Domenico “Domenick” Albiani, il calabrese diventato grande ristoratore negli Stati Uniti

Domenico “Domenick” Albiani nacque a Cassano all'Ionio, in provincia di Cosenza, l’8 maggio 1875, da Settimio e Filomena Seminara.
 
Giunse, giovanissimo, negli Stati Uniti stabilendosi a Boston, dove fece il garzone di bottega, il lavapiatti ed il cameriere.
 
Dotato di spirito intraprendente, decise d'aprire un piccolo ristorante.
 
Fu un successo. Preparava pasti per la comunità italo-americana a prezzi convenienti.
 
Successivamente al primo ristorante ne seguì un secondo ed infine, Albiani, creò la più importante catena di ristoranti e caffetterie di Boston, la “Albiani Lunch Company”.
 
Sposò Teresa che gli diede tre figli: Alfred “Fred”; Henry e Peter.
 
Fu Albiani ad avere l’idea, a tutela degli avventori, di assumere poliziotti per pattugliare i suoi ristoranti durante i pasti.
 
All’apice del successo arrivò a possedere una ventina di ristoranti e caffetterie, tra Boston e Cambridge.
 
Era un noto e rispettato italo-americano che sosteneva molte associazioni di beneficenza e società benevole soprattutto per assistere gli immigrati italiani che avevano bisogno d'aiuto.
 
Nel 1924 ebbe nostalgia della sua terra e volle tornare nella sua Cassano all'Ionio.
 
Nello stesso anno tornò negli Stati Uniti a bordo del piroscafo “Conte Verde”. 
 
Il cardinale e arcivescovo di Boston, William Henry O'Connell, lo premiò per la sua attività filantropica, prima che si spegnesse nel 1950. 
 
*Presidente onorario “Ambasciatori della fame”
  • Pubblicato in Cultura

Calabria, Coronavirus: impennata di nuovi casi, 25 positivi nelle ultime 24 ore

Sono 25 i nuovi casi di coronavirus registrati in Calabria nelle ultime ventiquattro ore.

Complessivamente, quindi, su 181.949 tamponi eseguiti dall'inizio della pandemia, 1.810 sono risultati positivi.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 11 in reparto; 1 in terapia intensiva; 50 in isolamento domiciliare; 188 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 8 in reparto; 3 in terapia intensiva; 105 in isolamento domiciliare; 471 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 7 in reparto; 100 in isolamento domiciliare; 310 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 20 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 1 in reparto; 12 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Le persone positive provenienti da Stati esteri o altre regioni italiane sono 224.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 4.014.

 

Tallini: " Il Recovery fund è un’occasione unica per rilanciare la ripresa delle regioni meridionali. Cosa intende fare il governo per la Calabria?"

“Ma il Governo cosa intende fare per la Calabria con i soldi del Recovery Fund? Intende confrontarsi con la Regione oppure deciderà in maniera verticistica? Chi stabilirà quali sono le cose migliori da fare, gli investimenti più utili, i settori su cui puntare per uscire dalla crisi? Le domande - afferma il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini - sono più che legittime nel momento in cui il Governo ha trasmesso alle Camere le linee-guida per il Recovery Fund. Di certo c’è solo che siamo di fronte ad un’occasione unica per rilanciare la ripresa delle Regioni meridionali, penalizzate da sempre nell’attribuzione delle risorse tra nord e sud del Paese”.

“C’è poco tempo - prosegue il Presidente - perché il 15 ottobre il Governo italiano dovrà presentare all’Europa il proprio piano e le schede degli interventi. Le Regioni reclamano un loro ruolo. Noi pensiamo che ci siano infrastrutture e opere per la Calabria che possono essere utili a tutto il Paese”.

“La principale - sottolinea Domenico Tallini - è sicuramente il ponte sullo Stretto, su cui il Governo fa tanta confusione, al punto da ipotizzare un irrealistico tunnel sottomarino oppure improbabili strade con pista ciclabile. Il ponte potrebbe essere il simbolo della ricostruzione post Covid dell’Italia, oltre che un eccezionale fattore di sviluppo e crescita del Meridione. C’è posto per il ponte, quanto meno per un suo adeguamento progettuale, nel Piano che il presidente Conte presenterà all’Unione Europea? Non lo sappiamo”.

“Ma non c’è solo il ponte. C’è Gioia Tauro - rilancia -, uno dei porti più importanti del Mediterraneo, con la sua Zes che stenta a partire. C’è il sistema degli aeroporti, Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone, da potenziare. Ci sono le linee ferrate locali da riconvertire in chiave ecologica, occorre dotare di bus ecologici le aziende dei trasporti cittadini. C’è una sperimentazione da fare nel settore delle energie rinnovabili, ci sono i parchi e le oasi naturali da valorizzare, c’è un orizzonte illimitato nel settore del digitale (si pensi alla possibilità di formare tanti giovani all’artigianato di qualità in 3D)”.

“Un discorso a parte - evidenzia Domenico Tallini - merita la sanità. Servono risorse per completare o avviare i lavori per i nuovi ospedali - si pensi alla storia infinita di quello di Catanzaro - e per adeguare la dotazione tecnologica”. “Sul fronte della ricerca - continua - c’è tanto da fare nel settore della farmaceutica, dove si potrebbe pensare ad un polo industriale legato alle esperienze delle facoltà di Catanzaro e Cosenza. Vanno potenziate le Scuole di specializzazione della facoltà di medicina allo scopo di formare una nuova classe medica”. Ad avviso del Presidente: “Servono risorse per contrastare i fenomeni di dissesto idrogeologico, per migliorare l’edilizia scolastica, per alzare il livello dell’istruzione”. “Certo, i soldi a disposizione non basteranno a fare tutto questo, ma ce ne saranno abbastanza per fare ripartire lo sviluppo e l’occupazione nella nostra regione. Se migliora la Calabria - rilancia il Presidente del Consiglio regionale - migliora tutto il Meridione. Se migliora il Meridione cresce tutto il sistema Paese”.

“La presidente Jole Santelli, con la sua autorevolezza e la sua lungimiranza, farà ben valere le ragioni della Calabria con un Governo che purtroppo appare autoreferenziale e poco disponibile al confronto. La Calabria reclama il suo ruolo e presenterà - se ne avrà l’occasione - le sue proposte. I parlamentari calabresi, di ogni schieramento e di ogni partito, facciano la loro parte, pretendendo in fase di dibattito sulle linee guida l’inserimento di specifici obiettivi per la nostra regione” - conclude il presidente Domenico Tallini. 

  • Pubblicato in Politica

Marcello Anastasi è il nuovo capogruppo di “Io resto in Calabria” in Consiglio regionale

Marcello Anastasi è il nuovo capogruppo di “Io resto in Calabria” in Consiglio regionale.

Anastasi, che è anche vicepresidente delle Commissioni “Ambiente” e “Riforme”, succede nell’incarico a Pippo Callipo, delle cui dimissioni l’Aula di Palazzo Campanella ha preso atto nella seduta dello scorso 15 settembre.

«Ringrazio sentitamente il Consiglio regionale – afferma Anastasi – per aver dato la possibilità a Callipo di ripensarci. So bene che tutti i colleghi consiglieri hanno avvertito la serietà delle questioni sollevate da un uomo verso cui provo sincero affetto e a cui continuo a manifestare grande stima, perché ha tentato di aprire un nuovo percorso politico nella nostra regione. A noi di “Io resto in Calabria” – ha aggiunto – spetta ora il compito di portare avanti l’impegno di rappresentare degnamente i calabresi e di soddisfare le loro sacrosante aspettative. Ringrazio il collega Graziano Di Natale, segretario questore del Consiglio regionale e vicepresidente della Commissione Antindrangheta, per la fiducia (assolutamente reciproca) dimostrata nei miei confronti. Cercherò di rappresentare al meglio – conclude il neo presidente del gruppo consiliare di IRIC – i valori fondanti del nostro movimento e di svolgere il ruolo di cui sono stato investito nella massima correttezza istituzionale, lavorando quotidianamente per costruire, attraverso il dialogo e la trasparenza, un futuro diverso per i calabresi»

  • Pubblicato in Politica

Calabria, Coronavirus: impennata di nuovi casi, 28 positivi nelle ultime 24 ore

Sono 28 i nuovi casi di coronavirus registrati in Calabria nelle ultime ventiquattro ore.

Complessivamente, quindi, su 180.069 tamponi eseguiti dall'inizio della pandemia, 1.785 sono risultati positivi.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 10 in reparto; 1 in terapia intensiva; 41 in isolamento domiciliare; 188 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 8 in reparto; 3 in terapia intensiva; 103 in isolamento domiciliare; 471 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 6 in reparto; 96 in isolamento domiciliare; 309 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 20 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 10 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Le persone positive provenienti da Stati esteri o altre regioni italiane sono 220.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 2.154.

 

Risolto il giallo della donna uccisa in Calabria, fermato il presunto omicida

Un 32enne di Belvedere Marittimo (Cs) è stato sottoposto a fermo dai carabinieri, perché ritenuto responsabile dell’omicidio di una 56enne di nazionalità bulgara, Dimova Aneliya, assassinata lo scorso 30 agosto nella cittadina cosentina.

Il provvedimento è stato emesso sulla scorta delle indagini avviate dagli uomini dell’Arma, giunti a casa della vittima, in seguito ad una segnalazione al 112.

Una volta nell’abitazione, i militari hanno rinvenuto il cadavere disteso sul letto, con una federa assicurata al volto con del nastro adesivo.

Gli investigatori hanno quindi raccolto vari indizi che hanno permesso di mettere in ordine le tessere del mosaico, fino ad identificare il presunto responsabile.

I carabinieri sono ora al lavoro per cercare di fare luce sul movente.

Il fermato, una volta ultimate le formalità di rito, è stato accompagnato nella casa circondariale di Paola.

Calabria Coronavirus, 16 positivi nelle ultime 24 ore

Sono 16 i nuovi casi di coronavirus registrati in Calabria nelle ultime ventiquattro ore.

 Complessivamente, quindi, su 178.292 tamponi eseguiti dall'inizio della pandemia, 1.757 sono risultati positivi.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 11 in reparto; 1 in terapia intensiva; 34 in isolamento domiciliare; 187 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 9 in reparto; 3 in terapia intensiva; 105 in isolamento domiciliare; 465 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 6 in reparto; 97 in isolamento domiciliare; 304 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 20 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 8 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Le persone positive provenienti da Stati esteri o altre regioni italiane sono 208.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 1.720.

 

Calabria Coronavirus, 19 positivi nelle ultime 24 ore

Sono 19 i nuovi casi di coronavirus registrati in Calabria nelle ultime ventiquattro ore.

 Complessivamente, quindi, su 176.447 tamponi eseguiti dall'inizio della pandemia, 1.741 sono risultati positivi.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 12 in reparto; 32 in isolamento domiciliare; 187 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 10 in reparto; 2 in terapia intensiva; 97 in isolamento domiciliare; 465 guariti; 34 deceduti.

 - Reggio Calabria: 6 in reparto; 94 in isolamento domiciliare; 304 guariti; 19 deceduti.

 - Crotone: 20 in isolamento domiciliare; 117 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 8 in isolamento domiciliare; 85 guariti; 5 deceduti.

Le persone positive provenienti da Stati esteri o altre regioni italiane sono 205.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 1.642.

 

Sottoscrivi questo feed RSS