'Ndrangheta: scacco alla cosca "Iozzo-Chiefari", 17 arresti tra Torre di Ruggiero e Chiaravalle Centrale

Operazione antindrangheta nelle Preserre catanzaresi da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro che, con il supporto dello Squadrone eliportato "Cacciatori Calabria" e dell’ottavo Nucleo elicotteri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 17 persone.

I destinatari della misura sono accusati di appartenere o essere fiancheggiatori della cosca di ‘ndrangheta “Iozzo–Chiefari“, radicata in particolare nei comuni di Torre di Ruggero e Chiaravalle Centrale.

Con il provvedimento cautelare – emesso dal gip di Catanzaro su richiesta della Direzione distrettuale antimafia diretta dal procuratore Nicola Gratteri – vengono contestati, tra gli altri, i reati di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, omicidio, estorsione e detenzione illegale di armi.

Chiaravalle C., al via la scuola di teatro del Gruppo folcloristico musico teatrale

Per il secondo anno consecutivo, dopo il successo della precedente edizione, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle” organizza una scuola di teatro.

Riconfermato il docente Gregorio Calabretta, per la sua consolidata esperienza, sensibilità e capacità di interagire con i giovanissimi, protagonisti lo scorso anno di uno spettacolo che ha riscosso vivissimo entusiasmo e grande apprezzamento.

I corsi inizieranno giovedì 10 ottobre presso il Teatro “Impero”. Appuntamento alle ore 17, il via alla prima lezione alle 17.30.

I ragazzi iscritti sono una quindicina, ma altri si potranno eventualmente iscrivere nell’occasione.

I corsi si svolgeranno da ottobre 2019 ad aprile 2020.

Le materie didattiche saranno: recitazione, interpretazione, dizione, lettura espressiva e comunicazione. Materie in grado di stimolare, inoltre, l’attenzione da parte dei giovanissimi e la capacità di ascolto. Componente fondamentale sarà ancora la loro creatività in un’esperienza che vivranno anche in forma ludica.

Per restare aggiornati si può seguire la pagina Facebook “G.f.m.t. Teatro amatoriale popolare di Chiaravalle Centrale”. Tra i prossimi impegni del Gruppo folcloristico musico teatrale il 27 ottobre prenderà il via il concorso regionale Uilt – Premio “Città di Chiaravalle”.

Il programma sarà illustrato prossimamente in un’apposita conferenza stampa.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle C.le. Emanuela Neri riconfermata nella Commissione Pari opportunità della Provincia di Catanzaro

Sono stati ufficializzati da parte della Provincia di Catanzaro i componenti della Commissione Pari Opportunità. Dei venti componenti, dodici vengono scelti dal Consiglio Provinciale e otto sono nominati dal Presidente. La nuova Commissione sarà composta da: Anna Altomare, Carmelina Audino, Giovanna Arona, Daniela De Fazio, Caterina Ermio, Rosa Elia, Stefania Figliuzzi, Rosella Gallelli, Vincenza Matacera, Marta Monteleone, Sonia Munizzi, Emanuela Neri, Daniela Palaia, Giulia Pucci, Rosy Rubino, Maria Antonietta Sacco, Raffaela Sestito, Anna Maria Sirianni, Donatella Soluri e Catia Trapasso. Confermata, quindi, il consigliere comunale del Pd a Chiaravalle C.le Emanuela Neri. “E’ stata una bella notizia quella della riconferma in commissione” afferma la Neri. "Un segnale importante che fa ben sperare. Quando si lavora bene si ottengono gratificazioni. Quello dell'abbattimento di ogni forma di discriminazione è un tema a me molto caro. Prima dell'estate grazie all'associazione femminile che ho l'onore di presiedere e grazie all'emittente televisiva Telejonio abbiamo avviato la prima stagione di un forum tutto al femminile: L'altra Metà del Cielo. Un format che vuole dare voce alle donne che per diversa origine e professionalità, contribuiscono quotidianamente a combattere la battaglia contro le discriminazioni.  Mi auguro che la mia presenza in commissione possa aiutare me e le altre componenti a mettere in campo iniziative come questa e come tante altre". Oltre a far parte della commissione Provinciale, la Neri è presidente dell’ associazione Sulle Note del Tempo, che da anni lavora per l’affermazione dei diritti delle donne e contro la violenza di genere, in un territorio in cui molti dei soprusi a danno delle donne avvengono nelle quattro mura domestiche e lì rimangono per il timore, molte volte, di non poter trovare un valido aiuto al di fuori della famiglia. “Da sempre ho vissuto nella consapevolezza”, continua “che la libertà di scelta, la libertà di espressione,  la libertà di vivere come meglio si crede debba essere uguale per tutti e nel rispetto dell'altro. Oggi lotto perché ancora molto è da fare non solo in paesi considerati sottosviluppati, ma anche e soprattutto nella nostra società che si ritiene tanto avanzata e che invece, quotidianamente, fa vedere il peggio dell'arretratezza culturale. La nostra è una terra difficile dove il ruolo della donna è ancora confinato nella donna madre e moglie curatrice del focolare domestico. Dove arretratezza e retaggi culturali ci costringono a dover lottare di più per poter realizzare i nostri sogni.  Dove ancora, e parlo da dirigente di un partito e da consigliere comunale,  una donna che fa politica rimane ai margini se non si impone con la forza.  Dove una donna che intraprende una carriera politica e lavorativa è perché è la donna di un uomo potente. Non accetto di vivere in una società del genere, non accetto di educare mia figlia a questo e di farla vivere così. Nel mio piccolo ci provo, provo ad insegnarle ad essere libera e a fare della sua libertà come individuo, il motore per realizzare i suoi sogni. Attraverso la commissione si può fare un lavoro di sensibilizzazione nelle scuole e in tutti i luoghi dove si formano le coscienze di domani e dove il rispetto dell'altro può essere trasmesso come valore che rende migliore il mondo”. In conclusione, Emanuela Neri spera di “continuare a lavorare bene con le colleghe riconfermate e allo stesso modo di trovare feeling e sinergie con le nuove compagne di viaggio. Auguro, inoltre, a tutte buon lavoro e ringrazio il presidente della provincia e il consiglio nella sua interezza per questa nomina”.

Chiaravalle Centrale, successo per il coro degli Alpini

A Chiaravalle Centrale, straordinaria esibizione del coro degli Alpini “Ana Valle di Scalve”. Chiesa Matrice gremita per accogliere i quaranta elementi diretti dal maestro Marco Magri, in arrivo dalle alte vette bergamasche: Azzone, Schilpario, Colere e Vilminore.

“Un gemellaggio culturale tricolore” lo ha definito il sindaco di Chiaravalle, Mimmo Donato. Applausi e scambio reciproco di doni e gagliardetti tra l'amministrazione comunale e gli Alpini, prima del bellissimo spettacolo musicale durato oltre un'ora e molto apprezzato dal numeroso pubblico presente. Non solo chiaravallesi. In tantissimi sono arrivati anche dai centri del comprensorio. E il repertorio non ha tradito le attese, con brani della tradizione popolare della Val di Scalve e tipici motivi classici del Corpo.

“La penna degli alpini”, “Signore delle cime”, “La canzone del grappa” alcuni dei titoli che il maestro Magri ha egregiamente diretto, ottimamente assistito dal suo coro. Tra i più entusiasti il parroco don Roberto Celia che ha sottolineato il richiamo religioso delle canzoni, ispirate all'icontro con Dio nell'immersione della natura incontaminata della montagna.

L'assessore comunale al Turismo, Gianfranco Corrado, ha evidenziato l'importanza del momento, che ha contribuito ad ampliare la stagione di eventi dell'estate chiaravallese ben oltre il tradizionale periodo agostano.

Uno spettacolo proposto della Consulta comunale della Cultura, presieduta dal giornalista Francesco Pungitore, e organizzato con il coordinamento della consigliera delegata Pina Rizzo.

La stessa rappresentante dell'amministrazione comunale si è detta fortemente colpita dal successo dell'esibizione che non ha mancato di entusiasmare e commuovere.

Il coro “Ana Valle di Scalve” ha, a sua volta, ringraziato per la “calorosa accoglienza” ricevuta in Calabria. Montepaone Lido, Squillace, San Vito, Stilo e Tropea tra le mete visitate dalla comitiva durante il soggiorno nella nostra regione.

A Chiaravalle Centrale il coro degli Alpini della Val di Scalve

Dalle valli bergamasche a Chiaravalle Centrale. Domani, 14 settembre, il coro degli Alpini della Val di Scalve si esibirà alle ore 19 in chiesa Matrice.

Diretti dal maestro Marco Magri, quaranta coristi di Azzone, Colere, Schilpario e Vilminore daranno vita ad uno spettacolo unico e imperdibile. Un repertorio ricco, che spazia dai tipici canti di montagna ai brani legati alla tradizione popolare. Al centro, i fatti e i luoghi della terra di provenienza: la Valle di Scalve, piccola perla incastonata nelle orobie bergamasche che conserva la bellezza di una natura incontaminata e la presenza di gente semplice legata alla tradizione e ai valori.

Nel corso degli anni, il coro si è esibito nelle chiese e sui palcoscenici per manifestazioni religiose, civili e di animazione turistica, partecipando a rassegne canore in diverse località e raccogliendo consensi crescenti.

L’attuale organico è di quaranta coristi, orgoglio di una piccola valle, riuniti in una grande famiglia all’insegna dell’amicizia e dell’amore per il bel canto. L

'esibizione di Chiaravalle Centrale, in programma sabato 14 settembre presso la Chiesa Matrice di piazza Dante, è stata organizzata su iniziativa della locale Consulta della Cultura, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e la fattiva collaborazione del parroco don Roberto Celia.

Chiaravalle Centrale, delegazione lituana in visita turistico-culturale

Dalla Lituania in Calabria. Una delegazione di venti amministratori comunali e promotori culturali della lontana repubblica baltica ha fatto tappa nella nostra regione. Progetto realizzato dall'associazione “Jump-Gioventù in risalto” di Soverato, ottimamente guidata da Pietro Curatola ed Erika Gerardini.

Tra le mete del viaggio in Italia, Chiaravalle Centrale. Nella città delle Preserre gli ospiti stranieri sono stati inizialmente accolti da assessori e consiglieri comunali per un saluto di benvenuto a Palazzo Staglianò.

Su iniziativa della locale Consulta comunale della Cultura, rappresentata in sala dal presidente, Francesco Pungitore, dalla vicepresidente, Paola Sangiuliano, dalla segretaria, Teresa Tino, e dai componenti del direttivo Vincenzo e Giampaolo Macrì, l'incontro è stato introdotto da un breve inquadramento storico del territorio, tra passato e presente, con un focus sulle politiche sociali e culturali. E' seguito uno scambio reciproco di doni, con l'intervento di saluto del vicesindaco di Chiaravalle Centrale, Stefania Fera, della consigliera delegata alla Cultura, Pina Rizzo, dell'assessore al Turismo, Gianfranco Corrado, e della consigliera alla Legalità, Liberata Donato.

La visita guidata è proseguita al convento dei padri cappuccini, con una sosta prolungata in chiesa, nel chiostro, nel giardino e all'interno del museo della civiltà contadina. Da rione Cona, trasferimento in via Luca dove la delegazione lituana ha potuto ammirare le peculiarità dell'artigianato chiaravallese, presso il laboratorio artistico di Chiara Pirroncello. Le meraviglie del telaio e dei tessuti a mano hanno catturato l'attenzione dei presenti. Sosta obbligata anche negli studi di TeleJonio, con un ampio approfondimento condotto dal regista Alberto Ragozzino dedicato alle tecniche televisive di riprese e montaggio. Di ritorno a Palazzo Staglianò, il sindaco Mimmo Donato e il consigliere Claudio Foti hanno omaggiato tutti con le tipiche nocciole delle Preserre.

Un ulteriore scambio di doni ha, così, preceduto la cena conclusiva presso il ristorante “A Gutti” al termine della quale le due amministrazioni hanno gettato le basi per future iniziative comuni.

Il sindaco Donato non ha mancato di ringraziare Pietro Curatola ed  Erika Gerardini “per la splendida immersione nello spirito fraterno della vera unione tra i popoli europei”. 

Chiaravalle, Svizzera e Liechtenstein uniti dalla fede nella Madonna della Pietra

Una straordinaria testimonianza di fede in terra elvetica. La numerosa comunità di emigrati chiaravallesi in Svizzera e Liechtenstein, anche quest'anno, ha celebrato con notevole successo di partecipazione i rituali festeggiamenti in onore di Maria Santissima della Pietra. Sedicesima edizione per la manifestazione religiosa organizzata dall'attivissimo comitato guidato dal presidente Pino Gullì e che si lega ai festeggiamenti patronali del paese natio, in Calabria.

La chiesa di Schaan, fiorente e popolosa cittadina del principato, ha ospitato la santa messa concelebrata dal parroco di Chiaravalle Centrale, don Roberto Celia, e dal responsabile della locale missione cattolica italiana, don Egidio Todeschini. Venticinque anni di sacerdozio per don Roberto e cinquanta per don Egidio. Per loro, festa doppia. Hanno presenziato, giunti sul posto per l'occasione, il sindaco di Chiaravalle Centrale, Domenico Donato, il vicesindaco, Stefania Fera, gli assessori Gianfranco Corrado e Bruno Santoro, i consiglieri Liberata Donato e Claudio Foti, il presidente della Consulta comunale della Cultura, Francesco Pungitore. Ad accogliere la delegazione politica calabrese, il corrispondente consolare, Egidio Stigliano, e il segretario generale del Consiglio degli italiani all'estero, Michele Schiavone.

Molto suggestiva la tradizionale processione per le vie di Schaan, accompagnata non solo dai chiaravallesi in Svizzera e Liechtenstein ma dai tanti italiani che vivono e lavorano in terra elvetica e nel principato.

Nel centro polifunzionale della Saal di Schaan, l'epilogo delle celebrazioni, con la benedizione, i saluti istituzionali e il via al programma dei festeggiamenti civili, tra musica, buona cucina tipica calabrese, spettacoli e tanto divertimento. Valori, identità, radici, senso di comunità, socializzazione: innumerevoli gli aspetti positivi di questo evento che coinvolge e commuove sempre di più, anno dopo anno. 

Chiaravalle Centrale, sindaco e parroco in Svizzera e Liechtenstein per la festa della Madonna della Pietra

Trasferta svizzera per il sindaco di Chiaravalle Centrale, Domenico Donato, e il parroco don Roberto Celia. Ospiti del Comitato "Madonna della Pietra in Svizzera e Liechtenstein" parteciperanno alla sedicesima edizione della festa in onore della patrona di Chiaravalle Centrale in programma a Schaan, nel principato elvetico.

Ad accoglierli, il presidente del sodalizio, Pino Gullì, da anni brillante e attivo promotore di iniziative culturali e aggregative. Il sindaco ha confermato appoggio e sostegno alla numerosa comunità di emigrati chiaravallesi in Svizzera e Liechtenstein, plaudendo alle iniziative che mantengono saldi i legami con le tradizioni del paese d'origine. Per don Roberto, la prima volta a Schaan. Nell'occasione, concelebrerà la Santa Messa accanto al responsabile della locale missione cattolica, don Egidio Todeschini.

Della delegazione chiaravallese in Svizzera fanno parte anche Stefania Fera, vicesindaco di Chiaravalle Centrale, Gianfranco Corrado, assessore comunale al Turismo, Bruno Santoro, assessore comunale alle Politiche sociali, Liberata Donato, consigliere comunale alla Legalità, Claudio Foti, consigliere comunale ai Lavori Pubblici, Francesco Pungitore, presidente della Consulta comunale della Cultura, e il giornalista di Telejonio Rosario Gioitta.

Sottoscrivi questo feed RSS