Serra, Figliucci e Regio contro l'amministrazone comunale: "La colpa è sempre degli altri"

“Come volevasi dimostrare, la colpa è sempre degli altri”.

Inizia così una nota dei consiglieri comunali di “Per Serra insieme”, Biagio Figliucci e Vito Regio.

“Anche sull'aumento della Tari – aggiungono - qualche amministratore tenta di scaricare la colpa su qualcun'altro. Senza voler prendere le difese di nessuno, non si comprende su quali dati si afferma che la prosecuzione del progetto sui rifiuti, promosso dall'amministrazione precedente, avrebbe portato all'aumento della tassa di un ulteriore 25%”.

“ Qualcuno – proseguono Figliucci e Regio - omette di dire che la realizzazione di punti di raccolta e dell'isola ecologica, se pur a carico dei contribuenti, avrebbe prodotto un incremento percentuale della raccolta differenziata, con conseguente riduzione dei conferimenti in discarica e notevole risparmio sulla bolletta. Vorremmo sapere dagli attuali amministratori, quali sono oggi i dati della raccolta differenziata, se è aumentata o diminuita, visto che ormai non ne parlano più. Chissà perché?”.

I due consiglieri comunali di minoranza si chiedono, inoltre, “se il Comune provvede alla pesatura dei rifiuti, al momento della loro partenza verso la discarica. È vero, il costo del conferimento in discarica del rifiuto indifferenziato è aumentato, il dissesto non ha inciso direttamente  sull'aumento della Tari, ma quest'ultimo è dovuto all'incapacità dell'amministrazione di gestire al meglio il servizio di raccolta. Senza la realizzazione di un'isola ecologica e di punti di conferimento, la raccolta differenziata a Serra non aumenterà, anzi”.

Infine, con riferimento alla vicenda relativa alla ‘guerra dei carburanti’, Figliucci e Regio scrivono: “Perché invece di spendere soldi per pareri pro- veritate, lasciati poi nel cassetto, non si sono rivolti a professionisti del settore. Forse - è la chiosa finale -  perché loro sanno tutto e i risultati si vedono. Il motto rimane sempre lo stesso: la colpa è sempre degli altri”.

 

  • Published in Politica

Caos drive in a Serra, Figliucci e Regio puntano il dito contro Asp e sindaco

Dopo le prese di posizione di Forza Italia e dell’ex vicesindaco Walter Lagrotteria in merito al caos drive in registrato ieri all’ospedale ‘San Bruno’, arriva anche l’intervento dei Consiglieri comunali di ‘Per Serra insieme’, Biagio Figliucci e Vito Regio.

“Premesso che un sindaco deve essere sempre al fianco dei cittadini – scrivono in una nota gli esponenti della minoranza – è incomprensibile come l’attuale primo cittadino non abbia sentito la necessità di contribuire ad allestire un servizio finalizzato a tenere nel debito conto le esigenze delle persone più indifese e vulnerabili: i bambini”.

Figliucci e Regio si scagliano, quindi, contro quella che definiscono “la scandalosa attesa cui sono stati sottoposti interi nuclei familiari, già sfiancati dall’ansia di aver potuto contrarre il Covid”.

Gli esponenti di ‘Per Serra insieme’, rincarano: “i dieci giorni trascorsi, prima che qualcuno decidesse di effettuare lo screening dei potenziali casi a rischio, evidentemente non sono bastati a predisporre un servizio degno di un paese civile. In una situazione pandemica come quella attuale, anziché limitare il più possibile l’esposizione al contagio, si sono tenute fuori casa decine di famiglie che, per diverse ore, hanno dovuto attendere il loro turno senza che nessuno si sia preoccupato, quanto meno, di predisporre un servizio di assistenza”.

“La disorganizzazione –aggiungono Figliucci e Regio - cui abbiamo assistito, ci induce a pensare che l’Asp non abbia avuto contezza che il drive in avrebbe coinvolto oltre duecento persone, la gran parte delle quali in tenera età. L’attesa - in alcuni casi protrattasi oltre sette ore – è stata oltremodo beffarda per quanti non sono stati neppure sottoposti a screening per mancanza dei tamponi”.

Alla denuncia di quanto accaduto, Figliucci e Regio aggiungono la richiesta di “trasparenza” da parte dell’Asp che, a loro dire, deve “individuare il responsabile della pianificazione e della gestione del drive in”. “A tal fine –aggiungono - vogliamo sapere se l’Asp ha ricevuto un elenco delle persone da sottoporre a tampone e il motivo per il quale i tamponi non sono stati sufficienti a coprire tutte le richieste”.

L’atto d’accusa di Figliucci e Regio non risparmia neppure il sindaco, Alfredo Barillari il quale, a loro dire, “avrebbe dovuto vigilare e intervenite tempestivamente, al fine di prevenire e risolvere l’inverecondo caos cui sono stati sottoposti i cittadini”.

 “Un sindaco – concludono i due consiglieri comunali - meno attratto dai selfie e più ligio ai suoi dovere d’ufficio sarebbe sceso al fianco dei serresi per risparmiare a decine di bambini un disagio imbarazzante e senza precedenti”.

  • Published in Politica

Il maltempo ferma il comizio di “Per Serra Insieme”, Figliucci agli avversari: «Basta offese personali, parlate di programmi»

Da un lato, il perdurare delle avverse condizioni meteorologiche. Dall’altro, l’impossibilità di garantire il distanziamento interpersonale nel contesto delle misure di contenimento per l'emergenza da Covid-19. Non si è potuto svolgere questa sera il pubblico comizio organizzato dalla lista numero 1 “Per Serra Insieme” in vista delle elezioni amministrative in programma il 20 e 21 settembre prossimi a Serra San Bruno.

La manifestazione prevedeva gli interventi dei candidati a consigliere Vito Regio, Giuseppe Ferragina, Domenico Zaffino e Franca Turano. Alla fine, però, l’unico ad aver preso la parola è stato l’aspirante primo cittadino, Biagio Figliucci che, dopo aver manifestato il proprio «dispiacere per via dell’impossibilità di tenere il comizio», si è rivolto agli avversari parlando di «programmi, educazione, rispetto e lavoro, cosa però che non ho visto nelle altre compagini le quali, fino a ora, hanno portato avanti uno spettacolo indecoroso. La gente è stanca di assistere puntualmente alle stesse scene, a comizi nei quali prevalgono le offese personali».

Nel definirsi una persona che «preferisce i fatti alle parole», Figliucci si è detto «dispiaciuto di sapere che ci sono soggetti intenti a screditare il mio nome, quello dei miei candidati a consigliere e quello di quanti lavorano ogni giorno per portare avanti questo progetto. Quando andate nelle case e vi confrontate con le persone, metteteci la faccia. Fatelo con i vostri programmi e, ormai che ci siete, dite anche quale poltrona avete intenzione di riscaldare, perché io, a differenza vostra, non ho partiti politici dietro a cui rendere conto».

Figliucci, nel suo brevissimo intervento, ha parlato anche del progetto che pone al centro i diversamente abili.

«Il nostro intento è di mettere a disposizione di queste persone un edificio comunale, portato avanti da un’equipe psico-pedagogica, coinvolgendo il maggior numero di associazioni di volontariato del territorio. Parliamo di soggetti fragili, che chiedono un briciolo di attenzione, nient’altro. Ed è ciò che faremo dal 22 settembre - ha concluso Figliucci - quando i cittadini ci daranno la possibilità di amministrare per i prossimi cinque anni».

  • Published in Politica

“Per Serra Insieme” si presenta agli elettori. Figliucci:"Mi sono candidato al servizio dei cittadini"

«Potevo stare benissimo dov’ero, seduto sulla mia poltrona, a continuare a fare il mio lavoro di docente e di imprenditore, vedendo così crescere la mia famiglia. Se sono qui, però, è perché ho avvertito un senso di responsabilità forte. Per questo ho deciso di metterci la faccia».

Lo ha detto il candidato a sindaco della lista “Per Serra Insieme” alle Amministrative del 20 e 21 settembre, Biagio Figliucci, intervenuto ieri nel corso del pubblico comizio svoltosi in piazza Monsignor Barillari, a Serra San Bruno.

Oltre all’aspirante primo cittadino, sul palco erano presenti i candidati alla carica di consigliere comunale: Walter Lagrotteria, Domenico Zaffino, Vito Regio, Carlo Valente, Franca Turano, Maria Elisabetta Campese, Valeria Giancotti, Maria Spatula, Fiorella Liberata Vellone, Bruna Capone, Giuseppe Ferragina e Vincenzo Bruno Zaffino.

Di «politica intesa come servizio al bene comune» ha parlato Figliucci, secondo cui Serra negli anni «ha fatto passi indietro, a causa del depotenziamento dell’ospedale, della chiusura dell’Inps, dell’ufficio del giudice di pace e, probabilmente, presto perderemo anche l’Agenzia delle entrate. Il ruolo di sindaco non sarà per me un trampolino di lancio per una ipotetica carriera politica. Le cose che mi interessano sono altre: la mia gente, i miei clienti, i miei alunni e soprattutto la mia famiglia».

Figliucci ha evidenziato anche i vari punti programmatici «che andremo ad attuare», a iniziare dalla collaborazione tra sanità e scuola, perché «in questo momento è importante rimettere in moto l’istruzione e ciò dovrà avvenire in totale sicurezza, soprattutto per coloro i quali si affacciano per la prima volta a questo mondo».

Il candidato a sindaco si è soffermato, inoltre, su altre tematiche: dalla legalità, alla valorizzazione dei boschi, passando per la viabilità, la situazione economico-finanziaria dell’ente, il problema dell’acqua, il lavoro, la valorizzazione della Ztl e il turismo.

Prima ancora ci sono stati gli interventi di alcuni componenti della lista guidata da Figliucci. Valeria Giancotti ha lanciato strali contro il Partito democratico serrese, di cui lei stessa faceva parte.

«Nelle riunioni di partito - ha detto Giancotti - non si discuteva di nulla. Servivamo solo come contenitori di voti, perché alla fine si decideva tutto in una stanza in cui si potevano accomodare solo 4-5 adepti del braciere, perché è così che si definiscono. Non hanno avuto il coraggio di fare una riunione per dire che noi tre consiglieri comunali, gli unici che eravamo tra la gente, non dovevamo più far parte della maggioranza. Ecco perché abbiamo deciso di dare un volto nuovo alla politica serrese». Giancotti ha concluso l’intervento sostenendo che «dopo soli tre giorni dalla mia defenestrazione dall’amministrazione, mi sono vista recapitare dal Comune di Serra San Bruno un atto di demolizione, relativo a presunte opere abusive che riguardano casa mia, ribaltato dal Tar per ben due volte. Cosa avevo fatto di male? Avevo forse dato la possibilità a una ditta di far circolare l’economia? Ho usufruito di una legge, come del resto hanno fatto 600 cittadini serresi. Evidentemente ha disturbato solo casa mia. Chissà perché? Una cosa è certa: non chinerò mai la testa. Condivido le parole del magistrato Nicola Gratteri, quando dice: “Fate politica leale, fate politica trasparente”, perché è esattamente ciò che facciamo noi».

Per Vito Regio «la nostra cittadina ha intenzione di cambiare e credo che questa squadra abbia fatto la scelta giusta. Parlando quotidianamente con molti di voi e non soltanto nelle feste patronali o durante i periodi estivi, ho visto il degrado che Serra sta attraversando. Le logiche clientelari ci hanno tenuto nella preistoria. È tempo di assumersi certe responsabilità. Non hanno il coraggio di dirvi che per 20 anni vi hanno preso in giro. E non mi riferisco soltanto ai componenti della lista “Uniti per Serra”, ma anche a “Liberamente”.

Con alcuni di loro quattro anni fa abbiamo iniziato un percorso, che si è interrotto per una serie di tradimenti, spinti dalla sete di potere. Non venite a dirmi che il vostro è un progetto politico iniziato quattro anni fa, perché non è così».

Riferendosi ai componenti della lista “Per Serra Insieme”, Maria Elisabetta Campese ha parlato di «persone semplici, che vogliono cambiare le sorti della nostra amata Serra San Bruno. Non ho interessi personali e politici da difendere, perché considero questa mia candidatura non un futuro mestiere, ma un servizio nei confronti della comunità. I nostri politici hanno generato solo miseria. Noi, come dice qualcuno, saremo pure dei dilettanti, ma proprio perché abbiamo vissuto, sentito e subito le vostre parole non vogliamo promettere grandi progetti, che non potranno mai essere realizzati». Per Walter Lagrotteria i serresi «dovranno decidere o meno se questo è l’anno zero, per combattere il disagio economico, sociale e culturale», che «non si vede solo se facciamo finta».

Dall’ex amministratore sono arrivate anche parole di elogio nei confronti del proprio candidato a sindaco, il quale «è rimasto a Serra costruendo qui la sua vita e la sua famiglia. Riflettete bene il 20 e 21 settembre, perché qui c’è gente che si è messa in gioco, perché crede che un futuro sia realmente possibile, con Biagio Figliucci sindaco di Serra San Bruno».

  • Published in Politica

Incendiata la casetta in legno dei parcheggi di Santa Maria, Figliucci: «Gesto vile e inqualificabile»

«Ho appreso con sconcerto e profonda amarezza dell’incendio, presumibilmente doloso, che nella tarda serata di ieri ha interessato la casetta in legno situata nei parcheggi di Santa Maria del Bosco».

È quanto afferma il candidato a sindaco della lista “Per Serra Insieme”, Biagio Figliucci, che parla di un «gesto vile e inqualificabile, rispetto al quale bisogna esprimere la più totale condanna. Non è questo il senso del vivere civile che accomuna i serresi perbene e il rispetto verso i luoghi tanto cari alla nostra comunità. Speriamo che le forze dell’ordine, alle quali va la mia gratitudine per il lavoro svolto quotidianamente al servizio dei cittadini, riescano quanto prima ad assicurare alla giustizia i responsabili di un gesto che sarebbe riduttivo definire incivile».

  • Published in Politica
Subscribe to this RSS feed