Aveva 1,5 Kg di cannabis a casa, arrestato

Un venticinquenne, L.I., originario di Campo Calabro (Rc), è stato tratto in arresto dai poliziotti del Commissariato di Villa San Giovanni e dell’unità cinofila dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione personale, il giovane è stato trovato in possesso di quattro bustine di marijuana.

I poliziotti hanno quindi deciso di sottoporre a controllo anche l'abitazione del ragazzo, dove hanno rinvenuto 1,5 Kg di cannabis e circa 40 grammi di sostanza da taglio.

Pertanto, per L.I., sono scatatti gli arresti arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo. 

  • Pubblicato in Cronaca

Nascondevano cannabis in un'abitazione, in manette due ragazzi

Due giovani reggini sono stati arrestati dagli uomini della questura di Reggio Calabria, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione effettuata, con l'ausilio di un'unità cinofila, in un'abitazione nella disponibilità degli arrestati, gli agenti hanno rinvenuto oltre 400 grammi di cannabis, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, scoperta coltivazione con 8 mila piante di cannabis

I poliziotti del Commissariato di Siderno hanno rinvenuto una piantagione composta da oltre ottomila arbusti di cannabis, in un terreno demaniale ad Ardore Marina.

 La piantagione veniva irrigata regolarmente,  attraverso un impianto allacciato abusivamente alla rete idrica cittadina.

Al termine dell'operazione, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Locri su richiesta della locale Procura, gli agenti hanno tratto in arresto due pregiudicati di San Luca, S.G. e  P.L., rispettivamente di 50 e 47 anni.

Una volta immesso sul mercato, lo stupefacente sequestrato, avrebbe assicurato ai malviventi introiti per circa circa 5 milioni di euro.

Rinvenute oltre 200 piante di cannabis, arrestato 24enne

Un ventiquattrenne, Giovanni Siviglia, di San Procopio (Rc), è stato arrestato dai carabinieri della locale Stazione e dello Squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”, con l’accusa di produzione di sostanze stupefacenti.

Il giovane è stato sorpreso, in un area boschiva di località “Donna Giglia” del comune aspromontano, mentre era intento a curare una piantagione composta da circa 200 arbusti di cannabis indica.

Nel corso della successiva perquisizione cui è stata sottoposta l’abitazione dell’arrestato, i militari hanno rinvenuto un essiccatoio usato per la lavorazione dello stupefacente.

Le piante, che avrebbero assicurato un guadagno di circa 400 mila euro, previa campionatura, sono state distrutte sul posto.

  • Pubblicato in Cronaca

Nardodipace, scoperte 10 piantagioni di cannabis

Nel corso degli ultimi giorni, i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno hanno avviato l’operazione denominata “Green mountain”, che ha interessato il territorio del comune di Nardodipace.

Durante le attività sono state impegnate tutte le compagini della Compagnia, unitamente ai militari dell’8° Elinucleo di Vibo Valentia, del Gruppo carabinieri forestali di Vibo Valentia e dello Squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”.

L’operazione ha interessato, in particolare, la contrada "Tiglia" della frazione Cassari, sulla quale i velivoli del Nucleo Elicotteri hanno rilevato la presenza di alcune piantagioni di canapa indiana, ben occultate tra la fitta vegetazione.

Una volta individuati i punti d'accesso alle coltivazioni, i carabinieri hanno avviato la verifica sul campo che ha portato alla scoperta di 10 piantagioni di canapa indiana, non comunicanti tra di loro, suddivise in più terrazzamenti e sparse su una sola montagna.

Il sistema d'irrigazione di tutte le piazzole era assicurato da un artigianale impianto a goccia. Inoltre, in quasi tutte le piantagioni è stata riscontrata la presenza di essiccatoi artigianali, nei quali venivano poste le infiorescenze.

Lo stupefacente ricavato delle 4 mila piante rinvenute, di altezza variabile tra 1.50 e 4 metri, avrebbe potuto fruttare un guadagno di circa 500 mila euro.

Tutte le piante ed i materiali utilizzati per la coltivazione, sono stati distrutti su disposizione della magistratura di Vibo Valentia.

Sono in corso indagini per identificare i responsabili.

Mongiana, trovata coltivazione con 500 piante di canapa indiana

Nel corso di un servizio mirato alla repressione della coltivazione di canapa indiana, militari appartenenti alle Stazioni carabinieri forestali di Fabrizia e Serra San Bruno, unitamente ai colleghi in forza al Nucleo carabinieri tutela biodiversità di Mongiana, supportati dal Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Vibo Valentia, hanno rinvenuto in località Censito del comune di Mongiana, una piantagione di canapa indiana.

La coltivazione, allestita su un terreno privato abbandonato, era composta da 500 piante e da un impianto di irrigazione. Le piante, previo campionamento, sono state estirpate e distrutte.

  • Pubblicato in Cronaca

Coltiva cannabis in un terreno di sua proprietà, 47enne finisce in manette

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno tratto in arresto in flagranza di reato R.E. di anni 47, perché sorpreso a coltivare piante di cannabis ai fini dello spaccio.

L’arresto è scaturito durante una perquisizione domiciliare, nel corso della quale, in un terreno di pertinenza dell’abitazione, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato alcune piante di canapa indiana alte circa 2 metri.

Dopo aver cercato di eludere il controllo, il 47enne ha riconosciuto la propria responsabilità in merito alla coltivazione degli arbusti.

Pertanto, l’uomo è stato tratto in arresto in flagranza di reato.

  • Pubblicato in Cronaca

Cercano di disfarsi della droga gettandola nel water, arrestate 4 persone

I poliziotti del Commissariato di Rossano hanno tratto in arresto in flagranza di reato di detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, quattro persone.

In particolare, Z.M. di 32 anni, Z.G. di 34 anni, M.N. di 27 anni ed M.A. di 57 anni, sono stati arrestati in seguito ad una perquisizione nel corso della quale, nella loro abitazione e in un terreno di loro proprietà, i militari hanno rinvenuto: 14 piante di canapa indiana, 11 grammi di marijuana, materiale per il confezionamento delle dosi, un bilancino di precisione e  diverse banconote di piccolo taglio.

Residui di marijuana sono stati trovati, inoltre, nel lavello della cucina e nel water, a riprova del fatto che poco prima della perquisizione, alcuni degli arrestati avrebbero cercato di disfarsi dello stupefacente.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS