Calabria, decima scossa di terremoto in meno di 24 ore

Salgono a dieci le scosse di terremoto registrate in Calabria in meno di ventiquattr'ore (Per approfondire clicca qui).

L'ultima in ordine di tempo si è verificata alle 17.19, a Cirò Marina (Kr)

Il terremoto, di magnitudo 2.8 ML, ha avuto origine ad una protondità di 22 chilometri. 

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia avevano registrato, alle 7.56 di questa mattina, un altro terremoto di magnitudo 2.3 ML al largo della costa di Sellia Marina (Cz).

  • Pubblicato in Cronaca

Preoccupante sequenza sismica in Calabria, 8 terremoti in 3 ore

Preoccupante sequenza sismica in Calabria, dove ieri sera, in poco più di tre ore, si sono verificati ben otto terremoti d'intensità compresa tra 2 e 3.4 gradi della scala Richter.

Gli eventi, localizzati nelle acque del mar Ionio catanzarese, si sono susseguiti a partire dalle 21.06, con una prima scossa di ML 2.0.

Alle 21.45, i sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno registrato una nuova scossa di magnitudo 2.3.

Un'ora dopo, alle 23.01, è stato invece rilevato l'evento di maggiore intensità che ha toccato i 3.4 ML.

Tra le 23.02 e le 00.23 si sono susseguiti quindi altri 5 eventi sismici d'intensità compresa tra 2.3 e 2.9 ML.

L'epicentro di tutte le scosse è stato localizzato in un tratto del mare Ionio compreso tra Sellia Marina e Botricello. 

Peraltro, ieri mattina l'Ingv aveva registrato altri due terremoti, rispettivamente ad Albi (2.1 ML) e in prossimità della costa crotonese (2.0).

Calabria, cresce la raccolta differenziata

È cresciuto del 20 per cento il totale dei Comuni calabresi che fanno la differenziata e che sono presenti sul periodico report che il Catasto regionale rifiuti dell’Arpacal pubblica a cadenza annuale.

Da 297 comuni nella prima edizione del novembre scorso, infatti, l’Arpacal ha potuto integrare la presenza di altri 73 comuni, portando il totale dei comuni censiti a 376 su 404, con un valore complessivo che sale dal 73 al 93 per cento sul totale; integrazione, è bene sottolinearlo, espressamente prevista dalla delibera di Giunta regionale del 29 maggio 2017 che regolamenta le procedure di acquisizione dei dati e pubblicazione del Report.

Se il valore dei comuni è sensibilmente salito, quello della differenziata totale cresce, ma non con la stessa tendenza, passando dal 42,90 al 45,3 per cento, e comunque esattamente in linea con quanto il Catasto rifiuti Arpacal aveva preventivato già a novembre scorso. Nelle province il dato cresce con lo stesso trend: Catanzaro passa dal 48,74 al 51,53 mentre Cosenza sale dal 54,84 al 56,78; Crotone sale dal 26,25 al 27,88 per cento, Reggio Calabria dal 34,76 al 37,12 e Vibo Valentia dal 30,39 al 33,41 per cento.   

Questi ed altri dati si desumono dal Report regionale rifiuti - ad integrazione di quello già pubblicato a novembre 2019 e riferito all’annualità 2018 - che questa mattina l’Arpacal ha pubblicato e trasmesso come di consueto al Dipartimento ambiente della Regione Calabria ed all’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

Tornando ai Comuni che grazie a questa seconda finestra hanno potuto integrare, o in alcuni casi trasmettere per la prima volta, i dati all’Arpacal, c’è purtroppo da registrare il perdurare dell’assenza di ventotto comuni, pari al 7 per cento sul totale delle amministrazioni comunali calabresi.

Questa carenza è particolarmente visibile in provincia di Reggio Calabria, dove continuano a mancare all’appello 19 comuni (Antonimina, Bagaladi, Benestare, Bova Marina, Camini, Candidoni, Cardeto, Careri, Casignana, Caulonia, Ciminà, Laureana di Borrello, Martone, Platì, Roccaforte del Greco, Sant’Alessio in Aspromonte, Samo, San Giovanni di Gerace, San Procopio), mentre in provincia di Cosenza sono ancora “out” 6 comuni (Aieta, Albidona, Castroregio, Nocara, Plataci, Verbicaro); due in provincia di Crotone (Castelsilano e San Nicola dell’Alto) ed uno in provincia di Vibo Valentia (Zaccanopoli). La provincia di Catanzaro non ha, invece, comuni mancanti. 

C’è, infine, da registrare che, demograficamente, la popolazione che abita in questi 28 comuni “assenti” è pari a circa il 2% del totale dei residenti in Calabria, incidendo comunque  in maniera marginale sui dati complessivi emersi dal report.

“Occorre lavorare di più – ha commentato il direttore generale dell’Arpacal, dott. Domenico Pappaterra -  affinché anche i Comuni mancanti possano rientrare alla prossima edizione del nostro report. Occorre,  quindi, uno sforzo sinergico tra noi ed il Dipartimento Ambiente della Regione Calabria, magari integrando la regolamentazione del 2017 ed incentivando alla consultazione di banche dati nazionali, per affiancare le Amministrazioni comunali mancanti nel loro percorso di partecipazione a questo report”. 

Alla scoperta dei vitigni autoctoni di Gerace e dei palmenti della Locride

Si svolgerà alle 16.30 di domani (sabato 8 febbraio), presso il Museo Civico di Gerace (Rc), la conferenza sui palmenti della Locride e i vitigni autoctoni di Gerace.

In un momento in cui il turismo enogastronomico è in forte crescita è importante conoscere e valorizzare una delle più importanti tradizioni del territorio calabrese.

L'iniziativa rientra nell'ambito di Passaggi Rupestri nel Mediterraneo, il progetto portato avanti in collaborazione con l'Università di Bologna, nella persona del prof. Adamo Domenico Rombolà, che si propone di valorizzare i territori e contrastare l'abbandono dei luoghi e la progressiva scomparsa delle comunità locali.

Nel corso dell'iniziativa, durante la quale saranno evidenziate le potenzialità inespresse della Locride, sarà proiettando il video sui palmenti, di Antonio Renda e Orlando Sculli.

Al termine della conferenza sarà offerta una degustazione a base di vini prodotti, da Santino Panzera e Orlando Sculli, con uve provenineti da vitigni autoctoni di Gerace conservati in un campo di "salvataggio" nel comune di Ferruzzano.

  • Pubblicato in Cultura

Dalla Calabria a Sanremo con un pronostico: “E se vincesse una donna?”

“E se vincesse una donna?”. In attesa del gran finale, il tifo catanzarese a Sanremo punta tutto sulla magnifica voce di Elodie.

Parola di Monica Minervini, manager del capoluogo la cui agenzia opera da oltre 15 anni nella “città dei fiori” nella gestione di eventi collaterali al Festival. Sempre al suo fianco la bella modella calabrese Caterina Battaglia, pronta a scommettere: “Elodie ci sta conquistando con la sua canzone Andromeda, gli hair-look grintosi e la grande simpatia!”. Previsioni a parte, resta la soddisfazione per aver partecipato dal vivo allo straordinario successo di questa edizione da record.

“La mia agenzia Service Management - commenta Monica Minervini - ha l'orgoglio di raccontare un pezzo importante della lunga storia del Festival. Erano 25 anni che non si registravano numeri così importanti. Per trovare un risultato superiore a quello segnato da Amadeus bisogna tornare indietro al 1995, una delle ultime edizioni condotte da Pippo Baudo, che nella seconda serata arrivò a toccare i 18 milioni di telespettatori in valori assoluti. Erano altri tempi, la televisione è cambiata radicalmente da allora ma il lavoro che ha fatto Amadeus, in tandem con Fiorello, è davvero notevole”.

E adesso?

“Non resta che immergersi nella serata finale” l'invito conclusivo di Monica Minervini e Caterina Battaglia, indaffaratissime a fare la spola tra “Casa Sanremo”, il teatro “Ariston” e gli spazi che ospitano i tanti ospiti e “Vip” del Festival.

Sciame sismico in Calabria, sette scosse in poche ore

Sono ben sette le scosse di terremoti che, in poco meno di sei ore, hanno interessato la costa ionica calabrese.

La più intensa, di magnitudo ML 3.1, si è verificata alle 4.37 ad una profondità di 19 chilometri, a ridosso della costa di Cirò Marina (Kr).

Complessivamente, nella stessa zona, tra le 22,51 di ieri e le 4.48 di questa notte, i sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno registrato sette eventi d'intensità compresa tra 0.7 e 3.1.

Nello stesso tratto di mare, alle 4.53 di ieri, era stato rilevato un terremoto di magnitudo 2.0 ML (Per saperne di più clicca qui)

 

Ennesima scossa di terremoto in Calabria

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno rilevato una nuova scossa di terremoto ad Albi, nella Presila Catanzarese. 

L'evento, di magnitudo 2.8 gradi della scala Richter, si è sviluppato alle 7.51 di oggi, ad una profondita di quattro chilometri.

Quella di stamattina è solo l'ultima di una lunga serie di scosse che stanno interessando il borgo della Presila.

Negli ultimi quattro giorni, infatti, sono stati ben dieci gli eventi di magnitudo superiore a 2.0 gradi registrati dall'Ingv.

Quella di oggi è la seconda scossa più forte, dopo quella di magnitudo 3.0 dello scorso 30 gennaio, in seguito alla quale erano state evacuate le scuole di diversi comuni situati nell'area a ridosso dell'epicentro. 

Agguato in Calabria, 37enne ferito a colpi di pistola

Un uomo, D.R., di 37 anni, è stato ferito in un agguato a Corigliano Rossano, nel Cosentino.

Il 37enne era alla guida della sua auto, quando una persona lo ha bersagliato a colpi di pistola colpendolo in diversi punti del corpo.

La vittima è stata soccorsa e ricoverata in ospedale, in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita.

Sull'accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro. 

Sottoscrivi questo feed RSS