Teatro, a Chiaravalle “Le pilolle di Ercole”

E' in programma oggi (1 dicembre), a Chiaravalle Centrale (Cz),il terzo appuntamento del concorso regionale Uilt (Unione italiana libero teatro).

In scena lo spettacolo “Le Pillole di Ercole”, commedia brillante a firma di Charles M. Hennequin e Paul Bilhaud,  regia Lino Caridi, rappresentata dalla Compagnia “Nicola Valentino” di Soverato (Cz).

Dieci attori sono i protagonisti di una vicenda, che in questo adattamento è riferita agli anni ‘30 –’40.

La prima ambientazione scenica è lo studio di un medico, i successivi due atti si svolgono nella hall di un albergo.

È una commedia degli equivoci, spassosa che dipana la sua trama dalla difficoltà di una coppia, un medico e la sua bella signora, di concepire un figlio.

La situazione si complica con l’apparizione di un miliardario americano che chiede soddisfazione al dottore per aver consumato un rapporto con sua moglie.

La commedia è leggera, ma non banale. L’ironia fa leva per una critica a certa borghesia sempre attenta alle apparenze, a quella borghesia «influenzata dal positivismo e fiduciosa nella scienza, vista come panacea di tutti i mali».

C’è la ricerca del classico buon partito, c’è l’onore che soccombe al potere del denaro, una concezione di una donna che spesso diviene oggetto, «che si può tradire e  che – si riporta nelle note di regia – deve capire che la cosa può capitare».

Tematiche che vanno contestualizzate. «L’opera risale ai primi anni del secolo scorso, ma chissà perché sembra maledettamente attuale!».

L’appuntamento è alle ore 18.30 presso il Teatro “Impero”.

Cura l’organizzazione del Concorso, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, sotto la guida della Uilt Calabria.

La competizione teatrale  è patrocinata dall’Amministrazione comunale cittadina e supportata dalla Consulta della Cultura.

 

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle, prosegue in Concorso regionale Uilt con entusiasti consensi per “Giulietta alla riscossa”

Prosegue con successo il concorso regionale Uilt (Unione italiana libero Teatro) a Chiaravalle Centrale (Cz).

Sul palcoscenico del Teatro “Impero” è stato ospitato il secondo appuntamento in programma “Giulietta alla riscossa”.

In scena un’affiatata compagnia di giovanissimi, i “Monachellari” di Dipignano (Cs), con una parodia della celeberrima opera di Shakespeare, sapientemente contaminata dall’incursione di personaggi presi a prestito da Rosanna Brecchi, che ne ha curato testo e regia, da altre due opere letterarie dello stesso drammaturgo inglese e di Alessandro Manzoni.

Ed ecco comparire accanto a Romeo, Giulietta e la sua improbabile balia, Renzo, Lucia, Don Rodrigo, Suor Virginia, Desdemona e Otello, protagonisti di uno spettacolo di grande contenuto sociale, di forte valenza educativa, che diverte e fa riflettere con ironia.

Un’occasione per soffermarsi sul tema drammatico e di stringente attualità, quale la violenza sulle donne.

Una rappresentazione che con un linguaggio diretto ed efficace, con la sua sfumatura social, arriva immediato alle nuove generazioni. Il prossimo appuntamento, a seguito di un’intervenuta variazione in programma, del Concorso regionale Uilt - “La Calabria al Teatro Impero” - Premio Città di Chiaravalle Centrale (Cz) sarà domenica 1 dicembre con lo spettacolo “Le Pillole di Ercole”, commedia brillante, regia Lino Caridi, rappresentata dalla Compagnia “Nicola Valentino” di Soverato (Cz).

L’appuntamento di domenica 24 novembre, con la Compagnia teatro amatoriale “Nati per Caso”(Vv) e lo spettacolo “La Villa degli olmi”, è stato spostato al 2 febbraio 2020.

In prima linea nell’organizzazione del Concorso, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, supportato dalla Uilt Calabria. Una competizione teatrale, patrocinata dall’Amministrazione comunale cittadina e dalla Consulta della Cultura.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle, il Concorso regionale Uilt - “La Calabria al Teatro Impero” prosegue con "Giulietta alla riscossa"

Un capolavoro del teatro italiano, un classico vergato dalla penna di Eduardo De Filippo, la commedia in tre atti “Filumena Marturano”, ha inaugurato il cartellone del Concorso regionale Uilt (Unione italiana libero teatro) a Chiaravalle Centrale (Cz).

Una rappresentazione di grande intensità, una storia d’amore foriera di un messaggio sociale “i figli sono figli, e sono tutti uguali”. Un monito sempre attuale, ma di grande impatto e rivoluzionario per i tempi in cui la commedia fu scritta.

A portarla in scena l’Associazione culturale teatrale “Nella Ciccopiedi” di Cariati (Cs), riscuotendo l’ampio consenso e il vivo coinvolgimento del pubblico.

Il via al concorso, al Teatro “Impero”, è stato dato alla presenza di Angela Bentivoglio, presidente regionale Uilt, di Pino Tropea, presidente del Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle” che ne cura l’organizzazione, di Pina Rizzo, delegata alla Cultura del Comune di Chiaravalle che ne ha concesso il patrocino.

In sala anche rappresentanti della Consulta della Cultura di Chiaravalle, che ha offerto il proprio contributo alla kermesse.

Il concorso prosegue domenica 10 novembre con la Compagnia teatrale “I Monachellari” di Dipignano” (Cs) e la commedia “Giulietta alla riscossa”, testo e regia di Rosanna Brecchi. Appuntamento come sempre alle ore 18.30.

“Giulietta alla riscossa” è una parodia della ben nota opera di Shakespeare che ha reso celebre la drammatica storia d’amore tra Romeo e Giulietta. Ma accanto a loro compaiono altri personaggi, presi a prestito da opere famose, creando un clima surreale e quanto mai improbabile, soprattutto dal punto di vista letterario. Si punta a far divertire il pubblico, ma anche a lasciare un segno nella coscienza di ogni spettatore.

“Giulietta alla riscossa” affronta un argomento drammatico quale la violenza sulle donne. Giulietta e le altre protagoniste mettono a punto un piano per insegnare ai protagonisti maschili che le donne hanno una testa, un cuore e che vanno trattate con amore e rispetto. Ogni attore saluterà il pubblico con versi dedicati alla donna.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle, al via il Concorso regionale Uilt - “La Calabria al Teatro Impero”

Approda a Chiaravalle, per la prima volta, il Concorso regionale Uilt (Unione italiana libero Teatro).

Le rappresentazioni prenderanno il via domenica 27 ottobre. In prima linea, dal punto di vista organizzativo, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e il sostegno della Consulta della Cultura. Dodici saranno le rappresentazioni, tra le quali una del gruppo teatrale ospitante fuori concorso. Così undici compagnie delle ventotto, a tessera Uilt, presenti nella nostra regione si confronteranno in palcoscenico e tra queste una , selezionata da una giuria di qualità, si guadagnerà la possibilità di accedere alle finali nazionali che si svolgeranno a giugno 2020 a Licata (Ag).

“La Calabria al Teatro Impero - Premio Città di Chiaravalle Centrale”, questo il titolo, in questa tappa nelle Preserre, della prestigiosa competizione che valorizza il talento e l’impegno di chi con passione fa teatro amatoriale, raggiungendo al pari risultati pregevoli.

Si consolida, così, con l’arrivo del nuovo presidente regionale Uilt, Angela Bentivoglio e il coinvolgimento del Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, una delle realtà teatrali più radicate nel tempo in Calabria, la collaborazione tra l’Unione italiana libero teatro e l’amministrazione comunale cittadina.

Quest’anno anche il premio alla memoria, intitolato a Ciccio Maida, storico presidente del Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, riconoscimento espresso da una giuria popolare, da quel popolo che lui ha sempre sostenuto essere l’anima più autentica e amorevole custode del patrimonio identitario di una comunità. Le peculiarità del concorso e il cartellone delle compagnie sono stati illustrati nel corso di un incontro, tenutosi a Palazzo Staglianò, coordinato da Maria Patrizia Sanzo, direttore del magazine “Carattere mediterraneo”.

Nell’occasione sono stati evidenziati la funzione di crescita sociale e umana e il ruolo formativo, assolti dal Teatro, che diventa scuola di vita, strumento di libertà e d’integrazione. Valori sottolineati da Maria Stefania Fera, vicesindaco, da Pina Rizzo delegata alla Cultura e Teresa Tino in rappresentanza della Consulta della Cultura durante i saluti istituzionali, ma ancor più da Giusy Fanelli, componente del direttivo Uilt Calabria, responsabile del Teatro educativo regionale che porta l’arte del palcoscenico nelle scuole e nelle carceri. In particolare ha ricordato il protocollo siglato a livello nazionale, tra Uilt e Agita, per formare docenti, che ha dato vita a “Esperienze a Confronto”, una rassegna teatrale nazionale realizzata con il coinvolgimento della popolazione studentesca. Ai giovanissimi è rivolta anche l ‘iniziativa intrapresa dal Gfmt di riservare l’ingresso gratuito a tutti gli allievi dei laboratori teatrali cittadini, come evidenziato dal presidente Pino Tropea.

Diverse le categorie di concorso, ha spiegato Angela Bentivoglio, tra queste: premio miglior attore protagonista, migliore attrice protagonista, miglior attore non protagonista, migliore attrice non protagonista, caratterista, regia e premio migliore compagnia.

Si aggiunge il premio assegnato dalla giuria popolare. In tal senso prezioso sarà il lavoro della giuria di qualità, composta in qualità di presidente da Claudio Cosentino, scenografo e docente dell’ Accademia Belle Arti di Catanzaro e ancora da Rosa Candelieri, docente, Rosalba Macrì, docente, Lino Borello, sociologo, Ciro Esposito, direttore artistico della Pro Loco di Soverato, Francesco Giancotti, presidente della Pro Loco di Serra San Bruno e Raffaele Lo Giudice, operatore di ripresa Rai.

Una giuria aperta al territorio, per evidenziarne il ruolo aggregativo e l’opportunità di confronto che si offre. Il sipario sul concorso si leverà, domenica 27 ottobre, con l’Associazione culturale teatrale “Nella Ciccopiedi” di Cariati (Cs). Porterà in scena la commedia di Eduardo De Filippo “Filumena Marturano”.

Il programma prosegue: 10 novembre, la Compagnia teatrale “I Monachellari” di Dipignano” (Cs) con “Giulietta alla riscossa”, commedia, testo e regia di Rosanna Brecchi; 24 novembre, la Compagnia teatro amatoriale “Nati per Caso”(Vv), con “La Villa degli olmi” commedia brillante in vernacolo di Francesco Chianese, libero adattamento e regia di Angela Bentivoglio; 1 dicembre, la Compagnia “Nicola Valentino” di Soverato (Cz) con “Pillole d’Ercole”, commedia brillante, regia Lino Caridi; 15 dicembre, la Compagnia teatrale “Il Sorriso” di Isola Capo Rizzuto (Kr), con “Papà a tutti i costi”, adattamento testo e regia a cura di Franco Sacco; 29 dicembre, l’ Associazione culturale “Makros” di Petrizzi (Cz), con “7 contro Tebe”, in scena il dramma antico, regia di Miriam Santopolo ; 12 gennaio, il “Teatro Incanto” (Cz) con l’opera di Eduardo De Filippo “Ditegli sempre di sì”, regia di Francesco Passafaro; 19 gennaio, il Gruppo teatrale “La Torre” di Torre Melissa (Kr), “U masculuni i papà”, commedia comica in due atti di Federico Mancuso che ne è anche regista. 26 gennaio, la Compagnia Teatrale “Stuazzi e Pitazzi” di Carolei (Cs), commedia in due atti di Ruggiero Ciancio e Massimo Bruno, regia Franscesca Trozzo. 9 febbraio, il Gruppo teatrale Feroletano di Feroleto Antico (Cz), con “Qua, là, sotto, sopra…”, commedia brillante in due atti di Italo Schirinzi, liberamente tratta e tradotta, regia Finita Cerchiaro. 16 febbraio, l’ Associazione culturale laboratorio teatrale “La Ribalta” (Vv), con “La Giuria - Il destino di un uomo nelle loro mani”, regia Rosario Gattuso. Chiuderà il 29 febbraio, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle” con la commedia fuori concorso”Pasta cu i sardi a mari”, commedia brillante di Rocco Chinnici, libero adattamento del Gfmt, regia di Salvatore Russo.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle C., martedì la presentazione del concorso regionale Uilt “La Calabria al Teatro Impero”

Tutto pronto a Chiaravalle Centrale per la presentazione del Concorso regionale Uilt “La Calabria al Teatro Impero” - Premio Città di Chiaravalle Centrale (Cz), in programma per martedì 22 ottobre.

La prestigiosa competizione consentirà di scegliere la compagnia vincitrice che accederà alla finali nazionali Uilt.

L’organizzazione della kermesse, guidata dalla Uilt Calabria, vede in prima linea il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”, con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Chiaravalle e il contributo della consulta della Cultura.

Dodici le rappresentazioni, tra le quali una fuori concorso, che prenderanno il via domenica 27 ottobre.

L’appuntamento per illustrare a stampa e cittadini, le peculiarità del concorso, è a Chiaravalle, presso Palazzo Staglianò alle ore 16.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco Domenico Donato, interverranno: Pina Rizzo, consigliere comunale con delega alla Cultura Teresa Tino, in rappresentanza della Consulta Angela Bentivoglio, presidente regionale Uilt Giusy Fanelli, responsabile del Teatro educativo regionale e componente del direttivo Uilt Calabria, Pino Tropea, presidente del Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle”.

Modera Maria Patrizia Sanzo, direttore magazine Carattere mediterraneo.

  • Pubblicato in Cultura

'Ndrangheta: scacco alla cosca "Iozzo-Chiefari", 17 arresti tra Torre di Ruggiero e Chiaravalle Centrale

Operazione antindrangheta nelle Preserre catanzaresi da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro che, con il supporto dello Squadrone eliportato "Cacciatori Calabria" e dell’ottavo Nucleo elicotteri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 17 persone.

I destinatari della misura sono accusati di appartenere o essere fiancheggiatori della cosca di ‘ndrangheta “Iozzo–Chiefari“, radicata in particolare nei comuni di Torre di Ruggero e Chiaravalle Centrale.

Con il provvedimento cautelare – emesso dal gip di Catanzaro su richiesta della Direzione distrettuale antimafia diretta dal procuratore Nicola Gratteri – vengono contestati, tra gli altri, i reati di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, omicidio, estorsione e detenzione illegale di armi.

Chiaravalle C., al via la scuola di teatro del Gruppo folcloristico musico teatrale

Per il secondo anno consecutivo, dopo il successo della precedente edizione, il Gruppo folcloristico musico teatrale “Città di Chiaravalle” organizza una scuola di teatro.

Riconfermato il docente Gregorio Calabretta, per la sua consolidata esperienza, sensibilità e capacità di interagire con i giovanissimi, protagonisti lo scorso anno di uno spettacolo che ha riscosso vivissimo entusiasmo e grande apprezzamento.

I corsi inizieranno giovedì 10 ottobre presso il Teatro “Impero”. Appuntamento alle ore 17, il via alla prima lezione alle 17.30.

I ragazzi iscritti sono una quindicina, ma altri si potranno eventualmente iscrivere nell’occasione.

I corsi si svolgeranno da ottobre 2019 ad aprile 2020.

Le materie didattiche saranno: recitazione, interpretazione, dizione, lettura espressiva e comunicazione. Materie in grado di stimolare, inoltre, l’attenzione da parte dei giovanissimi e la capacità di ascolto. Componente fondamentale sarà ancora la loro creatività in un’esperienza che vivranno anche in forma ludica.

Per restare aggiornati si può seguire la pagina Facebook “G.f.m.t. Teatro amatoriale popolare di Chiaravalle Centrale”. Tra i prossimi impegni del Gruppo folcloristico musico teatrale il 27 ottobre prenderà il via il concorso regionale Uilt – Premio “Città di Chiaravalle”.

Il programma sarà illustrato prossimamente in un’apposita conferenza stampa.

  • Pubblicato in Cultura

Chiaravalle C.le. Emanuela Neri riconfermata nella Commissione Pari opportunità della Provincia di Catanzaro

Sono stati ufficializzati da parte della Provincia di Catanzaro i componenti della Commissione Pari Opportunità. Dei venti componenti, dodici vengono scelti dal Consiglio Provinciale e otto sono nominati dal Presidente. La nuova Commissione sarà composta da: Anna Altomare, Carmelina Audino, Giovanna Arona, Daniela De Fazio, Caterina Ermio, Rosa Elia, Stefania Figliuzzi, Rosella Gallelli, Vincenza Matacera, Marta Monteleone, Sonia Munizzi, Emanuela Neri, Daniela Palaia, Giulia Pucci, Rosy Rubino, Maria Antonietta Sacco, Raffaela Sestito, Anna Maria Sirianni, Donatella Soluri e Catia Trapasso. Confermata, quindi, il consigliere comunale del Pd a Chiaravalle C.le Emanuela Neri. “E’ stata una bella notizia quella della riconferma in commissione” afferma la Neri. "Un segnale importante che fa ben sperare. Quando si lavora bene si ottengono gratificazioni. Quello dell'abbattimento di ogni forma di discriminazione è un tema a me molto caro. Prima dell'estate grazie all'associazione femminile che ho l'onore di presiedere e grazie all'emittente televisiva Telejonio abbiamo avviato la prima stagione di un forum tutto al femminile: L'altra Metà del Cielo. Un format che vuole dare voce alle donne che per diversa origine e professionalità, contribuiscono quotidianamente a combattere la battaglia contro le discriminazioni.  Mi auguro che la mia presenza in commissione possa aiutare me e le altre componenti a mettere in campo iniziative come questa e come tante altre". Oltre a far parte della commissione Provinciale, la Neri è presidente dell’ associazione Sulle Note del Tempo, che da anni lavora per l’affermazione dei diritti delle donne e contro la violenza di genere, in un territorio in cui molti dei soprusi a danno delle donne avvengono nelle quattro mura domestiche e lì rimangono per il timore, molte volte, di non poter trovare un valido aiuto al di fuori della famiglia. “Da sempre ho vissuto nella consapevolezza”, continua “che la libertà di scelta, la libertà di espressione,  la libertà di vivere come meglio si crede debba essere uguale per tutti e nel rispetto dell'altro. Oggi lotto perché ancora molto è da fare non solo in paesi considerati sottosviluppati, ma anche e soprattutto nella nostra società che si ritiene tanto avanzata e che invece, quotidianamente, fa vedere il peggio dell'arretratezza culturale. La nostra è una terra difficile dove il ruolo della donna è ancora confinato nella donna madre e moglie curatrice del focolare domestico. Dove arretratezza e retaggi culturali ci costringono a dover lottare di più per poter realizzare i nostri sogni.  Dove ancora, e parlo da dirigente di un partito e da consigliere comunale,  una donna che fa politica rimane ai margini se non si impone con la forza.  Dove una donna che intraprende una carriera politica e lavorativa è perché è la donna di un uomo potente. Non accetto di vivere in una società del genere, non accetto di educare mia figlia a questo e di farla vivere così. Nel mio piccolo ci provo, provo ad insegnarle ad essere libera e a fare della sua libertà come individuo, il motore per realizzare i suoi sogni. Attraverso la commissione si può fare un lavoro di sensibilizzazione nelle scuole e in tutti i luoghi dove si formano le coscienze di domani e dove il rispetto dell'altro può essere trasmesso come valore che rende migliore il mondo”. In conclusione, Emanuela Neri spera di “continuare a lavorare bene con le colleghe riconfermate e allo stesso modo di trovare feeling e sinergie con le nuove compagne di viaggio. Auguro, inoltre, a tutte buon lavoro e ringrazio il presidente della provincia e il consiglio nella sua interezza per questa nomina”.

Sottoscrivi questo feed RSS