Chiaravalle Centrale, al via due progetti di servizio civile

Al via due progetti di servizio civile promossi dall'amministrazione comunale di Chiaravalle Centrale.

Oggi l'incontro di presentazione presso la sede municipale con gli otto ragazzi e ragazze selezionati con apposito bando, i due formatori, l'assessore Bruno Santoro e la consigliera Pina Rizzo .

Quattro unità saranno impiegate nel progetto “Biblio” finalizzato alla riapertura al pubblico della biblioteca comunale di Palazzo Staglianò.

Gli addetti dovranno far sì che la cittadinanza interagisca con la biblioteca per superare i sentimenti di estraneità e distanza, istruendo all’uso degli strumenti di informazione e conoscenza (alfabetizzazione informativa e informatica).

Verranno svolte anche attività di supporto ai percorsi di studio e apprendimento, sostegno alla didattica, promozione della lettura individuale e collettiva, nonché occasioni di incontro su svariati temi culturali. Altri quattro volontari animeranno il progetto “Cultura Educa” con l'obiettivo di esprimere e testimoniare, a livello territoriale, i valori dell’impegno e della partecipazione attiva alla vita sociale della comunità, svolgendo un ruolo di cittadinanza attiva.

“I volontari in servizio civile - ha spiegato Pina Rizzo - in collaborazione con le scuole, le associazioni locali e il supporto dell’ufficio dei servizi sociali, promuoveranno e organizzeranno diverse attività culturali volte, ad esempio, ad educare i minori alla legalità, al rispetto dell’altro, dell’ambiente e alla cittadinanza attiva”.

L'assessore Santoro ha evidenziato l'importanza del “supporto ai Servizi Sociali comunali nella programmazione e nella organizzazione di attività rivolte agli anziani, attraverso l'analisi del contesto e dei bisogni, la programmazione delle attività, la promozione delle iniziative individuate, la raccolta delle adesioni, il supporto nella compilazione delle domande e nella collaborazione agli operatori nella gestione delle attività”.

Progetti, dunque, “che andranno a incidere in maniera importante nel tessuto sociale della comunità”.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle, un laboratorio per bambini organizzato dal locale Gruppo folcloristico

Il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, noto per la sua quarantennale esperienza che lo ha portato nelle piazze e sui palcoscenici in giro per la Calabria e oltre i confini regionali, in coerenza con le proprie finalità di promozione dell’arte, quale anche strumento di trasmissione di valori, di promozione del territorio e in linea con la volontà da sempre perseguita di avvicinare giovani e giovanissimi ad un’appassionante forma espressiva e creativa qual è il teatro, dedica un apposito laboratorio a bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e 14 anni.

Il laboratorio, da Gregorio Calabretta, darà vita ad un percorso formativo ampio, che spazierà dalle tecniche di base della recitazione, dall’improvvisazione, all’uso della voce, dello spazio, ad elementi di costruzione del personaggio, alla scrittura collettiva e alla composizione scenica.

Ci si soffermerà anche su spontaneità, ascolto e creatività.

«L’attività teatrale, inoltre, - osservano gli organizzatori - nella sua funzione di supporto nella crescita culturale e umana, nel rapportarsi con gli altri, agevola l’acquisizione di maggiore fiducia in se stessi e nelle proprie capacità, di scoprire potenzialità e risorse». I corsi si terranno a Chiaravalle Centrale (Cz), presso il Teatro “Impero”. L’avvio è previsto nel mese di febbraio e la conclusione in giugno, con uno spettacolo finale. È possibile contattare il gruppo attraverso la pagina Facebook “G.F.M.T. Teatro Amatoriale Popolare di Chiaravalle Centrale”.

Sempre nella cittadina delle Preserre è previsto, inoltre, uno specifico incontro che si terrà mercoledì 30 gennaio alle ore 17.30 presso Palazzo Staglianò, in piazza Dante.

Nell’occasione sarà più ampiamente delineato il programma formativo, genitori e ragazzi interessati potranno rivolgere direttamente delle domande ai componenti del Gruppo e al docente che si occuperà del laboratorio.

Chiaravalle Centrale, l'entusiasmo del Teatro di Mu conquista il pubblico

Ironici, divertenti, giovanissimi e perfettamente calati nella parte. Applausi prolungati per i bravi attori della “Compagnia del Teatro di Mu” di Catanzaro che, a Chiaravalle Centralle, hanno presentato

“Il caso della ricca ereditiera e di Gianni amor suo”.

Uno spettacolo firmato dal regista Salvatore Emilio Corea. Tra colpi di scena, battute esilaranti e citazioni d'autore la serata ha mantenuto le attese della vigilia. Il numeroso pubblico del Teatro Impero ha dimostrato di apprezzare molto l'inventiva della compagnia catanzarese che ha dato vita ad un giallo brillante, incentrato sul tentativo, da parte di una banda di truffatori professionisti, di derubare una malcapitata, ricca possidente.

Obiettivo criminale quasi raggiunto ma... che poi sfuma proprio nelle ultime battute finali. Un’altissima qualità recitativa, accompagnata da un allestimento scenico che ricorda le suggestioni del noir cinematografico, rende questo spettacolo unico nel suo genere. Soddisfazione evidente da parte del direttore artistico del concorso teatrale che sta animando questa terza stagione consecutiva a Chiaravalle Centrale. Gino Capolupo ha, infatto, preso la parola a fine serata per ringraziare il regista Corea e la sua scuderia di giovanissimi attori.

Giudizio positivo confermato anche dalla consigliera comunale delegata alla Cultura, Pina Rizzo. La rassegna riprende il prossimo mercoledì 6 febbraio con uno speciale fuori concorso: il noto attore Max Pisu sarà interprete e protagonista dei “Casalinghi disperati”, per la regia di Diego Ruiz.

Ancora un fuori concorso sabato 9 marzo: “Lettere di Oppio” con Tiziana Foschi e Antonio Pisu. Sabato 23 marzo, spazio alla commedia comica con “Indovina chi sviene a cena? Ovvero la teoria dei pinguini” della Libera Manifattura Teatrale. Il 30 marzo, un graditissimo ritorno: Dandy Danno e Diva G metteranno in scena il loro “Lol”.

Infine, il 6 aprile serata finale di premiazione e spettacolo fuori concorso.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle, a teatro “Il caso della ricca ereditiera e di Gianni amor suo”

Uno spettacolo firmato e portato in scena da Salvatore Emilio Corea e dalla sua scuderia di giovani attori catanzaresi. Un giallo brillante, con una perfetta tessitura alla Agatha Christie riadattata in chiave comica, ricca di colpi di scena esilaranti e capace di esprimere un’altissima qualità recitativa.

Una storia di intrighi e ipocrisie che viaggia veloce e leggera, sorvolando le tecniche più fantasiose che vanno dalla commedia dell’arte al dramma, dai cartoons alle suggestioni del noir cinematografico.  Dopo l'esordio di sabato 12 gennaio con Enzo D'Arco, dunque, sabato si alza nuovamente il sipario al Teatro Impero. Mercoledì 6 febbraio ci sarà uno speciale fuori concorso, con Max Pisu interprete dei “Casalinghi disperati”, per la regia di Diego Ruiz. Ancora un fuori concorso sabato 9 marzo: “Lettere di Oppio” con Tiziana Foschi e Antonio Pisu. Sabato 23 marzo, spazio alla commedia comica con “Indovina chi sviene a cena? Ovvero la teoria dei pinguini” della Libera Manifattura Teatrale.

Il 30 marzo, un graditissimo ritorno: Dandy Danno e Diva G metteranno in scena il loro “Lol”.

Infine, il 6 aprile serata finale di premiazione e spettacolo fuori concorso “Tre pecore viziose” della compagnia “I Commedianti”. La rassegna, giunta alla sua terza edizione, è promossa e organizzata dall'amministrazione comunale di Chiaravalle Centrale, con la collaborazione della Consulta della Cultura, dell'Unione italiana libero teatro e della compagnia de “I Commedianti”.

Direzione artistica di Gino Capolupo. Per informazioni su biglietti e abbonamenti: 333.6433561.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle, la raccolta differenziata al 66 per cento

Dal 3 per cento del 2014, al 66 per cento del 2018.

È il dato della raccolta differenziata a Chiaravalle Centrale: ufficiale e certificato dall'Arpacal per il 2014, “ufficioso ma supportato dai report mensili della ditta incaricata, quello del 2018”, per come specificato dall'ex assessore ai Lavori pubblici, oggi consigliere delegato, Claudio Foti.

Un significativo balzo in avanti che l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mimmo Donato, evidenzia “con riferimento agli obiettivi qualificanti e prioritari già raggiunti a metà mandato”. Un risultato “frutto dell'impegno dell'intera squadra di maggioranza e, in particolare, della consigliera delegata, oggi vicesindaco, Stefania Fera”.

“Sulla problematica dei rifiuti si è subito concentrata l'azione dell'amministrazione comunale - ha spiegato il sindaco Donato - con l'abolizione delle fallimentari sperimentazioni varate durante la vecchia consiliatura Tino e le nuove progettazioni che hanno portato, in breve tempo, a superare le tante criticità sul territorio, a cominciare dall'isola ecologica di località Foresta”.

Nello specifico del settore, nell'anno in corso si investiranno ulteriori 250mila euro, di cui 149mila per il miglioramento della raccolta differenziata e, il resto, per l’adeguamento del centro comunale di raccolta. Tra le nuove misure, finanziate dalla Regione, la fornitura agli utenti di quanto necessario per facilitare la raccolta e la corretta esposizione del rifiuto e per ridurre i conferimenti.

È già in corso dalla fine del 2018 la consegna totalmente gratuita, a tutte le utenze, di un kit di cinque mastelli di diversa dimensione con chiusura anti randagismo. Ogni mastello, inoltre, è dotato di un codice di tracciabilità, per cui sarà possibile avere i dati sui quantitativi e sulla tipologia di conferimento di ogni singolo cittadino.

Parallelamente, il centro di raccolta sarà dotato di una pedana per la pesa che consentirà di monitorare il carico dei rifiuti in entrata ed uscita prima dell’avvio a smaltimento, così da controllare l’intero flusso.

Verrà anche realizzato l’impianto di raccolta di prima pioggia e, quindi, di eventuali percolati che andranno a finire nel sistema fognante; l’impianto di illuminazione e videosorveglianza; un ufficio per il personale; una recinzione a siepe per minimizzare l’impatto visivo.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle: per il sindaco Donato il 2019 sarà l'anno della svolta, "al via cantieri per oltre 20 milioni di euro"

“Il 2019 sarà l'anno della svolta per Chiaravalle Centrale”.

Lo ha affermato il sindaco, Mimmo Donato, nel corso dell'incontro pubblico di metà mandato che si è svolto a Palazzo Staglianò. Centinaia i cittadini presenti nella sala convegni per assistere al resoconto dell'attività svolta al “giro di boa” dei primi due anni e mezzo di amministrazione comunale.

“Un bilancio positivo che ha già una significativa proiezione futura” ha affermato il sindaco dettagliando, insieme all'assessore comunale Claudio Foti, il lungo elenco di opere pubbliche finanziate e in fase di avvio “per oltre 20 milioni di euro”.

“Ciò significa - ha sottolineato Donato - far ripartire l'economia, creando le condizioni ideali per fare crescere sviluppo e occupazione”.

“I finanziamenti ottenuti - ha precisato il primo cittadino - non graveranno di un solo centesimo sulle casse comunali, da noi ereditate in una drammatica situazione di dissesto”. Milioni di euro di debiti  “pesanti” che non hanno, però, limitato “l'entusiasmo e la voglia di fare della maggioranza”.

Tra le azioni messe in campo dall'amministrazione Donato, “il taglio agli sprechi, con consistenti riduzioni delle spese per il servizio scuolabus, le utenze elettriche e telefoniche, i loculi cimiteriali”. Particolarmente incisivi gli interventi per le reti idriche, la messa in sicurezza dei serbatoi e la clorazione delle acque, soprattutto nelle zone rurali.

“Contrade che, finalmente, vedranno anche realizzarsi la grande opera di collettamento fognario attesa da decenni” ha confermato il sindaco, esibendo gli avvenuti finanziamenti.

Non sono mancati gli approfondimenti legati alla Casa della Salute (“opera che entra nella fase decisiva della gara d'appalto”), al Piano strutturale comunale e all'adeguamento sismico di tutti gli edifici pubblici (“con un investimento di milioni e milioni di euro per le scuole e la caserma dei Vigili del Fuoco”).

Bordate pesanti contro i predecessori, ovvero l'ex sindaco Gregorio Tino, la cui gestione è stata rappresentata con la fotografia di una casa terremotata. Mimmo Donato ha chiesto “partecipazione e sostegno” alla cittadinanza, rintuzzando le “polemiche sterili dei soliti noti che sparlano su Facebook”.

“Lavoriamo insieme per il bene comune” il suo appello finale. Al suo fianco l'intera squadra di maggioranza, con gli assessori subentranti e gli uscenti nel concordato turn-over di metà mandato.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle Centrale, guasto alle pompe Sorical risolto in mattinata

L'amministrazione comunale di Chiaravalle Centrale informa che a causa di un guasto improvviso alle pompe del serbatoio di esclusiva competenza della Sorical, nella mattinata odierna si è verificata una temporanea interruzione del servizio idrico. Una volta ricevuta la segnalazione, gli uffici comunali hanno immediatamente allertato la società di gestione che, a sua volta, ha prontamente inviato i propri tecnici sul posto. Sorical ha accertato il mancato funzionamento di due fusibili bruciati, subito sostituiti, con conseguente ripristino della portata d'acqua.

Gli uffici del Comune restano, come sempre, a disposizione per recepire eventuali istanze, suggerimenti e segnalazioni da parte dei cittadini.  

Chiaravalle Centrale, si è insediata la nuova giunta comunale

A Chiaravalle Centrale ufficializzato oggi il passaggio delle consegne tra la vecchia e la nuova giunta comunale.

Un turn-over già concordato da tempo in seno alla maggioranza “che è maturato in un clima di totale armonia” commenta in una nota il sindaco, Mimmo Donato.

Ad affiancarlo, come vicesindaco, subentra la giovane avvocatessa Stefania Fera che, al cambio della guardia di stamattina, ha ricevuto in dono un mazzo di fiori dall'uscente Pina Rizzo “come segno di grande stima e affetto”.

La staffetta si è completata con la stretta di mano tra i nuovi assessori Elisa Fera, Gianfranco Corrado e Bruno Santoro e gli ex componenti dell'esecutivo Claudio Foti, Sergio Garieri e Liberata Donato.

La nuova giunta comunale di Chiaravalle verrà presentata ufficialmente alla popolazione nel corso di un incontro pubblico in programma il prossimo 18 gennaio alle ore 17.30 a Palazzo Staglianò. “Eredità ed eredi” il tema della conferenza che metterà al centro “il bilancio dell'attività politico-amministrativa di metà mandato”. “Fatti e risultati” gli argomenti dell'iniziativa che verranno esposti dal sindaco e dai consiglieri di maggioranza.

Gli interventi si focalizzeranno, in gran parte, sulle opere pubbliche e i finanziamenti ottenuti tramite fondi regionali, nazionali ed europei, per un importo che supera i 20 milioni di euro.

Ma non mancheranno accenni alla più generale situazione economico-finanziaria delle casse comunali e alle possibili vie d'uscita dal dissesto, dichiarato anni fa durante la consiliatura dell'ex sindaco Gregorio Tino.

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS