Cercano di disfarsi della droga gettandola nel water, arrestate 4 persone

I poliziotti del Commissariato di Rossano hanno tratto in arresto in flagranza di reato di detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, quattro persone.

In particolare, Z.M. di 32 anni, Z.G. di 34 anni, M.N. di 27 anni ed M.A. di 57 anni, sono stati arrestati in seguito ad una perquisizione nel corso della quale, nella loro abitazione e in un terreno di loro proprietà, i militari hanno rinvenuto: 14 piante di canapa indiana, 11 grammi di marijuana, materiale per il confezionamento delle dosi, un bilancino di precisione e  diverse banconote di piccolo taglio.

Residui di marijuana sono stati trovati, inoltre, nel lavello della cucina e nel water, a riprova del fatto che poco prima della perquisizione, alcuni degli arrestati avrebbero cercato di disfarsi dello stupefacente.

  • Pubblicato in Cronaca

Scoperte e distrutte oltre 5 mila piante di cannabis

Una vasta piantagione, composta da oltre 5.300 piante di canapa indiana della varietà “skunk”, è stata scoperta in località Maru Micu di Bagaladi, dai carabinieri della locale Stazione e dei Cacciatori di Calabria di Vibo Valentia.

La coltivazione, impiantata in un’impervia località preaspromontana, era organizzata in quattro piazzole recintate da rete metallica e irrigate da un impianto a tempo, collegato ad una piscina amovibile installata nelle vicinanze e ben protetta dalla vista di occhi indiscreti grazie alla folta vegetazione circostante.

Le piante, che immesse nelle piazze di spaccio avrebbero fruttato diversi milioni di euro, sono state campionate e distrutte sul posto.

Scoperta mega piantagione di marijuana, distrutte oltre 40 mila piante

Oltre 41 mila piante di marijuana sono state scoperte dai carabinieri della Compagnia di Girifalco, in località “Mucata", nel territorio del comune di Lamezia Terme, al confine con quello di Acconia di Curinga.

Lo stupefacente era stato coltivato in cinque serre, all'interno di un’azienda agricola, di proprietà di un 60enne incensurato (C.A.), originario di Maida (CZ).

L'uomo è stato sorpreso dai militari, mentre era intento ad azionare i sistemi d'irrigazione delle serre, all’interno delle quali sono stati rinvenuti 41660 arbusti di cannabis di varie dimensioni.

Nel corso della successiva perquisizione personale, il 60enne è stato trovato in possesso di un dispositivo elettronico utilizzato per captare l’eventuale presenza di sistemi audio-video (microspie e/o telecamere).

L'uomo, pertanto, è stato tratto in arresto per illecita coltivazione dell’ingente quantitativo di sostanza stupefacente e su disposizione del Pm di turno della Procura di Lamezia Terme è stato associato al carcere di Catanzaro.

Dopo aver sottoposto a sequestro l’intera area, su disposizione dell’Autorità giudiziaria i militari hanno estirpato e distrutto tutte le piante rinvenute.

Scoperta piantagione composta da 400 arbusti di cannabis

I finanzieri del Gruppo di Catanzaro hanno sequestrato una piantagione composta da quasi 400 arbusti di cannabis.

La scoperta è stata fatta nel corso di una perlustrazione aerea effettuata nel territorio del comune di Tiriolo, da un elicottero del Reparto operativo aereonavale di Vibo Valentia.

La coltivazione, allestita nei pressi del torrente Corace, era composta da circa 400 piante di cannabis, dalle quali si sarebbero potuti ricavare circa 4 quintali di stupefacente. 

Una volta fatta la scoperta, i militari hanno eseguito alcune perquisizioni domiciliari, che hanno portato al ritrovamento di 30 chili di semi di cannabis.

Accertata la proprietà dei terreni presso i quali sorgeva la coltivazione di cannabis, i finanzieri hanno proceduto al deferimento di due persone.

  • Pubblicato in Cronaca

Tre piantagioni di cannabis scoperte sull'Aspromonte

I finanzieri del Gruppo di Locri e della Sezione navale di Roccella Jonica hanno scoperto, grazie all’avvistamento effettuato da un elicottero del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, 3 piantagioni di cannabis in un area dell’Aspromonte, ricadente nel comune di Gioiosa Ionica.

Le piantagioni, occultate tra la fitta vegetazione su un costone di roccia difficile da raggiungere, erano composte da oltre 800 arbusti di “cannabis indica“, regolarmente irrigati tramite appositi impianti.

Una volta prelevati i campioni da sottoporre ad analisi, le fiamme gialle hanno proceduto alla distruzione delle coltivazioni.

Contestualmente hanno avviato le indagini, finalizzate all’individuazione dei responsabili.

Dalle piante, di varie dimensioni, sarebbe stato ottenuto un quantitativo pari a circa 925 chili di stupefacente che, una volta immesso sul mercato, avrebbe potuto fruttare oltre 7 milioni di euro.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Maxi coltivazione di cannabis scoperta in Calabria, rinvenute oltre 3 mila piante

I carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro e dello Squadrone eliportato "Cacciatori" di Calabria hanno scoperto una maxi piantagione di canapa indiana, composta da oltre 3 mila arbusti.

La coltivazione è stata rinvenuta in un'area agricola situata al confine tra i comuni di Rosarno e Laureana di Borrello.

Nel corso di un'altra attività, i militari della Compagnia di Palmi hanno rinvenuto altre 200 piante della stessa specie ed arrestato Saverio Papalia, 51enne di Delianuova, il quale, sorpreso a curare la piantagione, ha tentato la fuga gettandosi in una scarpata, ma è stato raggiunto ed arrestato.

Infine, gli uomini dell'Arma della Compagnia di Taurianova, hanno arrestato, in località Catena di Cittanova, il 31enne Giovanni Addario, accusato della coltivazione di 5 piante di marijuana.

Sorpresi ad innaffiare una piantagione di cannabis, due fratelli in manette

I carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Vibo Valentia, della locale Stazione e dello Squadrone eliportato Cacciatori “Calabria” hanno arrestato due fratelli, Leonardo e Giuseppe Fazio di 40 anni, accusati di coltivazione di stupefacenti.

Gli arresti sono stati eseguiti nel corso di un servizio, finalizzato a contrastare la coltivazione di sostanze stupefacenti, effettuato nelle campagne della frazione Longobardi di Vibo Valentia.

Durante le attività, i militari hanno sorpreso i due mentre erano intenti ad annaffiare con un tubo collegato ad una cisterna trasportata su un mezzo furgonato, due piantagioni composte da poco meno di 400 piante di altezza variabile tra 1 e 2 metri.

Lo stupefacente è stato sequestrato, per gli arrestati, invece, si sono aperte le porte della casa circondariale di Vibo Valentia.  

 

Nascondeva la droga nelle mutande, arrestato 32enne

Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Questa l’accusa mossa al 32enne Vincenzo Sposato, dagli agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Gioia Tauro.

L’uomo è stato fermato e sottoposto a controllo mentre si trovava a bordo della sua auto, in compagnia di due persone di nazionalità bulgara.

Durante la perquisizione personale cui sono stati sottoposti gli occupanti del veicolo, i poliziotti hanno rinvenuto negli indumenti intimi indossati da Sposato un involucro di cellophan trasparente contenente circa 15 grammi di canapa indiana.

Una volta sottoposta a sequestro la sostanza stupefacente, il 32enne è stato arrestato e posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS