico come quello che stiamo attraversando, di crisi, in cui già le famiglie e le imprese si sentono depauperate di una serie di servizi e presìdi istituzionali, l’ulteriore venir meno dello sportello bancario, punto di riferimento anche per i suddetti paesi vicini, avrà sicuramente un notevole impatto negativo sul contesto economico e sociale del territorio”.

 “Attendo – conclude il Presidente Denis Nesci - un cortese e rapido riscontro, chiedendo ai vertici dell’Istituto Bancario ed al Prefetto di Vibo Valentia, cui la stessa è diretta in copia, un autorevole intervento a sostegno delle ragioni di territorio che non può essere mortificato”. 

  • Pubblicato in Politica

Fabrizia, il Comitato civico Pro-Bper non si rassegna alla chiusura della banca

Riceviamo e pubblichiamo

 «Alla luce del piano di razionalizzazione con il quale la Banca Bper ha deciso di sopprimere la filiale di Fabrizia, dopo un momento di riflessione, appare doveroso fare delle considerazioni. All’indomani del consiglio comunale aperto che nei giorni scorsi si è svolto proprio su questo punto, il Comitato cittadino si chiede se l’interrogazione parlamentare promessa dal sindaco di Fabrizia, Francesco Fazio, sia stata avanzata cosi come promesso. Consapevoli della piena legittimità del piano messo in campo dalla Banca sarebbe necessario, infatti, valutare l’incidenza che questa determinazione comporterebbe per il territorio fabriziese e per l’intero comprensorio montano delle Serre. Proprio per questo, un confronto sereno tra Istituzioni amministrative e dirigenza bancaria, riuscirebbe a sciogliere i nodi impedendo che, la decisione, non rappresenti l’ennesimo “scippo” di un servizio ai danni del nostro territorio dove famiglie ed aziende da decenni contano su prestazioni bancarie di qualità. Detto questo, è altrettanto doveroso chiederci come mai i vertici della Bper, o una loro rappresentanza, sebbene invitati abbiano “disertato” sia la manifestazione del Comitato messa in campo per lo scorso 23 gennaio e sia il consiglio comunale aperto dei giorni scorsi. Quali ragioni ostano ad un dialogo costruttivo che contempli le ragioni di entrambe le parti per addivenire ad una soluzione condivisa? Appare, inoltre, curioso che a fronte di un piano di razionalizzazione delle filiali a livello regionale, soltanto alcune sono finite sotto la scure della dirigenza Bper mentre quelle presenti in altre province (Cs) sono state risparmiate. Emblematico è poi il caso del mantenimento di due filiali che distano 5 minuti l’una dall’altra mentre i cittadini fabriziesi per raggiungere quella più vicina dovranno percorrere quasi due ore di macchina, curve e buche permettendo. Anche questa è razionalizzazione? Ringraziamo il senatore del Partito democratico, Antonio Viscomi, che ha mostrato grande sensibilità alla problematica, mentre non è dato sapere le ragioni del disinteresse di altri. L’auspicio e che le Istituzioni e la politica da un lato, la società civile e gli altri comitati territoriali dall’altro si uniscano alla nostra battaglia per fare fronte comune ed impedire che l’ennesimo danno venga perpetrato ai danni di un territorio già martoriato da incuria e dimenticanza».

Il Comitato civico Pro-Bper Fabrizia

Fabrizia all'unisono contro la chiusura della banca

Si è svolto nel pomeriggio di oggi, nell'aula magna della scuola elementare, il Consiglio comunale aperto, convocato per scongiurare la chiusura della filiale Bper di Fabrizia.

In apertura dei lavori, il sindaco Francesco Fazio, ha stigmatizzato l'assenza dei rappresentanti della Bper, i quali "non hanno nemmeno risposto all'invito a partecipare alla discussione".

Fazio ha poi informato i cittadini, in merito alle proposte, declinate, rivolte ad altri istituti di credito, al fine di aprire uno sportello a Fabrizia.

Il sindaco ha poi evidenziato l'impotenza della politica. "La decisione di chiudere la filiale - ha detto - è stata deliberata dal consiglio di amministrazione a Modena; la banca - ha concluso - non la chiude nè il sindaco, nè l’opposizione".

È stata poi la volta del presidente del Consiglio comunale, Vincenzo Costa, per il quale " la chiusura è una cosa seria e non possiamo affrontarla da soli, per questo è stato indetto un consiglio comunale aperto".

Per l'assessore Enzo Iacopetta: "l’obiettivo è far revocare la chiusura, anche perché senza la banca il futuro di Fabrizia sarà compromesso".

A seguire, l'intervento del consigliere Pietro Mamone, che ha ammonito: "bisogna andare di persona a Modena per parlare con i vertici della banca".

Sulla stessa lunghezza d'onda l'intervento del consigliere Giuseppe Suppa, che ha rincarato: "la banca deve rimanere e per fare questo bisogna andare a Modena, dove vengono prese le decisioni e ci possono dare delle risposte".

Per il consigliere d'opposizione Antonio Carè: "bisogna sensibilizzare la Bper di Modena e non parlare dell'eventualità di trovare altri istituti. Questo perché ci sono dinamiche interne per le quali i dirigenti non sanno di chiusure di filiali di paese".

Infine, entrambe le proposte di deliberazione, una della maggioranza (espressione di dissenso e ricerca di altri istituti) e l’altra dell’opposizione (sentire le determinazioni direttamente dalla Bper di Modena), sono state votate all'unanimità.

Acquisito agli atti, anche il documento del comitato cittadino, presentato da Sistina Tassone per chiedere al Consiglio comunale d'instaurare un tavolo di trattative con i vertici della banca e per chiedere l’apertura di uno sportello spoke.

All'iniziativa ha preso parte anche il sindaco di Nardodipace, Antonio Demasi,  per il quale: "assistere all’ennesima spoliazione di questo territorio è come assistere ad un funerale".  

  • Pubblicato in Politica

Fabrizia, chiusura filiale Bper: domani il Consiglio comunale aperto

Si svolgerà a partire dalle 16,30 di domani, la seduta di Consiglio comunale in adunanza aperta, per discutere della chiusura della filiale Bper di Fabrizia.

Unico punto all'ordine del giorno: "presa di posizione ed espressione del dissenso sociale ed istituzionale nei confronti dell'ipotesi relativa alla prospettata chiusura della filiale Bper, nonché individuazione di possibili soluzioni alternative e/o socialmente opportune e soddisfacenti da indicare eventualmente in un resoconto sommario degli interventi".

Per l'occasione, l'assise cittadina si svolgerà nell'aula magna della scuola elementare. 

  • Pubblicato in Politica

Fabrizia, serrata contro la chiusura della banca

Manifestazione di protesta a Fabrizia, contro la chiusura della locale filiale della banca Bper.

Gli organizzatori dell'iniziativa, in programma per mercoledì prossimo (23 gennaio), tramite un volantino, chiamano a raccolta le realtà produttive che operano sul territorio.

Il programma della manifestazione prevede, dalle 11 alle 12, una serrata, cui sono invitati ad aderire, commercianti, artigiani, imprenditori, professionisti, etc..

L'iniziativa culminerà in una dimostrazione davanti alla banca, cui seguirà la consegna, ai vertici dell'istituto di credito, della petizione contro la chiusura della filiale fabriziese.

Fabrizia, chiusura banca: per la minoranza il sindaco affronta la questione in maniera "dilettantesca"

Riceviamo e pubblichiamo

"La paventata chiusura della filiale della Bper di Fabrizia non rappresenta la corsa di chi arriva prima a prendere posizione sulla stampa come ha fatto il sindaco di Fabrizia, spiazzato dal gruppo “Ramoscello d’ulivo per Fabrizia”, ma rappresenta la chiave di volta della comunità fabriziese che si vedrebbe ulteriormente impoverita qualora la chiusura avvenisse, così come ad oggi tutto fa presagire, se la questione non si affronta immediatamente e adeguatamente da parte di tutte le Istituzioni locali assieme ai i clienti e risparmiatori. La disarmanti affermazioni del sindaco…..Si tanto chiudono anche a Catanzaro……denotano la superficialità con la quale la questione la stava affrontando prima che il gruppo di opposizione diramasse il comunicato stampa che lanciava l’allarme per la chiusura della filiale annunciando la richiesta di incontro con i vertici dell’Istituto di Credito e la convocazione del Consiglio comunale. A quel punto non potendo fare altrimenti ha ripiegato su una risposta classica del suo repertorio dilettantesco, non tanto per comprendere quanto grave sarebbe per Fabrizia ed il suo comprensorio la chiusura della filiale, quanto per non essere scavalcato sulle proposte da mettere in campo idonee a scongiurare tale eventualità. Ma ormai era troppo tardi.
Dunque, il gruppo “Ramoscello d’Ulivo per Fabrizia” non solo rilancia e riafferma le iniziative già proposte, da affrontare in una visione d’assieme congiuntamente sul piano istituzionale, ma si assume la responsabilità di proporre ulteriori idee concrete e pragmatiche che vadano nella direzione del mantenimento della filiale Bper di Fabrizia".

Antonio Carè portavoce del “Gruppo ramoscello d’ulivo per Fabrizia”

 

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS